Didascalia

Didascalia

giovedì 22 febbraio 2018

Black Panther: Il Film- La Recensione Onesta (Fumetti in Tv)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che spesso e volentieri canta la sigla del cartone animato della Pantera Nera mentree si fa la barba, e rischia la morte per gola tagliata ogni volta che si esalta per quanto la canzone si tamarrissima.
Ci prendiamo una breve pausa dal mese delle richieste, o meglio, accettiamo la richiesta dal Giova, che meschino non è iscritto al blog, per parlare un po' dell'ultima fatica dei Marvel Studios, un film che ha fatto molto parlare di se: Black Panther, Pantera Nera.
Sarà un successo come i film precedenti dei Marvel Studios? O sarà un altro blockbuster fatto con lo stampino? Per saperne di più, sapete bene che dovrete solo volare dopo l'intervallo!
Che poi, non è vero sono che sono ossessionato da quella canzone. GAN YE SHUKE ME T'CHALLA! BLACK PANTHER! BLACK PANTHER! BLACK PANTHER! KAKE LA WAKANDA KAKE LE LE!


 Dati tecnici (durata 134 minuti)

Diciottesimo film nel grande affresco dell'universo filmico della Marvel, Black Panther prende luogo poco dopo "Capitan America 3: C'avevamo il miglior cattivo marvel mai fatto Civil War", ma il film fa un ottimo lavoro nello spiegarvi tutto quello che c'è da sapere. Ma proprio tutto.
Il regista della pellicola è Ryan Coogler (Creed), che ha scritto la sceneggiatura assieme a Joe Robert Cole (American Crime Story). La pellicola si basa sul personaggio creato da Stan "The Man" Lee e Jack "King" Kirby, nel 1962.
 La trama del film, segue le avventure di T'Challa (Chadwick Boseman), figlio del re T'Chaka (John Kani da anziano, Atanda Kwani da giovane), che, dopo la morte del padre, si trova suo malgrado a prendere il comando del suo paese, il Wakanda, come sovrano e simbolo spirituale, nella forma del sacerdote guerriero noto come Black Panther.
Ilpiccolo stato africano nasconde però non pochi segreti, come una montagna di Vibranio, un metallo alieno che rende il Wakanda il paese più avanzato sulla Terra, sebbene lo tenga nascosto per evitare di essere meta di colonialisti e conquistatori.
T'challa si troverà così con un grosso peso sulle spalle, dovendo capire che pesante è il capo di chi porta la corona, ma sarà spalleggiato da numerosi alleati come la madre Ramonda (Angela Bassett). la sorella geniale Shuri (Letitia Wright), il generale dell'esercito tutto al femminile Okoye (Danai Gurira), la spia ed ex amante Nakia (Lupita Nyong'o), il saggio Zuri (Forest Whitaker) e il capo dell'esercito sul confine del Wakanda,W'Kabi (Daniel Kaluuya). Sulla strada del re si metteranno però molti ostacoli, come il contrabbandiere Ulysses Klaue (Andy Serkins), l'agente dalla CIA Everett K. Ross (Martin Freeman), il rivale tribale M'Baku (Winston Duke), e il misterioso Eric Stephens (Micheal B. Jordan). Riuscirà T'Challa a portare il suo paese nel futuro? O resterà una nota a piè di pagina nella storia del mondo?
 Dal punto di vista del doppiaggio, la serie è stata gestita dalla Dubbing Brothers INT, con direzione e dialoghi italiani di Marco Guadagno. L'adattamento è buono, sebbene in un paio di punti mi rendo conto che il tutto potesse essere spinoso. Un paio di battute sembrano avere poco senso, ed un paio di citazioni vanno perdute (della serie, citano il meme "What are those". No ve lo giuro, nel doppiaggio per fortuna un po' di perde). Unico neo, ma per me che sono un nerd, una delle cose più ganze del film in originale, erano gli accenti dei personaggi, che in Italiano purtroppo si perdono. Mi rendo contro che doppiare tutti con un accento africano avrebbe dato magari l'idea di macchietta, e rispetto il lavoro di chi è professionista, rispetto a me che sono solo uno che scrive su internet, ma ci tenevo a farlo notare. Le voci dei nostri eroi sono di:

Pantera Nera: Paolo Vivio (Che riprende il personaggio da "Captain America: Civil War")
Shuri: Erica Necci (Bonnie Wright nella saga di "Harry Potter")
Nakia:Chiara Gioncardi (Hayden Panettiere in "Heroes", che se no la mia amica Chiara mi toglie il saluto)
Okoye: Rachele Paolelli (Amy Warren in "Gravity")
M'Baku: Marco Fumarola (Omar Sy in "X-Men: giorni di un futuro passato")
Eric: Simone Crisari (già Micheal B. Jordan in "Creed")
Everett Ross: Roberto Certomà (che riprende il ruolo da "Capitan America: Civil War")
Ramonda:Antonella Giannini (Frances Mc Dormand in "Tre manifesti a Ebbing, Missouri")
T'Chaka:Emilio Cappuccio (Bill Murray in "Grand Budapest Hotel")/da giovane Roberto Draghetti (Jamie Foxx in "Alì")
Zuri:Roberto Stocchi (per me sarà sempre Wayne Knight in "Space Jam". Mi scusi signor Stocchi)
Klaue:Ermanno Ribaudo (che riprende il suo ruolo da "Captain America, Civil War")

Cosa c'è di buono
 Da un lato prettamente tecnico, il film è una gioia per gli occhi. Un sapiente uso delle ombre, dei giochi di luce e soprattutto dei colori, danno al film un tono molto particolare, che riesce a dare una vera personalità anche alle ambientazioni, riuscendo a creare un Wakanda vivo e vibrante, non rompendo mai la sospensione dell'incredulità rispetto al fatto che un posto simile, in un mondo così costruito, possa effettivamente esistere.
Se siete dei nerd, vi posso dire che ad oggi, questo è uno dei film più fedeli al materiale originale di sempre, e se non lo siete, vi giuro che fanno del loro meglio per spiegare tutto nel modo più semplice possibile. Ho visto il film con un'amica digiuna del personaggio, e questo fatto mi è stato confermato, quindi poi non dite che non penso ai neofiti.
Finalmente, finalmente ci sono più personaggi femminili in gamba, importanti e soprattutto ben sviluppati. Certo, c'è ancora da lavorare, alcuni hanno una nota di personalità sola, e devo dire che se Shuri avesse urlato ancora una volta "FRATELLO" sarei uscito dal cinema in lacrime, ma devo dire che l'impegno c'è, e questo va solo che applaudito, soprattutto il dialogo fra Nakia e Okoye, che ho trovato favoloso. 
Il cattivo del film, è un'arma a doppio taglio. Se da un lato ha delle motivazioni interessanti, ed è davvero un personaggio pericoloso e che riflette l'eroe, dall'altro....be ne parlo più sotto.
Chadwick Boseman si dimostra un protagonista molto forte, con il quale è facile identificarsi, ma anche un nuovo tipo di eroe Marvel, quello il cui segreto e le cui responsabilità sono molto più amplificate. E,poi, datemi del sentimentale, ma finalmente molti più bambini potranno avere un personaggio con il quale dire "Ehi ma lui somiglia a me".
Nota positiva anche per M'Baku, sul quale non avrei scommesso una lira, e invece funziona anche abbastanza bene.
E questa è la nota da nerd. Fan di Jungle Action di Don McGregor? Sarete al settimo cielo.

 Cosa c'è di non buono.
Una scelta di adattamento, è un clichè bello e buono, che mi riesce difficile sopportare. E si basa sul cattivo, che pur avendo una storia con il quale è facile empatizzare, nell'agire risulta invece piuttosto mediocre. Comprendo che forse fosse quella l'idea degli sceneggiatori, ma lo stesso, non sono convinto al 100%.
I dialoghi sono a volte piuttosto piatti, con alcune punte di ottimo, ma alcuni bassi di pessimo che d'accordo, si possono controbilanciare, ma in alcuni casi sono davvero un po' tanto pesanti.
Alcuni momenti nel climax del film, sono francamente superflui, e rendono una scena d'azione finale magistrale, un pelo pesante. E se l'azione ti annoia, allora stai facendo un grosso errore. Il film ha un paio di buchini nella trama, non troppo preponderanti, ma non sarebbe onesto non dire che ci sono.

Giudizio Finale

In modo molto semplice, quando il buono supera il cattivo, allora abbiamo di fronte un bel prodotto. Black Panther, nel parere di chi scrive, non è solo un buon prodotto, ma un ottimo prodotto, uno dei film più belli dell'universo marvel filmico. Forse non proprio il più bello, ne quello che prende più rischi, ma sicuramente un film che ha una giusta misura.
Capirete bene che per un critico finto da internet, sia facile trovare simbolismi dove non ce ne sono, ma è emblematico come questo sia una film sull'equilibrio. L'equilibrio che deve trovare T'challa fra l'essere re, ed un uomo buono, e l'equilibrio fra un film tutto sommato politico, ed un pellicola da pop corn con i supereroi.
Sarebbe sciocco ignorare il forte messaggio sociale del film, e infatti non lo faremo, e diremo: era ora cribbio.
Black Panther impare la lezione dai film precedenti al suo, e riesce spesso e volentieri a prendersi dei rischi che altre pellicole non potrebbero. Perchè Black Panther mette il piede sull'acceleratore del fumetto, non avendo paura di mostrarci per prima cosa Boseman con la maschera, cosa che spesso e volentieri non succede con altri personaggi, ma anche inquadrature ed idee tipiche di quel mondo bizzarro che è l'universo dei comics. Perle olografiche, macchine guidate a distanza, tute antiproiettile cambiacolore...Black Panther apre lo spettatore ad un mondo di possibilità infinite, che lasciano a bocca aperta, per creatività, ed in alcuni casi anche poesia, in un mix techno/tribale, che prende in pieno lo spirito del personaggio, e lo trasporta verso un audience sempre più grande.
Certo, in alcuni punti il film zoppica, anche a causa dei numerosissimi personaggi che introduce, che in alcuni casi sono gestiti magistralmente, mentre in altri sembrano messi lì solo per fare nome, o presenza, ma che spesso finiscono per intasare un po' il ritmo del film.
Ma, se devo dire la mia, e se voi state leggendo questo articolo allora pensate che ascoltarmi sia una buona idea, io ho avuto un'esperienza molto particolare con questo film. Non mi capita spesso di commuovermi mentre vedo un film, specialmente un film di supereroi. Ma quando vedi la Pantera fare esattamente le stesse cose che faceva nel fumetto Jungle Action, quando vedi un uomo solo contro un esercito, che combatte come se stesse danzado, allora ci vedi un uomo. Un uomo che ha creato un mondo, e quel mondo è il tuo mondo, il mondo dei fumetti. In questo film, ci ho visto molto, molto Jack "King" Kirby, e le sue tavole dove un sol uomo ne ferma venti. E la sapete una cosa? Penso che questo film gli sarebbe piaciuto un sacco. Come è piaciuto un sacco anche a me.
Black Panther prende quattro conigli su cinque, terzo miglior film Marvel di sempre, e non è solo un passo in avanti per l'universo cinematografico. Ma è un balzo in avanti. Ovviamente, un balzo di Pantera.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Ammetto che stavo anche per piangere quando ho visto negli special thanks Cristopher Priest, ma io sono strano. Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. "Fan di Jungle Action di Don McGregor? Sarete al settimo cielo." Sì, ma avrei preferito uccidesse un T-rex con un macigno. Per il resto bella recensione un film figo, per un eroe fighissimo (il mio preferito). A me è piqpiaci la scelta di rendere Shuri il cervello, un po'più di donne furbe non faranno male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si io pensavo alle due scene più iconiche della "rabbia della pantera", io avrei visto bene T'challa contro il Klan fai tu ;)
      Grazie del commento!

      Elimina
  2. Ho visto il film sia doppiato che in lingua originale. Non nascondo che ho dovuto vederlo la seconda volta, perché alla prima ero uscito dal cinema scontento, e non capivo perché. Parlandone poi con gli amici presenti e nei giorni dopo con altri ho capito il problema : il doppiaggio. Non so perché, ma a sto giro lo hanno cannato alla grande. Visto in lingua originale posso dire che è decisamente un altro film, e non solo per gli accenti, ma per tutto il reparto voci. Mi spiacerebbe se questo dettaglio potesse non far apprezzare quanto dovrebbe questo film al pubblico nostrano. Poi oh, magari sono io che sono un lamentone, però in tutti gli altri film Marvel il doppiaggio era a dei livelli stratosferici (in alcuni film pure meglio dell'originale)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho visto solo i trailer, quindi non posso giudicare. Ti dico, l'adattamento era difficile, su questo sono d'accordo, però credo che resti godibile anche in italiano. Grazie del commento!

      Elimina
  3. Bel film!Finalmente un cattivo marvel con un certo carisma e spessore!bravi!

    RispondiElimina
  4. Il primo e secondo quali sono di film belli della marvel?

    RispondiElimina
  5. SPOILER SIA SU QUESTO FILM CHE SU CIVIL WAR(PER FORZA DI COSE!!!



    Mah,che dire,a me non è dispiaciuto,anche se non l'ho trovato 'sto filmone,ma preferisco partire dai pregi:
    -L'inizio,in cui sinceramente mi sembrava di vedere un film d'animazione in stop motion(non è un problema,solo un'impressione)
    -Mi piace il parallelismo tra Wakanda e le altre nazioni,su come il fatto che i Wakandiani abbiano deciso di isolarsi e non aiutare il resto del mondo per non immischiare la loro nazione nei loro affari visto che si considerano migliori li abbia resi in realtà allo stesso livello degli "stranieri"
    -Il percorso di T'Challa come personaggio,che mostra quanto sia difficile essere sia un buon uomo che un buon ré,che impara ad essere un uomo indipendente capendo che non è sempre giusto seguire le orme del padre per essere un bravo sovrano e di come siano le persone a te care a renderti ciò che sei(mi riferisco al finale in cui decide di unificare Wakanda con il resto del mondo complici le sue esperienze con Ross e Nakya)
    -Il personaggio di Nakya,davvero carismatica e che a mio parere funziona da sola senza il protagonista
    -Il personaggio di Killmonger,anche lui carismatico e per il quale è facile fare il tifo
    -Shuri,che sì,risulta simpatica(sia come personaggio in sé sia per quanto riguarda il rapporto con suo fratello),peccato che però....(e qui si comincia con i lati negativi)
    ....allo stesso tempo non ne capisco il bisogno(ma T'Challa non dovrebbe già essere un genio di suo?)
    -Neanche T'Challa in sé si salva del tutto;sì ok,bel percorso narrativo,ma non mi piace il fatto che gli abbiano rimosso la sua personalità molto stile Batman(che lo aiutava a distinguersi dal resto degli eroi Marvel) per renderlo il classico eroe confuso sul cosa fare tipico delle storie d'origini,tra l'altro facendolo sembrare molto diverso da quanto visto in CW,il che è un vero peccato,visto che lì spaccava culi(focalizzato sul proprio obiettivo,non si fermava davanti a niente e nessuno(ha fatto il culo a metà del Team Cap),sempre serio in contrasto agli altri che facevano sempre battute e quando necessario anche saggio),al contrario del T'Challa di questo film(che viene "paralizzato" da Nakya,si lascia sfuggire Klaue,non sa mai cosa fare e prima fatica contro M'Baku e poi viene pestato come il sugo Barilla da Erik seppur in Cw abbia tenuto testa a Bucky senza il costume)
    -La maschera che,ok,forse qui esagero io,ma con gli occhi scoperti sembra uscita da un film fanmade
    -La CGI che in alcune scene sembra di vedere la CutScene di un videogioco
    -Alcuni buchi di trama(ma Erik e Klaue come facevano a sapere che la donna del museo avrebbe bevuto del caffè?E come ha fatto Erik ad arrivare in Wakanda dopo aver ucciso Klaue nonostante lui gli servisse proprio a questo?)
    -Il fatto che portino un uomo bianco in Wakanda(tra l'altro pure della CIA) senza conseguenze;che poi la presenza di Ross sembrava un ottimo pretesto per affrontare le conseguenze di Civil War,ma il tutto viene buttato nel cesso(ma poi il fatto che il loro eroe in pratica debba lavorare per il governo non dovrebbe stare sul cavolo ai Wakandiani?)
    Tutto sommato gli darei 3 conigli e 25 su 5:ottimi comprimari e ottimo villain,peccato però per un protagonista dalla personalità piuttosto debole e una storia un po' prevedibile(in pratica già dalle prime scena con Nakya si sa dove andrà a parare il film)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, più che un commento è una controrecensione, ci sta!.
      Dunque, parto subito dal ringraziarti, ma poi devo dire due cosette sui tuoi ragionamenti, molto ben scritti.
      Questione T'Challa più "morbido", credo sia normale che una volta finita la rabbia assoluta per la morte del padre, il nostro sia un po' scosso a livello emotivo. Ergo trovare la sua ex di cui è ancora innamorato possa essere un suo punto debole, oppure farsi picchiare in cerimonie rituali (e senza poteri) dove oltre alla sua vita, c'è il suo paese in gioco.
      Poi, personalmente non vedo perchè si dovesse parlare di Civil War, in un film su un personaggio che c'entrava solo marginalmente, soprattutto un personaggio che nessuno conosceva ancora, se dobbiamo "rubare" trama, facciamolo con chi già c'è ;) Ultime due cose, a me non è passato che il Wakanda stesse nascosto perchè credeva di essere migliore, quella era l'idea di Killmonger. Credo invece che il paese si nascondesse per una radicata fedeltà alle tradizione, quasi fanatismo. E poi, Marco...3 e 22 non si può sentire dai (si scherza su questo, sono un menoso sui numeri che non t'immagini :P)

      Elimina
    2. Giova,avevo scritto una risposta qui ma mi è stato cancellato il commento.Mi potresti dire il perché?

      Elimina
    3. Guarda, mi spiace ma a volte il filtro antispam fa i capricci e mi cancella i commenti che in realtà spam non lo sono...
      E siccome sono essenzialmente distratto ed i commenti spam veri sono molti(non hai idea di quanta gente mi dia del crerino per nonnfare trading online, i bot sono molto aggressivi), non controllo come dovrei. Ti chiedo scusa, ma purtroppo a volte capita!

      Elimina
    4. Non ti preoccupare Giova,ti posso capire!
      Comunque,sperando che questa volta non ci siano problemi,cerco di riscrivere quello che avevo detto prima,ovvero:
      1)A mio parere le conseguenze di Civil War andavano trattate e come(specie in un film come questo che parla di una nazione che non vuole unificarsi con il resto del mondo ma che si trova,suo malgrado,affrontare le conseguenze delle proprie azioni),che poi T'Challa era tutt'altro che marginale in CW,visto che è lui a fermare Zemo(di cui tra l'altro ne rappresenta pure la controparte),per non parlare della sua rivalità con Bucky
      2)Un ruolo di maggiore importanza per Klaue(non mi sarebbe dispiaciuto un colpo di scena tipo lui che si scopre essere in combutta con M'Baku che gli avrebbe lasciato rubare tutte le armi in modo da riportare il Wakanda alle usanze tribali)mi sarebbe anche piaciuto se ci fosse stata una scena d'azione con lui che diventa "del suono solidificato" come nei fumetti(magari qui dandogli un aspetto di Terminator per renderlo più convincibile)
      3)Sì ok,ci sta che T'Challa si sia ammorbidito,ma visto il suo comportamento paranoico,me lo sarei aspettato più preparato(del tipo,ma quando hanno fatto scappare Klaue,che gli costava mettere delle guardie(tipo chennesò,forse Okoye?) all'esterno dell'edificio?)
      Ah,e buona fortuna per quando recensirai Infinity War,non oso immaginare quanto ci metterai per scrivere la lista dei doppiatori!0_0

      Elimina
    5. Stavolta ci siamo! Guarda, su Civil War, mi spiace ma non sono per niente d'accordo. Pantera nera era l'elemento esterno, in un conflitto nel quale prendevano parte per la maggior parte personaggi che già conoscevamo. Il dramma centrale era fra di loro inoltre, gli eroi di cui già sapevamo tutto. Cosa sappiamo di Pantera Nera? Che ha il papà morto e che salta sulle macchine. Perchè sprecare tempo a parlare di cose per lui marginali, quando tutti gli eroi hanno avuto un film dove hanno avuto l'occasione di splendere in solitaria? Mi sembra di fare un torto grosso ad un personaggio che è comunque molto particolare nel panorama a fumetti, e anche filmico. Rivalità con Bucky mi dirai, ce l'hanno tutti ormai. Io personalmente non l'ho vista, ti direi che c'è molta più rivalità con Tony, e che il buon signor Barnes resta, come sempre, parte del mito di Capitan America più che sopra ogni altra cosa.
      A me la storia di Klaue è piaciuta da morire, ma io sono uno che crede fortissimo nei colpi di scena diretti.
      su infinty War, me la caverò copincollando a morte :)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio