Didascalia

Didascalia

mercoledì 21 gennaio 2015

Ha senso un reboot della Marvel? (Chiedilo al Giova)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che si rende sempre più conto di come una buona fetta dei suoi articoli di recente abbiano un punto interrogativo alla fine. L'Enigmista sarebbe fiero di noi.
Domande! Domande! Domande! E anche qualche risposta vi aspettano in questo nuovo appuntamento con "Chiedilo al Giova". Oggi parliamo di Reboot, di poesie su Batman e di pronuncia. E anche di come cose che sembrino noiose sono in realtà super divertenti. Seguiteci tutti dopo l'intervallo! Questo articolo contiene spoiler. Più o meno. Lettore avvisato....
Jim Lee. L'unica cosa positiva del primo reboot della Marvel.

Vi ricordo che le domande per la rubrica possono essere fatte in ogni momento. Nella sezione commenti dei post "Chiedilo al Giova", su facebook, su twitter (#chiediloalgiova) o via mail a klonoa@email.it .Senza di voi questa rubrica non esisterebbe gente! Dateci sotto e non risparmiatevi!

 Waylander chiede: Cosa ne pensi delle voci su un imminente Reboot del cosmo Marvel?
Partiamo subito con lo spoiler. Se non volete sapere nulla, saltate questo paragrafo e passate a quello successivo. La Marvel ha recentmente annunciato un evento noto come "Secret Wars" (titolo già usato in passato dalla grande M), nel quale ci viene rivelato che, alla fine della saga, l'universo Marvel verrà "fuso" con quello Ultimate. L'editor capo della Marvel, Axel Alonso l'ha spiegato così:"Immaginate due pizze che si scontrano. Qualche condimento resta su, qualcun'altro cade". Detto così non si capisce benissimo se la mossa sia un vero reboot, o un semplice rilancio dell'Universo Marvel, salvando ormai dalla barca che affonda Ultimate quei due/tre personaggi carini. Nel senso, Daredevil, che nell'universo Ultimate non esiste, non credo avrà problemi. Così come il figlio di Wolverine Jimmy Hudson, la cosa è capire se ci tocca il Capitan America razzista o quello di Rick Remender. Che è come scegliere di bere soda caustica o acido muriatico.
Fatto sta che, la Marvel non credo farà un totale reboot, ma piuttosto un "soft reboot" modificando qualcosina della sua storia. Ma la domanda resta, questa mossa ha senso?
Un reboot alla Marvel, seppure dicono che non sia mai successo, avvenne negli anni 90, e per un periodo di tempo limitato, nella saga nota come "La rinascita degli eroi". Non fu una mossa super astuta, e da quel momento la Marvel non ha mai cambiato la storia dei suoi eroi, preferendo restare in tema continuity stretta. Poi però la grande M si è accorta che i suoi film facevano i milioni, e allora ha pensato di acchiappare i nuovi lettori inserendo riferimenti più o meno sottili al suo universo filmico all'interno dell'universo a fumetti, ricevendo aspre critiche dai fan che forse non si sono accorti che tipo la kryptonite o alfred il maggiordomo magro li hanno inventati fuori dai fumetti.
La questione però è molto semplice: la marvel ha un universo che dura da quasi 50 anni, e ha quindi un grosso, grossisimo bagaglio di storie e avvenimenti, che però cozzano con il suo "tempo dilatato" che fa sì che l'Uomo Ragno e la Torcia Umana siano diventanti eroi a 15 anni nel 1962, e adesso nel 2015 i nostri di anni ne abbiano all'incirca 27. Questo porta vari problemi non solo narrativi, ma anche temporali. Cioè, l'Uomo Ragno ha incontrato John Belushi in un fumetto, personaggio che non avrebbe mai potuto vedere dal vivo se avesse davvero l'età che ha. Quindi, in un modo o nell'altro, la Marvel ha sempre spostato un po' sotto il tappeto gran parte delle sue storie, lasciando liberi solo le parti "principali" delle storie dei suoi eroi, ma facendo a volte delle grosse passate si spugna. Sto guardando te One More Day. E no, non mi è ancora passata.
Da un punto di vista prettamente di vendita, un reboot porta sempre un sacco di vendite. E' un fatto provato scientificamente. Dal punto di vista della coerenza, e a tutti i vari "No noi i reboot non li faremo mai" pronunciati dalla casa delle idee, la cosa risulterebbe sì fastidiosa, ma non credo avrebbe un grosso impatto sulle vendite.
Ma dal punto di vista del lettore? E dal mio? Un lettore fedele non vede mai di buon occhio il reboot, perchè secondo lui "cancella" tutte le sue storie preferite, che però sono sempre lì, nella sua libreria, nessuno gliele brucia. Si può discutere che ci piaccia l'arco narrativo di un personaggio e che la sua conclusione ci spezzi il cuore, e su questo sono d'accordo. Ma anche quando chiudono una serie o cambia lo scrittore il personaggio "muore" per un po'. Sono sicuro che nel mondo c'è qualcuno che ha iniziato a leggere l'uomo ragno con la saga "Superior Spider-Man" e poi c'è rimasto male quando è finita. E ha lo stesso diritto di lamentarsi che ho io quando parlo di One More Day.  Un reboot è, come sempre, uno strumento e non una soluzione. Se fatto bene, porta grandi cose, altrimenti distrugge. Dal mio punto di vista il problema di un reboot, è che una volta che lo fai, non torni più indietro, e scadi in un ciclo continuo di modifiche alla continuity, e nuove storie, e nuove origini segrete, e piuttosto che un bel movimento in avanti, si finisce per fare otto milioni di passi indietro. La Dc in questo è maestra: Crisi sulle Terre Infinite ha messo l'asticella molto in alto per i reboot. Flashpoint ha deciso di scavare al centro della terra per passarci sotto.
Io non ho nessun potere decisionale alla Marvel (per ora) quindi la mia opinione conta poco. Quello che so è che quello che conta non è il reboot, ma le storie. Se abbiamo delle storie da raccontare, e ci serve un po' di slancio, ben venga.Se si mantiene un buon programma di ristampa di materiale d'annata di qualità, se si dà spazio a nuovi scrittori e non hai soliti tre che devono scrivere TUTTO ben venga.Se vogliamo solo vendere, ben venga, però io come lettore ho, e devo parlare col mio portafogli, e magari fare qualche taglio, anche se significa avere un buco nella collezione. E forse, smetterla di gridare al massacro. Perchè lamentarsi che la Marvel non è più quella di quando avevo quattordici anni forse può corrispondere a verità. Però io adesso di anni non ne ho più quattordici, e magari quello che sbaglia sono io. Vivere di nostalgia è ricordi, non è proprio la cosa più salutare nel mondo, e se devo "soffrire" per un hobby, magari devo fare del modellismo una scelta di vita.

Rafa Zandokan chiede: Qual'è il ciclo a fumetti di supereroi "classici" più bello secondo te? Cioè, pre anni 90.
Domanda da scelta di Sophie caro Rafa. Ma, dopo aver valutato la Justice League International, Gli X-men di Claremont, il Thor di Simonson e il Superman di Byrne, devo lanciarmi su i Fantastici quattro di Lee e "King" Kirby. Certo, forse ora sembrano un po' legnosi, ma ragazzi, qui abbiamo un gruppo di quattro tizi con personalità molto diverse, un nemico diverso praticamente ad ogni numero, la creazione di una nuova mitologia dove in ogni uscita la coppia di tizi che volevano fare fumetti si supera di cento volte. I kree, gli Skrull, gli inumani, Pantera Nera, il Dottor Destino, l'isola dei mostri...Non esiste un genere che questo fumetto non tocchi. Due tizi che erano tipo una bomba di pomposità epica che si uniscono per dare vita ad un'avventura che alzerà talmente tanto l'asticella, che forse solo tre persone si avvicineranno a ascrivere gli Fq con lo stesso entusiasmo, e la voglia di unire scienza, magia e fumetto, che poi sono sinonimi in un unica opera.
Fq setta tutti i tropi del fumetto moderno tranne le battutine sagaci, ma la sua più grande forza è la capacità di prendere al balzo la dinamica della "Dualità" uomo/eroe, alternando momenti come l'arrivo di un tipo in rosa che mangia pianeti e viene sconfitto da un sedicenne, e la nascita di un bambino...CON POTERI COSMICI. Si può dire che in quei primi 101 numeri c'era tutto. E lo si può dire perchè è vero.

Anonimo chiede:E' vero che un tipo ha scritto una poesia su Batman?
La risposta in breve è sì. Quella con un po' più di contesto è che nel 1989 stava per uscire nelle sale il film di Batman di Tim Burton, uno dei quattro film su Batman belli insomma. Fatto sta che il magazine Starlog metterà su un concorsone: scrivi in 50 parole perchè vorresti incontrare il cavaliere oscuro, e noi ti mandiamo in gita sul set. Io nell'89 non ero neanche nato, quando si dice l'ingiustizia.
Fatto sta che il vincitore sarà Andrew Sewarsd Duncan, che comporrà una poesia, che mi permetto di tradurre

Mi piacerebbe credere
che esista
un uomo consumato
da un ossessione

di farla pagare  a quello che gli tolse
la sua umanità

Un'anima perduta fra le ombra
Un demone fra gli uomini
un flagello per tutto ciò che è malvagio

Salve di nuovo. State attenti....PER SEMPRE!

Non fossi un cretino userei l'ultima frase come il nuovo sottotitolo del blog.

Chiara chiede: Ho finto di leggere il ciclo di Superman di Morrison, e mi chiedevo,come si pronuncia Mr MXYZPTLK?
Questa domanda....è molto complessa. Per chi non lo sapesse, Mr MXYZPTLK è un buffo elfo proveniente dalla quinta dimensione. Questo gli dona enorimi poteri magici, che il nostro usa di solito per infastidire superman, che può scacciarlo via per 90 giorni solo facendogli pronunciare il suo nome a rovescio (KLTPZYXM). LA questione del nome però, è parecchio complicata. Un po' perchè anche la grafia di quest'ultimo è spesso modificata in corso d'opera. Un po' perchè molti autori e fonti "ufficiali" ci hanno dato versioni diverse, e un po' perchè l'inglese ha suoni per noi complessi da pronunciare. Di base però non si può sbagliare con la pronuncia "classica" ovverosia "Mixiespìtlik"

Bob chiede: E' vero che The Shadow per un po' era un robot?
The Shadow era un famoso vigilante notturno con poteri mistici, che sarà l'ispirazione per Batman. Non  seriamente, la prima storia di batman è la copia di un racconto di The Shadow. Per saperne di più, leggete qui. Fatto sta che quando la Dc metterà le mani sul personaggio, decideranno di uccidere il vigilante mistico, di decapitarlo e di metter la testa su un corpo robotico. Che è come scrivere una serie su Superman e mettere la sua testa sul corpo d un bruco. Il fumetto sarà cancellato subito dopo questa storyline. Il motivo mi sfugge.

Annalcontrario chiede: Ormai il "Chiedilo al Giova" è l'angolo delle botte, quindi siccome i centounisti scelgono sempre di far lottare maschi, stavolta io chiedo: chi vincerebbe in uno scontro fra Batgirl e la Vedova Nera?
Posso dire che speravo che questa cosa non succedesse? Io e la mia fissa di voler mettere sette domande nella rubrica....
Facciamo partire la voce da annunciatore di Wrestling quindi:SIGNORE E SIGNORI! Benvenuti all'evento principale! Nell'angolo viola, figlia di un famoso poliziotto di Gotham, dotata di una memoria eidetica, un grande senso di giustizia e ammirazione per l'eroe Batman,  la nostra campionessa deciderà di usare le sue abilità di hacker e artista marziale per combattere il crimine. Neanche un colpo di pistola che lascerà paralizzata per qualche tempo riuscirà a fermarla. Da Gotham City, New jersey, la scavezzacollo mascherata, Barbara Gordon, Batgirl! Nell'angolo nero,  ballerina russa scoperta dal KGB, la nostra eroina verrà addestrata nella misteriosa "Stanza rossa", evento che le donerà un invecchiamento super rallentato e un modesto fattore rigenerante, e diventerà in breve tempo una superspia malvagia, ma deciderà poi di passare dalla parte degli angeli. Da Stalingrado Russia, la fiamma d'ebano: Natalia Romanova, la Vedova Nera!
Analizziamo ora nel dettaglio i personaggi
Batgirl: Batgirl possiede la normale forza di un essere umano, ed è una grande esperta di judo e karate, nonchè superba acrobata. Il suo costume è corazzato e a prova di proiettile e taglio, ma relativamente leggero.
Barbara possiede anche una serie di gadgets come occhiali per visione notturna, fumogeni, batrang (lame da lancio a forma di pipistrello) di varie dimensioni. Estremamente intellingente, Barbara pianifica sempre molto bene i suoi scontri, ma è molto spaventanta di fronte alle armi da fuoco dopo l'incidente. 
Di base, Batgirl punta più sull'astuzia che sulla forza fisica per vincere le sue battaglie, non disdegnando l'aiuto di vari alleati, ma ha una delle più grandi forze di volontà del cosmo Dc.
Vedova Nera: Natasha possiede un fattore rigenerante di media intensità, e un intenso addestramento sia come acrobata sia come artista marziale, essendo così esperta in judo, karate, aikido, boxe, ninjitsu, savate e kickboxing, avendo avuto una buona cinquantina d'anni per affinare le sue tecniche. Natasha è anche un'esperta manipolatrice psicologica e tiratrice.
Il costume di Natasha le permette di arrampicarsi su ogni superficie come il ragno di cui prende il nome. La nostra porta anche nella cintura numerosi gadget, come fumogeni e corde, e possiede ai polsi "il morso di vedova", una speciale arma da fuoco che lancia scariche elettriche fortissime. Di recente, la nostra porta con se anche un coltello e una pistola d'ordinanza.
PRONTE ALLA LOTTA!
Il Verdetto: Essendo entrambe combattenti addestrate a colpire nel buio, il vantaggio tattico andrebbe alla Vedova, che ha molta più esperienza nell'essere un po' ninja. Vantaggio che sarebbe poi perso subito grazie all'astuzia superiore di Batgirl, che sarebbe poi in grado di portare lo scontro sul corpo a corpo. In questo caso, la Vedova Nera, sebbene poco avvezza a combattere un singolo avversario molto, ma molto ben addestrato, avrebbe sicuramente la meglio. La sua abilità di manipolatrice le farebbe capire presto la paura di Batgirl verso le armi da fuoco, e anche se Barbara riuscisse (e riesce) a superare il trauma, la nostra potrebbe comunque sorprenderla col morso di Vedova. A soli cazzotti, la Vedova mantiene il vantaggio, essendo molto più vecchia ed esperta. Natalia vincerebbe 9 volte su 10. Dichiariamo vincitrice quindi la spia Russa.

Anonimo chiede: Leggo sempre di grandi colpi di scena, ma secondo me non sono gestiti sempre bene. Ne conosci qualcuno di bello?
Ho scritto una mia personale Top 10 dei momenti "spoiler" più fichi di sempre. Di recente però, ho letto ZOT! di Scott McCloud, a cui devo la mia laurea. In pratica, il fumetto in questione ha un colpo di scena bello forte, anche a livello emotivo....nascosto dopo la pagina della posta. Ed è un colpo di scena forse "piccolo", ma riesce a capovolgere del tutto il senso della storia. E molti lettori, sconvolti da quell'ultima pagina finta, non sono mai andati a sbirciare oltre, per scoprire che forse, a volte, i fumetti possono fare davvero magie.

Eva chiede: Forse è una domanda un po' personale, ma seguo il blog da poco, e mi piace un sacco. Non commento molto, ma mi piace che i tuoi lettori siano sempre educati. Però vedo gente che ti chiede solo di fare post su questo o quello, o che parla di cose che non c'entrano con l'articolo. Non ti dà fastidio?

Dunque, la questione è questa. Ho deciso io di fare il mese delle richieste. Ho deciso io che ogni tanto sarebbe stato interessante chiedere ai miei lettori cosa gli sarebbe piaciuto leggere. Quindi il fatto che la gente chieda, è colpa mia. Non puoi dire "offro da bere a tutti" e poi dire "Si ma a te no, a te no, e a te no". Ho aperto il blog proprio per dare risposte, e, sebbene è ovvio che "Belin che bell'articolo" sia meglio di "Quando fai un post su X" o "Finalmente hai fatto un articolo su Y", la gente mi legge, e tanto mi basta. Anche perchè, di solito son tutti molto educati. L'unica cosa difficile è gestire le richieste che non danno spazio ad un articolo. E quando mi chiedono di scrivere di roba che non mi piace, ma essendo quest'ultima il 90% del MONDO allora il problema son sempre io.
Certo, di solito preferisco parlare dell'argomento di cui parla l'articolo, o anche ricevere una critica costruttiva. Ammetto di essere molto contento della piccola comunità vocale di questo blog. A volte mi infastidisco, ma quello credo capiti a tutti. A volte penso anche di essere io a dare un po' fastidio.

Vi ricordo che le domande per la rubrica possono essere fatte in ogni momento. Nella sezione commenti dei post "Chiedilo al Giova", su facebook, su twitter (#chiediloalgiova) o via mail a klonoa@email.it .Senza di voi questa rubrica non esisterebbe gente! Dateci sotto e non risparmiatevi!

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Tanto su Hal Jordan non scrivo nulla lo stesso. Pronti a partire. Let's go!

18 commenti :

  1. Tre punti:
    1. Heroes Reborn non era un reboot, ma il primo "esperimento" di un universo nuovo di pacca e aggiornato(guardo te, universo Ultimate). Non era un reboot perché era comunque una linea editoriale separata, non sostitutiva, della linea editoriale principale.

    2. tecnicamente, la Marvel ha rebootato l'universo 616 almeno 4 volte nell'ultimo decennio e mezzo: nei Fantastic Four di Pacheco\Marin\Loeb(reset universale via Nullificatore Assoluto), nel Captain Marvel di PAD(Eternità ucciso e sostituito da Entropia come nuovo Eternità), in Marvel Universe: THE END di Starlin(distruzione e ricostruzione completa dell'universo da parte di Thanos per riparare un danno alle fondamenta della realtà) e in una storia non ancora pubblicata in Italia(peri cui non farò il titolo).
    (Tra l'altro mi pare fosse successo anche precedentemente in una storia del Dottor Strange.)
    In tutti i casi viene detto esplicitamente che l'universo rebootato non è identico a quello precedente(de facto giustificandoL'ANTIVITA GIUSTIFICA IL MIO NERD! qualsiasi incongruenza e errore di continuity: PAD c'ha addirittura retconnato la morte di un personaggio e l'esistenza stessa di un'altro in maniera plateale)

    3. Cassandra Cain è l'Unica Vera Batgirl(TM) e vincerebbe facile contro la Vedova Nera- E lo dice un marvelzombie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, punto 1, Cap America, Thor, Iron Man, e Fq non avevano una serie durante heroes reborn, quindi la cosa conta come reboot. Se le serie avessero avuto successo, la Marvel aveva una mezza idea di tenerle. Poi, per carità, magari è un problema di terminologia ;)

      Punto 2: vero, l'universo è stato ricostruito, ma quasi tutte le storie da te citate erano molto poco interconnesse con l'universo Marvel, nels senso che occhei, son successe, ma tutte le altre serie se ne fregavano un po'. Cioè, in THE END Thanos dice che chi muore resta morto. E sappiamo tutti che la cosa è una mezza barzelletta. Diciamo che è un po' come Quasar di Gruenwald, più che reboot sono retcon, o "soft reboot"

      Punto tre, Anna ha chiesto Barbara Gordon specificatamente nella sua email, anche io direi che Cassandra Cain vincerebbe contro la vedova Nera. Cassandra Cain vincerebbe contro tutti. E' figlia di lADY SHIVA WOOSAN!

      Elimina
  2. Bellissimo post sopratutto perché è molto lungo :)
    Spero davvero che questo reboot sia una cosa buona e giusta
    Mha
    Grazie ancora giova XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati che a me sembra senpre di scriver poco! Grazie a te

      Elimina
  3. A questo punto per la Marvel meglio il reboot che continue retcon su retcon (Axis ce ne ha regalate delle ultime fresche).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Axis non esiste :P Una sola frase bella in nove numeri è stato davvero troppo peril mio fragile corpicino

      Elimina
  4. Tanto per curiosità... Quali sono i quattro film di Batman che consideri belli?

    RispondiElimina
  5. Allora, so che ne abbiamo già parlato, ma insisti a dire che il Cap dell'universo Ultimate non è razzista. Nazionalista (ma poi apre gli occhi), sciovinista, ma non razzista. Ah, lo sai che ora mi chiederò cosa mai è accaduto su Zot, vero? E comunque Batman e Robin era inguardabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avercela con un popolo basandosi su stereotipi è razzismo. E cap odia i francesi perchè sono "codardi", sebbene la francia avesse una.forte resistenza ;) Batman e Robin evidenziava un aspetto del cavaliere oscuro che si è perso, che è l'innocenza bambina del supereroe. E per zot, si può sempre comprare l'albo! Lo metterò nei conigli

      Elimina
  6. "La questione però è molto semplice: la marvel ha un universo che dura da quasi 50 anni, e ha quindi un grosso, grossisimo bagaglio di storie e avvenimenti, che però cozzano con il suo "tempo dilatato" che fa sì che l'Uomo Ragno e la Torcia Umana siano diventanti eroi a 15 anni nel 1962, e adesso nel 2015 i nostri di anni ne abbiano all'incirca 27. Questo porta vari problemi non solo narrativi, ma anche temporali."

    Guarda, Bendis è dall'inizio della sua run sugli X-Men che sta giocando narrativamente con il concetto di "tempo espanso" della Marvel, suggerendo sempre più esplicitamente che "in qualche modo" la linea temporale corrisponda esattamente alla pubblicazione cronologica degli albi, e questo mentre, come già ti scrissi in un altro post, i viaggi nel tempo sono aumentati esponenzialmente nelle storie delle altre serie (sono vent'anni che leggo Marvel, fidati) creando i prodromi per una crisi metatemporale con i controfiocchi. Se hai lo stomaco di rileggerti Age of Ultron, lì ci sono vari indizi al riguardo. Anzi, pensandoci bene il casotto della fusione con l'universo Ultimate probabilmente è partito da lì...
    Avrei degli esempi specifici da farti che avvalorerebbero la mia tesi, ma cadrei nello spoiler più becero (anzi, se pensi che abbia esagerato, cancella il commento senza pietà).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma che lo stratagemma della crisi temporale fosse nell'aria, e che sia uno strumento funzionale è una cosa che mi trova d'accordo, mentre il tempo espanso di Bendis non molto. Ci sono modi e modi, almeno a parer mio di giocare col tempo e con una continuity vecchia. Morrison con Batman aveva fatto un bel lavoro, ma aveva anche il vantaggio che la Dc non ha mai voluto tanto essere "nel presente". Cioè, Lex Luthor era il loro presidente per un momento, mentre in casa Marvel Cap non poteva diventarlo perchè sarebbe stato troppo complesso e "diverso" dal mondo reale. Se comunque i nuovi X-men vengono dagli anni 60, ci sono comunque troppi momenti "topici" all'interno dei fumetti marvel, che vanno da presidenti a figure storiche, o ad avvenimenti che stonano comunque con la totalità e la "massa" delle avventure. Quindi, linee temporale alternativa, multiverso, mettere tutto sotto il tappeto perchè ci fa comodo, chiamiamolo come vogliamo, ma la questione "tempo reale e topico contro medium seriale" per me resta un problema mica da ridere, e a volte anche un "bagaglio" non indifferente. Poi per carità, ad ognuno il suo:)

      Elimina
  7. ciao. E' la prima volta che scrivo qua ma seguo questo blog da anni ormai. Volevo dire che lo trovo molto interessante. Mi sono avvicinato seriamente ai comics solo 10 anni fa e, sebbene da allora abbia recuperato tantissimo materiale arretrato, questo blog rimane per me una fonte inesauribile di notizie succose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io allora ti ringrazio molto per i complimenti!

      Elimina
  8. Da quando ho letto di Secret Wars ho avuto come il sentore che la Marvel volesse fondere Universo Ultimate con il Classico proprio per rendere di fatto il proprio universo fumettistico parallelo al MCU( Marvel cinematografic universe). Quindi, vabbè triskelion, Nick Fury nero senza quelle cazzate del figlio che in 60 anni non si era accorto di avere e mille altre cose. Mi sembra di capire che tu abbia lo stesso sentore. A te non preoccupa? A me si. Un casino. Più che altro é che in molte testate ho sentito l'influenza del MUC. As esempio Iron Man. Prima, quando era slegato dai film, tipo quello di Ellis, quello di Fraction era intricato, complessato, macchiavellico,in una parola quasi umano. Invece ora ho smesso di comprarlo perché mi sembra di leggere le avventure di Robert Downey Jr. (apparte che sono disegnate da quel cane di Greg Land...) A me un po' preoccupa ma oh, al limite smetterò di comprare Marvel o taglierò le testate che mi annoiano.
    Scusa per il settimo papiro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non credo si voglia fare un qualcosa di parellelo ai film, credo si voglia fare una normale operazione di "salvataggio" di alcune proprietà che la MArvel ritiene furbo tenere, senza che afossino con altre. Discorso Iron man...Ellis non mi è piaciuto, e Fraction lo scrisse proprio dopo il film e fu il primo a renderlo RDJ, ma, almeno a parer mio la mossa è stata furba, perchè io Iron Man me lo ricordo in quei begli spillatini trimestrali, dove, perdonami, non vedevo nulla di intricato e macchiavellico. Ma gusti personali a parte, io credo che un hobby "continuativo" abbia sempre degli svantaggi. Chi gioca ai veidogiochi deve comrpare console nuove per essere al passo coi tempi, e così via. Noi lettori abbiamo i reboot. O i rilanci, o cosa varie. Poi ripeto, l'importante è parlare col portafoglio. Non ti piace? Non lo compri. Se no non ha senso. E figurati per il papiro, io scrivo tanto, a vete diritto anche voi a farlo! :)

      Elimina
    2. Beh, nella storia con il mandarino e la resilient, e quella specie di guerra delle armature secondo me era un personaggio molto complesso! Comunque, non ti nascondo che sono piuttosto intrigato dalla idea si Superior Iron Man e Cap\Falcon e vorrei vedere cosa succede con Secret Wars, nonostante sia un po' preoccupato.

      Elimina
    3. Si ma quello era già nel film, ed era Fraction (che a me piace molto), ma ripeto, non è un giudizio di valore sui tuoi gusti, ma una mia idea sull'iron man pre-films. SupMan non mi è piaciuto molto, ma Falcon/Cap seppur scritto da un tipo che non mi piace, è un'idea molto bella!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio