Didascalia

Didascalia

venerdì 2 gennaio 2015

Il Flash di Grant Morrison e Mark Millar (Forgotten Run)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che si getta di corsa nel nuovo anno.
Iniziamo questo 2015 parlando di un ciclo molto breve su un personaggio che ha alle sue spalle una storia di cicli molto lunghi. Un ciclo che gli ha dato però alcune delle idee più belle e divertenti degli ultimi anni, dando vita ad alcune delle avventure più godibili della storia del personaggio. Wally West alias Flash ottiene così una gestione inglese, e lascia lo spazio a Grant Morrison e Mark Millar! Per saperne di più, seguiteci dopo l'intervallo!
Anno nuovo, problema delle copertine vecchio.

Ma prima di parlare del ciclo in questione, un po' di storia. Secondo volume delle avventure di Flash, l'albo di cui parleremo faceva parte del rilancio del personaggio in rosso, e vedeva come protagonista non Barry zzzzzzzzzzzzzzzzScusate mi sono assopito Allen, bensì il nipote di quest'ultimo, Wally West. Lanciato dallo scrittore Cary Bates, e raffinato da William Messner-Loebs, Flash era poi passato sotto la guida di Mark Waid, che aveva trasformato la testata (già di grande successo) in una bomba editoriale, riuscendo ad essere uno dei (se non il) titolo migliore della Dc degli anni 90. Arrivati al numero 130 (1997) però, il team deciderà di prendersi una breve pausa (fino al numero 141)dopo anni passati a scrivere di velocisti, lasciando per un breve periodo il testimone alle due M, Morrison e Millar, che all'epoca scrivevano spesso assieme. Voci vogliono che in realtà fosse solo Morrison a scrivere, e che Millar ci mettesse solo qualche dialogo, ma questo lo dice Morrison, quindi non abbiamo prove concrete o altro. Fatto sta che il nostro ciclo inizia proprio con un feticismo letterario "classico" di Morrison: i vestiti che prendono vita.
Flash e i suoi alleati si trovano di fronte ad una tuta senziente, creata per essere l'arma definitiva contro il velocista scarlatto. La tuta non solo possiede grandi poteri simili a quelli dei vari nemici di Flash, ma può anche legarsi ad un ospite e controllarlo parassiticamente.
Wally proverà a lottare contro il mostro indossabile, ma si ritroverà con ambo le gambe rotte.
La caccia alla tuta ricadrà così sul giovane impulso e sui veterani Jay Garrick e Max Mercury. Fatto sta che l'esperienza non basterà a salvare i nostri eroi, e max diventerà il nuovo ospite della tuta, dando al mostro non solo grandi poteri, ma anche la supervelocità.
Ma siccome la testata si chiama "Flash", sarà proprio il velocista scarlatto a salvare la situazione. Ma forse "scarlatto" non è il modo migliore per descrivere il nostro eroe. Attingendo infatti alla misteriosa forza della velocità, Wally sarà in grado di costruirsi un costume che funge da gesso, fatto di pura energia cinetica. E bom. Smetto qui di scrivere. Non credo ci siano cose più metal in questo ciclo.
Ottenendo anche l'abilità di cedere energia presa in prestito dalla forza della velocità, Wally rimetterà in sesto anche Impulso e Jay Garrick. La cosa in sè ha poco senso nel contesto della storia, ma l'abilità di prestare energia era negli anni 90 una cosa molto nuova per Flash, e sarebbe diventata poi uno stabile della testata, quasi come il vibrare attraverso la materia. "Flash: vi insegniamo la fisica da 75 anni"
La tuta poi proverà ad unirsi al Wally supercarico, ma non avrà il successo sperato. Grazie al suo nuovo costume, il nostro riuscirà a distruggere il mostro per sempre, ed inizierà in seguito ad usare sempre l'energia cinetica per dare vita ai suoi costumi.
In seguito, Wally vivrà una bizzarra caccia all'uomo molto SIlver Age contro il criminale Mirror Master (creato proprio da Morrison), che per un po' dividerà Flash in sette copie prismatiche di se stesso, che è forse la cosa più anni 60 di tutti i tempi dopo l'essere trasformato in un uomo con la testa da leone. FUMETTI!
Dando a Cesare quello che è di Cesare, avremo poi un albo tutto dedicato ad un giorno nella vita di Jay Garrick. E siccome Mark Millar aveva scritto una storia uguale ma con Superman al posto di Flash possiamo dargli il merito di questa idea, che oggettivamente funziona. Riusciamo così a vedere un eroe vecchio stampo fare del suo meglio per rendere la città un posto migliore. E quando Nightwing, un eroe che avrà visto Jay Garrick sì e no sei volte, dice "Che fico", non è perchè lo scrittore ci ha voluto gettare su giù per la gola che "vecchio è fico", ci ha mostrato, in modo organico e in linea con la serie e l'universo Dc, l'importanza di un personaggio che gira con una scodella in testa.
Chi legge questo blog da un po' sa quanto l'argomento mi sia a cuore. Il fumetto è un medium fato di disegni e parole, e cascasse il mondo adesso se uno dei due supera l'altro allora hai sbagliato mestiere. Un giorno nella vita di Flash non sarà la storia più bella del personaggio, ma ha molto più senso di varie retcon stupide o altri ritorni in grande stile. E' una storia semplice su un uomo semplice. E funziona. Senza contare che è anche una mezza storia d'amore e io con quelle ci vado a nozze fortissimo.
Ci sarà poi un breve crossover con Lanterna e Freccia verde (scritto però da Chuck Dixon)E poi...Beh e poi Millar e Morrison fanno il colpaccio. Mi spiego meglio.
Un velocista alieno viene trovato morto sul nostro pianeta. L'extraterrestre faceva parte di una corsa intergalattica guidata da due alieni onnipotente che scommettono su tutto. Se perdi la corsa, il tuo mondo muore. Il mondo in cui muori, deve dare un nuovo campione alla corsa altrimenti viene distrutto. E il nuovo campione altri non è che Wallace Rudolph West. Flash. L'uomo più veloce del mondo.
Dotato di un comunicatore interdimensionale per comunicare con il suo mondo d'origine (e soprattuto con la fidanzata Linda Park), della benedizione della Lega della Giustizia e del fato del mondo sulle spalle, Wally si getta così nella mischia.
Ma chi è l'avversario di Wally? E' un alieno di nome Kraakl, che viene da un mondo fatto di frequenze radio. Frequenze che Flash da bambino aveva incontrato, e con cui comunicava, credendo di avere un'amico immaginario che stava "A Radiolandia". Ma l'amico immaginario è vero. E soprattuto, soprattuto, sembra Sonic il riccio. Mi date un minuto? AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAh!
Flash scopre così che la gara, svolta a velocità folli prende luogo in tutto lo spazio e il tempo conosciuto. Mondi fatti di cristallo, universi in miniatura, non c'è posto dove la corsa non ti porti. Il problema è però uno e uno solo: Kraakl è sempre in testa.
Ricordandosi della vecchia amicizia, Kraakl rivelerà però a Wally il perchè l'esserino sia così veloce: il nostro infatti prende in prestito l'nergia cinetica del suo mondo, dove tutti devono  muoversi per dare energia al loro campione, in una letterale corsa contro la morte. "Prestare la velocità..." come nel primo ciclo? Mi volete dire che si possono gettare premesse in un ciclo di supereroi? E FARE METAFORE BUFFE? COOOOOOOOOOOOSA?
Avendo capito il trucco, FLash chiederà così all'intero pianeta di Terra di correre per lui, e scommetterà con gli alieni di essere in grado di arrivare per primo al suo pianeta d'origine. Gli alieni, che possiedono il trasferimento istantaneo accetterano la scommessa, ma se Wally vincerà distruggeranno lo stesso Radiolandia. In un tentativo di aiutare l'amico, Kraakl deciderà di regalargli tutta la sua energia cinetica, aumetando il potere di Wally, ma morendo per salvare il suo mondo. Ma ancora non era abbastanza. Wally doveva essere più veloce.
Ecco l'arma segreta. Superman, Jay Garrick, Max Mercury, Impulso e Jesse Quick. Senza Wally, sono le persone più veloci sulla Terra. E grazie alla loro energia Wally ottiene una velocità che è impossibile descrivere a parole. Ma ancora non sa dove sia la Terra. Come ricordate, Wally è perso nello spazio.
Ma grazie al collemgamento con Linda, il nostro eroe è in grado di seguire le corrente radio che lo collegano alla donna che ama, e che Dio solo sa quanto lui voglia sposare. Questo. Questo è tutto quello che vorrei leggere in un fumetto di Supereroi. Ma ancora non siamo alla fine.
Wally riesce così ad arrivare sulla terra muovendosi così velocemente che per lui tutto l'universo sembra un'infinita galleria di statue, e, usando tutte le radio del mondo riesce a portare radiolandia sulla terra, salvando entrambi i pianeti dagli scomettitori cosmici. ANCHE IL LIETO FINE? NON RIESCO A CAPACITARMERNE!
Ma, mentre Wally racconta la sua storia ad una classe, e viene fotagrafato, tutto il suo lavoro sembra andare in fumo. Perchè dietro la foto, appare la sagoma inquietante di uno spaventoso Flash Nero. L'ultima parte del ciclo sarà però accreditata solo a Millar.
Max Mercury sa che il Flash Nero esiste. Ed è la morte. In senso letterale. Ogni volta che un'essere collegato alla forza della velocità deve passare a miglior vita, la forza manda a prendere il malcapitato dal suo corriere in nero. Nessuno è mai riuscito a sconfiggere il Flash Nero.
Wally però ignora di essere nel mirino di questa creatura, e sta pianificando il suo matrimonio con Linda.
Ma, in un bizzarro evento, il Flash nero cattura Linda invece di Wally, effetivamente intrappolandola nella Forza della velocità. Flash non è riuscito ad veloce, e pagherà il prezzo restando così senza l'amore della sua vita. Per sempre.
Lo shock sarà tale che Wally perderà i suoi poteri, e deciderà di lasciare l'America per trasferisi a Londra.
Ma mentre il nostro si avvicina all'aeroporto, tutto il mondo ritorna ad essere una galleria di statue. E l'unica cosa che riesce a muoversi è Wally. Wally, e il Flash Nero. Che appare in tutto il suo splendido e terrificante aspetto.
Siccome il Flash Nero è solo forte abbastanza per uccidere la sua preda, Wally si ritroverà a dover giocare al gatto col topo con un essere che può ucciderlo col solo tocco. Neanche l'aiuto di Jay Garrick, Jesse Quick e Max Mercury riuscirà a fermare il mostro.
Ad un certo punto però, Max Mercury, il velocista più vecchio del cosmo Dc deciderà di sacrificarsi per salvare Wally. Ma non aveva messo in conto una cosa. Wally West ha già visto un amico morire per salvare qualcun altro. E Wally West ha una sola regola. In mia presenza, nessuno muore.
E così, in uno scoppio d'ernegia rubino, Wally recupera i suoi poteri e sfida il Flash nero ad una corsa mortale. Una corsa che finisce alla fine dell'universo. Dove la morte smette di esistere, anche solo a livello concettuale. Dio, come adoro i fumetti di supereroi.
Ma non volendo vivere in un mondo senza Linda, Wally deciderà spontaneamente di gettarsi a capofitto nella forza della velocità (da cui ricordiamo, nessuno è mai fuggito)...Solo per poi uscirne con Linda fra le braccia. Signori e signore, Wallace Rudolph West. L'uomo che ha corso più veloce della morte non una, non due, ma ben tre volte. Il fatto che non sia il protagonista di sei testate mi uccide dentro.
E, in un tocco di classe, e con una mano tesa verso il team creativo precedente che tornava a prendere le redini del personaggio, il ciclo scozzese di Flash con il nostro che chiede a Linda di sposarlo. Un modo fine e toccante per chiudere un cerchio iniziato col botto.
Al comparto grafico del ciclo troviamo Pop Mahn,Paul Ryan e Ron Wagner. Tre disegnatori molto diversi, per tre storie molto diverse. Il duo M inizia il suo ciclo gettando le premesse per il botto che il suo secondo atto, con una storia molto semplice, e in linea con la gestione precedente, solo per poi decidere di giocare un po' con uno dei più grandi personaggi Dc, portando Flash oltre quel "mondo" del quale dovrebbe essere l'essere più veloce. La saga del Flash Nero è molto interessante, non solo perchè riesce ad aggiungere un qualcosa di nuovo ad una mitologia già sfaccettata, ma anche perchè gestita in modo molto simpatico, creando attorno a Flash un modo vero, e non fatto solo di uomini in maschera, che è poi sempre stata la grande forza di Linda Park, che in questa parte della sua vita editoriale è forse un po' troppo "fidanzata in pericolo", ma riesce ad essere vera e propria ancora del personaggio in un mondo fatto di folli e tute parlanti.
La Corsa umana...è probabilemente la mia terza storia di Flash preferita di sempre, ed uno dei momenti più supereroistici che io abbia mai visto. Pseudoscienza, citazioni pop, esseri cosmici e il fato delle mondo sulle spalle. La Corsa Umana rappresenta quel puro ideale supereroistico, dove solo il cielo è il limite, soprattuto se il tuo personaggio è uno che fa a gara con le comete.
La coppia MM riesce così a creare non solo una divertente parentesi all'interno dell'universo gestito da Waid, ma anche a creare un qualcosa di solidissimo anche per il nuovo lettore, che non potrà non restare a bocca aperta di fronte ai colori e all'azione di un opera che, paradossalmente, andrebbe letta con calma, per assaporare ogni attimo, ma che scorre veloce dalle dita, come acqua, come sabbia, come mercurio. Mercurio che rappresenta la velocità di un eroe dai capelli rossi e tanti, troppi amici. Un eroe che si chiama Wally West. Ed' è Flash. L'uomo più veloce del mondo. E la folla impazzisce.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Iniziare l'anno con una rubrica poco letta. Adoro prendere questi rischi. Pronti a partire. Let's go!

8 commenti :

  1. È proprio questi generi di pietre miliari che sto cercando
    Secondo te lo riesco a trovare in giro? Perché mi piacerebbe moltissimo leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo definirei "Pietra miiare", ma tutto il ciclo di waid l'aveva opubblicato la planeta in volumetti. Se no c'è un oscar mondadori che salta la tuta e si chiama "Flash a cavallo dei fulmini"

      Elimina
    2. Grazie mille vediamo se riesco a recuperarlo
      Con pietre miliari più che altro intendevo qualcosa che ha colpito te :)

      Elimina
    3. Ah bhe in effetti non mi piace uan fava, capisco che se mi piaccia qualcosa sia un evento :P Ti ringrazio comunque, mi fai arrossire!

      Elimina
  2. è quello che mi hai fatto leggere <3

    RispondiElimina
  3. Storia bellissima :)... Grazie a questo blog Flash ha guadagnato un sacco di punti nella mia classifica di gradimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo blog Flash ha un posto speciale! È anche garzie a lui (a Wally) se abbiamo iniziato a leggere Dc :)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio