Didascalia

Didascalia

martedì 9 dicembre 2014

Qual'è il superpotere migliore? (Chiedilo al Giova)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che fa del rispondere alle domande su internet una scelta di vita. Forse farebbe meglio a farsene qualcuna da solo. Torna la rubrica più seguita del blog (sul serio, ha scalzato le top 10 in proporzione. Sono stupitissimo), Chiedilo al Giova, l'angolo dove tutti i vostri dubbi sul fumetto e dintorni vengono svelati sotto forma di piccoli articoletti. Oggi parliamo di Superpoteri, di film, di urli di guerra e anche di Giappone! Cosa aspettate? Saltate dopo l'intervallo!


Vi ricordo che le domande per la rubrica possono essere fatte in ogni momento. Nella sezione commenti dei post "Chiedilo al Giova", su facebook, su twitter (#chiediloalgiova) o via mail a klonoa@email.it .Senza di voi questa rubrica non esisterebbe gente! Dateci sotto e non risparmiatevi!


 Cammi chiede: Qual'è il tuo superpotere preferito? Quello di cui leggi più volentieri nelle storie?
 Questa domanda colpisce molto vicino a casa. Quando ero ancora un lettore in fasce, la prima cosa che volevo sapere di un personaggio, erano proprio i suoi poteri. Non mi interessavano origini o patemi, volevo sapere che cosa quel determinato personaggio potesse fare all'interno della storia. E spesso era complesso, soprattuto quando alcuni editoriali descrivevano il personaggio con aggettivi come "Esplosivo", "Ipercinetico", "Pirocineta" o il peggiore di tutti, "Dai mille poteri". Che non è un aggettivo ma avete capito il senso.
Questo perchè ero passato dal leggere roba Disney, dove i protagonisti potevano fare cose normali, a leggere di tipi che rompono i mattoni con le orecchie, e la curiosità saliva a mille. Dopo anni di letture però ci si rende conto di come un superpotere definitivo non esista. Per esempio, se io vi parlo di un tipo che vola, è superforte, invulnerabile e spara i raggi pensate che io stia parlando di Superman o di Iron Man? Perchè la descrizione funge benissimo per entrambi.
 La verità è che, i superpoteri sono spesso solo uno sfondo del personaggio, ma spesso diventano un velo che impedisce al lettore occasionale di vedere quello che c'è dietro. "Superman è troppo onnipotente, è noioso". Infatti tutti leggevano Iron Man prima giusto? E invece prima che arrivasse RDJ alla console, il vendicatore corazzato navigava davvero in cattive acque. Eppure i suoi poteri sono gli stessi no?
Semplicemente, il superpotere è uno strumento all'interno della storia. Io posso scrivere di un'eroe fighissimo che controlla tutta la tecnologia, e poi posso portarlo in una foresta e lasciarlo morire sotto i colpi d un nemico che ha il potere di avere i pollici esplosivi perchè, in quel contesto, il suo superpotere fa schifo.
E' logico che un personaggio forte dovrà avere nemici forti, e un personaggio debole nemici ancora più forti. Questo porta a diversi problemi. Spesso infatti gli eroi senza poteri hanno nemici senza poteri. Spesso questi eroi senza poteri fanno parte di supergruppi che combattono minacce che un solo eroe non potrebbe fermare da solo giusto? Ecco, spesso quel nemico senza poteri, è in grado di mettere in scacco gli dei. E quello non è un buon modo di scrivere.
La tendenza a rendere il proprio personaggio onnipotente è purtroppo sempre presente nel mondo del fumetto, e non penso se ne andrà via troppo presto. Quello che secondo me è importante però, è che il personaggio dietro i poteri sia interessante. John Ostrander e Tom Mandrake hanno lavorato per anni su due personaggi quasi onnipotenti, e hanno tirato fuori delle storie che sono nell'olimpo delle cose belle Dc, ma non perchè quei due personaggi spaccavano il mondo col mignolo.
Viviamo in un momento storico dove la storia è subordinata ai personaggi (e la cosa mi uccide), quindi dovremmo essere i primi a capire che non conta quello che un eroe sa fare, ma quello che un eroe è. Purtroppo "supereroi" è lo stesso un genere che ha un grosso debito nei confronti dei Superpoteri, e questa mediazione fra essere e avere è ancora un work in progress. Vedremo gli sviluppi.
 Se invece parliamo di me, mi piace molto la superforza perchè è un po' il superpotere "classico".
Sono anche un grande fan del controllo mentale (ma non di molti tropi ad esso associati, tipo il "lo so che sei lì dentro! Combatti!" che mi fa venire la pellagra) perchè è uno strumento molto scemo, ma che permette scelte narrative sia molto pesanti sul lato etico (è giusto controllare i criminali per far sì che si arrestino da soli? E' giusto usare i miei poteri per ottenere quello che voglio?) sia sociale.
E' un potere che è un grosso fardello nella sua grande potenza sia fisica che narrativa, e che ha spesso dato vita a grandissime storie. Ne abbiamo parlato più o meno anche qui. E comunque credo che vi aspettavaste questa risposta.


Anonimo chiede: King Kirby ha dato un contributo enorme al fumetto, ma c'è qualcosa di suo che non ha raggiunto il successo?
 Per quanto un singolo essere umano possa essere un eroe, una leggenda agli occhi di qualcuno (ma Kirby per chi non lo è? Vi prego non rispondete veramente. Mi si spezzerebbe il cuore), nessuno di noi è divino, e quindi non tutto quello che Kirby ha toccato è diventato oro. Oltre al suo porno, e all'antologia di storie Horror (di cui parleremo presto), vale la pena citare che dopo molti anni passati a lavorare per il fumetto, il re passerà anche diverso tempo a lavorare nell'animazione, presentando diversi concetti allo studio d'animazione Ruby-Spears. Nessuno dei suoi progetti verrà poi approvato,e la cosa mi turba un sacco. Fra le sue creazioni a cartoni citiamo i maghi da corsa noti come "I Maestri dell'illusione", i mostruosi "Body-Guards" e l'indiana Jones in gonnella aiutata da un circo itinerante Roxie e i suoi Riders. Il perchè nessuno di questi schizzi sia ora in DVD mi uccide.
 Dal lato fumetto, vale la pena citare un progetto Dc molto simpatico noto come "First issue special" ovverosia un mensile composto solo da numeri 1 che, se avessero ottenuto un gran successo di pubblico, sarebbero stati portati ad ottenere una serie regolare. King Kirby proverà a lanciare tre serie, ma senza successo (va detto  che in dodici numeri solo un personaggio della serie otterrà una sua testata). Il re ci delizierà con il mercenario Manhunter, il forzuto Atlas, e con il gruppo di ragazzini noti come Gli strani della strada del pericolo. Tutti e tre i concetti otterranno in seguito numerosi cammei nell'universo Dc.

Anonimo(non so se sia lo stesso lo giuro) chiede: C'è un film ispirato ad un fumetto che ti è piaciuto?
 Ammetto che, chiunque capiti su questo blog per la prima volta possa pensare che io odi i fumetti. E boh si è vero. Li odio perchè so quello che possono fare, e mi secca a morte vedere buttate via tante potenzialità. I film invece non mi piacciono granchè, ma siccome ormai i supereroi sono lì, li guardo in compagnia, e per recensirli su questo blog. Che vita emozionante!
Ci sono un po' di film sugli eroi in costume che mi son piaciuti, ma di recente quello che mi è piaciuto di più è Capitan America 2: Il soldato d'inverno La vendetta. Il film è solido in moltissimi punti, ci mostra un Capitan America figo, che salta come una molla e spacca denti come una palla da demolizione. Un Capitano che guida il mondo mandando a fanbrodo tutti perchè quello che conta è il sogno. Un film ricco di cammei e di strizzatine d'occhio non pesanti. Un film con tanti bei personaggi. Un film che però, ha i suoi difetti. Del tipo, io l'ho visto al cinema con un'amica che A) non ha mai letto un fumetto e B) si è addormentata a metà. Ecco, questa mia amica ha capito il colpo di scena al decimo minuto del film. Anche perchè era palese come poche cose. E poi George Batroc in questo film fa schifo e nessuno mi può dire il contrario. Tutto sommato se volete vedere un bel film d'azione e "spionaggio", con in mezzo uno spiegone lunghissimo però fatto in maniera divertente, e un sacco di equivoci tipo film anni 90, allora Capitan America 2, la vendetta è il film che fa per voi! Peccato ci sia poca vendetta....

6sixis9 chiede: Chi è più forte fra Aquaman e Namor?
 Lo sapevo. Lo sapevo che non dovevo iniziare a scrivere queste cose. Mannaggia!Ordunque,  di base queste domande non sono proprio la mia tazza di thè, ma a voi piacciono così ingoio il mio snobismo e vi dò una risposta per lo più oggettiva. Facciamo partire la voce da annunciatore di Wrestling.
 SIGNORE E SIGNORI! Benvenuti all'evento principale! Nell'angolo arancione, figlio di una grande maga e di un guardiano del faro, affetto dalla terribile maledizione di avere i capelli Biondi, grazie alla sua bizzarra fisiologia ibrida il nostro verrà cacciato da Atlantide, e vivrà sulla terraferma col padre, solo per scoprire la sua origine nell'adolescenza decidendo di proteggere il mare da chiunque lo minacci. Da Poseidonis Atlantide, il signore dei sette mari, Arthur Orin "Aquaman" Currry!
Nell'Angolo Verde, figlio di un capitano di nave e della principessa di Atlantide, il nostro nascerà non solo come ibrido, ma come ibrido mutante. Dopo la morte del padre, il bambino verrà cresciuto a corte, dove diventerà il legittimo re di Atlantide. Dopo aver lottato nella seconda guerra mondiale,il nostro diventerà un anti-eroe a tutti gli effetti, mettendo la sicurezza del suo regno davanti a tutto.Da Atlantide Atlantide, il figlio vendicativo, Namor "Sub-Mariner" McKenzie!
 Analizziamo ora nel dettaglio i personaggi
Aquaman: I livelli di forza di Aquaman (complici tutti i vari sketch comici che lo vedono protagonista) sono sempre stati variabili, ma, anche al suo momento più debole il nostro solleva un sottomarino, e la cosa spinge la sua forza ben oltre le 100 tonnellate. Arthur possiede supersensi,è stato addestrato nel combattimento a mani nude e armato di tridente (che è anche indistruttibile). La sua telepatia è debole in superficie ma forte in acqua, e gli permette di controllare praticamente qualsiasi creatura marina. Aquaman indossa un costume in cotta di maglia perchè non è totalmente invulnerabile. Altra grande forza di Aquaman è la sua velocità in acqua, che è più meno superiore di dieci volte alla velocità del suono. Arthur non è però completamente anfibio, e ha bisogno d'acqua dopo un'ora di vita sulla terraferma. Ma questa debolezza è stata di recente eliminata, a costo però di una minore telepatia.
Namor: Namor è uno degli esseri più forti del cosmo Marvel. Se immerso in acqua, il nostro aumenta la sua forza a dismisura. Grazie a delle ali ai piedi Namor può anche volare, e ha alle spalle decenni di allenamento al combattimento a mani nude e con tridente (che però non è magico). Namor è quasi completamente invulnerabile, e può contare su numerosi artefatti che gli permettono di controllare la fauna marina. Il figlio vendicativo è completamente anfibio, ma lunghi periodi in acqua, o sulla terraferma gli danno vari problemi fisici. Namor indossa solo un costume da bagno perchè se lo può permettere.
PRONTI ALLA LOTTA!
Il Verdetto: Essendo ambedue i nostri eroi anfibi, la lotta potrebbe avvenire sia in mare, sia sulla terra. Nel secondo caso, Namor avrebbe il cospicuo vantaggio del movimento aereo, ma la sua forza sarebbe più o meno pari a quella del biondino, e, volendo finire la cosa in fretta, lo scontro finirebbe subito in mare. Sott'acqua, la velocità di Aquaman sarebbe vitale nello scontro, e potrebbe mettere in difficoltà Namor. Se non fosse che il principe vendicativo ha settant'anni di esperienza combattiva di più, e ha già lottato con velocisti. In sostanza, Namor vincerebbe questo scontro 8 volte su 10. Tutto questo solo perchè di recente Aquaman ha perso molti punti i telepatia, l'Aquaman pre-nuovi 52 avrebbe vinto facendo venire a Namor un infarto solo pensandolo. Il Vincitore ad oggi quindi è Namor!


Ugo il re del judo chiede: Vedo sul tuo instagram foto di un tizio in bianco con la testa a fagiolo. Chi è?
 Sono MOLTO lieto di questa domanda. L'omino in bianco con la testa da razzo altri non è che Kamen Rider Fourze, uno degli esponenti dell'illustra famiglia dei Kamen Rider.
Questi ultimi fanno parte di una serie di telefilm giapponesi tokusatsu (effetti speciali), ovverosia avventure di eroi in costume, di cui fanno parte anche i Power Rangers nipponici, i Super Sentai.
I Kamen rider sono di solito dei tizi che, grazie ad un cintura, ottengono grandi abilità fisiche, un costume sgargiante a tema "insetto" e una moto fighissima con cui fanno acrobazie e picchiano i cattivi. Fourze rappresenta il quarantesimo anniversario del franchise, e ha come protagonista Gentarou Kisaragi, un ragazzo il cui scopo è diventare amico di tutti quelli che sono al liceo con lui. No davvero. Dopo aver scoperto un complotto all'interno del liceo che vede i professori dare agli studenti misteriosi interruttori in grado di mutarli in mostri (potere che i ragazzi usano per piccole vendette personali), Gentarou ruberà la cintura di Forurze e la userà per diventare un eroe e salvare il nostro mondo dalla minaccia dello spacciatore di interruttori. Essendo il quarantesimo anniversario della serie, Fourze può usare fino a quattro poteri diversi, che si materializzano in vari modi sul suo corpo, incanstrandosi su braccia o gambe. La cosa bella, non è solo il messaggio che il telefilm dà (un ottimo messaggio non solo di amicizia, ma anche della bellezza dello spazio e della forza della giovinezza)ma anche che è scemo quanto basta, ma anche estremamente emozionante e tamarro. Della serie, io ho pianto nel finale, e la mossa finale di Fourze è avere un razzo sul braccio e una trivella sul piede con cui trapassa i nemici da parte a parte. Cosa c'è da non amare in lui?


Eva chiede: Che cos'è la Femforce?
 Femforce è oggettivamente uno dei più grandi misteri del fumetto americano. Nato nel 1985  sotto l'etichetta della AC Comics, Femforce è la storia di un gruppo di eroine anni 50, con nomi diversi per evitare il copyright, che si unisce per combattere il male. Nel corso degli anni, la formazione cambierà e si evolverà, dando vita ad un fumetto indipendente, formato da sole donne che va avanti da 150 numeri. Il mistero è, perchè se ci riesce Femforce, che non è neanche poi così carino, non ci riescono anche le case editrici grosse? No eh, dico così per dire. Prima o poi ne parliamo bene, promesso.

Hayao Miaozaki chiede: Qual'è il miglior urlo di battaglia? 
La domanda, carissimo Hayao, è malposta. In realtà mi volevi chiedere: Perchè tutti i supereroi non urlano "E' TEMPO DI DISTRUZIONE!"?

Chiara chiede: Vorrei iniziare a scrivere un blog, ma ho un po' paura dei commenti. Hai qualche consiglio da darmi?

Carissima Chiara, grazie per l'enorme fiducia che  mi dai, non so se sono davvero la persona migliore per dare consigli sui blog, ma farò del mio meglio. Il trucco è divertirsi, ma questo lo dicono tutti. Ho letto che i blog normalmente chiudono dopo 170 giorni, ma non so quanto sia vero. L'idea di base è: datti una scaletta. Lasca quanto vuoi sia chiaro, io scrivo dieci post al mese ma senza un vero e proprio orario. Se ci stai dentro, sei apposto. Questo perchè i commenti vengono dopo. Mi spiace dirtelo, ma qualsiasi cosa tu scriverai, prima o poi attirerà qualcuno che, realmente o meno, ne sa più di te. E come tu sei su internet per dare spazio alla tua voce, anche lui/lei lo è. E magari ci sono anche i maleducati. La cosa da tener presente è che alla fine di tutto, queste persone non ce l'hanno con te. Ce l'hanno col tuo modo di scrivere o con la tua conoscenza del medium di cui parlerai. Ma tu non sei solo quello. Inoltre, a volte chi ti vede da fuori può aver ragione su certe cose. L'importante è non fare scenate. Tu continua a scrivere e ad esercitarti, e qualcosa di buono dovrebbe venire fuori. Spero sia vero se no sono fregato pure io.

Vi ricordo che le domande per la rubrica possono essere fatte in ogni momento. Nella sezione commenti dei post "Chiedilo al Giova", su facebook, su twitter (#chiediloalgiova) o via mail a klonoa@email.it Senza di voi questa rubrica non esisterebbe gente! Dateci sotto e non risparmiatevi!


E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Se volete, sono anche su Patreon! Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. Jack Kirby ha fatto un porno? Non c'è più niente di sacro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fumetto erotico per essere precisi! Ne ho parlagto qualche chiedilo al giova fa,! Siamo disazttenti vedo!

      Elimina
  2. Aspetto anche io la risposta con tanto d'occhi O.o

    RispondiElimina
  3. Comunque un combattimento tra acquaman e namor lo guarderei di sicuro! Sarebbe epico!!!

    RispondiElimina
  4. Molto interessante la domanda che ti fai riguardo a come serie come Femforce (ma se ne potrebbero citare molte altre tipo Savage Dragon... ) possano arrivare tranquillamente a 150 numeri mentre altre della Dc o della Marvel se arrivano a 50 (di questi tempi pure 20....) è già tanto. Se lo fari sarà un articolo che leggerò con molto piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però nessun'altra serie è composta da donne ;) Savage Dragon è un signorino :P

      Elimina
  5. Riguardo John Ostrander e Tom Mandrake e i personaggi su cui hanno lavorato, uno abbiamo capito che è The Spectre, l'altro è Martian Manhunter?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio maestro mi direbbe di dirti che l'altro è Johnny Karaoke, ma sì. è Martian Manhunter!

      Elimina
    2. Ricordavo una serie su Martian Manhunter a finne anni 90 infatti. Mi sembra che ne questa ne The Spectre siano mai state tradotte, peccato perchè mi piacerebbe leggerle.

      Elimina
    3. Sono entrambe state ristampate dalla planeta qualche anno fa (io andavo al liceo quindi direi cinque o sei ma non vorrei dire scemate) in due volumetti (MM) e tre (TS) rispettivamente. Ammetto che però con la perdita della planeta, io in giro non li ho più visti!

      Elimina
  6. Io credo che molti film su supereroi si vergognino di essere tali, in Capitan America 2 appunto Batroc è Batroc solo per i salti e il nome, perché rappresentarlo come nel fumetto credo chi non lo conosca lo avrebbe giudicato una roba da bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, certe fil si vergognano dei colori. E' anche vero che a volte siamo noi affezionati che collezzioniamo anche con gli occhi a vedere cose piccole diventare cose grosse. Il film e il fumetto sono lo stesso due medium diversi, e quello che funziona in uno non funziona anche nell'altro. Perà Batroc è Batroc!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio