Didascalia

Didascalia

venerdì 12 giugno 2015

Amazing Fantasy 15-la retrospettiva (Come Eravamo)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che non si dimentica delle rubriche che ha. Almeno non sempre.
Torna, in una nuova installazione, "Come Eravamo", quel segmento di blog dove ci chiediamo "Questo fumetto costa i milioni, ma li vale davvero?" e di solito ci rimaniamo sempre male.
Oggi, analizziamo la prima apparizione dell'Uomo Ragno, nel 15esimo numero dell'antologico Amazing Fantasy!
E non ha il trattino! NON HA IL TRATTINO! E' UN BATMAN A ROVESCIO!
Nota storica
Amazing Fantasy 15, è stato pubblicato nel 1962, e, al contrario di vari antologici, è tutto scritto e disegnato dalla stessa coppia di autori, Stan Lee e Steve Dikto (con copertina di Jack Kirby).
AF nasceva come normale antologico di fantascienza, per poi passare a diventare Amazing Adult Fantasy, il magazine che rispetta LA TUA INTELLIGENZA ovverosia un normale antologico di fantascienza ma solo con storie di Lee e Dikto. Alla fine della fiera, AF chiuderà proprio con il numero 15. Peccato, perchè la serie era davvero bellina.

Spider-Man (Con il trattino stavolta. Oh, ma decidetevi)
Le origini dell'Uomo Ragno! Il timido liceale  Peter Parker che non saprebbe distinguere un Cha-cha-cha da un valzer, viene morso da un ragno radioattivo e bla bla la sapete la storia. Quello che è interessante notare, è che A) La storia è strutturata un po' meno come una storia di supereroi, ma sempre come una normale storia di fantascienza tipica del magazine, con una bella morale di fondo (l'evergreen "Da grandi poteri derivano grandi responsabilità). B) Ad un certo punto sulla maschera dell'Uomo Ragno spuntano degli occhi, per motivi a me ignoti. C) La frase "Da grandi poteri" NON viene detta da Zio Ben in origine, ma dal narratore onniscente e, D) Avete presente quando ve la meno che i supereroi sono "Un soldo la dozzina"? E' perchè lo dicono in questa storia.

Il Campanaro
In un isola lontana, il vecchio Pedros (no davvero) non è un pescatore come i suoi concittadini, ma un campanaro. Ogni giorno, Pedros suona le sue campane, ma nessuno sa perchè. Quando il vulcano dell'isola inizia ad eruttare, la popolazione si dà alla fuga, tranne Pedros, che si lancia verso il suo campanile per compiere la sua missione un'ultima volta, solo per essere salvato da un raggio misterioso, proveniente da chissadove, ma lanciato da coloro per cui Pedros suonava le campane. Non è che si capisca molto bene chi siano questi amanti delle campane, ma oh, erano gli anni 60.

L'Uomo nel Sarcofago
Un uomo apre un sarcofago e ci trova dentro una mummia vivente, che lo nasconde all'interno della vecchia bara egizia. Quello che l'uomo non sa, è che essere messo nel sarcofago lo trasporterà nell'antico Egitto, dove diventerà uno schiavo costruttore delle piramidi. No ve lo giuro, detta così suona male, ma è forte. Davvero! Ehi! tornate qui! Per favore!

CI SONO I MARZIANI FRA DI NOI!
Un'astronave arriva sulla Terra, e l'invasione dei marziani è cominciata. La nostra storia si alterna fra una coppia di sposini e sulle forze dell'ordine che cercano gli alieni. E alla fine gli alieni sono la coppia di sposini. ZUM ZUM ZUUUUUUUM! (Era una vita che non lo scrivevo. Mi fa sentire giovane)

BONUS!
Siccome negli anni 60, gli antologici avranno meno pagine rispetto a quelli degli anni 40, le storie all'interno del fumetto sono già finite. Vi presentiamo però due sottosegmenti. La pubblicità più strana trovata nell'albo, e in questo caso un importante messaggio dall'editore!

La Pubblicità più strana
Con solo tre dollari (oggi sarebbero 24) si poteva comprare un BOA CONSTRICTOR GONFIABILE DI TRE METRI. Che a quanto pare era superrealistico, e non di plasticaccia, ma di vera gomma americana. Sono....Sorpreso.

L'importante messaggio dell'editore
Amazing Fantasy era un progetto che Lee e Dikto (O forse solo Lee) avevano molto a cuore, ma purtroppo le vendite non erano delle migliori. Anche perchè, produrre ogni mese cinque storie per un antologico solo, non era una mossa furbissima, e quindi Lee pensò di introdurre l'Uomo Ragno, sapendo che comunque la serie sarebbe stata chiusa. Nel messaggio importante per noi lettori, il sorridente ci spiega che sì, fare Amazing è difficile, che ha tolto il sommario per avere una pagina in più di fumetto, e ci chiede se l'Uomo Ragno ci sia piaciuto, e se così fosse potremmo vederlo più spesso su Amazing Fantasy, anche in, trattengo a stento l'emozione, DUE STORIE! E che hanno tolto la scritta "Amazing Adult Fantasy" perchè qualcuno si vergognava a comprarlo. Non chiedetemi nulla, io sono nato 28 anni dopo e non ho idea come potesse essere un teenager negli anni 60.

Lentamente, Amazing Fantasy mostrava i primi segni di cedimento dell'antologico con storie di Fantascienza, che avrebbe poi lasciato il posto all'antologico....Coi supereroi. Niente più storielle da cinque pagine, ma solo due balenotteri da 15.
E la cosa è un po' triste perchè, occhei, l'Uomo Ragno è la storia più solida dell'albo, ma si parla di uno dei personaggi più furbi dei comics, forse il secondo dopo Superman, ma tutta la testata non era male, e molte storielle avevano anche del fascino mica da ridere (forse hanno messo quelle più noiose nell'ultimo numero apposta, chi lo sa!).
Amazing Fantasy è però, una testata che anche oggi si legge volentieri, anche se è una lettura piuttosto breve.
Rileggendola, sembra un peccato vedere come un genere così interessante come l'antologico, ch può vantare un pool di avventure sempre diverse sia ormai una cosa del passato, ma mi rendo conto che le mode cambiano, e anche i gusti del pubblico.
Se però vi interessase leggere tutta la saga, di recente tutti i 15 numeri di AF sono stati ristampati in un omnibus, che potete trovare in fumetteria, librerie specializzate o Su Amazon. Il volume è un po' costoso, sono 39 euro, ma vi assicuro che a me ha divertito tantissimo, e che la puzza di vecchio non si sente neanche da lontano.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Quando un giorno diventerò uno di quei blogger a ci la gente regala cose, voglio il boa da tre metri. Pronti a partire. Let's go!

18 commenti :

  1. Voglio sapere chi ha salvato il campanaro e se la paga é buona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Putroppo nessuno ce lo dirà mai....vivremo nel dubbio! Oppure cin inventiamo un tormentone nuovo ;)

      Elimina
    2. Lamia nuova aspirazione ora é quella di diventare campanaro con un boa constrictor attorno al corpo!!

      Elimina
    3. È proprio vero che i fumetti rovinano la gioventù... ;)

      Elimina
  2. Ma oltre alla storia dell'Uomo Ragno, anche le altre fanno parte della continuity Marvel?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No! Ne parlerò poi in un articolo successivo, ma la continuity arriva solo nel secondo numero dell UR

      Elimina
    2. Peccato perchè il campanaro aveva degli spunti interessanti! XD

      Elimina
  3. Ho capito tutto: in realtà Ditko proponeva Spider-Man con l'ifene, ma poi ha litigato con Stan Lee (sai che novità), il quale ha chiesto a Kirby di disegnare la copertina senza metterci l'ifene solo per fare un dispetto a Ditko. Ma in realtà Stan Lee ha fatto una mossa furba, perché, quando Ditko aveva litigato precedentemente con lui (il giorno prima), aveva deciso di affossare la serie presentando Spider-man come clone di Bat-Man.
    Ecco scoperto il complotto. Ora devo solo trovare in tutto questo il ruolo della lobby massonica e ci scrivo un libro sopra. (Lavos-Distopico)

    RispondiElimina
  4. La storia di Pedros sembra uscita da Ai Confini della Realtà...

    RispondiElimina
  5. Tutti a parlare di Pedro, ma la parte più Amazing sono sicuramente i puntini sugli occhi dell'uomo ragno, oh.

    RispondiElimina
  6. Vogliamo parlare dell'ombra di Peter che non combacia con la posa che ha mentre Flash e Lizzy lo perculano?

    RispondiElimina
  7. Io il boa-costrictor gonfiabile da 3 metri lo voglio come regalo di natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bastano 3 dollari! Magari la ditta è ancora in attività

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio