Didascalia

Didascalia

mercoledì 7 settembre 2016

Jay Garrick: Il Flash originale (Awesome Concepts)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che ha una vera passione per i copricapi.
Nel nostro mondo fatto di recensioni e tormentoni, ne abbiamo uno piuttosto recente, ma sul pezzo, ovverosia che Jay Garrick, il primo flash mai apparso nei fumetti, sia un vero duro. E non solo perchè ha ucciso un criminale mutaforma a sassate.
Oggi quindi, abbiamo deciso di parlare proprio di questo eroe veterano, la cui influenza dura da più di 70 anni. Per saperne di più, dovete solo saltare dopo l'intervallo!
L'elmetto è uno dei più grandi elementi di design della storia.

Con una prima apparizione su "Flash Comics 1" del 1940, su testi di Gardner Fox e disegni di Harry Lampert, Jason Peter "Jay" Garrick è un brillante assistente universitario, e un pessimo giocatore di Football. La cosa infastidisce non poco Joan, una giovane studentessa abbastanza presa dal nostro, ma detesta la poca voglia di impegnarsi del ragazzo. Un giorno però, tutto cambia, mentre Jay lavora ad una formula sperimentale sui vapori dell'acqua dura, un piccolo incidente attiva il metagene del nostro (un sorta di fattore X che dona i superpoteri, che la Dc usa per non farsi denunciare se usa la parola mutante), e lo collega alla misteriosa Forza delle Velocità.
Di base, il metagene di Jay gli permette di correre alla velocità del suono, ma grazie alla Forza, il nostro può fare molto, ma molto di più. Il nostro è, a tutti gli effetti l'uomo più veloce del mondo. Può correre sull'acqua, giocare a tennis da solo, intercettare i proiettili al volo, rigenerare in fretta le ferite, invecchiare molto lentamente, e raggiungere velocità vicine a quelle dalle luce. E cosa farà con questi poteri? Diventerà una star del football. No ve lo giuro.
Quando il padre di Joan verrà rapito, Jay deciderà di fare qualcosa. Si cucirà un costume, ed indossando un elmetto appartenuto al padre, che aveva combattuto nella prima guerra mondiale, assisteremo alla nascita di Flash. Con questa identità segreta, Jay libererà il padre della sua bella (oltretutto gridando addosso al capo dei rapitori "MORIRAI COME I TUOI COMPLICI". Ragazzi, che uomo), che diventerà l'unica persona a parte della doppia identità del velocista.
Il rapporto fra Joan e Jay sboccerà poi in fiori d'arancio, e la coppia arriverà a sposarsi.
In principio, Jay viveva a New York City, ma in seguito lui e Joan si trasferiranno nella fittizia Keystone City. Nel corso della sua carriera, la cometa cremisi affronterà numerosi nemici, come Violinisti malvagi, inglesi immortali, uomini con scolapasta in testa, e una versione malvagia di se stesso.
Ad aiutare Jay nei suoi casi, suo malgrado, ci saranno I Tre Babbei, Winky, Blinky e Noody, spalle comiche ispirate ai tre marmittoni. E se siete lettori giovani, non vi preoccupate. Anche io ho dovuto googlarli.
Le imprese di Flash lo metteranno anche in contatto con il protettore di Gotham City, Alan Scott, alias Lanterna Verde, con il quale il nostro stringerà un fortissimo rapporto d'amicizia.
La coppia avrà anche il merito di partecipare alla fondazione del più grande gruppo di eroi che l'America avesse, o avrebbe mai visto: La Società della Giustizia (O JSA).
Assieme ad altri eroi pittoreschi come un piccolo pugile, un poeta in smoking, un mago egizio, un faraone egizio che gira a petto nudo,una forza della natura per un'ora alla volta, e l'incarnazione fisica dell'ira di Dio, Flash combatterà la minaccia nazista sia con i suoi poteri, sia servendo nell'esercito durante la seconda guerra mondiale.
Nel 1951, quando il criminale viaggiatore del tempo Per Degaton riuscirà ad accusare gli eroi di essere spie comuniste, i membri della Società, piuttosto che smascherarsi, decideranno di smantellare tutto, dandosi a vita privata.
Un giorno però, la tranquilla vita domestica di Jay, sarà sconvolta dall'arrivo di un giovanotto, meno veloce di lui, ma più resistente. Tale Barry Allen, che, in modo molto strano, sosteneva di essere Flash. E che per lui, Jay era un personaggio dei fumetti. Scopriremo così, che non esiste una sola Terra, ma una moltitudine di pianeti, sparsi in un grande multiverso. Ogni Terra ha qualcosa di simile, e qualcosa di diverso. Per educazione, Jay chiamerà la sua casa Terra-2, e assieme al buon Barry, riuscirà a sventare un attacco da parte di tre suoi grandi nemici, dando così il via a numerose collaborazioni fra Terra-1 e Terra-2
Quando l'essere cosmico noto come Anti-Monitor (MORTE AL MONITOR!) distruggerà l'intero Multiverso, Terra-1 e Terra-2 si fonderanno in un unico grande mondo, e Jay e i suoi amici saranno sempre stati parte della storia, come la generazione di eroi che aveva combattuto la guerra.
Ma, siccome eravamo negli anni 80...come era possibile che questi eroi anni 40 fossero ancora in forma smagliante? E' molto semplice, per molto tempo, la Società era rimasta intrappolata all'interno del Limbo, una dimensione invasa dalle forze del male di Surtur, demone del fuoco della mitologia norvegese. Per tenere questa forza del male in stallo, l'intera Società della Giustizia sarà costretta a combattere contro questi mostri, riuscendo poi a fuggire dal Limbo solo dopo molti anni. Per loro fortuna, lì il tempo non passava, e i nostri arriveranno nel presente freschi come rose.
Quanto il criminale Extant, userà i suoi poteri di controllo del tempo per cambiare la storia, la JSA si lancerà a capofitto per sconfiggerlo. Purtroppo, i poteri del criminale uccideranno alcuni degli eroi più coraggiosi che il mondo avesse mai conosciuto, e farà invecchiare i rimanenti. Sconvolto dalla morte dei suoi amici (Fra cui citiamo il Dottor Mid-Nite, uno degli eroi con più fegato dell'universo Dc), e temendo che anche Wally West, il Flash successore di Barry Allen non ci fosse più, Jay deciderà di lasciare alle sue spalle i giorni da Flash.
Solo per fare un pernacchia a questa decisione dopo tipo sei secondi. Vedete, Keystone City, la casa di Jay, è collegata via ponte a Central City. La gente le chiama "Le città gemelle".
E, a Central City, c'è un'altro velocista scarlatto, il buon Wally West, che non è poi così morto. Ci vuole di più per fare fuori Wally.Per la cronaca, Wally è scappato dalla morte, cinque volte.
Sollevatosi, e con un senso di giustizia indistruttibile, Jay tornerà a correre, fungendo da mentore per il giovane Flash, del quale è un pelo più veloce. Jay però è molto, molto meno resistente.
Cosa che però Jay compensa con una saggezza, un acume tattico e un cuore che pochi possono vantare nell'universo Dc. Della serie, anche dopo quasi sessant'anni di matrimonio, Jay tratta ancora Joan come fosse il primo giorno (la Forza della velocità è così gentile da rallentare anche l'invecchiamento della signora Garrick). Jay incute ancora paura nei criminali, che sottovalutano un uomo che Franklin Delano Roosvelt definì "Il più veloce del mondo". E Franklin Delano era tante cose, ma non certo un bugiardo.
Per la miseria, Nightwing, il primo assistente di Batman è così preso dalla forza e dallo spirito di Jay, che vuole diventare come lui da grande.
Jay parteciperà anche alla rinascita della JSA (ed entrando anche per pochissimo nella Lega della Giustizia per sostituire un infortunato Wally), che si evolverà in un gruppo formato da vecchie glorie, e da giovani portatori della Torcia. Forse, lui e Joan non hanno mai avuto figli. Ma vi sfido a trovare un giovane eroe che non abbia mai chiesto consiglio a Jay Garrick.
Per un po' inoltre, il nostro sarà il mentore del giovane Bart Allen, alias Kid Flash.
Con la nuova Jsa, Jay affronterà futuri distopici, demoni senza volti, maghi immortali, il mortale più potente della Terra, morti e resurrezioni e citazioni dai film di Cecil DeMille. No ve lo giuro. 
Per un po', Jay perderà la connessione con la forza della velocità, e sarà costretto a correre "solo" alla velocità del suono.
Dopo aver recuperato la pienezza dei suoi poteri, Jay combatterà con la Società un esercito di supercriminali nella città di Monument Point, riuscendo ad avere la meglio, solo grazie al sacrificio dell'amico Lanterna Verde. Jay resterà un po' sconvolto dalla morte del compagno di mille battaglie, ma riuscirà a resistere, continuando a credere nella grande forza della Società.
Nel rilancio dei Nuovi 52, Jay è tornato a vivere su Terra-2.
Su questo mondo, un'invasione del dio del male Darkseid ha portato alla morte di Superman, Batman e Wonder Woman. Jay è uno studente del college, che viene in contatto con un morente Mercurio, dio romano dei ladri e dei messaggeri. Sconvolto per non aver potuto aiutare l'umanità nella sua grande crisi, Mercurio, ormai morente, cederà tutta la sua velocità al giovane Jay, che si trasformerà così in Flash. Assieme ad altri giovani eroi (che il nostro chiama "Meraviglie"), Flash combatterà contro le armate di Darkseid, osservando anche la distruzione e ricostruzione del suo pianeta, in una serie che era partita come una pazzescata, e poi si è mutata in un crossover anni 90. Sigh.
Nella nuova e ricostruita Terra-2, Jay continua a combattere il male, a testa bassa. E' un Jay meno esperto, un Jay meno paterno, ma dalla sua ha il tempo. E quando sei l'uomo per cui un secondo è abbastanza tempo per pestare un cattivo, e anche salvare un gattino su un albero, siamo sicuri che Jay può vincere qualsiasi sfida. Anche le storie orrende.
Jay Garrick è un personaggio con un grande merito. Non solo ci ha portato tutta l'eredità di Flash, ma ci ha anche dimostrato come anche un supereroe anziano possa essere interessante. Ci ha dimostrato come l'esperienza, e la giusta prospettiva riescano a dare corpo ad un personaggio, che non avrebbe senso di esistere, siccome nei fumetti abbiano già la versione "nuova".
Flash 1.0 forse non è un emblema di versatilità, ma resta un personaggio che si incastra in numerosi tipi di storie, che siano avventure dove deve essere un mentore, o semplici avventure dove serva qualcuno che lanci un elmo di ferro a supervelocità. Grande giocatore di squadra, ma anche solitario se serve, Jay dà il suo meglio assieme ad altri personaggi, questo sembra chiaro, anche perchè le sue avventure in solitario sono molto meno di quelle di lui come protagonista.
Ma va bene così, Va tutto bene.
Perchè abbiamo un personaggio con un set di poteri classico, diverso da tutte le altre sue versioni, con la debolezza intrinseca di stancarsi che lo rende più fruibile dei velocisti"classici" che sono potentissimi, un personaggio amico di tutti, e che tutti rispettano. Un uomo con una vita di coppia sana e normale, che va avanti da più di cinquant'anni. Un uomo che non ha paura di far vedere che sa combattere, e che non importa quanto forte o veloce sei. Se credi farla franca, se vuoi privare qualcuno della sua libertà, Jay Garrick sarà lì. In un flash. Rompigli la gamba, fallo invecchiare, toglili i poteri. Non importa. Jay Garrick combatte i prepotenti dagli anni 40. Non sarai certo tu a farlo smettere.

E anche per oggi è tutto. Pronti a partire. Alla Dc comics, misurano la forza con Superman, la compassione con Wonder Woman. L'essere un vero duro? Lo misurano con Jay Garrick. Pronti a partire. Let's go!

8 commenti :

  1. Peccato che l'abbiano ringiovanito.

    Mi piaceva di più la sua versione anziana.

    P.S chi è il cattivo con la scolapasta ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre tempo per un altro reboot. E parlavo de Il Pensatore!

      Elimina
  2. Spero vivamente che sia lui che la JSA tornino al loro posto "glorioso" nel Dc Universe ufficiale.

    RispondiElimina
  3. La cosa che sinceramente mi lascia un po amareggiato e che sia la Marvel che la Dc stanno un po abbandonando il concetto di supereroe come qualcosa di esistito fin da gli anni 40 (eccetto che per Cap ovviamente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè non è un concetto così imprescindibile, da dover essere messo in primo piano. Già la Dc che renumera Action Comics è un segno che ci tengono alla storia. E la Marvel ha la storia che inizia negli anni 60, ha sempre fatto fatica a pensare ai 40

      Elimina
    2. Nel senso che sia nei loro fumetti che in altri prodotti ho notato ultimamente questa tendenza, come a dire nei nostri universi i super esistono da poco, non da decenni.

      Per esempio nei New 52 a quanto pare l'ondata di eroi è una cosa recente (anche il fatto che la JSA passa da predecessori della JLA a loro coetanea), in Arrow e Flash idem, nel MCU gli unici super prima di Iron Man erano Cap e Antman....

      Elimina
    3. Per carità, ma finchè eravamo negli anni 60, si poteva fare senza problemi, con il tempo che passa la cosa si perde. Ripeto, l'avere degli eroi attivi negli anni 40 è divertente, ma di sicuro ci sono modi diversi per ricordarlo

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio