Didascalia

Didascalia

mercoledì 1 luglio 2020

La lunga storia della Legione dei Super eroi-I Nuovi 52 (Parte 9)

 Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che una volta all'anno, fa quello che molti potrebbero definire masochismo, e vi porta un pezzo di uno dei mosaici più interessanti dell'universo Dc, il grande mondo della Legione dei Supereroi, il più grande gruppo di personaggi del 31esimo secolo.
Prima di iniziare però, mi toccafare qualche salamelecco. Questo perchè, di base la maggior parte degli articoli di questo blog ha come scopo principe quello di essere amica del lettore occasionale, il tutto nei limiti del possibile, ma purtroppo, questa lunga serie di post, semplicemente non lo può essere.
La Legione infatti fa parte di un discorso così complicato, fatto di rilanci su rilanci,  ritorni su ritorni e dozzine di personaggi, tanto che siamo stati costretti a dividere questa retrospettiva in più parti,che potete trovare cliccando questi bei numerini blu 1 2 3 4 5 6 7 8.
Ovviamente se, non siete a digiuno del mondo della legione, o se vi sentite particolarmente coraggiosi, preparatevi: questo, è il penultimo appuntamento con questa saga, che ci ha regalato un mucchio di gioia, e perchè no anche un mucchio di dolore.
Ma per saperne di più, saprete bene che dovrete solo saltare dopo l'intervallo!
Non sei davvero un blog sui supertizi se non sei almeno un pelo impenetrabile.
Anno domini 2011: tutto l'universo Dc viene rilanciato un'altra volta, presentando sul mercato ben 52 nuovi numeri 1, che presentavano una versione moderna di Superman e compagnia, sperando di catturare un nuovo pubblico di appassionati.
Ora, togliendoci dalle critiche esecutive e qualitative sulla mossa del rilancio, che non ci competono, una cosa era sicuramente chiara: non tutte le proprietà intellettuali Dc vennero rilanciate allo stesso modo. Se infatti Superman aveva delle origini e delle storie completamente nuovi, altri eroi come Batman e Lanterna Verde, si approcciavano al nuovo con però ancora un buon bagaglio di vecchio sulle spalle.
E poi, c'era la Legione dei Supereroi, che arrivava nei nuovi 52, completamente identica, a com'era stata rilanciata nel 2010, con protagonisti un gruppo di eroi cresciuti ed in continuity con la serie originale lanciata nel 1958. Insomma, il modo migliore per presentare un fumetto nuovo, in mezzo ad un rilancio che mischiava tutte le carte in tavola: non cambiare un fico. Approvo. Che sudino questi nuovi lettori, che noi fan di vecchia data mica abbiamo avuto la vita facile per capire di cosa parlavano i fumetti. Si sente il sarcasmo sì? Se no lo posso alzare.
E così, le avventure dei nostri legionari si aprono proprio così, dopo la morte di Terra-Man, con una Legione divisa su più fronti.
Da un lato, c'era la responsabilità di allenare i nuovi cadetti della Legione, dall'altro girava voce che il gruppo criminale noto come "I Fatali Cinque" stesse ritornando in pista, ma soprattutto, sei legionari si erano persi nel flusso temporale, e nessuno sapeva più dove fossero finiti.
A meno che non seguiste anche la serie "Sorella" di questo rilancio, chiamata "Legion Lost", ma di quella parliamo bene nella parte dieci di questo articolo, per ora concentriamoci solo sul futuro. Più o meno ecco.

Anche perchè, il futuro è parte del tempo, e dai primi numeri sembra che il tempo sia uno degli argomenti cruciali di questo ciclo dei legionari.
Non solo si presta particolare attenzione al loro nuovo membro, la misteriosa Glorith, che possiede poteri legati proprio allo scorrere dei secondi, ma anche il legionario Star Boy si lamenta del suo non essere stato in grado di cambiare il passato.
Per chi si fosse perso le citazioni, Glorith condivide il nome con una nemica della legione anni 80 che cambiò il tessuto stesso del presente, mentre Star Boy aveva per un po' militato nella Società della Giustizia, un gruppo di eroi con sede nel presente, pre reboot dei nuovi 52. Che non esisteva più.
No, no, sul serio. Un fumetto chiaro e semplice proprio per tutti. Questo deve essere un numero uno. Complimenti.
Ma non c'è tempo per finire di lamentarsi, che la storia entra nell'azione: su Daxam, pianeta di alieni dotati degli stessi poteri di Superman, ma mortalmente allergici al piombo, un Daxamita che si fa chiamare "Il Rinnegato" sta provando a montare una rivoluzione, ma viene fermato dal suo compaesano e leader della Legione, Mon-El, aiutato dal compagno di squadra Ultra-Boy, che possiede gli stessi poteri di Superman, può usarne solo uno alla volta.
Il Rinnegato sembra avere la meglio, perchè per qualche strano motivo è molto, ma molto più forte del duo di eroi, alchè però Ultra Boy gli ricorda che le sfide non si vincono con solo la forza, e che nell'universo ci sono un mucchio di poteri, facendo così spazio alla grande entrata di alcuni Legionari.
E va bene, va bene. Le premesse sono stupide, ma questo momento è FIGHISSIMO.
Nel frattempo, Brainiac 5 sta cercando di studiare i poteri di Glorith, ma con scarso successo, però viene a conoscenza del fatto che questa rivolta Daxamita è opera dei mostruosi alieni noti come Dominators, che sono riusciti a creare un siero in grado non solo di potenziare i daxamiti, ma di imprimere il loro DNA in ogni razza aliena dell'universo, rendendola così loro schiava.
Tutto questo mentre, alcuni numeri erano dedicati al mostrarci l'addestramento di altre nuove reclute della Legione, come il timido Chemical King e la misteriosa Dragonwing, ma c'era che tempo per mostrarci un po' della vita privata dei legionari, tra cui citiamo anche una tenera scena che conferma la relazione fra le legionarie Shrinking Violet e Lighting Lass, che son passati anni, e ancora mi arrivano email dicendomi che me l'ero inventato che stavano assieme.
Ma comunque, non è una relazione la cosa più sorprendente di tutto questo,ma è il fatto che esista un numero di questa serie mediocre disegnato da Walter Simonson in persona. WALTER. SIMONSON. L'avrei sempre voluto sulla Legione,ma su storie belle,non così. NON COSÌÌÌÌÌÌ,
Intanto, i Dominators rapiscono Brainiac 5 e Dream Girl, legionaria in grado di vedere il futuro, e quando Star Boy chiede che venga autorizzata una missione di soccorso (visto che la veggente è la sua morosa), la Legione rifiuta, visto che ci sono comunque altre priorità.
E così, Star Boy consegna le dimissioni dalla Legione, e decide di mettere su una squadra sua.
Squadra formata dagli addestratori dei cadetti legionari, la molteplice Duplicate Damsel e Boucing Boy,  la giovane Comet Girl e un paio di personaggi nuovi: Mwindaji, dotato del potere di poter rintracciare qualunque cosa nell'universo, e Otaki dotata di sensi potenziati che le donano una simil telepatia.
Se i tre giovanotti si erano uniti alla ciurma per rispetto dei loro istruttori, la defezione di questi ultimi dalla legione sembrava esser piuttosto bizzarra, alchè Boucing Boy, che ricordiamo, è un tizio che può mutarsi in una palla da demolizione umana, un personaggio che per tutti è uno scherzo, dirà al buon Mon-El "Noi ce ne andiamo, perchè sembra che voi Legionari non sappiate più dove stiano le priorità". Sembra che il nostro possa demolirti anche a parole. Bouncing Boy è diventato ufficialmente il più duro dell'universo Dc.
Questo gruppo sgangherato riesce però a trovare Brainiac e Dream Girl, ma nella fuga, scopriremo che Comet Girl, da sempre fan della Legione sopra ogni cosa, era in realtà una spia, che colpirà Brainiac quasi a morte, mandando a rotoli la missione.
Vista come si stava mettendo la situa, i Dominator mettono in pratica il loro piano: il vero senso del loro lavoro era il poter combinare il loro DNA con quello di tutte le specie dell'universo, e creare così una nuova razza di alieni potentissimi, e sottomessi al loro loro volere, con cui conquistare il cosmo.
E nel loro arsenale, c'era anche un Dominator/Daxamita gigante.
Le cose, si mettono male.
Ma quando tutto sembra perduto, guardate il cielo legionari. E vedrete lui. Bouncing Boy. Queste nuove forme di vita infatti, sono controllate da una torre gigantesca, che attiva le loro sinapsi. Senza torre, le creature sono effettivamente "spente", e Bouncing Boy non è estraneo dall'abbattere qualche birillo. E così, con precisione geometrica data da anni di battaglie dalla quale è sempre uscito, sebbene tutti lo prendessero in giro, Bouncing Boy distrugge la torre, e salva la situa. Il più duro dell'universo Dc. Qualcuno doveva spodestare Jay Garrick, ci han messo mille anni, ma qualcuno doveva.
Ma, restava ancora un mistero da risolvere. Perchè Comet Girl aveva tradito la Legione? Era forse sotto il controllo dei Dominators? No. Vedete, Comet Girl aveva subito un lavaggio del cervello dalla malvagia Saturn Queen, che le aveva cancellato tutti i ricordi della sua vita precedente. E già che c'era, Saturn Queen aveva piantato una suggestione nel cervello della ragazza, che le avrebbe fatto uccidere Brainiac 5, appena ne avesse avuto l'occasione.
Ecco, questa roba del lavaggio del cervello, è stata messa in pratica, di nuovo, in un numero vecchio della Legione, pre rilancio. In queste nuove storie, Saturn Queen, non si è neanche mai vista. Quindi, io lettore, non ho tutti gli elementi per capire questa sottotrama, insomma, alla fine era solo una perdita di tempo. Ma mi placo. Mi placo.
Anche perchè, finalmente torniamo a parlare di Glorith! Dai, parliamo del suo potere sul tempo, e di come una misteriosa voce la ipnotizzerà e sembrerà usare i suoi poter per portare tutta una serie di personaggi di epoche passate nel futuro, fra cui conquistador, cacciatori di streghe e dinosauri.
Sono sicuro che sarà una sottotrama pazzesca e ricca di....ah. Ma...è finita? Non se ne parlerà più? MA PORCA DI QUELLA...
E già che ci siamo, assistiamo anche ad una bella tradizione della Legione: l'elezione del nuovo leader.
Nella prima pagina, prima vignetta, Phantom Girl dice che lei il leader non vuole fare, che le sta bene che nessuno la veda eeeeeee diventa il leader. Sono più infastidito che sorpreso.
E poi, il numero dopo si apre con Phantom Girl, Polar Boy, e Invisible Kid che fanno naufragio su di un mondo alieno, con l'universo in crisi perchè qualcuno ha fuso la maggior parte della tecnologia, e con il legionario Sun Boy, morto durante l'atterraggio sul pianeta. Mi sono perso qualcosa? Ho saltato qualche numero?
Ah sì, e poi il pianeta non è un pianeta, ma un antico Dio incatenato nello spazio millenni prima che la nostra storia iniziasse. Però questa è una figata, oltre che ad un'idea molto Kirbyana, ma tutto il resto non ha senso.
Fatto sta che tutto era stato programmato da Tharok, il leader dei Fatali Cinque. Esatto, il supergruppo di malvagi stava davvero tornando in pista, e questa volta, molto più pericoloso di prima.
Invece che essere un cyborg, questa volta Tharok era diventato un programma computerizzato, e grazie a questa nuova forma era in grado di controllare la tecnologia stessa, e causare tutto questo bailamme, sabotando tutta la tecnologia della galassia, e dando la colpa di tutto alla Legione. Anche perchè, la tecnologia usata dal gaglioffo, era stata rubata dagli archivi segreti di Brainiac 5. 
E mentre la Legione indagava sul vero colpevole del misfatto, Star boy veniva ucciso molto poco cerimoniosamente, durante un attacco nemico al quartier generale della Legione.
Ad un certo punto, sembra che anche Polar Boy ed Invisible Kid ci abbiano lasciato le penne, ma il team creativo si ricorda che Invisible Kid a volte ha questo bizzarro potere di potersi teletrasportare nel limbo, cosa che ha fatto ben una volta in quarant'anni di vita editoriale, ma tant'è, lo sa fare. E lo vogliamo sbattere in faccia a tutti i fan, che ce lo ricordiamo. Però, vabbeh, in realtà quello lo faccio anche io, non posso criticare troppo. Fare il grosso con la conoscenza Nerd, teleportarmi nel limbo ancora mi sfugge.
Tutto sembra perduto quando Tharok prende possesso del corpo del Dio, rendendolo così il nuovo membro dei Fatali Cinque (lasciando perdere il Misterioso Mano, che mi manca molto), e rivelandoci che la creatura non era fatta di energia magica, ma bensì di tecnologia pura.
Grazie però ai poteri di controllo dei sensi della legionaria Sensor Girl, che riuscirà a riconnettere il gigante alla sua mente, Tharok verrà esorcizzato, e tornerà ad essere un semplice programma per computer.
E se pensate che in questa forma Tharok sia invincibile, proprio perchè non può essere toccato, il legionario Polar Boy ha una notizia per voi: anche i programmi sono fatti di elettroni, e quando si raggiunge lo zero assoluto sulla scala Kelvin, le molecole smettono di muoversi, e muoiono. E indovinate un pò chi ha il potere di controllare il freddo a suo piacimento? Ora, Polar boy è da sempre uno dei miei membri preferiti della Legione, assieme a Sensor Girl, e a Wildfire e Dawnstar.
Gli ultimi due, in questa serie non ci sono, li ritroveremo in Legion Lost.
Ma il fatto che la situa venga salvata dai tuoi preferiti, un po' risolleva una serie tutto sommato mediocre. Giusto un po'.
Sebbene tutto sia tornato al suo posto, i danni fatti dai Fatali Cinque al futuro, sono troppo estesi, e visto che la Legione è parzialmente colpevole di tutto, il governo decide di smantellare il gruppo, lasciando ad ogni eroe la possibilità di prendere la sua strada, in un finale che dovrebbe essere agrodolce, ma che in realtà risulta essere molto deludente.
Ora, tecnicamente questa è una prima parte di un articolo più lungo, visto che dobbiamo ancora analizzare "Legion Lost", ma le serie sono tutto sommato abbastanza sconnesse, quindi farò le mie conclusioni qui.
Rispetto alla serie "Sorella" infatti, questa versione della Legione era quella di sicuro più classica, e più avulsa dal concetto di rilancio, tanto che, a parte nel primo numero e in qualche discorso qui e là, il discorso non cadeva mai sui membri del gruppo persi nel tempo, ma si concentrava seriamente solo sul 31esimo secolo.
E, sebbene alcune trame siano come minimo interessanti, il problema principale è uno: questa è una serie anni 80, pubblicata nel 2011. Nessun personaggio parla in modo reale, tutti parlano come quando la serie della Legione era sulla cresta dell'onda, quasi come a voler ricatturare un genio nella bottiglia che purtroppo è fuggito da tempo.
Mi rendo conto che, come tutti i grandi, grandissimi gruppi di personaggi, la Legione viva un po' separata dal grande universo Dc, e mi sta bene che sia così, è già tutto bello confuso di suo, non diamogli altre ragione per diventare un caos primordiale, Ma d'altro canto, questa chiusura sottovuoto a tutto ciò che può essere nuovo, mi turba non poco.
Perchè, le sottotrame che non vanno da nessuna parte, i personaggi che appaiono e scompaiono, sono anche sintomi di una serie che doveva durare di più, e che invece hanno chiuso dopo nemmeno due anni, ci sta, mi spiace che si sia visto poco di Glorith, ma ci sta. Il turbinio finale di morti e di shock a caso, quasi a voler riprendere quota e ottenere più tempo, ci sta. 
Ma questa voglia di continuare a tracciare un percorso, che davvero, adoro, ma che adoro solo perchè io la Legione l'ho letta quasi tutta (mi mancano  un po' di storie anni 60, ma dagli anni 70 in poi sono sempre in pista), che è incomprensibile per chiunque, e l'unico aiuto che mi dai sono dei cartellini con scritto il nome ed i poteri dei personaggi, mi lascia di stucco.
La legione, ha un potenziale enorme, enorme, per essere una serie che sbanchi tutto. La Legione sono i Pokémon fusi con gli X-men per l'amor del cielo, c'era un periodo in cui migliaia di fan compravano SOLO fumetti della Legione. Ma se oggi non lo fanno più, un motivo ci sarà.
La Legione, ha una storia complessa, ed è stata cambiata tante, tante volte. E può dar fastidio, lo comprendo.
Ma forse, in questo caso, più che di un cambiamento, sarebbe servita un'evoluzione.

 E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti.Se volete saperne di più su Legion Lost, dovete solo cliccare qui . Pronti a partire. Let's go

2 commenti :

  1. Quando non te frega nulla delle visite,secondo me ti impegni molto di più. Non ci ho capito nulla, ma mi è piaciuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! La Legione in effetti non è supersemplice

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio