Didascalia

Didascalia

mercoledì 22 marzo 2017

Iron fist la prima stagione di Netflix-la recensione onesta (Fumetti in Tv)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog con la mano che po' esser ferro oppure piuma.
E' tempo sgranchirsi un po' in questo mese delle richieste, e scostarsi per un secondo dalla carta per passare alla pellicola, con la richiesta del centounista Gabriele (che ricordo essere l'unico essere umano che volesse vedere Watchmen con me), che ci ha chiesto la nostra opinione sulla recente serie Marvel di Netflix, Iron Fist.
Per molti critici e gran parte del pubblico il servizio di streaming non ha ancora sbagliato un colpo, per noi l'aveva fatto con la sua prima stagione di Daredevil, riuscirà questa nuova installazione di dramma coi supereroi a tenere alto il nome dei telefilm Marvel, o sarà uno rumorosa caduta? per saperlo, sapete che dovrete saltare dopo l'intervallo!
Una giacchetta verde no eh? Chissà come mai lo supponevo.


 Dati tecnici (13 episodi da circa un'ora l'uno)

Serie del 2017 ideata da Scott Buck e basata sul personaggio creato da Roy Thomas, e Gil Kane, Iron Fist è la quarta serie prodotta da Netflix, e come le sue "sorelle", è in continuity non solo con queste ultime, ma anche con il grande affresco dell'universo Marvel cinematografico. Come molti personaggi prima di lui, Iron Fist era stato opzionato più volte per un film, ma non se ne era mai fatto niente, e questa è la prima apparizione Live Action dell'uomo col pugno d'acciaio. Come è costume con queste serie prodotte da Netflix, tutti gli episodi sono stati rilasciati nello stesso giorno.
 Dopo la morte dei suoi genitori in un incidente aereo, il giovane miliardario Daniel "Danny" Rand (Finn Jones), viene salvato da un gruppo di monaci che vegliano sulla mistica città di K'un L'un, che appare nel nostro mondo una volta ogni 15 anni. Danny verrà così addestrato nell'arte del Kung-Fu, riuscendo così a diventare l'arma immortale della città, dotata del potere di canalizzare il suo "chi", o forza vitale nel suo pugno, trasformandolo in un qualcosa potente come l'acciaio. Dopo essere tornato nel nostro mondo per dimostrare di essere Danny Rand, e non solo il mistico Pugno d'acciaio, Danny cercherà di riprendere il suo posto nell'azienda di famiglia, gestita nel frattempo dai suoi compagni d'infanzia Ward (Tom Phelprey) e Joy (Jessica Stroup) Meachum, che hanno ereditato il loro posto dal padre Harold (David Wenham). Catapultato in un mondo che non conosce, e con l'ombra dei nemici di K'un L'un sempre su di lui, Danny troverà amici ed alleati nell'artista marziale Coleen Wing (Jessica Henwick), nell'infermiera Claire Temple (Rosario Dawson) e nell'avvocatessa Jeryn Hogarth (Carrie-Ann Moss). Riuscirà Danny a trovare il suo destino, e a dividersi fra i due mondi di cui fa parte?
 Dal punto di vista del doppiaggio, la serie è stata adattata da DUBBING BROTHERS INT, con direzione di Stefanella Marrama e assistenza di Metello Mori (che ricordiamo esser la voce di Luke Cage). L'adattamento di Alessandra Mozzi è buono, con alcune scelte interessanti e alcuni giochi di parole complessi tradotti in modo estremamente accattivante. Una nota puramente personale, "Sweet Christmas" tradotto come "Cristoforo Colombo" mi urta, perchè una volta l'han tradotto come "Dolce Natale". E allora perchè non farlo più?
Le voci dei nostri eroi sono di

Iron Fist: Davide Perino (Elijah Wood in "Il Signore degli Anelli)
Coleen Wing:Erica Necci (Bonnie Wright nella saga di "Harry Potter)
Ward Meachum: Andrea Mete (Joseph Gordon-Lewitt in "Il cavaliere oscuro-Il ritorno")
Joy Meachum: Francesca Manicone (Emily Blunt in "Il diavolo veste Prada")
Harold Meachum: Francesco Bulckaen (Ewan McGregor nella prima trilogia di "Star Wars")
Claire Temple: Francesca Fiorentini (Gwyneth Paltrow nella trilogia di "Iron Man")
Jeryn Hogarth: Emanuela Rossi (Già Carrie-Ann Moss in "Matrix")

Cosa c'è di buono
 Iron Fist, è una serie sicuramente più complessa e sfaccettata di quelle che l'hanno preceduta. Il personaggio di Danny Rand cresce in molteplici direzioni, e vediamo il suo cambiamento progressivo, sena però perdere il suo centro, e la cosa è abbastanza rara nel panorama odierno. La serie si avvale anche di numerosi personaggi, e il budget per le location, pur essendo sempre piuttosto minimale è visibilmente aumentato (grazie anche ad una buona dose di product placement), e questo migliora sicuramente l'impatto visivo della serie.
Alcuni tropi del genere sono usati e rivoltati alla perfezione, e lasciano a bocca aperta, con l'intelligenza con cui sono risolti. Alcune citazioni alla cultura pop, sono tutto sommato divertenti.

Cosa c'è di non buono
 Finn Jones, prova, e si vede, a darci un buon protagonista, ma purtroppo fallisce nell'impresa. E, per carità, gran parte della colpa è nel materiale che gli viene dato, che ci mostra un Danny Rand che risulta insopportabile mente prova a spiegare a chiunque come vivere, anche in aspetti del mondo che non conosce, e che lo stesso viene amato dal grande pubblico per questo. Un protagonista che è così figura messianica non l'avevamo neanche visto nei film di Superman. Ma il fondo del fondo è la performance di Tom Phelprey, che riesce a dare l'interpretazione più piatta del mondo, anche nelle scene che dovrebbero essere drammatiche.
La serie prova a gestire settimila sottotrame, ma lo fa molto male, e questo è un peccato perchè sfruttando bene tutto il materiale che lancia nel mucchio, di serie se ne potevano fare almeno tre.
I personaggi femminili nuovi partono fortissimo, ma poi cadono in un barile di stereotipi così profondo che ne usciranno quando saremo in grado di clonare i dinosauri.
Le coreografie delle scene di botte, che dovrebbero essere le fondamenta di una serie così, sono piatte, senza ispirazione, senza la minima percezione dell'impatto che dovrebbe avere la scena.

Giudizio Finale
E' probabile, che per il tipo di serie che Netflix produce, una storia così bizzarra e poco "urbana" come Iron Fist fosse problematica da adattare alla lettera, e quindi gli perdono la mancanza di scene nella mistica città di K'un L'un dove vivono i draghi, perchè onestamente ci sta, e la serie allude alla presenza dei rettili in un modo che mi ha lasciato a bocca aperta, quindi va bene così. Non mi va molto bene l'attutire il dramma della vicenda della morte dei genitori di Danny però. Quello che però putroppo colpisce di questa serie, è la sua totale mancanza d'impatto. Tutti i vari problemi incontrati da Danny si risolvono in pochissimo tempo, per dar vita ad altri problemi che vengono a loro volta buttati nel gabinetto, quando avrebbero potuto darà così tanto di più. L'idea che Danny abbia perso 15 anni di vita nel mondo moderno, viene messa in risalto solo dal suo avere un Ipod di prima generazione, quando si poteva giocare molto di più sul suo essere "un pesce fuor d'acqua", che è poi la base delle storie del personaggio. Tutto questo, oltretutto, con un protagonista per cui è quasi impossibile fare il tifo, visto il numero infinito di lamentele e spiegoni che fa a chiunque lo incontri, anche gente che lo spiegone non se lo meriterebbe. E se da un lato è apprezzabile il voler un po' cambiare la classica formula dei telefilm Netflix dove tutto è più o meno chiaro, e inserire colpi di scena o cliffhanger, dall'altro bisogna anche essere in grado di farlo. Ad un certo punto, il telefilm fa una rivelazione, che rivelazione non può essere, visto che il personaggio di cui si parla era già stato introdotto in un altra serie, ed è abbastanza inconfondibile. Che i cattivi siano tutto sommato dimenticabili, è uno stabile della Marvel, e quindi purtroppo ci si passa sopra, anche se comunque i Meachum hanno una curva di crescita opposta, e tutto sommato interessante. Nota di puro amore per il doppiaggio italiano, con un grande grazie ad Andrea Mete per aver reso Ward Meachum ascoltabile. E, assieme ad un protagonista dimenticabile e saccente, a dei cattivi tutto sommato dimenticabili, l'assenza delle parti più succose delle origini, sul costume credo di averci messo una pietra sopra, il  più grande problema di Iron Fist, è la sua spaventosa incoerenza con il suo stesso universo. A partire della possibilità di usare il mistico potere dell'Iron Fist, alle rivelazioni che abbiamo nei vari episodi che ci rivelano come un sacco di punti della trama della prima metà della stagione siano essenzialmente inutili, un modo come un altro per riempire il tempo. Iron Fist prova ad essere tre serie, un dramma aziendale, uno show di arti marziali  e un fumetto di supereroi, e riesce a malapena nel secondo (contate tutte le volte non vi accorgete che è uno stuntman a picchiarsi, e noterete come la vostra gratitudine per l'India e la sua invenzione del numero Zero aumenterà). Se negli Show precedenti sembrava che la serie potesse finire tranquillamente all'episodio 7, Iron Fist poteva finire al 3, al 7, e al 12, con un epilogo di un ridicolo raro. Personalmente, non vedo questo show come "il primo fallimento di Netflix", perchè non è che la prima stagione di Daredevil fosse tutto sto capolavoro, ma Iron Fist prende proprio da quella serie tutto il suo peggio, e annulla tutti i passi avanti fatti con la seconda stagione, e con le sue serie "sorelle". Il mio giudizio su Iron Fist è di due conigli su cinque, una prova di pura e semplice banalità, che riporta il genere indietro di almeno 20 anni.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Che poi, porca la miseria, adattare Shang Chi vi faceva schifo? E' un personaggio letteralmente a costo zero per la miseria, ti salvavi da un sacco di problemi. Pronti a partire. Let's go!

8 commenti :

  1. Ne ho sentito parlare in molte salse diverse e nessuna mi ha convinta abbastanza da lanciarsi nella visione.
    A valutare dalla recensione, tra l'altro molto dettagliata (complimenti!), non credo di doverne sentire la mancanza.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per i complimenti e la fiducia!

      Elimina
  2. Non mi è dispiaciuta, non mi ha esaltato, ma non ero neanche così affezionato ad Iron Fist. Ridicolo all'inverosimile l'epilogo, quello mi ha deluso parecchiotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, ti dirò, secondo me l'essere affezionati o meno al personaggio non penso possa eclissare i difetti palesi della serie. Poi, ovviamente tutto dipende anche dal gusto personale. Grazie del commento!

      Elimina
  3. Tutta la parte "aziendale" era superflua a dir poco o almeno una cosa totalmente avulsa da quello che dovrebbe essere Iron Fist.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente no, perché l'esser un milionario é parte del personaggio, ed é comunque importante anche in alcune delle storie piú interessanti del nostro. Cosí raffazzonata peró rende zero

      Elimina
  4. Vado fuori dal coro.. la serie mi è piaciuta la trovo molto ritmata con tanti cattivi ben caratterizzati il protagonista è in coatante metamorfosi e come lui stesso ammette non sa cosa fare o chi diventare.è un bambino che deve crescere personalmente il finale è assurdo non ha maturato la sua identità di iron fist e non capisco come possa collegarsi alla serie dei difensori senza la piena maturità da eroe di danny..avrebbe più senso fare una seconda stagione di iron fist e poi i difensori..meglio di lukecage e di jessica jones peggio di devil.. una 3 piazza se la merita per me..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti é piaciuta allora sono contento! Mi trovi d'accordo sul finale un po' raffazzonato, ma é vero che c'era un sacco di carne al fuoco!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio