Didascalia

Didascalia

giovedì 9 novembre 2017

Preacher: Una storia mascherata con un'altra storia (Dame tu Vertigo)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che ha spesso paura. Paura di trattare opere rispettate ed amate dal grande pubblico.
Oggi, però, vinciamo questo nostro timore, e ci approcciamo ad un opera che ha definito per anni la Vertigo, la linea di fumetti Dc per lettori più "Adulti": Preacher.
Prima di iniziare, ricordiamo che questo è un fumetto dai toni, e dalle immagini forti. Nell'articolo, non c'è nulla di tutto questo, ma se voleste mai comprare la serie, sappiate che non è un qualcosa per tutti. Lettore avvisato....
Ma per saperne di più su questo fumetto, che ha fatto, e fa parlare di se dal giorno della sua pubblicazione, sapete che dovrete solo saltare dopo l'intervallo!
Che copertina particolare. Anche perchè, è studiata per ingannarvi tutti.


 Serie composta da 66 numeri (più alcuni speciali, che, sebbene importanti, non sono fondamentali per apprezzare l'opera) e pubblicata fra il 1995 e il 2000, Preacher è una serie scritta da Garth Ennis, e disegnata da Steve Dillon. Un Team britannico, che si approcciava ad una tipica storia americana poteva sembrare una sfida, ma sia Dillon che Ennis  (e il copertinista Glenn Fabry) si erano fatti le ossa su 2000 AD, capisaldo del fumetto made in UK, una rivista che definire "di controcultura" sarebbe l'eufemismo del secolo.
La nostra storia, ha di base tre protagonisti. Jesse Custer, un sacerdote Texano figlio di un veterano e di una hippie, l'emancipata pistolare Tulip O'Hare e il vampiro irlandese Cassidy.
Jesse e Tulip avevano avuto una relazione qualche anno prima che la serie iniziasse, ma il nostro eroe era sparito nel nulla per anni, fino a quando il trio non si troverà unito dal destino, quando Jesse verrà colpito da....qualcosa di grosso.
 Nel dorato paradiso infatti, un angelo ed un demonessa avevano deciso di "darsi da fare", e daranno così i natali ad un qualcosa in grado di tenere testa perfino a Dio stesso, un'entità nota come Genesis.
Genesis prenderà così possesso del corpo di Jesse, donandogli il potere della "Parola di Dio", ovverosia una voce che gli permette di controllare chiunque, nei modi più strani e bizzarri. Della serie, una volta il nostro riesce ad uccidere un uomo semplicemente urlandogli contro di morire. Il potere di Jesse non funziona però sugli animali, su chi non capisce l'inglese o semplicemente non riesce a sentirlo.
Dopo aver scoperto il suo Dono, il nostro predicatore farà poi anche l'agghiacciante scoperta che Dio in persona ha lasciato il suo trono in Paradiso, lasciando tutti gli angeli disperati, e Jesse con una nuova missione: salvare il mondo. Forse. Anche perchè Jesse vive secondo una regola: Sii uno dei buoni, perchè ci sono troppi cattivi.
 E questo, è il primo tranello che la coppia Ennis/Dillon tende al suo lettore. Una delle più grandi ricchezze di Preacher, è proprio questa, chiedete a qualcuno di spiegarvi di cosa si tratti, e vi dirà "Un prete ottiene il potere di far fare a chiunque qualunque cosa, e si lancia alla ricerca di Dio". Questa premessa, cattura, nel parere di chi scrive, tre tipi di lettori. Il lettore adulto, che vede un fumetto d'avventura con un bel messaggio, il lettore giovane che vede qualcosa di controverso, e il lettori di supertizi, che vede un qualcosa che comunque ha delle parvenze di una storia nelle sue corde. Tutti questi tre lettori, otterranno un poco di quello che vogliono. Ma non proprio tutto.
Questo perchè, Preacher, come molte storie corali, è un florilegio di storie. Durante tutta la saga, avremo modo di conoscere sempre meglio Jesse, Tulip e Cassidy, in un vortice di narrativa tipico di Ennis.
Sarebbe inutile girarci intorno: Ennis è volgare e crasso. Ennis prende la linea del buon gusto, la supera, ci spara sopra, e poi la supera di nuovo.
E in alcuni casi, si ride. Si ride perchè le condizioni in cui questi personaggi si trovano è qualcosa di talmente assurdo e grottesco, che è impossibile non fare almeno un sorrisino. In alcuni casi, nel parere di chi scrive, l'esagerato è fuori posto. Ma mi spiego meglio.
 Preacher, è una storia introspettiva, del viaggio di tre persone, e del loro esercito di comprimari bizzarri, di cui uno viene letteralmente chiamato, e perdonate la parolaccia sul blog, "Faccia di Culo" (Causata da un tentativo di suicidio per colpo di fucile in faccia).
Se c'è un personaggio con più di due battute nel fumetto, state certi che Ennis e Dillon ci faranno qualcosa, e lo faranno crescere, o lo distruggeranno poco a poco. In Preacher, al contrario di molti altri fumetti, nessuno finisce la sua storia nelle condizioni di come l'ha iniziata. Ennis ha una tendenza al dettaglio maniacale, e una capacità di progettazione che è il sogno bagnato di moltissimi autori di fumetti, anche semplici battute o idee sullo sfondo, vengono trasformate in gag o in momenti di emozione vera e palpabile.
Ennis ci prende per mano, in questo enorme viaggio con i suoi personaggi, che, in alcuni momenti sembra un po' navigare a vista, lasciando perdere per un po' l'idea di trama orizzontale, solo per poi fare realizzare al lettore che la vita non è una linea retta, e che le deviazioni spesso sono parte del viaggio, e in alcuni casi, anche la parte migliore. Della serie, la parte dedicata alla piccola città di Salvation, è per me non solo la parte migliore di tutta la serie, ma anche uno dei fumetti western più divertenti di sempre.
 Il fatto che Preacher sia un Western non è un segreto, ed è anche citato da molte recensioni, ma solo leggendo le quasi 1500 pagine di storia che si può apprezzare l'amore per quell'ideale di America che può esistere solo nei film, ma che con un po' di impegno può diventare almeno un poco reale.
Spazi sconfinati, buoni che sono buoni, che cadano ma poi si rialzano, sull'essere umani piuttosto che semplici reietti, e una buona dose di violenza ed armi da fuoco.
Preacher, ti tiene col fiato sospeso, e riesce in più di un caso a sforare in altri generi, con i patemi d'amore di Jesse e Tulip, con la satira feroce alle organizzazioni che sfruttano chi non pensa con la sua testa (e no, non parlo del cattolicesimo, parlo di chi usa i valori per mascherare la libertà di pensiero), e perchè no, anche un po' di orrore. Quell'orrore più vero del vero, fatto di violenza, abusi e traumi, che sebbene sia strutturato in un mondo sovrannaturale risulta pregnante, e lascia spesso e volentieri un senso di disgusto per quanto sia in realtà vicino alla nostra realtà.
 I più attenti, avranno notato come Jesse Custer, sia in realtà un anagramma della frase "Secret Jesus", e di come il suo percorso sia comunque quello di un salvatore riluttante, gravato da un passato dal quale non riesce a fuggire, e da ideali duri come la roccia che lo rendono però spesso e volentieri fragile come un fiore di fronte ad alcune situazione.
E questa è la vera forza di Preacher, raccontare, con un contorno che non è assolutamente per tutti i palati, e che io spesso ho trovato fastidioso e superfluo in alcuni casi (Come ad esempio un dettaglio nella storia passata di Tulip), ma ha un'anima, che lo rende probabilmente uno dei fumetti più belli degli ultimi vent'anni, che sorprende ad ogni girata di pagina, con una solidità ed una coerenza di trama che non si esita a definire magistrali. Una storia del cui parlare troppo, sarebbe deleterio, e il citare dettagli ancora di più, ma le cui influenze sono chiare e visibili (come in tutti i lavori di Ennis), ma che mantiene, anche nelle parti di storia meno forti (e credetemi, ci sono, primo su tutti i numerosi Deus ex Machina) una potenza bestiale, che lascerà anche i più scettici a bocca aperta.
Lessi per la prima volta 20 numeri di Preacher (L'inizio e la fine praticamente) quando avevo 17 anni. Non mi piacque per nulla. Ho recuperato tutta l'opera nel corso degli anni, e posso continuare a dire che Preacher non è un fumetto che mi piace. Non è il mio genere, e dove molti vedono il "Caspita che ganzo, non sapevo si potesse fare in un fumetto" io vedo delle scuse, e un voler coprire un talento vero, per motivi che non riesco ad immaginare, e tutto ciò mi infastidisce. Non posso, in tutta onestà però, dire che Preacher sia un brutto fumetto. Anzi, mi è impossibile. Il solo che fatto che Ennis scrivesse anche altra roba, e tutta più o meno su questi livelli di qualità mentre scriveva questo fumetto mi manda in pappa il cervello. Preacher è un grande, grandissimo fumetto. Un fumetto che riesce a lasciarti con un messaggio forte, molto autoriale, con la quale ci si può trovare o meno d'accordo, ma che non può non lasciare pensosi almeno per qualche minuto a fine lettura. I disegni di Dillon, che in qualsiasi altro genere sarebbero poco adatti, splendono come centomila candele in un alveare in un fumetto grottesco all'inverosimile, e il suo modo tratto legnoso serve a dare una gravitas sia a scene emotive, come la lotta finale, dove ogni singolo colpo è qualcosa di più di un semplice cazzotto, o alcune delle scene più fuori di zucca del panorama del fumetto "realistico". Il team creativo gira così benissimo, non completandosi, ma essendo complementare l'uno dell'altro, con due maniaci del controllo, che pilotano un astronave piena di bottoni colori, a cui corrisponde ogni volta un qualcosa di nuovo e strabiliante, e qualche volta una cartuccia a secco. Anche perchè, se l'esagerato è un qualcosa di tutti i giorni, allora il suo nome diventa routine.
Dovendo dare un voto, sarebbe un cinque conigli su cinque.  E no, non è stato usato il potere di Jesse per farmelo dare, è bastato leggere il fumetto.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. "MA GIOVA! VOLEVO IL RIASSUNTO NUMERO PER NUMERO" No. Sono un blog per famiglie, e lo resto. In secondo luogo, nuovo gioco alcolico. Bevete per ogni volta che leggete la parola "F**K". Credo sarete ubriachi a pagina 2. Pronti a partire. Let's go!

22 commenti :

  1. Probabilmente per me il miglior fumetto made in USA.
    Letto tempo fa ma male, in formato ridotto, e letto a sprazzi.
    Recuperato tutto grazie alla Planeta, nel 2007. Cazzo, dieci anni fa.
    Capolavoro assoluto. Preacher è -come dici- un western, vero.
    Ma soprattutto è una storia d'amicizia tra due uomini. Oddio, facciamo tra un uomo e mezzo uomo :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il commento! Non sono d'accordo sul fatto che sia il miglior fumetto made in USA, o che sia solo una storia d'amicizia (Tulip è cruciale), ma è il bello dei fumetti, ognuno ci trova quello che vuole

      Elimina
    2. No, aspetta: non ho detto che sia SOLO una storia d'amicizia maschile, ma secondo me la base è quella, sottolineata da diversi momenti. Tulip è cruciale, diciamo l'ago della bilancia in quel rapporto^^

      Moz-

      Elimina
    3. Personalmente, credo che la base sia proprio la maturazione di Jesse, che gli permette poi, di avere il suo lieto fine con Tulip (che la testa sulle spalle la aveva già messa da un po'). Ma credo sia prospettiva

      Elimina
    4. Forse è per questo che preferisco Cass. Quanto ho goduto quando
      SPOILER
      SPOILER
      gli molla il cazzottone dopo che il prete aveva teso la mano XD

      Moz-

      Elimina
    5. Sicuramente è un personaggio con un bell'arco narrativo, e un deus ex machina FUORI SCALA. Ma che vuoi che ti dica, quel dettaglio che dai primi numeri arriva poi all'ultimo a me a ha preso più di tutto quello che c'era nella serie.

      Elimina
    6. Ci sta, ci sta.
      In ogni caso, un trittico davvero impressionante, Jesse-Cas-Tulip^^

      Moz-

      Elimina
  2. Uno dei miei preferiti.
    Generalmente, per spiegare questo Ennis a chi non lo conosce, dico che è il Tarantino del fumetto. Come Quentin, in Preacher gioca talmente bene con ingredienti come la volgarità, l’ultraviolenza e l’explotation, dosandole in maniera perfetta con ritmo, elementi gioiosi e positivi che raggiunge un equilibrio da stato di grazia.
    La volgarità fastidiosa e non ispirata dalla stessa creatività, ad esempio, l’ho trovata in Crossed.. o in molti lavori di Millar, che vorrebbe essere Garth Ennis, ma è solo Millar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non é tanto la vogarità, che in alcuni passi può andar bene, ma proprio l'esagerazione di tutto, come a sdrammattizzare il fatto che la gente possa avere dei sentimenti a volte. Ma ripeto, sono gusti!

      Elimina
  3. Ti ringrazio tanto per il post. Ti ho chiesto parecchie volte di parlare del predicatore perché volevo proprio sapere il tuo parere con il quale sono parzialmente in accordo. Nel predicatore ci vedo tanto ma proprio tanto Chuck, nel senso che ho letto tutto Chuck e di parallelismi nelle situazioni, se non cartacarbone, c’è ne sono molti. Prendi anche solo il generale approccio ai personaggi, il viaggio on the road che diventa uno strumento per mostrare un America malata e che vive ai confini di quello che si vuole vedere. Essendo un medium diverso dai libri che mischia horror, western e super tizi si differenzia comunque dalla letteratura gode (si io metto le graphic novel in letteratura) perché il focus può spaziare a seconda delle occasioni su uno di questi generi, come tu stesso hai detto. Le origini del Santo per dire. L’influenza del Preacher sulla cultura pop e sul fumetto indipendente poi potrebbero essere un discorsone a parte nel senso che comunque questo fumetto è iniziato nel 95 e ha tracciato un solco. Non a caso parlavo di Chuck i cui libri sono in parte contemporanei (fight club, survivor, invisible monster e soffocare proprio lo sono) perché è facile vedere come Arseface sia simile alla protagonista di invisible monster, non solo per la deformità ma anche per il percorso dei due personaggi. Allo stesso modo Jesse è simile al protagonista di survivor sotto molti punti sono simili. Questi tipo di personaggi sono venuti alla ribalta con queste due opere e sono poi diventato un vero cult. Purtroppo questo ha poi un po’ appiattito la scena gore e indipendente. Nel senso che poi si è cercato di copiare aggiungendo ancora più gore e situazioni più assurde alle volte con risultati davvero mediocri altre volte con bei riscontri. Altra perla per me nel Preacher è la parte della famiglia di Jesse (diventata putroppo anch’essa il prototipo della famiglia di maniaci omicidi legati all’occulto del sud degli Stati Uniti e perciò scopiazzata 100 volte). Non concordo molto sulle parti morte perché per me sono comunque funzionali: rallenti il ritmo e poi dai grossi colpi alla pancia del lettore e situazioni che di botto diventano esplosive. Il tratto...ah se il tipo che ha fatto le copertine avesse disegnato tutta la serie questa graphic novel sarebbe il mio fumetto di sempre e per sempre. Ah ultima cosa... Grazie di aver trattato bene il predicatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho messo un dieci minuti buoni per capire di che Chuck stessi parlando. Quindi già capirai che tutte le tue citazioni al genere, non le ho capite tutte, e anzi, a me sembrano tropi molto più vecchi di questa opera, ma ammetto la mia ignoranza. Ti ringrazio molto per il commento, e per il supporto al blog!

      Elimina
  4. Sai che, per me, il finale dei tre protagonisti è la parte più debole di Preacher? Come se Ennis volesse farsi perdonare da loro. Ottimo fumetto Vertigo ma non il migliore: Enigma aveva una carica eversiva maggiore.
    Luca Frigerio (ho casini con la piattaforma)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il finale di Cass non entusiama, ma quello di Jess e Tulip piace tantissimo per come era preparato. Il migliore vertigo sicuro no, esiste Flex Mentallo ;)

      Elimina
  5. Mi hai fatto venire la curiosità di leggerlo, nonostante conosca l'autore non ho mai avuto occasione di leggerlo. Comunque ho visto che hanno fatto anche la serie. Bel post!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere tu voglia leggerlo, e grazie per i complimenti!

      Elimina
    2. L’ho preso! Dico Flex ora me lo leggo! Per i libri di Chuck se mai un giorno sarai a Londra te ne passerò alcuni...per il supper commento scusa ma lo tenevo in canna e volevo troppo parlare e che parlassi del predicatore. Ps: miglior vertigo... sandman e swamp thing e anche original sins sono vertogo?

      Elimina
    3. Qualcosa dell'autore col cognome che odia la disgrafia ho letto...non sono un fan. E per il commento figurati, a me fa piacere. Contano tutti come vertigo sì

      Elimina
  6. Allora...non ho scritto il nome completo perché sapevo che l’avrei sbagliato fisso e ne sarebbe uscito solo un pugno di consonanti senza senso...��
    Vertigo is the way��

    RispondiElimina
  7. Essendo in tema, farai mai un 'articolo su the boys ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è nei miei programmi, ma mai dire mai

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio