Didascalia

Didascalia

mercoledì 30 novembre 2016

Mister Miracle 1-La Retrospettiva (Come Eravamo)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che crede negli eventi storici quasi inspiegabili, i cosiddetti, Miracoli.
Torna, Come Eravamo, quel segmento che si occupa di raccontarvi cosa succede nelle prime apparizioni dei nostri eroi preferiti, e se questi famigerati "Numeri 1" valgono le migliaia di dollari alla quale vengono venduti online.
E, paradossalmente, il numero 1 di cui parliamo oggi, non è supervalutato dai collezionisti, e anzi, sono riuscito a vederne una copia dal vivo, venduta a meno di 300 dollari. Ma nel cuore di chi scrive, questa è una pietra miliare del fumetto, quindi, saltate dopo l'intervallo per scoprire cosa succede nel primo numero del più grande artista della fuga dell'universo, Mister Miracle!
E oltretutto, ho già usato questa copertina. Ma è così ganza per la miseria!


 L'anno è il 1971, e Jack "King Kirby" scrive, disegna ed edita questo nuovo tassello nella sua Magnun Opus, il famoso Quarto Mondo. Con chine di....sigh....Vince Colletta.
La nostra storia si apre con un giovanotto che si accorge di qualcosa di strano: un nano sta dando fuoco ad una cassa con dentro un uomo anziano che indossa un costume circense. E già qui, ho già capito dov'era la testa del Re. Fuori. Sul poggiolo.
Il giovane si lancia verso la cassa cercando di estinguere le fiamme, ma l'uomo intrappolato ne esce apparentemente senza graffi, e con una massima "Mister Miracle, deve essere in grado di fregare anche la morte".
 Si fanno così le dovute presentazioni. L'uomo anziano è Thaddeus Brown, un escapista molto famoso (o almeno lo era), e il suo assistente è il fedele Oberon. Il giovane invece si fa chiamare Scott Free (espressione che, in inglese, significa "Uscire senza danni da una situazione" AAAAAAAH! CULTURA!). Ma siccome siamo un fumetto del re, e le cose lente le lasciamo ad altri, il nostro terzetto viene attaccato dall'Intergang, una sorta di mafia, che ha però legami con il dio del Male Darkseid. Perchè il re l'esagerato lo mangia per colazione. E ci vuole sopra anche del burro. BURRO OTTENUTO SUL LONTANO PIANETA BURRON DALL'ULTIMA MUCCA SPAZIALE! TREMATE DI FRONTE AL SUO POTERE COSMICO, O OMUNCOLI SENZA SPINA DORSALE! SUA E' LA POTENZA! SUO E' IL GUSTO! SUA E' LA BURROSITA'!
I gaglioffi dell'intergang poco possono contro Scott, e si danno quindi alla fuga. Per ringraziare il giovanotto, Oberon e Brown lo invitano a casa loro. 
 La notizia dell'attentato fallito ai danni di Brown arriva al caposezione dell'Intergang, Mano D'acciaio. Come il nome fantasioso suggerisce, il nostro era un piccolo criminale al soldo dell'intergang, che perderà la mano in una schermaglia. L'appendice gli verrà però sostituita con una di metallo che, dopo aver assorbito una grande dose di radiazioni, non solo si può muovere, ma è anche fortissima e rompe sbarre di metallo con un semplice colpo di karate. La cosa che fa ridere, è come Mano D'acciaio rida come un fesso mentre pensa alla sua supposta invincibilità, quando un proiettile ben piazzato in un ginocchio lo ferma come chiunque, mano potente o meno.
 Ma perchè un gangster feroce come Mano D'Acciaio ce l'aveva con un vecchio maestro della fuga? La questione è molto semplice. Mentre il criminale era in ospedale, anche il buon Mister Mriacle stava facendo degenza, e la coppia inizierà a parlare. Nascerà così una scommessa: Per diecimila dollari, Mano D'acciaio avrebbe trovato una trappola senza uscita, dal quale neanche il famoso Mister Miracle sarebbe riuscito a fuggire. Per anni la scommessa era stata ignorata, ma dopo la rapida impennata della carriera del gaglioffo, la vecchia questione era tornata a mordere Thaddeus.
Che un boss dell'intergang potesse perdere qualcosa, era impensato, e così Mano D'acciaio focalizzerà tutte le sue energie sulla trappola definitiva: La morte.
E grazie ad un cecchino, Thaddeus Brown, morirà.
 Ispirato dall'amore per l'arte della fuga dell'uomo, e dalla sua nobiltà, Scott prenderà il costume del Signor Brown (costume peraltro creato dal figlio di Thaddeus, morto in Korea, e più grande fan del padre), e mostrerà a Mano D'acciaio che, neanche la morte ferma i miracoli.
 Lo scontro fra i due rivali finirà quando, con un tranello, il gangster riuscirà a stordire l'artista della fuga, e troverà un nuovo modo per onorare la scommessa: legare Mister Miracle ad un missile e lanciarlo nella stratosfera. E mi dirai, qui ha senso. Nella tua testa hai già sparato a Mister Miracle, e non ha funzionato, ma da qui a metterlo su un missile ce ne pass.....Ah è vero. E' un fumetto del Re. dimenticavo LA MUCCA COSMICA!
 Putroppo per Mano d'Acciaio, questo nuovo Mister Miracle è fuggito da situazioni ben peggiori che un missile che esplode. A dieci anni. Ora che è grande cerca sfide nuovE con una mossa degna di Droopy (il cane, non il cantante), Scott accoglie Mano D'acciaio a casa, dimostrandogli che ci vuole Ben altro, per fermare quest'uomo vestito da acrobata.
 E così, l'uomo con un trucco solo, si scontrerò contro l'Uomo dai mille congegni, e verrà sconfitto e spedito in prigione. Avendo trovato così il suo destino, Scott deciderà di continuare ad indossare il costume, e prenderà Obernon come assistente, dando vita ad una era per il super artista della fuga.
E così, secondo le parole del re, lo spettacolo continua, verso nuove, sataniche e sinistre situazioni, che covano munificenti e magnifiche, Mirabolanti giostre contro il più grande avversario dell'artista....LA MORTE!
Come si fa a non amare quest'uomo? Come?
Mister Miracle 1, mia preferenza a parte, resta un fumetto molto godibile anche oggi. Un fumetto però molto "classico", dove i legami con la saga del quarto mondo sono quasi totalmente assenti, e dove il grande mistero restano le origini di Scott Free.
Letto singolarmente, questo fumetto potrebbe benissimo essere preso come avventura a se stante, e, sebbene il cattivo non abbia una vera e propria personalità, e i dialoghi siano rimbonanti e altisonanti, la lettura scorre senza problema alcuno, con alcune trovate narrative estremamente interessanti, e l'idea di un supereroe il cui più grande potere è scappare, resta una mossa anni luce di fronte a tutto quello che era presente in edicola all'epoca.
Mancano un po' le altre cose che rendono Mister Miracle grande, come l'amore incrollabile per la moglie, e la sua fuga dall'inferno, ma ci sono già i semi per la sua voglia di rivalsa, e la sua enorme, inesauribile speranza.
Un primo exploit da manuale, che racconta una storia compressa, godevole, e che lascia quella bella voglia di saperne di più.
Ma ci potevamo aspettare altro?

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Questo post, ha un sacco l'odore di "Blog prima maniera". E a volte ci vuole. Pronti a partire. Let's go!

4 commenti :

  1. Risposte
    1. Io pure. Mi é sfuggito l'originale di pochissimo

      Elimina
  2. Domanda: Mano d'acciaio è comparso altre volte, oppure è finito nel dimenticatoio? Per il resto, il Re è sempre il Re

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai piú apparso. O se lo ha fatto in cammei ;)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio