Didascalia

Didascalia

mercoledì 18 marzo 2015

L'X-Factor di Peter David:parte 1, gli inizi (Mighty Nineties)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che inizia una nuova retrospettiva su un certo ciclo di storie. Si lo so, dobbiam finire la Legione e la Doom Patrol, ma il centounista Paolo ci ha chiesto di parlare di X-Factor, il gruppo che otterrà il suo maggior successo con lo scrittore Peter David, che ha scritto ben tre iterazioni del gruppo. Oggi, parliamo della prima, la nuovissima X-Factor! Prima maniera.
Credevate che "All New" fosse una prerogativa del Marvel NOW nevvero?

In principio X-Factor era una delle mosse più bizzarre della storia dei fumetti. In pratica i cinque X-Men originali si uniranno in un nuovo gruppo il cui   scopo sarà quello di catturare HOMO SUPERIOR, addestrandoli però in segreto ad usare i loro poteri, mentre indossavano i costumi fingendo di essere terroristi mutanti noti come X-terminators. Se non avete malditesta, seriamente, ditemi come fate.
Nel frattempo, il governo aveva il suo gruppo mutante personale, la Freedom Force, che durante una missione in medio oriente sarà sconfitta. La direttrice del programma, Valerie Cooper deciderà di riesumare il nome X-Factor per creeare un nuovo team, formato da vecchie conoscenze degli X-men. Esatto amici, è l'ora della "classica lista con tutti i personaggi". Siete emozionati? Io no. Devo smetterla di esser così passivo-aggressivo.

Havok
Alex Summers è il fratello del famoso Ciclope, solo che lui dopo l'apparente morte dei genitori sarà adottato e vivrà una vita normale. Almeno fino a quando non verrà reclutato dal Prof X, che lo aiuterà a dominare il suo potere mutante assurdamente figo, ovverosia quello di assorbire l'energia circostante per poi rilasciarla sotto forma di plasma. In pratica Havok è un sole umano. UN SOLE IN ESPLOSIONE! Seppur potentissimo, Alex avrà nel corso degli anni numerosi complessi di inferiorità nei confronti del fratello. Era il mio X-men preferito dopo Nightcrawler, ma adesso è bigotto da far schifo.

Polaris
Figlia del terrorista Magneto, Lorna Dane possiede simili poteri magnetici. E' innamorata di Alex, e hanno una relazione metti/togli/metti/togli. Ne parliamo meglio qui, ma sappiate che l'ha creata un centounista. Non so se lo conoscete, si chiama Jim Steranko.

Wolfsbane
Rahne Sinclair è figlia di una prostituta e di un prete cattolico, che non solo negherà di esser suo padre, ma la alleverà con odio viscerale, definendola posseduta dal diavolo. Non aiuta il fatto che Rahne abbia il potere mutante di mutarsi in lupo, o in una forma ibrida mannara. Fortemente cattolica, e spesso schiava dell'animale in lei, Rahne è la più giovane del gruppo, ed è molto insicura sulla sua vita.

Quicksilver
Pietro Maximoff è figlio del terrorista Magneto, e possiede il potere di correre alla velocità del suono, o poco superiore. E' arrogante, antipatico, ma profondamente sensibile, solo che non lo fa mai vedere perchè l'ho già detto che è antipatico come la bratta?

Uomo Multiplo
James Madrox è un changeling, uno step precedente ai mutanti. Il suo potere è quello di assorbire l'energia cinetica (anche di uno schiocco di dita) per creare duplicati di se stesso. Il duplicati sono indipendenti l'uno dall'altro, e a volte sviluppano una personalità propria, che non aiuta molto.
Jamie nasconde la sua tristezza con l'umorismo.

Forzuto
Guido Carosella assorbe l'energia cinetica per mutarla in forza. Un incidente da bambino lo muterà in una forma gigantesca in grado di sollevare almeno 50 tonnellate. Il problema è che Guido prova sempre dolore muscolare, e se non rilascia subito l'energia assorbita rischia attacchi di cuori. Guido nasconde il suo dolore con l'umorismo. Notate un trend? Comunque un umorismo più chic di quello di madrox. Il suo nome è una presa in giro della convenzione che nei gruppi c'è sempre un "forzuto".

Siccome i mutanti non erano proprio ben visti (erano gli anni 90, e ora non è che oggi siano dei fighi, ma all'epoca ce la tiravano fortissimo con i patemi), Guido arriverà così a dire che "mutante" era un termine offensico, e loro erano dei "Geneticamente Aumentati", oppure "Già". Almeno così lo tradurrei io.
Fatto sta che questo setterà un po' le basi per dove la serie doveva parare: umorismo buffo, e prese in giro dei fumetti classici dell'epoca, uniti ad un critica al mondo e ovviamente una buona dose di botte.
I primi nemici del gruppo saranno i misteriosi Nasty Boys, gruppo di mutanti malvagi guidati dal criminale Sinistro. La sorpresa sarà che nel gruppo c'era anche un duplicato di Madrox, che aveva ottenuto il libero arbitrio e non voleva più essere riassorbito nell'originale.
Il team verrà poi spedito in medio oriente per svolgere una missione (e avere un crossover con l'incredibile Hulk, l'altra serie scritta da Peter David).
Nella confusione, Rahne verrà rapita da un uomo e da sua sorella. Mentre quest'ultima non aveva nulla contro Rahne, l'uomo la vedrà come impura, e proverà a farla fuori. Nella confusione, sarà però la sorella a morire.
E in quel singolo momento, Rahne non era più bambina. Ne donna. C'era solo il lupo. E con un balzo e un ruggito, le sue mascelle conosceranno solo una legge. Quella della giungla.
X-Factor si ritroverà poi a dover venire a patti con un professore che aveva inventato una cura per i mutanti. Seppur la trama si vedrà più e più volte nelle X-testate, in questo caso, la situazione sarà filtrata dagli occhi di Rahne ancora sconvolta per il suo atto peccaminoso e terribile, e di Quicksilver, cresciuto in ambiente suprematista, ma con una figlia senza poteri mutanti.
Quicksilver e Madrox si metteranno poi sulle tracce di una mutante con la pelle blu che aveva misteriosi poteri legati alla musica. Grazie alla sua arte, e al suo sguardo profondo come il cielo, la ragazza sedurrà Madrox.
Una volta scoperto che la donna era in realtà un'assassina l'uomo multiplo si deciderà a portarla alla giustizia.
Dopo varie disavventure, X-Factor avrà l'obbiettivo di proteggere una preziosa testimone superpotente, sulle cui tracce c'era però anche il mercenario Cyber, dotato di potenti artigli velenosi, che infetteranno Guido lasciandolo in fin di vita.
Posto di fronte a dover prendere un antidoto sulla cui possibilità di funzionare c'erano dei dubbi, Guido deciderà di fare i capricci. Fino a quando Havok, per provargli la sua buona fede, deciderà di avvelenarsi a sua volta. Se si fossero sbagliati, se ne sarebbero andati in due.
In seguito ci riveleranno che in realtà Havok aveva bevuto solo dell'acqua. Ops.
Citiamo poi che,negli anni 90, nel cosmo mutante esisteva un'isola chiamata Genosha, costruita col lavoro di schiavi mutanti, controllati da un gruppo di umani noti come i Magistrati.
Nel mondo di X-Factor cadranno poi tra capo e collo dei profughi proprio di Genosha, un gruppo di mutanti che prenderà il nome di eXiliati (se non hai una X non eri nessuno), e cercherà asilo sul suolo americano.
I nostri GIA' faranno così amicizia con i compagni profughi, e proveranno a riportarli a casa sotto migliori auspici.
X-Factor finirà poi in mezzo al crossover "la canzone dell eXecutore" (io vi avevo avvertiti sulle X), ma siccome era un crossover orrido e disegnato malissimo, io ve lo risparmio. Non ringraziatemi davvero.
Eeeee poi, signori miei, l'uscita di X-Factor di cui tutti parleranno negli anni a venire, definendola una delle migliori storie mutanti di tutti i tempi. E lo faranno perchè hanno ragione!
In X-Aminations, vedremo tutti il team affrontare una seduta psichiatrica (che sembra più una valutazione psicologica, ma chi sono io per dirlo! Ah giusto, un pedagogista. KABOOM!) con il supereroe Doc Samson. Ci verranno così rivelate le paure di Rahne, le insicurezze di Lorna e Alex, il dolore di Guido, e perchè Quicksilver sia così fetente. E in più, Valerie Cooper, il capo del gruppo, una volta valutata a sua volta, dimostrerà di non essersi accorta di una singola cosa avvenuta nella vita del suo team.
Una storia che prende il fine umorismo di Peter David, e ci unisce un'introspezione moderna, gestita con delle parole pesate e calcolate al grammo, in una seduta realistica, e coerente con tutto quello che avevamo visto nel ciclo di storie.
Subito dopo, David ci farà conoscere Random, cacciatore di taglie mutante, col potere di essere immune a tutti i poteri mutanti e di trasformare ogni parte del proprio corpo in un arma. Che è il potere più anni 90 di tutti i tempi. Inoltre, Random porta gli occhiali da sole anche di giorno e la bandana. Io ci avrei messo più cinture, ma sapete com'è.
Mentre il Team continuava a cercare di sistemare gli eXiliati, Quicksilver cercava di riconquistare la moglie Crystal, che però si trovava nel bel mezzo di un triangolo amoroso supercomplesso, afflitto da parole come Gann-Josin. Che non esiste, è inventata. Però è ganza.
Seppur Pietro sarà cambiato col team, così avrà fatto Crystal, e i due giovani non riusciranno a ritrovare quell'alchimia che li aveva fatti innamorare.
Ma il pericolo per X-Factor non era ancora finito. Arrivati su Genosha, i nostri scopriranno non solo che i Magistrati li avevano traditi, ma anche che Peter David aveva lasciato il posto a Scott Lodbell. Le urla dei fan della serie di tutto il mondo, in un piccolo, minuscolo momento, faranno tanto di quel rumore bianco da rendere sordo chiunque fosse ad almeno cento metri da una copia del fumetto. Poi alla fine li salvano gli eXiliati, ma il danno era fatto.
X-Factor era una serie ricordata dai più come rivoluzionaria. In un panorama di armi lunghe come la Salerno-Reggio Calabria, in una lunga serie di eroi tristi e malinconici e team con almeno un clone di Wolverine, X-Factor era un raggio di sole.
Sottotrame, ironia, personaggi che non erano solo le loro armi davano davvero una marcia in più al gruppo, per non parlare della critica sociale, stabile dei fumetti X, tratteggiata con la maestria di chi per anni ha scritto di politica e di monarchia.
I disegni erano nella norma, anche se ad un certo punto sulla serie debutterà il diavolo in persona. Che se restava su Ninjak era meglio.
Ma la domanda che vi state ponendo suppongo sia questa: "Quando fai un post su Wolverine? A che stagione sei dell'Uomo Ragno? X-Factor è bello?". Le risposte sono spero mai, aspettate e vedrete e....Forse.
Mi spiego meglio. X-Factor, era un fumetto moderno e tagliente rispetto al periodo storico in cui era. Ergo, due terzi buoni del fumetto sono datati. Non mi fanno più ridere le battute topiche, anche perchè io nei primi anni 90 non sapevo mica leggere, figuriamoci seguire la cultura pop.
E poi, guardandolo con gli occhi del critico, X-Factor soffre molto della sindrome del guercio nel regno dei ciechi. La concorrenza era talmente scarsa, il livello della maggior parte delle testate era talmente mediocre, che un fumetto di buona, ma non ottima, fattura spiccava come un ippopotamo nel budino.
Intendiamoci, X-aminations, è una storia bellissima. E anche Rahne che perde il controllo, è una storia con delle conseguenze vere. Ma il resto, è una capsula anni 90 quasi come gli Youngblood. Mentre uno incarnava lo Zeitgeist del periodo, l'altro lo prendeva in giro. Ma tolto quel contesto, rimane "solo" un fumetto carino. Lo consiglio? Certo, è una lettura super piacevole. E' il miglior lavoro di PAD? Non vedo mani ad uncino, ne costumi del dia de los muertos.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Prima o poi parlerò anche della nuova X-factor. Datemi un anno toh. Pronti a partire. Let's go!

16 commenti :

  1. Grazie tante reputo davvero che PAD abbia fatto un ottimo lavoro su questa testata e mi ha fatto davvero affezionare a i loro protagonisti, La bellezza di questa serie sta proprio nel fatto che ognuno recita il proprio ruolo senza diventare una macchietta o essere messo solo sullo sfondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il supporto e per la tua opinione!

      Elimina
  2. Bel post, non vedo l'ora della parte 2.
    La seconda run di David su X-Factor è per me una delle serie più belle di sempre; e la terza sa partendo in modo interessante, anche se mi manca Madrox.

    Comunque, parlando di autori: una parola su Hickman? Solo per curiosità mia. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dammi un anno dai, ci arrivo. La terza è molto bella secondo me, è una delle poche cose "all new" che sembra davvero "alla new".
      Su Hickman, come lui non posso usare una sola parola. E' uno dei più bravi a livello tecnico, ma i suoi finali non son granchè. A me piace molto sulle cose sue, e i suoi fantasici quattro sono il secondo ciclo migliore di sempre.

      Elimina
    2. Hickman lo reputo uno dei migliori scrittori attualmente in circolazione SHIELD e Secret Warriors sono 2 piccoli capolavori

      Elimina
    3. Shield è troppo piena di Hickmanismi, ma i titoli dei personaggi aono ganzissimi. Secret warriors spacca

      Elimina
  3. Bel post!!! A proposito, sai dirmi se é vero il fatto che per Forzuto si sono ispirati ad un personaggio italiano? Se non mi sbaglio Ranxerox.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica fonte che so di questa ispirazione (oltre al look che è simile) è sulla wiki italiana, e senza fonte. Quindi non ci metto la mano sul fuoco, ma non lo so!

      Elimina
    2. Ok, grazie per la risposta!! Comunque il potere dell'uomo multiplo spacca di brutto!!!!

      Elimina
    3. Infatti nel futuro della serie PAD ci giocherà di brutto!

      Elimina
  4. Wolfsbane era il clone di Wolverine regolamentare per ogni supergruppo. In effetti una certa propensione alla parodia in 'sto fumetto si nota...
    (Lavos-D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per essere un vero clone di wolverine le mancano le varie cose sull'onore e l'esser davvero brava a fare a botte :P

      Elimina
    2. Per essere un clone di Logan servono principalmente: artigli, basette e l'essere davvero brava non a dar botte, ma a PRENDERLE... >:->
      Passando a questioni più serie: per cui come mai Quicksilver è così fetente? Vabbe', riformulo: a parte essere figlio di un esaltato con tendenze naziste che milita in un posto chiamato "confraternita dei mutanti malvagi", ha qualche buona scusa? (Lavos-D)

      Elimina
    3. Un po' perchè suo padre è un terrorista. Un po' perchè i suoi riflessi sono superveloci. Ma sempre, non può spegnerli. COsì tutti gli sembriamo lentissimi

      Elimina
    4. Praticamente un frustrato. Poareto. (Lavos-D)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio