Didascalia

Didascalia

sabato 24 ottobre 2015

La breve storia della Crossgen (Forgotten Run)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che fa del leggere roba a caso una scelta di vita.
A volte però la scelta è vostra, e il centounista Scott ci ha chiesto di parlare della Crossgen.
Una casa editrice con una vita così breve, ma così breve, che l'articolo si può riassumere in un battito di ciglia. Ma qui su Comicsverse 101 scrivere di cose corte in modo lungo è parte dell'offerta, quindi saltate dopo l'intervallo per saperne di più!
Un logo così non può...HA GIA' FALLITO? MA ANDIAMO!

L'anno è il 1998, e l'imprenditore Mark Alessi, decide di di lanciarsi nel business dei fumetti, creando una casa editrice nota come Crossgen, e tirando giù un bel po' di idee per un universo narrativo.
Nel 2000, la casa editrice prenderà effettivamente il volo, lanciando sul mercato un primo gruppo di testate.
E' interessante vedere come, al contrario di altre case editrici, il lavoro Crossgen era raramente Freelance, e la maggior parte degli autori lavoravano assieme nel quartier generale dell'editore, nella città di Tampa. Ma parliamo di nomi grossini, tipo Barbara Kesel, Ron Marz e Mark "L'autore preferito del Giova" Waid.
Alessi aveva una visione molto precisa del suo universo narrativo, un universo noto come "sigilverse".
Questo perchè, una delle costanti della crossgen, era il sigillo (che era anche il logo) che i protagonisti delle testate portavano sul corpo, sigillo che donava a loro anche diversi poteri.
Aggiungeteci che ogni portatore del sigillo aveva una guida con vari poteri, e avevate di base una serie Crossogen. Esatto, erano tutte basate sullo stesso principio. Ma ne parliamo sotto.
Fatto sta che, l'idea era quella di spiegare tutto in una serie che raccontasse l'antefatto del sigilloverso, serie che arriverà nel 2003, una serie chiamata Solus. Piccolo spoiler, la Crossgen farà bancarotta nel 2004. Quindi....Non fu proprio la mossa di marketing migliore del mondo.
Fatto sta che il sigillo venne creato da Solusandra, una donna di Atlantide, che, come la maggior parte del suo popolo era ascesa al rango di divinità. Solusandra userà i suoi poteri per creare i sigilli, dando vita così ad una razza di protettori che avrebbero dovuto respingere l'avvento degli altri atlantidei, e darà vita anche a dei semidei noti come "I primi". Il più figo dei primi era Altwaal, un tipo col fisicaccio, i capelli biondi e le ali, che è onnipotente da far schifo. No ve lo giuro, siamo nel reame del Deus X Machina più estremo dell'universo. Fatto sta che, se volete saperlo, avere un sigillo ti dona il potere di controllare "L'energia universale". Che vuol dire "Non è che ci abbiamo pensato veramente, ma suonava figo".

La serie principali della Crossgen saranno così:

Meridian
Sul pianeta Demetria (ogni serie Crossgen era ambientate su un altro pianeta, abituato da umanoidi. Bianchi. Sempre. O quasi) le città sono isolotti fluttuanti. Meridian è la città dove prende piede la nostra avventura, e dove vive Sephie, la figlia del governatore. Solo che il padre muore, e Sephi diventa la nuova governatrice di Meridian, e una portatrice del sigillo.  La nostra dovrà sfidare suo zio pirata (e portatore del sigillo anch'egli) per portare la pace su Meridian.

Scion
La dinastia Heron, e la dinastia Raven sono in lotta da secoli. Ethan, portatore del sigillo e ultimo della stirpe Heron, deve lottare control il principe della dinastia Raven, e si innamora della sorella di quest'ultimo. Non l'avevo mai sentita. Ma mai.

Sigil
Ambientata nello spazio, Sigil narra la storia di Sam Rey, Roya Sintor, Zanniati Oribatta e JeMerik Meer sono quattro mercenari che seguono Sam (il portatore del sigillo) in una missione in lungo e in largo per un settore spaziale, per "Riunirli, e guidarli". Chi, non l'ho capito bene.

Sojurn
Arwyn, il suo cane e il guercio Gareth viaggiano per il pianeta Quin alla ricerca di cinque pezzi di una freccia che può liberare il mondo dal giogo di un dittatore, Mordath. In un bizzarro colpo di scena, il portatore del sigillo non è Arwyn, ma Mordath. ZUM ZUM ZUUUUUUUM!

The First
Una serie che parla delle avventure de "I primi", in una sorta di thriller politicozzzzzzzz. Cosa? Mi sono addormentato? Scusate, scusate.

Crux
Capricia, Galvan, Zephyre, Tug e Verityn sono sei atlantidei, svegliatisi dopo 10mila anni da una stasi, e non sanno bene cosa fare della loro vita. Devono "ascendere" come i loro compatrioti? Oppure vivere la loro vita?

Mystic
Sul pianeta Ciress, la magia è organizzata in gilde rivali. Due sorelle sono le nostro protagonista, Genevive, studiosa e maga potente, e Giselle, ragazza viziata. Ovviamente il sigillo sceglierà Giselle, che si ritroverà a dover unire tutte le gilde sotto un'unica bandiera. Anche se in realtà l'onore sarebbe dovuto essere di Genevive.

Ruse
Sul pianeta Arcadia, che è tipo la Londra Vittoria, vive il detective Simon Archard, un tipo calmo, freddo e con la memoria eidetica. La sua assistente, Emma Bishop, ha poteri magici. Non si sa se Simon è un portatore del sigillo, ma è molto probabile. Di base, è una serie sui detective, dove ci sono anche i Gargoyles. ED E' MERAVIGLIOSA

La Crossgen otterrà così un moderato successo, e continuerà a pubblicare serie legate e slegate dal sigilverso, lavorando anche ad un crossover, dove tutti i protagonisti lottavano contro la misteriosa forza nota come Negation. Putroppo però nel 2004, la casa editrice andrà in bancarotta, arrivando a chiudere così tutte le sue testate.
Motivo della bancarotta erano vari pagamenti mancati ai freelancers, e il conseguente abbandono di gran parte dello staff.
La casa editrice sarà poi comprata dalla Disney, che proverà a continuare a pubblicare alcune serie "indipendenti" come la storia fantasy Abadazad, che era molto carina.
La checker books pubblicherà alcune raccolte di vecchi volumi, ma la storia della crossgen sembrerà aver trovato la morte. Era il 2007
Nel 2010, dopo che la Marvel venne comprata dalla Disney, la casa delle idee rilancierà in tre miniserie Ruse, Sigil e Mystic. La cosa non fregherà a nessuno (anche perchè, a parte il solito Ruse, il resto non era sta gran cosa) e il rilancio Crossgen affonderà. Di base però i diritti sono sempre lì, prima o poi vedremo l'Uomo Ragno con il sigillo. Ma anche no ecco.
Nell'ambiente, la Crossgen è spesso derisa da più, e amata da pochi. Personalmente, mi schiero con i primi. L'idea generale di una grande ambientazione che copriva tutto, una mitologia che collega un universo, e la struttura formulaica della casa editrice era, ed è una mossa furba. Peccato che fu gestita malissimo.
La qualità delle serie era....non eccelsa. Per fare un complimento. Certo, la Crossgen ottene anche candidature a vari premi, e alcuni miniserie (di cui non abbiamo parlato perchè molto corte) sono anche simpatiche, ma, a parte una/due testate, la qualità dell'offerta, non era sufficente a tenere la Crossgen sul mercato. Specialmente negli anni 2000, dove i fumetti di Marvel, Dc e Image stavano in un momento di qualità pazzesco, e una piccola offerta nuova, ma brutta non aveva spazio per muoversi. Fosse nata negli anni 90, forse oggi avremo una serie Tv di Ruse. Ma così non è.
E sebbene un po' mi spiaccia, diciamo che non piango.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. La recensione breve è "fa schifio".Pronti a partire. Let's go

12 commenti :

  1. Bih non mi dicono nulla, diciamo che capisco perchè sono finiti nel dimenticatoio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema di molte proposte non di supertizi,è che tendono a voler esser di supertizi. Tutta l'atmosfera mistica è buttata nel gabinetto se son serie tutte uguali

      Elimina
  2. Non ne avevo mai sentito parlare, ma sembrano tutte simili tra loro o é una mia impressione, a parte forse il sosia di Sherlock Holmes? In Italia sono mai arrivate queste serie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qulcosetta! Ma nel 2003, troppo tardi insomma!

      Elimina
  3. Probabilmente l'unica cosa che varò visto di questa casa è il fumetto di Dragon's Lair.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettiamoci anche che ha avuto una vita corta!

      Elimina
  4. Meridian e Sigil non erano malaccio, dai! Poi, in the First Castellini dava il via alla sagra dell'addominale, è vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sigil lo trovai illeggibile. Meridian era simpatico ma la sagra del tropo.
      Poi oh, de gustibus!

      Elimina
  5. Ho capito cosa chiederti per il prossimo mese delle richieste! Scegli tu basta che sia una cosa che ti abbia fatto schifo!!! Ahahahah recensione bellissima mi sono scompisciato XD

    RispondiElimina
  6. Ruse era praticamente la copia di una fan-fiction dove Sherlock Holmes aveva Irené come assistente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. Per quanto il tropo dell'investigatore ci sia, la serie andava su dei binari molto fichi, e diversi da quelli tipici di Conan Doyle e soci ;)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio