Didascalia

Didascalia

venerdì 26 agosto 2016

The Flash: prima stagione- La Recensione Onesta (Fumetti in Tv)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog sui fumetti, con una sorella che odia i fumetti. Doveva succedere.
Come chi legge il blog da un po' di tempo sa, in questo angolo digitale siamo un pelo lenti a guardare le serie Tv. Della serie, ho iniziato a vedere con mia sorella la prima serie del nuovo telefilm di Flash a Gennaio, e ho visto l'ultima puntata tre giorni fa. Ma, oltre ad aver fatto una bella esperienza fraterna, ho pensato che una belle recensione delle avventure dell'uomo più veloce del mondo, un favorito del blog, fosse al posto giusto in questo blog. Ah. Aspetta. E' Barry Allen? ....
Ehi! Per saperne di più saltate dopo l'intervallo.
Va beh. Il Design c'è. E son cose buone, son cose buone.


 Dati Tecnici (23 episodi da 40 minuti)

Serie Spin-Off dello show "Arrow", che racconte le avventure dell'eroe Freccia Verde, Flash è una serie creata da Greg Berlanti Andrew Kreisberg e Geoff Johns. La serie è stata trasmessa dal canale "per adolescenti" della Warner Bros (che possiede la Dc comics), la CW. 
 La nostra storia si apre con una tragedia. Il piccolo Barry Allen (Grant Gustin), vede la propria madre morire uccisa da un misterioso uomo in giallo superveloce. La colpa dell'omicidio viene data al padre di Barry, Henry(John Wesley Shipp) che finisce così in prigione ingiustamente. Il ragazzo, viene quindi preso in affido dal detective ed amico di famiglia Joe West (Jesse L. Martin), che si trova a fare da padre a Barry, e a sua figlia Iris (Candice Patton). Una volta cresciuto, Barry diventa scienziato della polizia, e indaga per scoprire il vero colpevole dell'omicidio della madre, e anche ad altri casi "impossibili". Durante una notte particolare però, il nostro viene colpito da un onda generata da un acceleratore di particelle sperimentale creato dal dottor Harrison Wells (Tom Cavanagh). Barry finisce in coma, e viene curato da Wells, e da due giovani del suo team, Cisco Ramon (Carlos Valdes) e Caitlin Snow (Danielle Panabaker).
L'esperimento ha donato a Barry il potere di muoversi a velocità supersoniche, che il nostro decide di usare in segreto per difendere la città, grazie anche all'aiuto dei tre scienziati. Questo perchè l'acceleratore non ha donato i poteri solo a brave persone, ma anche ad un folto gruppo di piccoli e grandi criminali. Oltre a questo, Barry continuerà a lavorare per salvare il padre, e perchè no, anche a sviluppare un rapporto con la bella Iris...che però è fidanzata col detective Eddie (Rick Cosnett)
 Dal punto di vista del doppiaggio, la serie è stata diretta da Michele Gammino. Seppur in alcuni casi si caschi nel grande, vecchio tropo del "troppo letterale", si sente particolarmente l'aiuto dello scrittore Emanuele Manco, che di fumetti ci acchiappa, e quindi ha dato alla serie un feel molto più "aderente" al fumetto.
Le voci dei protagonisti sono:

Flash: Alessandro Ward (Evan Peters in "X-Men: Giorni di un futuro passato". L'IRONIA!)
Iris West: Valentina Favazza (Hannah Murray ne "Il Trono di Spade")
Joe West: Alberto Angrisano (Idris Elba in "The Wire")
Cisco Ramon: Alessio Puccio (Daniel Radcliffe nella serie "Harry Potter")
Caitlin Snow: Perla Liberatori (Melissa Joan Hart in "Sabrina: vita da strega")
Eddie:  Gianfranco Miranda (Ryan Gosling in "Drive")
Harrison Wells: Sandro Acerbo (Brad Pitt in "Fight Club")
Henry Allen: Stefano Benassi (Cristoph Waltz in "Django Unchained", e, in una simpatica                                                             citazione già voce dell'attore nella serie di "Flash" del 1990)

Cosa c'è di buono
 La serie ha molti misteri, che si incastrano molto bene, e sono un po' lo scheletro di tutta l'avventura. Una prospettiva divertente per un telefilm sui supereroi, che spezza un po' la monotonia di una struttura tutto sommato semplice. Le citazioni al fumetto si sprecano, e, in alcuni casi sono molto divertenti. In altri...beh ne parlo sotto.
Alcuni cattivi (Capitan Cold e Mark Hamill, che riprende il suo ruolo dopo vent'anni) sono fenomenali. Anzi, meglio anche dei protagonisti.
Gli effetti speciali, sono tutto sommato divertenti per essere uno show con un budget non pazzesco.
I protagonisti hanno un arco di crescita molto standard, ma è comunque presente, e la cosa non può fare che piacere. Le comparsate dal telefilm fratello Arrow non sono infrequenti, e sono assolutamente gradite, danno assolutamente l'idea di un grande universo condiviso, che è poi la forza dei fumetti.E' bello vedere una serie sui supereroi che non si vergogna di esserlo.

Cosa c'è di non buono
 Se si ha letto una decina di fumetti di Flash, i colpi di scena non esistono, e alcune strizzatine d'occhio sono così dannatamente pretenziose che fanno venire il voltastomaco. Nessun personaggio è razionale, soprattutto Flash, che è un po' un bel cretino. E per carità, il perchè della scelta degli autori è comprensibile (quando sei COSI' veloce, non hai grossi problemi a risolvere i tuoi problemi) solo che, se nei fumetti riescono a dare a Flash corpo, ma senza farlo passare un bebè, allora penso lo si possa fare anche nella serie Tv. La serie inizia poi a perdere colpi nell'ultima tranche di episodi, quando i misteri iniziano a svelarsi, ma con una lentezza prodigiosa. Molti personaggi esistono senza una vera dimensione, se non quella di creare disagio e dramma gratuito, il che cozza con il dramma ben costruito che nella serie è presente (Sto guardando te Iris West, tipo quarto personaggio peggiore della storia). Non tutte le performance degli attori sono allo stesso livello, e, nelle scene di gruppo si sente particolarmente. C'è una certa inconsistenza di base nei poteri di Barry, che magari non si nota tantissimo, ma se si nota dà abbastanza fastidio.

Giudizio Finale
Flash, ha un grande merito. Quella di essere una serie che ha numerosi contentini per i fan, ma è assolutamente apprezzabile anche da chi un fumetto neanche sa cosa sia. La storia è lineare ma non troppo, e risulta essere fumettosa ma comunque apprezzabile.
C'è un divertente equilibrio fra l'azione e il dramma, e la cosa è abbastanza complessa, visto che la premessa è quantomeno bizzarra. Nel lungo andare però, la serie inizia un po' a stridere,soprattutto visto che il protagonista non riesce sempre a trainare la vicenda. Da un certo punto di vista questo è molto buono, considerando che finalmente abbiamo un mondo supereroe dove i comprimari non sono sagome di cartone, ma la serie si chiama "Flash", non "I grandi amici dell'universo Dc". Che poi, uan serie con quel titolo la vedrei pure, ma io sono fesso.
Flash è una serie yo-yo. Per ogni corsa, ogni scatto che fa in avanti, poi fa un passo indietro. Ci dà alcuni dei supercattivi più belli mai visto sullo schermo, e alcuni dei più dimenticabili di sempre. Riesce a costruire una mitologia, ma sul niente. Passa concetti molto complessi ai nuovi lettori, ma vuol far vedere a tutti i costi di sapere le cose più "segrete", che, segrete poi non sono.
E' quindi difficile dare un giudizio a questa prova più positiva dell'universo Dc. Anche perchè, alcune delle cose meno coerenti sono anche divertenti. Cioè, Danielle Panabaker avrà tre espressioni, ma quella perplessa è così adorabile che le si perdona tutta. Tom Cavanagh è un mostro, e regge lo show da solo, Mark Hamill è il re del mondo e può fare quello che vuole. E poi abbiamo la Patton, che sembra una bravissima attrice, ma se le dessero un copione vero magari se la giocherebbe meglio.
Flash ha un inizio molto veloce, forse anche troppo, una metà molto solida, e un finale, che, sebbene ben costruito, risulta un po' forzato dalle scelte precedenti. Con un inizio un pelo più lento, forse avremmo avuto risultati migliori. Sarà anche una questione di target, non lo metto in dubbio, la serie è comunque fatta principalmente per un pubblico giovane, ma i buchi di sceneggiatura ci sono, e in alcuni casi sono particolarmente pesanti.
Una serie che quindi poteva tranquillamente prendere quel punto in più per la sua freschezza, e il suo modo simpatico di trattare anche storie sceme, risulta alla fine un tre stelle su cinque, senza infamia e senza lode. Una visione piacevole, che diverte e distrae. Ma se ci ferma un secondo a pensarci, i nodi vengono al pettine, e la serie fa anche riflettere. Sul fatto che non sia solidissima. Flash si applica, e si applica bene. Ma può fare di più.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Oltretutto, per farmi parlar bene della scemata della mamma morta di Barry, ce ne voleva. Pronti a partire. Let's go!

12 commenti :

  1. Questa recensione mi trova molto d'accordo! Essendo passato più di un anno da quando ho finito la visione della serie, non mi ricordo esattamente gli episodi che mi avevano lasciato perplesso, ma mi ricordo la sensazione ripetuta di un "gran buttar su"... Il finale non mi è dispiaciuto e ti invito a guardare il primo episodio della seconda! Tom Cavanagh semplicemente perfetto! Ora ho pero' una domanda: da persona completamente a digiuno di fumetti della DistintaConcorrenza mi son chiesto quanto la serie fosse attinente alle storie su carta stampata. Finisco lo sproloquio salutandoti e ringraziandoti per il blog che mi tiene spesso compagnia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh la seconda stagione... dammi tempo :P
      Dunque, la serie prende molto dai fumetti, anche perchè Geoff Johns, uno degli ideatori ha scritto Flash per anni. Però prende quello che gli pare, con un Flash molto giovane, e alcune variazioni (del tipo il come nascono i metaumani, o la sola esistenza di Wells, che nei fumetti non è presente). Diciamo che prende quello che serve. E in alcuni casi lo gestisce anche meglio. In altri...meno

      Elimina
  2. No, no ,credimi. L'inconsistenza dei poteri di Flash si nota parecchio tanto che è uno dei maggiori argomenti di dibattito. Un attimo lo vedi fare cose pazzesche a super-velocità e quando c'è da affrontare il cattivo della giornata diventa improvvisamente scarso (tutto questo per fare fare qualcosa al team di supporto che per l'appunto però dovrebbe essere solo di supporto e basta).

    Sulla razionalità dei personaggi..è una serie della CW, quindi non farci affidamento per la seconda stagione. Non siamo ancora ai livelli di stupidità delle ultime di Arrow, ma neanche troppo lontani.

    Gustin come Flash se la cava anche se sembra più un Peter Parker non-teenager che un Barry Allen , ma questo non è una cosa negativa. Cavanagh troneggia su tutti e gli sceneggiatori se ne sono accorti. Anche Cisco ed Henry fanno la loro parte. Sono i personaggi femminili che sono un pò il lato debole del cast.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mi dirai, la gag è sempre quella. Se fosse furbo il telefilm durerebbe sei secondi e mezzo. Quello che a me urta, è che mi dicano che può fare tutto quello che fa....andando a mach 2. Che è veloce eh, per carità. Ma non COSÌ veloce. Sul femminile ti dico, la Panabaker e le comprimarie mi piacciono molto. La Patton un pelo meno (ma per il materiale che ha). Valdes si impegna, ma non mi prende per niente.

      Elimina
    2. Ma è così anche nei fumetti eh....in una ristampa che ho io do Flash anni 70-80 questi si fa battere pure da delle torte in faccia. ... oppure nella sua prima avventura Barry va a sbattere contro il muro. .

      Elimina
    3. Mettiamola così, se pensiamo alla Silver Age, l'ingenuità ci sta. Nel moderno, ci sta meno

      Elimina
  3. manco un merito a Cisco che cattiva persona

    nel complesso concordo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, ma il sidekick che fa ridere è bello solo se fa ridere

      Elimina
  4. Sinceramente un altra cosa che mi è piaciuta poco della serie è che pur avendo Flash una rouge gallery variegata e interessante vadano quasi sempre a pescare villain di terza fascia o di altri personaggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di altri personaggi, conto Plastique, la Nebbia e Multiplex. La questione è, i nemici di flash sono belli, ma funzionano bene nei fumetti. In una storia di origini, ha senso variegare. Poi, Capitan Cold come nemico di Flash è di prima fascia, come Heat Wawe, Grodd, il mago del tempo e Trickster, che son tutti presenti. Certo manca Mirror Master toh, però mi sembra che da quel punto di vista ci siamo. Poi parlo per me

      Elimina
    2. Infatti io parlo della seconda stagione. .

      Elimina
    3. Però l'articolo parla della prima ;)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio