Didascalia

Didascalia

martedì 24 marzo 2015

Watson e Lovecraft della Cagliostro Epress: la recensione (Conigli per gli acquisti)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che sa che tutti dobbiamo iniziare da qualche parte. Del tipo su questo blog il primo mese avevamo fatto 200 visite. In totale.
Oggi, usciamo un attimo dal mese delle richieste (che poi, io sono un centounista e ho diritto alla mia richiesta. Una sola perchè non sono iscritto al blog) per parlarvi di un progetto italiano particolarmente interessante. Seguiteci dopo l'intervallo per saperne di più!
Elementare, Lovecraft!

Col titolo lunghissimo, specialmente per chi scrive facendo un sacco di errori di ortografia come il sottoscritto, 221B Baker Street London 1927 Dr J.H Watson H.P. Lovecraft è un volume antologico tutto scritto e disegnato da autori emergenti italiani, vincitori di un bando messo online dalla Cagliostro Epress (che ringrazio per avermi fatto presente questo prodotto).
"Ma Giova, di che cosa tratta questo volume?" Vi starete chiedendo voi centounisti?
Beh, in pratica siamo nel 1927, e il romanziere Howard Philps Lovecraft, si prende un anno sabbatico dal lavoro per curarsi a Londra da un medico di famiglia, John Watson, già assistente del famoso detective Sherlock Holmes. 
 Ora, bene o male tutti conosciamo John Watson e le sue doti di medico e narratore, ma forse non tutti i centounisti conoscono H.P. Lovecraft.
In pratica il nostro fu un romanziere particolare. Nel senso che i suoi scritti erano particolarmente stranianti e inquietanti, avendo come protagonisti mostri, dei oscuri e orrori provenienti da un passato misterioso del nostro mondo.
Seppur non apprezzato dalla critica del periodo, in poco tempo Lovecraft e le sue visioni lisergiche e spaventose diventeranno ispirazione per numerosi artisti, musicisti, scrittori,  e anche generazioni di aficionados amanti del horror fantastico.
 Ed è quindi qui che il fumetto inizia, dando vita ad un bizzarro amalgama fra uno scrittore paranoico e conservatore, ma con un piede nel mondo del fantastico, e un medico narratore con ambo i piedi ben piantati nel mondo della scienza. I nostri due eroi si ritroveranno così a dover condividere un tetto e varie avventure ai limiti dell'impossibile, che sono poi il vero succo del volume.
Verrebbe da dire che l'abbinamento fra un personaggio nato come spalla e uno scrittore che ha affascinato milioni di lettori sembri un po' bizzarro, ma è proprio questa unione originale (sarebbe stato facile fare Holmes e Lovecraft, ma avremmo avuto un fumetto molto diverso) che permette non solo un'ottima chimica fra ambo i protagonisti, ma permette anche ai vari team creativi di esprimersi liberamente raccontando la loro storia.
 Il volume è composto così da dodici storie (più un prologo e un epilogo, oltre ad alcune tavole umoristiche), una per ogni mese dell'anno del signore 1927, che è poi quello che, nella storia nella fantastoria, i nostri protagonisti passeranno assieme.
Al volume hanno partecipato (in ordine alfabetico) Matteo Bocci - Camillo Bongiovanni - Leonardo Bonesso (tredicesima storia, disegni) - Paolo Buscaglino Strambio - Domenico Carbone - Gaia Cardinali - Stefano Carreri - Gilda Cesari - Rolando Ciccatelli (prologo ed epilogo) - Salvatore Coppola - Michele D’Angelo - Michele De Sanctis - Alessandro Diele - Alberto Duca - Christian M. Fedele - Gianluca Girelli - Massimo Ginatempo - Enzo Iamundo - Nastasia Kirchmayr (tavole umoristiche, disegni) - Giorgio Neri - Marco Orlando - Massimo Perissinotto (tredicesima storia, sceneggiatura) - Edoardo Rohl - Albano Scevola (copertine) - Umberto Sisia (tavole umoristiche, sceneggiature) - Vittorio Sossi - Antonio Stelitano - Paola Tovaglieri - Sergio Vanello.
 Ma, alla fine della fiera, abbiamo parlato del livello prettamente tecnico, come sono le storie?
Beh, buone. No davvero. Si tratta principalmente di dodici storie diverse per atmosfera e struttura, e, sebbene alcune siano migliori di altre, il volume viaggia tutto sulla lettura assolutamente piacevole.
Taluni detrattori dell'antologico dicono che l'atmosfera cangiante sia un danno, ma noi di comicsverse 101 non siamo di questa idea. La bellezza del volume sta proprio nel vedere un'avventura stile CSI, per poi passare ad un avventura fantasy, e anche alcune storie oggettivamente disturbanti.
Io poi sono un fifone assurdo, quindi l'horror mi prende sempre.
Se devo scegliere una storia che mi ha colpito di più, devo dire che ho trovato particolarmente stimolante "L'avventura del mercantile alla Deriva", storia spaventosa e con un bellissimo finale, che prende in pieno lo stile originale di Lovecraft.
Watson e Lovecraft è un volume interessante. Un'ottima lettura disimpegnata per chi vuol leggere solo una storia alla volta, o appassionante per chi adora del buon fumetto italiano.
Tutti gli autori all'interno del volume dimostrano una buona dose di talento, e speriamo che questo volume sia una possibilità di lancio per vari progetti futuri (un secondo antologico è già in cantiere). Certo, non è un volume privo di difetti, alcune storie sono meno belle di altre, e alcune volte il team creativo ci dà una narrazione un po' grezza, ma ricordiamoci che non siamo davanti a vecchi veterani della carta stampata (che non sono perfetti lo stesso).
La cosa molto buona di questo progetto è questa: tutti i capitoli (eccetto il prologo, l'epilogo e le tavole umoristiche) sono reperibili in formato ebook sul sito della Cagliostro, che vi lascio qui.
Se quindi volete darci una letta, si può fare aggratis. Ma, se l'ebook non è il vostro genere, la Cagliostro ha anche pubblicato un volume cartaceo al costo di 14,90. Che per 220 venti pagine di fumetto italiano fatto da giovani è un affarone. Per ordinarlo, potete dare un click qui.
Io non sono il più grande fan del fumetto italiano, e spesso l'ho detto su questo blog. Ma ammetto che questo progetto mi ha piacevolmente sorpreso per la sua scorrevolezza e premessa intrigante. Sorpresa è la parola chiave, sorpresa è poi il tema centrale del fumetto, sia per le sue storie sovrannaturali e oniriche, sia per il suo elemento di mistero che permea tutta l'opera. Sorpresa. Che poi è il motivo per cui mi piacciono i fumetti. Waston e Lovecraft guadagna tre conigli e mezzo su cinque. Davvero consigliato.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Se leggo un horror di base non dormo per sei anni. Pronti a partire. Let's go!

10 commenti :

  1. Ecco cosa compreró prossimamente, soprattutto per il fatto che amo le atmosfere di Lovecraft e le indagini alla Sherlock Holmes!! Grazie del consiglio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Homes però non c'è nell'albo ;) Grazie a te del supporto!

      Elimina
  2. Annalcontrario24 marzo 2015 12:05

    Finalmente qualcosa da leggere sul mio Kobo! Mi ispira questa serie, anche se la tua idea di Holmes e Lovecraft mi sembra molto sghicia ihihihihihi (:

    RispondiElimina
  3. Il segutio è "H.P. Lovecraft & Sherlock Holmes".
    http://cagliostroepress.com/board/36-contest/309-10-barnes-street-providence-1929-hp-lovecraft-a-sherlock-holmes-il-bando
    Se seguite la pagina FB di Cagliostro Epress ci sono anche le anteprime.

    RispondiElimina
  4. Grazie per la recensione, sono contento che la mia storia ti sia piaciuta in modo particolare! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ti ringrazio perchè mi è venuto un infartino :P Scherzi a parte grazie per il supporto!

      Elimina
  5. Complimenti Gio, io adoro Lovecraft! Non vedo l'ora di avere questo volume, lo ordino subito!

    RispondiElimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio