Didascalia

Didascalia

domenica 30 ottobre 2016

Doctor Strange: La Recensione Onesta (Fumetti in Tv)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che non sa fare magie, ma sa fare due trucchetti d'ipnosi.
Il cosmo filmico della Marvel ci ha portato in mezzo ad alieni, dei, eroi del passato e minacce tecnologiche di vario tipo. Con Dottor Strange il campo da gioco cambia, o almeno, questo è quello che lo studio vuole raccontarci.
Riuscirà questa ultima fatica della casa delle idee a stupirci, o capiremo tutti il trucco che sta dietro questa magia? Per saperne di più, sapete che dovete solo saltare dopo l'intervallo!
L'han già fatta la battuta sul britannico che fa il dottore? Ah sì? In seimila? Buono. Sono salDANNAZIONE!


 Dati tecnici (durata 115 minuti)

Quattordicesimo film dell'universo filmico Marvel, Doctor Strange è stato diretto Scott Derrickson (già autore del remake del classico "Ultimatum alla Terra") che ne è anche sceneggiatore assieme a C. Robert Cargill. Basato sul personaggio creato da Stan Lee e Steve Dikto nel 1963. Come tutti i film Marvel, la pellicola ha due scene finali post crediti. 
 Arrogante ma dotato neurochirurgo, Stephen Strange (Benedict Cumberbatch) lavora in ospedale assieme a Christine Palmer (Rachel MacAdams) sua ex amante. Cercando un caso clinico che aumenti la sua già grossa fama, Strange si distrae alla guida, e finisce in un incidente, che gli danneggia le mani in modo irreparabile. Cercando cure in ogni dove, il nostro finisce in Nepal, dove incontra l'Antico (Tilda Swinton) una mago potentissimo che addestra il medico a trovare il suo centro, e trovare dentro se stesso la forza per guarire. Strange diventa così un discepolo del mago, sviluppando un talento per la magia, allenandosi sotto l'occhio vigile del mago Mordo (Chiwetel Ejiofor), e conoscendo il bibliotecario Wong (Benedict Wong). Tutto questo, mentre un ex discepolo dell'antico, Kaecilius (Madds Mikkelsen), ruba un rituale proibito, che metterà in pericolo l'intero pianeta. Riuscirà Stephen a trovare la magia dentro di se e a salvare il mondo?
 Il doppiaggio italiano è stato davvero uno piacevole sorpresa. Il nostro protagonista è famoso per avere una grande voce, e purtroppo come capirete replicarla sarebbe stato impossibile. Ma, gli attori fanno tutti un ottimo lavoro, e anche l'adattamento è uno dei migliori mai visti in un film Marvel, con la giusta gravitas, e una buona dose di adattamento non letterale. Un punto di più per questo. Le voci sono di

Dottor Strange: Francesco Bulckaen (Joaquin Phoenix ne "Il Gladiatore")
Dottoressa Palmer: Gaia Bolognesi (seconda voce di Bart ne "I Simpsons")
Karl Mordo: Massimo Rossi (Charlie Sheen in "Wall Street")
Antico: Franca D'Amato (Già Tilda Swinton ne "Le Cronache di Narnia")
Wong: Carlo Cosolo (Hugo Weaving in "Capitan America: il primo Vendicatore". E ora voglio vedere Wong vs il Teschio Rosso come mai prima d'ora)
Kaecilius: Valerio Sacco (Ray Park in "Star Wars: Episodio I")


Cosa c'è di Buono
 Gli effetti speciali, e alcune scene sono davvero molto belle, e particolari. Mi fa sempre ridere pensare agli attori che muovono le mani e aspettano che i tizi degli effetti gli aggiungano le armi d'energia, ma l'effetto è davvero qualcosa di più che piacevole. Le scene d'azione sono coreografate con grande stile, e sono sicuramente pirortecniche.
Cumberbatch convince, presentandoci un personaggio molto ben caratterizzato, del quale vediamo davvero la crescita da fetente a persona più o meno piacevole. Eijofor è un comprimario di prima classe, ed è un perfetto specchio per Strange.
Le citazioni all'universo Marvel sono molto meno, ma sono molto più specifiche, e questo è sia un bene che un male. Qui parliamo del bene, quindi vi dico perchè. Essendo solo citazioni fugaci, e messe molto bene all'interno nel discorso, non sembrano quelle menate gettate in facce per far vedere che è un film sui fumetti, sembrano davvero parte della storia, e per la prima volta in un film Marvel mi hanno divertito.
Alcune parti comiche sono molto ben fatte, e strutturate in modo molto intelligente.

Cosa c'è di non buono
Sopresa Sorpresa, i personaggi femminili e il cattivo di un film Marvel sono poco sviluppati. In questo caso la palma del peggio, va al cattivo, Kaecilius, che batte Ronan dei Guardiani della Galassia come il peggior cattivo Marvel mai visto. Un uomo con la personalità di un lavabo, che però corre un sacco. Il film è molto lento nella prima parte, e di base non sarebbe un difettone, ma il problema sorge quando ci si accorge della formulaicità della trama, che, seppur essendo di base abbastanza fedele al fumetto, non sorprende mai. Molte scene sono hanno un che di già visto(qualche elemento sembra anche rubato al film d'animazione omonimo del 2007).
Alcuni momenti comici sono di un forzato imbarazzante, quasi da cartone animato piuttosto che da film. Il film ha molti pochi personaggi, ma non sfrutta la cosa per dare corpo a tutti allo stesso modo.

Giudizio Finale
Doctor Strange, è un buon film. Ma che non sfrutta appieno le sue potenzialità. Per tutto il film, ci viene raccontanto di come esistano infinite possibilità, e di come la magia possa fare grandi cose. La magia, in questo film fa cinque cose. Sei forse. E questo, è un problema bello grosso. Perchè tutto il tuo film allora si basa su una bugia, e io spettatore sono portato ad aspettarmi chissà che cosa, e invece vedo le stesse cose per tutto il film.
La trama è solida, ma è putrtroppo molto derivativa. Vi capiterà di certo di vedere una certa scena e di dire "Ehi ma sa di quel film...". Il finale è identico ad un episodio della famosa serie britannica Doctor Who (e non è uno spoiler, ci sono letteralmente centinaia di episodi, indovinare quale senza aver visto il film è improbabile). Per non parlare di Stephen Strange che ha esattamente la stessa personalità e il sense of humor di Tony Stark. Che non è un male, Benedict è un grande attore, e la sua interpretazione è ottima, ma seppur ci siano similitudini fra i due eroi, fare una copia carbone non mi sembra un'ottima idea. Poi, se da un lato sacrificare tutti i personaggi per dare corpo al protagonista vuol dire avere un bel protagonista a tutto tondo, allora si può provare a chiudere un occhio. E' dal primo Iron Man, che non si vede un lavoro sui personaggi così, e questo dà ottime speranze per nuove apparizioni del mago supremo.
E, se è vero che il cattivo non dice nulla, è vero che è molto difficile dare avversari forti a personaggi poco conosciuti, considerando che i fumetti vanno avanti anni, e hanno quindi molto più tempo per dare vita a grandi avversari, mentre in un film sulle origini di 115 minuti, non si possono fare i miracoli. Quello che non gli perdono, è il fatto di avere due personaggi femminili completamente subordinati al protagonisti.
Dottor Strange, è una pellicola che, seppur prometta un qualcosa di nuovo, gioca molto sul sicuro. Quello che fa, è da manuale del cinema supereroistico, che segue molto bene, dando vita ad un avventura piacevole, anche ad una seconda visione, sopratutto grazie alle sue scene con effetti speciali che sono una gioia per gli occhi, ma non porta assolutamente nulla di nuovo. Non è Strange, è normal. E' un male? No. E' un po' un peccato. Doctor Strange prende 3 conigli su 5, una nuova avventura del cosmo Marvel, a cui manca forse del carattere, ma che comunque vale il prezzo del biglietto.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Che poi, il film del 2007 era pure più carino. Potevano anche metterci la scena più ganza, invece che prendere l'idea delle armi magiche. Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. Sapevo che il cattivo era al solito insignificante, ma addirittura peggio di Ronan? Straquoto sui momenti comici (non oso pensare al prossimo Thor).

    Adesso devo andare a cercare tra tutti gli episodi di Doctor Who XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È come la lotteria ;)
      A me i momenti comici piacciono (e piacciono al pubblico, in sala ridevano tutti) ma quando son forzati... no

      Elimina
    2. Le battutine sono obbligatorie se vuoi fare un film di Thor

      Elimina
    3. Non necessariamente. Le battute servono se vuoi fare un film per tutti. Ma il problema non è che ci siano. È quando esse prendono piede.

      Elimina
    4. Hai centrato il punto. I film Marvel devono essere per tutti è per sua natura Thor non è un personaggio adatto per il grande pubblico.... ecco spiegato perchè i suoi film sono cosi....

      Elimina
    5. Beh si e no. Non credo che nessun supereroe mainstream non sia adatto per il grande pubblico. E i film di Thor sono uguali come temi e sviluppo agli altri. È anni che ascoltiamo storie di Dei, in ogni forma.Thor non è molto diverso.

      Elimina
    6. Oddio, Batman, Spiderman, Gli X-men, Punitore, Daredevil, Hulk sono quelli più vendibili-graditi alle masse dato che sono quelli più umanizzati o che portano a tematiche molto sentite......

      Viceversa Thor per come è stato scritto è sempre stato un personaggio molto adatto al grande pubblico, quindi per forza di cose lo devi umanizzare e sminuire...

      Elimina
    7. Si ma le tematiche molto sentite le hanno tutti i personaggi di Fantasia. Thor nasce umanizzato anche nei fumetti, ma questo esula dal suo piacere o meno. Di base, i personaggi nascono per essere venduti a più persone possibili. Poi se prendono o meno è soggettivo. Thor è un fantasy, con potere e responsabilità. Molto semplice e diretto.
      Poi che le masse preferiscano altri prodotti è un altro discorso. Sicuramente alcune cose nella trasposizione carta-pellicola si perdono, e alcune si modficano, ma quello lo fanno con chiunque.

      Elimina
  2. Io gli avrei dato un coniglio in più, però su Kesilius o come cavolo si scrive, ti do ragione, sarebbe dovuto essere approfondito di più come personaggio, nonostante i limiti tecnici. Ad oggi questo, dopo i guardiani della galassia, è il mio secondo film del Marvel cinematic universe preferito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, il gusto personale conta, e io non sono il vangelo ;) L'ho trovato troppo da manuale, e senza grandi svolte. Il vero problema per me è quello ;)

      Elimina
  3. sugli attori che fanno tai chi (ti quoto) mi hai contagiato cavolo,ridevo pensandoci.
    ho notato la similitudine col film di animazione e questo non è un male e tu mi dici al fumetto (e questo è un bene) ma allora perché è così negativo come punto per te?solo per il femminismo?

    ps so qual è la puntata del dottore e si,chiaramente. dopotutto è sempre english...e ti ho quotato di nuovo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito cosa per me sia negativo dal tuo commento. Dici perchè non gli ho dato un voto più alto? Perchè la sua premessa è finta, ed è un film molto nelle righe

      Elimina
  4. "Fratelli di baffi". C'entra col commento? :-)

    RispondiElimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio