Didascalia

Didascalia

lunedì 16 luglio 2018

Drax il distruttore: Thanos, il suo destino (Fresh From the Past)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog per cui è sempre tempo di distruzione.
Nel cosmo Marvel, ci sono personaggi che hanno avuto vari volti, e varie evoluzioni, per cercare di trovare una forma perfetta, che potesse renderli stabilmente interessanti. Una volta raggiunta questa forma, spesso però ci si dimentica quella che c'era prima.
Ed è questo il caso del nostro Drax il distruttore, l'eroe invisibile del cinema, che alla sua nascita era....molto diverso da come è oggi. Ma per saperne di più, sapete che l'unica cosa da fare è saltare dopo l'intervallo!
Inserite in questa didascalia la vostra catchphrase da wrestler preferita. Io ci metto però comunque la mia:   
OOOOH,YEAH BROTHER!
Apparso per la prima volta su The Invicinble Iron Man 55 del 1973, e creato da Jim Starlin, Drax il distruttore era in realtà Arthur Simpson Douglas, jazzista di moderata fama, che una notte come le altre verrà assalito dal criminale alieno noto come Thanos.
Quest'ultimo, credendo che gli umani lo avessero scoperto, farà saltare per aria la macchina di Arthur, uccidendo lui, la moglie, e lasciando la loro figlia Heather sola e abbandonata nel deserto.
Ma, dall'alto della luna di Saturno nota come Titano, una figura stava osservando.
Una figura nota come Mentore, padre di Thanos, che, sapendo che suo figlio sarebbe diventato la più grande minaccia del cosmo se non fosse stato fermato, deciderà di adottare Heather, facendole sviluppare grandi poteri psichici, e di usare il corpo di Arhtur per qualcosa di completamente diverso.
Chiedendo aiuto al potente Kronos, un essere cosmico che era stato un tempo parte della razza di Mentore, nota come "Gli Eterni", ma che si era ormai evoluto come signore del tempo, Mentore farà resuscitare Arhtur, cancellandogli però alcuni ricordi.
Con un corpo creato dalla Terra stessa, Arthur prenderà così una forma colorata di verde, che verrà ribattezzata Drax, il distruttore. Questa nuova creatura aveva una sola idea in testa: uccidere Thanos.
Questa idea era talmente tanto piantata nella sua mente, che Drax per un periodo sarà anche ostile verso alcuni eroi che erano riusciti ad uccidere (in modo temporaneo) Thanos.
Durante uno scontro col suo nemico giurato però, Drax riuscirà a recuperare i suoi ricordi, e questo lo tranquillizzerà un po', facendo di lui una potente forza al servizio del bene. 
Ma, che poteri ha Drax? Beh, prima di tutto il nostro è mostruosamente forte, praticamente invulnerabile, e non ha bisogno di mangiare, bere o respirare.
Il distruttore può anche volare nello spazio senza problemi, possiede poteri telepatici al pari di quelli di Thanos, e può lanciare potenti raggi d'energia.
Praticamente inarrestabile, in teoria Drax è anche funzionalmente immortale, visto che se, il suo corpo sintetico potesse essere distrutto, la sua coscienza potrebbe comunque essere trasferita in un altro simulacro.
Dopo anni, Drax ritroverà la figlia, che si faceva chiamare Dragoluna, e per recuperare il rapporto, il nostro viaggerà con lei nello spazio. Quello che Arthur non sapeva, era che Mentore aveva cresciuto Heather come piano B per dare vita all'essere cosmico noto come Madonna Celestiale, e quindi la sua piccola bimba era ormai una donna con un complesso di superiorità mica da ridere.
Giunti su un pianeta alieno, Dragoluna riuscirà a sedare tutti i conflitti sul mondo alieno con i suoi poteri telepatici, e deciderà che il suo obbiettivo era diventare una vera e propria dea. Preso il controllo delle menti di tutti gli abitanti del pianeta, Dragoluna riuscirà così nel suo obbiettivo, essendo adorata e celebrata da un mucchio di menti vuote, lasciando di stucco Drax, che chiederà aiuto ai potenti Vendicatori per spodestare Heather, prima di cadere sotto l'influsso della figlia.
Dopo essere stato liberato dai poteri telepatici di Dragoluna, Drax proverà a fermarla di persona, ma la piccola Douglas, ebbra di potere, userà le sue abilità per spegnere la mente del padre, e scacciare la sua coscienza dal suo corpo artificiale, effettivamente uccidendo il distruttore.
Dopo che Thanos sarà stato resuscitato dalla sua amante, Lady Morte, Drax verrà resuscitato da Kronos, in un corpo ancora più grande e massiccio, che gli donava poteri fisici pari a quelli dell'incredibile Hulk, oltre a potenziare anche la sua emissione di energia. L'unico problema, era che la mente di Arthur era rimasta danneggiata dallo scontro con Dragoluna, ed il nostro era diventato, come dire....stupido.
Inoltre, Drax aveva perso i suoi poteri telepatici, ma aveva sviluppato l'abilità di percepire Thanos, in tutto l'universo, oltre a capire se il Titano era venuto in contatto con qualcuno, nel passato o nel futuro.
Ormai un bambino col potere di un dio, Drax sarà reclutato dall'eroe messianico Adam Warlock nella sua guardia dell'infinito, un supergruppo dedito al proteggere i sei oggetti di potere assoluto noti come "le gemme dell'infinito".
Diventando il custode della gemma del potere, Drax otterrà un ulteriore potenziamento ai suoi poteri, ma, vista la sua condizione cerebrale, il nostro non era comunque in grado di usare questo boost al massimo delle sue potenzialità.
La gag però era una, ed una soltanto: nel gruppo troveremo anche una redenta Dragoluna. Drax non aveva alcun ricordo della figlia, e soprattutto del suo omicidio, ed Heather si guarderà bene di dire ad uno degli esseri più potenti dell'universo che un tempo lo aveva secco.
La cosa, sarà molto provante però per la ragazza, soprattutto quando scopriremo, che Drax ricordava qualcosa della sua vita precedente: come suonare il sassofono.
E, ascoltare suo padre suonare, quella dolce, dolce musica, era ancora qualcosa che poteva toccare il cuore di questa donna che si atteggiava a dea.
Dopo lo scioglimento della Guardia, Drax troverà di nuovo parte della sua sanità mentale, ma sparirà poi dalla circolazione per un po'.
Lo ritroveremo, in versione bruta, imprigionato in carcere spaziale, dal quale riuscirà a fuggire assieme ad altri criminali intergalattici, finendo sulla terra.
Dopo essere stato ucciso dal mutaforma Paibok, il corpo di Drax subirà una terza mutazione, che lo renderà molto meno forte, ma gli donerà di nuovo la sua intelligenza, oltre ad uno spiccato istinto guerriero.
Perso il dono del volo, dei raggi d'energia, in cambio di supersensi e fattore rigenerante, Drax inizierà ad usare dei coltelli in combattimento, ed in poco tempo sconfiggerà i suoi compagni di cella, creando un legame con una ragazzina terrestre di nome Cammi. Non vi preoccupate troppo di lei, ce ne dimenticheremo in tempo zero.
E sì, sul nuovo corpo di Drax, son spuntati anche dei tatuaggi tribali. Non chiedetemi il perchè, io queste cose non le scrivo. O almeno, non ancora.
Inoltre, i suoi poteri aumentavano in modo vertiginoso, se in prossimità di Thanos, tanto dall'esser in grado di sviluppare una sorta di campo di forza antititano.
Drax si troverà così ad affrontare una guerra cosmica, solo per fare secco il suo nemico giurato, che, ironicamente, era dalla parte degli angeli in quel conflitto. Beh, più o meno dai. Comunque, Drax riuscirà ad uccidere Thanos....per un po'.
Fatto ciò, Drax sarà catturato da una razza aliena robot che parla in modo buffo, ma sarà poi liberato dalla sua influenza.
Quando l'eroe noto come Starlord, deciderà che forse lo spazio aveva bisogno di un gruppo di protettori fissi, Drax verrà subito addocchiato come recluta in questo nuovo gruppo che si sarebbe chiamato "I Guardiani della Galassia".
Non tutte le reclute erano però contente di partecipare al progetto, e così Starlord userà i poteri telepatici della compagna di squadra Mantis, per "spingere" i nostri eroi ad unirsi al gruppo.
Una volta scoperte le cose, Drax non sarà entusiasta dell'essere stato manipolato.
Anche perchè, l'ultima volta che era successo, il nostro ci era anche rimasto secco, diciamo che già il controllo mentale senza consenso è terribile, ma nel suo caso è ancora peggio.
Drax sarà poi ancora meno contento quando il gruppo sarà costretto ad allearsi con Thanos, per sconfiggere un universo intero dove la morte non esisteva.
Dopo questa missione, I Guardiani della Galassia si scioglieranno per poco, vista l'apparente morte in missione di Starlord, che però tornerà  in pista vivo e vegeto, manco avessero opzionato un film che lo vedeva protagonista. Tu guarda i casi della vita.
Fatto sta, che assieme al procione Rocket, all'albero Groot, alla donna più letale dell'universo Gamora, al sopracitato Starlord, e all'invincibile Iron Man, che passava di lì. Drax darà così vita ad una nuova incarnazione dei Guardiani della Galassia.
Dopo varie avventure con i Guardiani, che vedranno il nostro trovare un vortice che dava poteri cosmici, angeli, alieni cavalieri spaziali, il ribaltamento di un impero e anche qualche avventura in solitaria, Drax arriverà a capire che forse la violenza non era la soluzione, ed il nostro deciderà di fare un voto di non violenza, ma di restare con i Guardiani, sperando che il bene fatto assieme al team, potesse aiutarlo ad espiare i suoi peccati.
Purtroppo però, essere "Il Distruttore", e la "non violenza" non vanno super daccordo.
Ma vederemo assieme gli sviluppi.
Drax, è un personaggio che mi è sempre piaciuto a periodi. Icontrai il nostro per la prima volta durante la sua seconda resurrezione, in una mini di quattro senza infamia e senza lode, ma con un paio di frase di quelle belle zarre (fra cui una che è il titolo del post) che mi piacciono sempre, per poi vedere alcune delle sue prime apparizioni, e poi il suo periodo come un Hulk cosmico.
E, se da principio, l'idea della resurrezione, con meno potere ma più carattere mi era piaciuta molto, dopo anni, sono arrivato a preferire le figura tragica con tutto il potere del mondo, ma senza passato, e con un odio profondo verso una sola creatura.
Ho sempre trovato il rapporto fra Heather ed Arthur un aspetto cruciale del mondo di Drax, ed il fatto che spesso e volentieri venga dimenticato, mi secca parecchio.
Per la miseria, quella storia dove il nostro si ricorda che sa suonare il sax è una delle mie scene preferite della storia della Marvel, perchè ha quella gravitas leggera ed agrodolce che porca miseria ti prende il cuore e non lo molla più.
E quindi, togliere a Drax quella tragicità, e fare di lui un sempliciotto forzuto, od un coltello nella mani di un supergruppo che aveva bisogno di un tipo forzuto generico, mi spiace parecchio.
Certo, il Drax con l'amnesia e i raggi nelle mani, aveva bisogno di qualche modifica, ma quelle fatte al suo personaggio mi sono sempre sembrate troppo tragiche, e tanto derivative.
Trovo complesso apprezzare il distruttore quando è Hulk, o quando è Wolverine, perchè le basi per un grande eroe Marvel, ci sono tutte. Un pesce fuor d'acqua, con sentimenti non suoi, che spacca la faccia al male. Classicone della casa delle idee, e per un motivo. Funziona.
Vedremo gli sviluppi per il nostro sassofonista lottatore preferito.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Sì, è meglio di Shadowman e Nightman. E questa era fine. Pronti a partire. Let's go!

12 commenti :

  1. L’ultima versione mi ricorda fortemente Kratos di God of war, che sia una coincidenza?

    RispondiElimina
  2. Quindi per un pò c'è stato già un Drax scemo prima dei film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che quello dei film è più comico. Quello dei fumetti era proprio un bimbo di quattro anni

      Elimina
  3. Con il film lo hanno trasformato in uno scemotto,prima era davvero il "Wolverine" cosmico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I film hanno una direzione tutta autoriale. Tanto che, il regista spesso ne parla come fossero sue creauture, è stata fatta uma scelta di stile, pensando che comunque si parla di personaggi poco conosciuti. E comunque il grande pubblico apprezza!

      Elimina
  4. Il fatto che drax da vera e propria forza della natura sia diventato un Wolwerin non Figo mi fa piangere tutte le volte

    RispondiElimina
  5. Non riesco a mettere a fuoco la sua caratterizzazione prima di quella "Hulk scemo nello spazio". Voglio dire, a parte la caccia a Thanos, aveva qualche caratteristica caratteriale peculiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un insieme di quello, più il non sapere di essere stato qualcos'altro prima di essere una macchina di morte. Per me è un concetto bellissimo nella sua tragicità, hai un obbiettivo, una missione...ed è una bugia

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio