Didascalia

Didascalia

venerdì 1 aprile 2016

Il Guanto dell'Infinito: ora sì che la faccenda è cosmica

Benvenuti cari centounisti al mese delle richieste (l'appendice). La questione sarebbe dovuta chiudersi a marzo, ma la vita, l'universo e tutto quanto ci hanno messo lo zampino. Per il secondo anno di fila, vi portiamo così la richiesta del centounista Cammi il primo di Aprile.
Oggi, parliamo del guanto dell'infinito, definito da molti come la miglior saga cosmica della Marvel. Sarà vero? Scopriamolo assieme dopo l'intervallo!
Non solo sono in ritardo, e già mi secca, ma ho anche una bella battuta di apertura che devo tenere per il finale!

Miniserie di sei numeri, il Guanto dell'infinito (GDI) viene scritta nel 1991 da Jim Starlin, dopo che quest'ultimo aveva gettato le premesse della saga nella testata di Silver Surfer, e nella miniserie "The Thanos Quest". Non serve aver letto queste storie per capire la saga. Ve lo giuro. Ai disegni, per i primi quattro numeri troviamo George Perez, un mostro sacro del fumetto, che però in quel periodo stava anche rilanciando Wonder Woman e disegnando una miniserie gigante per la Dc. Dal numero 4 quindi, il buon Geroge passerà solo alle chine, lasciando le matite a Ron "negli anni 90 ero OVUNQUE" Lim.
Ma di cosa parla questa serie? Beh, il criminale cosmico Thanos il Titano, creatura dello stesso Starlin (questo invece serve saperlo) è diventato Dio. Aspetta, cosa?
Questa nuova onnipotenza era stata ottenuta dal titano folle grazie a sei oggetti cosmici, noti come "le gemme dell'infinito", incarnazione fisica di altrettanti concetti. Tempo, Mente, Potere, Spazio,Realtà e Anima. Da sole, le gemme sono artefatti potentissimi, che donano al portatore il controllo totale sul concetto da loro incarnato. Unite, le gemme donano la virtuale onnipotenza, seconda sola a "Colui che è sopra tutti" che è il creatore dell'universo e del Tribunale Vivente, il suo esecutore. Ma, siccome che qualcuno unisse le gemme dell'infinito non è una cosa illegale nel grande disegno cosmico, Thanos si trovava così ad essere l'essere più potente del cosmo Marvel.

E questo già di per se sarebbe un problemone. Mettiamoci poi che Thanos è innamorato della morte stessa, e la questione diventa ancora più spinosa. Vedete, la Morte è molto arrabbiata in questo momento, poichè i vivi sorpassano i morti in termini numerici. Il vedere la sua amata arrabbiata, porta il possente Thanos a rivedere i suoi piani di dominio cosmico, e a provare a rendere felice la sua amata. Citiamo anche che, il Titano poteva contare su un "fido" consigliere, Mefisto, uno dei demoni più potenti dell'universo Marvel. Le premesse si fanno sempre più buone e razionali.
Per compiacere così Lady Morte, il nuovo Dio (Ah-Ha, battute fini) del cosmo, decide così di uccidere letteralmente metà universo, con un solo schiocco di dita. Kaboom.
Nel frattempo, mentre la morte avanzava, così faceva la vita. Dopo un incidente, i corpi di tre giovanotti verranno presi d'assalto da tre anime vaganti. Sembra non c'entri una cippa, ma vi giuro che ci arriviamo. Fatto sta che, uno dei tre corpi si rinchiuderà in un bozzolo che alcuni di voi troveranno familiare. Gli altri invece scopriranno di che si tratta più sotto.
La questione si farà così molto complessa per gli eroi della Terra, che, non solo si troveranno di fronte ad un mare di emergenze (basti pensare agli aerei caduti perchè il pilota era scomparso nel nulla), ma anche alla sparizione misteriosa di numerosi alleati. Infatti, la totalità dei Fantastici Quattro e del gruppo X-Factor, assieme ad altri eroi più o meno famosi. Enfasi su "meno".
Questa commozione cosmica inoltre, ha messo sull'allarme anche i piani alti. I padri del cielo, gli dei al capo dei vari pantheon terrestri (Tipo Zeus e Odino), sono in fermento. E così altri personaggi molto, ma molto in alto.
Personaggi fra cui figura Adam Warlock, il primo essere ad aver mai sconfitto Thanos il Titano, e portatore della gemma dell'anima per anni. Sembra non c'entri una cippa, ma ci arriviamo. Suo era infatti il bozzolo rigenerativo visto in precedenza. Dopo aver appreso da Silver Surfer le motivazioni del titano, il buon Adam era così tornato dal suo esilio nel mondo all'interno della Gemma dell'anima, e si apprestava a mettere su un gruppo di eroi per spodestare Thanos dal suo trono.
Cosa molto bella, e molto interessante per un crossoverone, è come Starlin e Perez ci raccontino anche della vita sulla Terra, descrivendo, non con una minuzia certosina, ma con sapienti tocchi di buon fumetto come effettivamente il mondo stia davvero andando a catafascio, mostrandoci le reali conseguenze che ha la morte di mezzo universo sulla vita della gente, e non solo sul gruppo di eroi protagonista. Tanto di cappello. E lacrimucce.
Detto ciò, Adam Warlock chiama a se un sacco di eroi, alcuni francamente fuori posto per combattere Dio, e ne prende il comando, tenendo però di riserva i pesi supermassimi Dottor Strange e Silver Surfer, per un piano misterioso che solo lui conosce, e solo lui può attuare. Vi ho detto che Starlin ha scritto per anni di Warlock? No? Occhei scusate. E' importante.
Grazie all'eroe Quasar, il protettore dell'universo, e altro essere potentissimo che aveva già sconfitto figure cosmiche molto ma molto più potenti di lui (che nel crossover fa la figura del fesso a più ripreso, ma è difficile dire chi non la faccia. Thanos. E Warlock. Oh, mi sono sbagliato. Era molto facile) il trio di eroi "prescelti" chiederà aiuto alle altre grandi figure cosmiche della Marvel, che si uniranno per combattere la minaccia. Così come faranno i nerd per capire chi è chi, impazzendo quando sulle wikipedie c'è come descrizione dei poteri "virtualmente onnipotente". Occhei. Grazie internet. Io mi fidavo di te.
Nel frattempo, Thanos provava in tutti i modi a conquistare Lady Morte. Costruendo al centro dello spazio un altare in suo onore, provando a farla ingelosire creando una donna per lui perfetta chiamata Terraxia, e anche provando a conquistare la morte col suo potere, riportando in vita dal mondo dei morti la nipote Nebula, ridotta ad uno zombie informe. Ma nulla di tutto questo sembrava sciogliere il cuore della nera signora.
Essendo onniscente, Thanos sapeva anche del piano degli eroi della Terra di attaccarlo, e si era così preparato a distruggerli con un solo schiocco di dita, ma lì, Mefisto, gli darà un consiglio: rinuncia alla tua onniscenza per questa sfida. Così, Lady morte, vedendoti combattere contro i nemici con ferocia, e non come un damerino, si innamorerà di te. E così, Thanos dà lo 0,5% di vittoria ai suoi amici, che, incidentalmente sono le stesse possibilità che ha un blogger occhialuto genovese di avere una fidanzata. DANNAZIONE!.
E bom, Ron Lim arriva sulla scena, e partono i cazzotoni. Tutti gli eroi, anche i pesi massimi Thor, Hulk e Drax vengono spazzati via, e così anche i pesci piccoli come l'Uomo Ragno e Wolverine. Sia Thanos, sia Terraxia (che decapita Iron Man a mani nude) sono troppo, troppo forti per anche per un esercito di superesseri.
Fino a che, non resterà un solo tizio davanti a Thanos. Oltretutto uno dei più deboli. Capitan America. Che avrà due parole da dire al Titano. Finchè un solo uomo si alzerà per combatterti, tu non avrai vinto. Parole coraggiose, che hanno dato forza al Capitano per tutta una vita. Parole forti, per cui vale la pena morire. E certo, Capitan America muore, e il suo scudo indistruttibile viene distrutto. Ma non solo non si può notare come davvero,anche fra gli dei il coraggio si misuri su quello del Capitano, ma anche che un uomo, solo e senza poteri, ha appena schivato un pugno da parte di Dio. Nessuno c'era riuscito. Solo un semplice uomo, che crede nei sogni. Ma adesso, il sogno è morto.
Ecco l'arma segreta: tutte le entità cosmiche della Marvel, eccetto il tribunale vivente, ma Morte e Mefisto compresi provano ad annichilire Thanos con le loro forza combinate. Fallendo. L'universo intero è sull'orlo della distruzione, non ci sono più forze cosmiche all'infuori di Thanos.
Un thanos che però si è distratto, e si è affaticato. Un Thanos abbastanza debole da farsi rubare il guanto da una semisenziente Nebula, che diventa così la nuova signora del cosmo, e forse, una minaccia ancora più grande. Perchè, vedete, Nebula è una nichilista. Ella sogna solo l'oblio e la distruzione di tutto. Thanos non avrebbe distrutto l'universo, ma Nebula potrebbe proprio cancellare l'esistenza stessa.
Warlock riunirà così il suo terzetto del potere e Thanos,mettendolo di fronte ad una scomoda verità. Sebben il titano potesse fare tutto, ha provato più volte ad autosabotarsi. Perchè? Aveva in mano il potere assoluto eppure ha voluto dare una chance, seppur minima agli eroi del mondo. E questa non era neppure la prima volta che succedeva. Thanos deciderà così di aiutare il vecchio nemico.
E così, grazie ad un po' di astuzia, strategia, e logica da fumetto, alcuni eroi resusciteranno, a partirà così un grosso pestaggio, dove le alleanza non valevano più nulla. Tutti volevano il guanto, e il dominio sul cosmo.
Dominio che verrà preso nientemeno che da Adam Warlock, che porrà così fine al conflitto, riportando tutto alla normalità, e cancellando il ricordo dell'avvenimento dalla mente della maggior parte dei presenti. Nel fumetto non è scritto, ma io ve lo dico lo stesso, Warlock userà poi il potere del guanto per togliere dal suo corpo il bene e il male, ed essere così un'essere supremo davvero superiore a tutto, e capirà che le gemme non sono fatte per essere usate dai mortali. Adam le separerà, e le lascerà in custodia ad altri cinque esseri cosmici, dando vita al meteorico gruppo noto come "La Guardia dell'infinito". E il Tribunale vivente, decreterà che le gemme unite non possano più dare l'onnipotenza, cosa che verrà poi revocata con una prepotenza rara, ma non sta qui il discorso.
Con il mondo tornato alla normalità, e un Thanos che aveva finto il suo suicidio, Adam Warlock proverà a capire bene il suo ruolo, e scoprirà che il Titano non era morto, ma aveva solo finto, e si era ritirato a vita privata, diventando un fattore. Era forse finita l'epoca del Titano? Per Adam Walock sì, e così, il vecchio nemico si darà ad una nuova vita, mentre il cosmo continuava a girare, carico di vita e di morte, in perfetto equilibrio.
GDI ha sicuramente più livelli di lettura, come la maggior parte delle grandi saghe. Se da un lato abbiamo la voglia di finire l'arco narrativo del personaggio Thanos (fallendo, perchè questa saga ha poi due seguiti e un'altra trilogia legata), dall'altro, si stava cercando di riportare il cosmico Marvel in auge, con un successo moderato.
Da un punto di vista "chiassonistico", GDI è costruita molto meglio di molte altre saghe, giocando molto bene sul lato emotivo, e su alcuni personaggi. Alcuni, perchè moltissimi sono lì a far figura, GDI è una storia di Thanos e Warlock, con molti comprimari famosi. Questo non toglie però che l'azione e la narrazione siano solidissime, e trattate nell'unico modo con cui si può trattare una storia dove gli eroi Marvel combattono Dio. Che paradossalmente era già successo altre volte, tipo con la saga di Korvac, ma sto divagando.
Certo, la storia non è priva di difetti, fra cui la grandissima partecipazione di Deus ex Machina (O Diabolus ex machina), e di tratti di trama che arrivano e spariscono. I primi non si possono perdonare, i secondi un po' sì, perchè comunque Starlin si stava inventando una mitologia un po' da solo, e quindi che tutto fosse supercoerente da subito è oggettivamente difficile. é Starlin, non il re.
L'apparato grafico è molto buono, Perez dà sempre il meglio quando può spaziare, e questo si vede un sacco nel salto fra lui e Lim, che predilige inquadrature meno elaborate. Sebbene Ron non sia all'altezza di George, il nostro fa comunque un buon lavoro, torvandosi di fronte ad una mole di cose e persone non indifferente.
Quello che però è un po' il problema della saga, e che è il problema di Starlin in generale, è Thanos.
Sul blog esiste la scala Starlin, che indica quando un personaggio fa cose pazzesche che non dovrebbe fare, perchè è il preferito dell'autore. Ecco, ora ne capite il perchè.
Thanos, per quanto sia un personaggio affascinante sotto certi aspetti, resta comunque un personaggio infantile, sia nel comportamento che nella sua gestione. Non voglio divagare molto, ma il semplice fatto che perda "perchè vuole perdere", e poi sia solo grazie a lui se si salvi l'universo, non è una mossa di buona scrittura. Lo sarebbe, se non fosse tutto così palese per voler rendere Thanos figo, e il protagonista di tutto, un personaggio invincibile che anche quando perde vince. Si è redento dall'aver ucciso mezzo universo, non gli sarà fatto nulla. E' un po' estremo come giudizio, anche se tutto è tornato alla normalità. Ma è Thanos, è il cucciolo dell'autore e va tutto a posto. Di solito, il problema di un personaggio non si riflette sulla saga, ma in questo caso....beh Thanos è la saga. Una saga divertente, ben costruita, e davvero, davvero cosmica, con una scala adeguata, e delle conseguenze vere. Che durano poco, ma vere. Cacchio, metà universo muore. Una storia con un'ottima regia e composizione, che ha dato vita a buona parte di tutto quello che è marvel e cosmico. Una pietra miliare del sottogenere. Però, boh. Lascia lo stesso un po' di amaro in bocca. O forse, fastidio.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned epr nuovi aggiornamenti. Ed, ora la battuta finale. "La migliore saga cosmica Marvel". E te credo, non c'è concorrenza. Pronti a partire. Let's go!

6 commenti :

  1. Sono una cattiva persona se ammetto di aver fatto il tifo per Thanos in questa saga? D'altra parte è il mio cattivo preferito. Comunque bella recensione. Ora ci vuole il resto della saga dell'Infinito di Starlin!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad ognuno il suo. C'è a chi piace il pomodoro e chi sogna la morte di mezzo universo. Due tipi diversi di malvagità ;P

      Elimina
  2. Secondo me è una saga che un elemento fascinosissimo (Il Guanto), Starlin è bravo a immaginare una saga dalla portata "cosmica" con alcune idee affascinanti (il Santuario della Morte, il personaggio di Thanos, il coinvolgimento delle entità cosmiche) ma gli stalli e di ribaltamenti della trama sono davvero forzati e un po' troppo casuali e tirati in lungo. Un po' per la gestione "per tentativi" dei vari eroi (usati davvero male), un po' per Thanos, un nemico scaltro e astuto che col Guanto può tutto e si incarta da solo da vero impedito più per esigenze di trama che per altro.
    Una saga che è passata alla storia (anche per lo sfruttamento delle Gemme nei cinecomic) ma che non ho amato particolarmente.
    Ho letto anche "Infinity War" e i disegni di Ron Lim chinati da Milgrom di certo non aiutano una saga che è in partenza il pallido riflesso della sua origine, molto meglio molti dei crossover ad esso legati (tipo Dr. Strange). Inutile dire che manco ho provato ad affrontare "Infinity Crusade".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il passaggio alla storia sia più per il suo essere saga cosmica in una casa che il cosmico lo vede male da anni, ricordo già plausi di pubblico e critica ancor prima che si pensasse solo di aver il film su Iron Man.
      Questione Thanos, non credo sia trama, credo sia che Thanos è un cucciolo e non può perdere a meno che non lo decida lui perchè è troppo figo. E sì, la trilogia finisce....male. Ma c'est la vie

      Elimina
  3. Grazie del post! Ormai sta diventando una tradizione il 1 aprile per la mia richiesta. Questa volta niente pesce pero'! Me lo aspettavo...

    Per quanto riguarda la recensione sono sostanzialmente d'accordo con te. E' una bella storia, ma piu' che un crossover e' una storia di Thanos e Warlock. Sono pochi gli altri personaggi che hanno un'importanza e una caratterizzazione leggermente maggiore di quella di una semplice comparsa (forse Dr. Strange, Silver Surfer, Hulk, e Cap hanno un po' piu' spazio).

    L'amore di Starlin per Thanos e' qua ancora a livelli accettabili, almeno per me. Nel senso che alla fin fine nonostante il protagonismo assoluto di Thanos ci esce fuori una bella storia, mentre nelle saghe cosmiche successive no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace sorprendere i miei lettori!
      Per la questione Thanos, secondo me qui inizia davvero il feticismo insoplortabile, con la prima delle dozzine di retcon ("hai sempre perso di proposito") che secondo me risulta molto fastidioso. Comunque opinione mia!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio