Didascalia

Didascalia

lunedì 14 luglio 2014

Crisi Finale: La storia di tutte le storie Dc (By Popular Demand)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che se deve scrivere due parole va in crisi. Fate voi che è un blog.
Agli albori del blog, si parlava delle varie Crisi che afflissero l'universo Dc nel corso degli anni, e le varie ripercussioni che esse ebbero sul cosmo a fumetti di Superman, Wonder Woman e soci. Ma c'era una crisi di cui non avevamo parlato, e molti ce l'hanno richiesta nel corso degli anni di permanenza del blog sull'internet, e abbiamo deciso quindi di proporvela. E' una storia complessa, una storia sulle storie. E' l'ultima crisi, perchè è quella finale!
Anche se la crisi finale sono i fan che leggono che c'è un reboot di più nel mondo.

Nota bene: Crisi finale è una miniserie in 7 numeri, e ha al suo seguito alcuni numeri correlati (detti in gergo tie-in). In questo articolo si prende in considerazione solo la miniserie principale e la miniserie "Superman Beyond" correlata ad essa. Inoltre, ci si basa sulla recente edizione deluxe, che modifica alcune scelte grafiche ed espande un paio di pagine. Le differenze si fermano qui. Oh sì, e la storia è supercomplessa. Più del solito. E i cachet continuano a non essere compresi nel prezzo del blog. Occhei possiamo iniziare davvero

Pubblicata fra il 2008 e il 2009, Crisi Finale fu disegnata da J.G. Jones, Carlos Pacheco e Doug Manhke (gli ultimi due accorsi in aiuto di Jones, che non riusciva a reggere il ritmo di un mensile. Le sostituzioni daranno vita ad alcuni ritardi di pubblicazione), e scritta dallo scozzese Grant Morrison. L'idea di Morrison era quella di creare un megaeventone noto come "Hypercrisis", ma l'idea venne poi spalmata in numerosi progetti dello scrittore come "52", "All-Star Superman" e molti altri, mentre il grosso finirà poi nella miniserie stessa. Per preparare i lettori all'arrivo di questo balenottero cosmico, la Dc deciderà di pubblicare una serie settimanale nota come "Countdown", che non solo era brutta in un modo tale che se la definissi brutta come il peccato verrei querelato da quest'ultimo, ma verrà anche bellamente ignorata da Morrison. La morale insomma è: fatevi del bene e non leggete countdown.
Fatto sta che la nostra storia si apre con Metron, un membro della razza di nuovi dei del famoso quarto mondo (per favore, leggete l'iperlink. E' quasi indispensabile), che fa un dono ad Anthro, il primo homo sapiens della terra. Quel dono è il fuoco, una scoperta che rende Anthro il primo tizio del mondo ad avere un arma superpotente, che il nostro userà subito per combattere il male (una tribù di cavernicoli malefica). Metron donerà inoltre ad Anthro un circuito disegnato, il cui vero significato resterà per un po' un mistero.
Nel presente intanto, il detective Dan Turpin sta indagando sul misterioso nightclub noto come Darkside club. E già con un nome del genere sembra un doungeon sadomaso ma tant'è.... Turpin entrerà però in contatto con un altro nuovo dio, Orion, il guerriero eterno, che a quanto pare è stato ucciso con un proiettile di Radion, unica sostanza in grado di porre fine all'esistenza di un dio. Sul caso di deicidio indagheranno le Lanterne Verdi della Terra, aiutate dalla potenti Lanterne Alpha, robot creati per aiutare i poliziotti cosmici nel loro lavoro.
Nel frattempo, una nuova figura farà la sua comparsa sulla scena dei supercriminali, o meglio, una vecchia faccia nuova. Trattasi di Libra, primo fondatore della Gang dell'Ingiustizia, e dotato del potere di rubare la metà di qualsiasi superpotere. E sì, suona scemo, ma erano altri tempi.
Libra ha visto la luce (o meglio, il buio) ed è diventato profeta del dio del male Darkseid, e ha deciso di reclutare nuovi seguaci sulla Terra. Per farlo, prometterà ad ogni supercattivo che si unirà a lui un desiderio. Il primo accolito di libra sarà il criminale di serie B "La Fiamma Umana", che riuscirà a veder morire Martian Manhunter, l'ultimo marziano sulla Terra, grande eroe Dc, e uno dei miei personaggi preferiti di sempre. Sarei alterato se in quel periodo le storie del marziano non fossero state orripilanti.
In tutto questo, in un nodo alla prima Crisi, scopriremo che nel cosmo Dc esiste una razza di esseri potentissimi, noti come i Monitor (discendenti di quello originale), il cui scopo principale è quello di osservare la realtà, e i suoi sviluppi. Un membro di questi guardoni cosmici, tale Nix Uotan verrà esiliato e trasformato in umano, costretto a vagare la terra separato per sempre dal suo amore Weja Dell. Io ve l'avevo detto che era complesso. E siamo solo al primo numero!
Faremo anche la conoscenza con una nuova generazione di eroi giapponesi, il Super Youg Team, il cui unico scopo è quello di divertirsi fino a spaccarsi, ed essere favolosi. Se non riescono in questo obbiettivo, beh, la pena è la morte.
Durante una serata, i giovani giapponesi incontreranno due persone che cambieranno la loro vita per sempre: Il lottatore Sonny Sumo, e il maestro escapista Shilo Norman, alias Mister Miracle. Shilo è a conoscenza che il mondo è in grave pericolo, e che ha bisogno di Sonny Sumo. Quello che il nostro ancora non sa, è che il lottatore non è il vero Sumo, ma una sua versione alternativa. Alla strana coppia si unirà il Super young Team, in cerca di fama e di divertimento.
Nel frattempo, la lanterna verde John  Stewart verrà picchiata da un misterioso assalitore, e la colpa verrà data all'amico lanterna Hal Jordan, che sarà preso in custodia dai suoi superiori. Il misterioso assalitore era la lanterna Alpha Kraken, nel cui corpo si nascondeva però la malvagia dea nota come "Nonnina Bontà". La Nonnina rapirà Batman, e lo imprigionerà nel laboratorio genetico noto come il "Commando D", o per i suoi amici "La fabbrica del male", lasciando il crociato mantellato nelle mani degli scienziati pazzi Symian e Mokkari. E sapete una cosa? Due terzi di queste idee sono tutte di Jack "King" Kirby. Quell'uomo era così avanti che si poteva dare le pacche sulla spalla da solo e dirsi "Scusi? Mi fa passare?"
Il proiettile era stato proprio sparato da Nonnina Bontà, e spedito indietro nel tempo per uccidere Orion senza destare sospetti. Ora, dovete sapere (se non avete letto bene gli iperlink), che quando un Nuovo Dio muore, la sua anima viene raccolta da un tipo sugli sci noto come "il nero corridore". Nessuno corre più veloce della morte. Tranne un pugno di uomini vestiti di rosso. E con un rombo di tuono, e un odore elettrico nell'aria, un eroe del passato muoverà una corsa sfrenata per cercare di frenare il misterioso proiettile, in una gara contro il nero corridore. Quell'uomo era Barry Allen, il secondo Flash. Che apparirà davanti ai suoi amici increduli con una sola parola sulle labbra "Correte". Al suo urlo, il nostro recluterà il nipote, Wally West, l'altro tizio che è riuscito a sconfiggere la morte in corsa. Tre volte.
Dan Turpin avrà poi trovato il Darkside Club, e lì scoprirà che il locale era la nuova base del dio del male stesso, Darkseid. L'essenza del dio si era infatti scontrata con il tempo stesso, creando una'instabilità temporale, che aveva permesso a tutti i nuovi dei malvagi di prendere possesso di corpi umani, e pianificare così la conquista del mondo. Ma i corpi umani sono deboli, e Darkseid necessita una nuova forma, e la troverà in Turpin, che si ritroverà a dover combattere contro il suo stesso lato oscuro. Presagendo il pericolo, Alan Scott, uno dei primi protettori della Terra, ridarà vita all'articolo X della costituzione degli stati uniti. Cosa significa? Significa "Leva dei supereroi". Alan si ritroverà così a capo del più grande esercito di metaumani del mondo.
In un fast food intanto, Nix Uotan, un normale umano, cerca una parola che libererà il dio che è dentro di lui. Che parola sia, nessuno lo sa.
Quello che però gli eroi non sapevano è che Darkseid stava preparando la sua arma più potente: un equazione matematica che dimostra che la vita non ha senso. Chiunque la senta diventa un nulla, che non può fare a meno di obbedire a qualunque ordine L'equazione, per i curiosi, recita così: "solitudine + alienazione + paura + disperazione + autostima ÷ derisione ÷ condanna ÷ incomprensione x senso di colpa x vergogna x insuccesso x giudizio n=y dove y=speranza e n=follia, amore=bugie, vita=morte, io=lato oscuro".Dopo aver fallito nel recuperare il proiettile, Barry Allen e Wally West, i due flash arriveranno così in un futuro distopico, il cui cielo rosso indica solo una cosa:  il mondo è sotto il controllo di Darkseid.
Ma, dov'era Superman in questo momento, mentre la Terra cadeva? L'azzurrone verrà reclutato da Weja Dell in una squadra di Superman del multiverso per indagare su un misterioso libro di storia. Usando il miracoloso potere della vista 4-d (il fumetto era disegnato con stile 3d, e con l'aiuto di pratici occhialini alcune immagini uscivano letteralmente dalle pagine. Io ve lo risparmio e vi mostro la versione banale. Mi spiace per i sei che avevano gli occhialini a casa), Superman riuscirà ad esplorare il multiverso, fino a raggiungere il Limbo, il luogo dove vanno i personaggi dimenticati.
Superman e compagni scopriranno così la storia di un Monitor, Dax Novu, primo essere ad aver creato una mappa del multiverso. La sua continua esposizione alle diverse realtà, lo avevano però corrotto, e il monitor aveva letto nel futuro dell'arrivo di una nuova minaccia: Un Monitor Vampiro di nome Mandrakk. Per difendere il suo popolo, e la realtà stessa, Novu lascerà così il suo ruolo, e creerà un armatura cosmica fatta di idee.... a forma di Superman, avendo capito che solo l'azzurrone poteva fermare la crisi imminente.
Nel frattempo però, Ultraman, versione malvagia di Superman, userà la conoscenza del libro delle storie (in realtà una mappa del multiverso) per liberare una flotta di mostri che voleva distruggere il limbo. La flotta di nemici verrà però fermata dai personaggi dimenticati, che urleranno un grosso "No" alle forze d'invasione.
Volendo attivare il robot idea, l'essere cosmico Adam Atom fonderà in un unica entità la dicotomia bene/male di Superman/Ultraman, attivando così una reazione a catena che liberà il superman robot, permettendo all'azzurrone di cercare la tomba di Mandrakk.
La tomba, e Mandrakk verranno trovati. Il monitor vampiro era in realtà proprio Dax Novu. I monitor infatti si riveleranno essere tutti più o meno vampiri. Questi infatti ottengono vita dalla vita del loro universo. Dopo aver visto l'interezza del multiverso però, Novu verrà corrotto e di tramuterà nel Moniotr Vampiro per eccellenza. Superman riuscirà a sconfiggere Novu, ma il nome di Mandrakk passerà ad un altro Monitor, grande amico di quest'ultimo. Il nome del nuovo Mandrakk era Rox Ogma, che riuscirà a schivizzare Ultraman, e fare di lui il suo Superman Vampiro. Ma stiamo leggendo un fumetto Dc, o Twilight? Va ancora di moda Twilight vero?
L'armata di supercriminali schivizzati di Darkseid diventerà così una sorta di polizia marziale su tutto il territorio degli stati uniti. La nostra salvezza sarà però racchiusa in un solo uomo: Mark Richards, noto come l'uomo tatuato, un tipo dotato del potere di dare vita a qualsiasi cosa sia tatuato sulla sua pelle. E Richards conosce il simbolo che diede Metron ad Antrho ormai millenni fa. Quel simbolo è una lettera dell'alfabeto dei nuovi dei, e rende immuni dall'equazione dell'antivita. Dopo aver odiato per tutta la vita i supereroi, Richards era finalmente diventando uno di loro.
Ma come poteva un solo uomo controllare il mondo? Dopo aver costruito un elmetto che trasmette l'equazione direttamente nella testa di chi viene colpito, elmetto con cui Darkseid controllerà tutti i criminali seguaci di Libra, e ogni metaumano su cui riesce a mettere la mani, prenderà vita  un esercito di zombie noti come i Giustificatori (che combattono all'urlo di "L'anti vita giustifica il mio odio"). In seguito Darkeseid trasmetterà l'equazione via internet e ogni forma di comunicazione, schiavizzando in poco tempo metà del pianeta Terra. Strano. Io non mi sento mica @@##[€][[]#@#[€€€!"£io$i$anti-VITA-£$()%(^?^)"^?)?=)
Solo pochi eroi, e civili, nascosti ai quattro angoli della terra terranno alto il nome dell'umanità combattendo eserciti di zombie, e anche le persone con cui fino a poco tempo fa condividevano il bar, il letto o il posto di lavoro. E mentre il mondo impazziva, il Daily Planet, il famoso quotidiano, continuava a pubblicare giornali. E sembra una scemata, ma vedete, le notizia, la cultura, i libri, sono cose esterne a Darkseid. E lui le odia. Quindi non solo Morrison sta facendo un'accurata citazione dei vari regimi totalitari che temono che il popolo si acculturi, ma ci sta anche dimostrando che la speranza viene anche dalla lettura. Torniamo ora a parlare di calci in faccia per favore?
Occhei, meno male. L'Uomo Tatuato verrà così portato in un rifugio sicuro, ma il suo arrivo porterà anche moltissimi soldati ad attaccare la base della Lega della Giustizia. Per far guadagnare tempo agli altri eroi, Oliver Queen, alias freccia verde, un tipo senza poteri si lancerà a combattere un orda di supertizi all'urlo di "Il mio odio per i regimi totalitari giustifica QUESTO!". Non lo dirò altre volte. Qui Freccia Verde è SUPER METAL
Ma tutto era ormai perduto. Troppo stanco per resistere, Turpin aveva ormai ceduto al lato oscuro. E il Dio del male era rinato. Il suo giudizio nei confronti del nostro mondo era un infausto pollice verso. E una parola. Arrendersi.
Le sorti della battaglia sembreranno volgere così a sfavore degli eroi, che non possono resistere alle numerose ondate di nemici che sciamano su di loro come cavallette. Va citato, perchè almeno si sorride un po' il momento in cui un Giustificatore urla "Non c'è lotta nell'anti-vita", solo per prendersi un mazzata in faccia da Hawkman che sottolinea come la vita sia una lotta continua. Dio come amo i fumetti di supereroi.
Le sorti della battaglia saranno però ribaltate dall'arrivo di Mr Miracle, Sonny Sumo e il Super Young Team. Tutti loro sfoggeranno il simbolo di Metron, e lo riveleranno a tutti gli eroi sparsi nel mondo, preparando la Terra per la riconquista da parte del genere umano.
Mentre il mondo restava in balia del dio del male, Nix Uotan verrà rinchiuso in una prigione nel commando D, assieme ad un paralitico e a una misteriosa figura scimmiesca (non ci chiedete chi fosse perchè non lo dicono). Il paralitico era però Metron, la scintilla che diede origine all'incendio che è questa storia. E ora, un fatto buffo. Lo sapete che esiste un numero detto "il numero di dio", ovverosia il numero minimo di mosse con la quale è possibile risolvere un cubo di Rubik? Nessuno ci è mai riuscito in meno di diciotto.
Ma questa volta, il mondo è in gioco. E con diciassette mosse, Metron risolve il cubo. E lì inizia la magia
L'onda di puro potere che ha risvegliato Metron, ridona anche i ricordi a Nix Uotan, e lo trasforma in un super monitor, noto come "Il giudice di tutti i mali". La controffensiva è iniziata. Ora tocca al male muovere.
Nel trambusto abbiamo un po' lasciato stare Batman, che giace in un anfratto del commando D, pronto ad essere clonato per dare a Darkseid un esercito di soldati perfetti. Batman verrà così attaccato da Symian, Mokkari e dal Lump, una creatura psichica che attaccherà il cavaliere oscuro con i suoi ricordi più dolorosi. Ma Batman, usando la sua mente come un arma, riuscirà a liberarsi e recuperare il proiettile di Radion.
Mentre Batman si liberava, fra eroi e criminali scoppierà una lotta senza quartiere nella città di Bludhaven. Eroi, contro amici, Giustificatori contro liberi pensatori, Vecchi dei contro nuovi dei. Ah sì, e tre tigri contro tre tigri. In realtà solo una tigre parlante magica col farfallino chiamata "Rosso" contro un abominio genetico che contiene l'anima di un dio. E qui direte voi, il farfallino è carne morta. Beh amici, Rosso non va sottovalutato. Perchè vedete, rosso morde.
Batman intanto ha raggiunto Darkseid, che giace, ferito e malconcio su una sedia. Anni fa, Batman ha fatto un giuramento particolare sulle armi da fuoco. Ma per combattere il nemico finale, anche Batman fa uno strappo alla regola, e usa una pistola, con un particolare proiettile. E così, l'uomo crea un nuovo mito, un mito dove l'umanità guarda il male negli occhi e dice "Ti ho preso"
Il cavaliere oscuro verrà però colpito dalla finisher di Darkseid, la micidiale "Sanzione Omega", che costringe chi ne viene colpito a vivere dozzine di vite, che diventano progressivamente sempre più tristi e senza speranza. La Sanzione Omega causerà un enorme esplosione, e segnerà anche il ritorno di Superman, che volerà nel Commando D, solo per rivelare il cadavere del suo migliore amico. Batman era morto per salvare il mondo, e il suo sacrificio, come dicono in mille films, non sarebbe stato vano.
Nel frattempo la supereroina Question, diventata agente di pace globale, inizierà a reclutare tutti i Superman del mutiverso, dando vita alla "Squadra Superman", la più grande forza di tutto il multiverso.
Il corpo di Darkseid inizierà così a vacillare, ma la pelle del malvagio era davvero molto dura. Avendo fallito la prima volta nel fermare il proiettile, i due flash proveranno di nuovo a superare il nero corridore. Perchè alla velocità della luce il tempo si ferma. E anche la morte. Notizia Flash.
Insieme, come due vecchi amici che non si vedono da tempo ma è come non si fossero mai lasciati, coma una coppia di stanchi maratoneti, i due uomini più veloci del mondo riusciranno a fregare Darkseid e a consegnare il suo corpo al nero corridore. Il dio del male sembrava finalmente sconfitto.
In verità l'essenza di Darkseid continuava però a viaggiare di corpo in corpo, e ad un certo punto il malvagio userà Wonder Woman per liberare Morticoccus, un virus in grado di distruggere i Superpoteri. Quello che il dio del male non aveva messo in contro però era un uomo: Lex Luthor. Essendo riuscito a sfuggire all'equazione dell'antivita, ed avendo riprogrammato gli elmetti dei giustificatori, l'uomo più egocentrico della Terra guiderà una carica di criminali contro i servi di Darkseid, dando a Superman e tutti gli eroi il tempo necessario per costruire l'arma finale.
L'essenza di Darkseid infatti continuava a colpire l'universo. Superman riuscirà a salvare tutto il mondo mettendolo in animazione sospesa. Kal-El si ritroverà poi solo, nel nulla cosmico. Ma quello che Darkseid non sapeva, era che Superman era riuscito a creare grazie all'aiuto di tutti i suoi alleati, la misteriosa macchina dei miracoli, che può mutare ogni pensiero in realtà. Perchè non esiste solo l'equazione dell'anti-vita, ma anche quella della vita. Ed è che un solo uomo buono può fare la differenza. L'essenza di Darkseid proverà a rubare la macchina, ma lo spirito del male, ormai ridotto a pure vibrazioni saranno distrutte da un ultimo supersoffio dell'uomo d'acciaio. Un soffio che prenderà la forma di musica.
Ormai distrutto Darkseid, Mandrakk rifarà la sua comparsa rivelandosi il vero artefice della crisi. Il monitor vampiro si ritroverà però a dover mordere più di quanto gli sia possibile perchè si ritroverà di fronte non solo il giudice di tutti i male (che si rivelerà essere suo figlio) ma anche tutti i superman del multiverso (i sui poteri solari indeboliscono il vampiro), la Pax Dei alias l'esercito di dio, Il Super young Team che si rivelerà essere la nuova ondata di nuovi dei, e....la Zoo Crew, un gruppo di buffi animali coi superpoteri del cosmo Dc, che erano stati uccisi in una miniserie. Ci arriviamo, ci arriviamo.
E IN PIU'! Quando le forze del monitor inizieranno a sparire, e ad affievolirsi, l'interco corpo dell lanterne verdi creerà un gigantesco paletto e sconfiggerà definitivamente Mandrakk. Nix Uotan diventerà umano, e i monitor cesseranno di esistere, lasciando l'intero multiverso libero da influenze esterne.
Intanto, qualche millennio fa, Anthro muore di vecchiaia con il simbolo della libertà disegnato sul viso. A fianco a lui c'è un misterioso uomo, che dipinge un pipistrello sul muro. Perchè alla fine Superman aveva usato la macchina dei miracoli. E le aveva chiesto un lieto fine.
Crisi Finale è una storia difficile Non posso mentire a riguardo. Una prima lettura lascia con l'espressione spaesata da "non avrà saltato qualche pagina?". Una seconda dà qualcos'altro, e così una terza ad libitum sfumando.
Crisi Finale è una storia sulle storie. E già qui siamo nel complesso. E' una storia di decostruzione e ricostruzione del mito del supereroe, che prende a piene mani dal passato Dc, con un occhio di riguardo a Jack Kirby, che creò il quarto mondo e le infinite possibilità ad esso legate.
Morrison gioca con un intero multiverso di personaggi, creando quello che è forse uno dei fumetti di supereroi più supereroistico di tutti i tempi, dimostrando che non sempre le cose che sono sciocche non funzionano, fatto esemplificato dalla risurrezione della Zoo Crew.
La metanarrazione la fa da padrone in Crisi Finale, apparendo sia nel libro sul multiverso, sia nel limbo, e sia nel lieto fine. Ma questo non significa che CF sia una storia solo cerebrale, anzi.
Il senso di rivalsa degli eroi è palpabile, e le maggior parte delle scene d'azione sono spettacolari, dando vita a pagine e pagine di momenti che vi lasceranno a bocca aperta per la loro unione di fantasmagorico e toccante. Certo, il cambio di stile di disegno si sente, e in alcuni punti sia  Jones che Mahnke risultano essere un po' statici.
Questo non toglie che Crisi Finale abbia "Finale" nel titolo per un motivo. Perchè non dovrebbero esserci più "crisi", ma solo storie. Belle o brutte. Ma le Crisi, quelli eventi che sconquassavano il mondo, ormai non sono più. Saranno per sempre pilastri, ma con questa storia si chiude il cerchio che si era aperto nel 1964.
Crisi Finale è una storia sulle storie, e quindi sulla speranza. La speranza di un futuro senza lati oscuri, la speranza di una storia nuova, la speranza di un bel fumetto.
E' normale quindi che nella storia sulla speranza il protagonista de facto sia Superman, l'eroe che sembra invincibile, ma lo è solo quando fa qualcosa per gli altri. E' normale che Batman, l'uomo per eccellenza sia il primo a debellare il re del male. E' normale che Flash, che  sempre stato al centro delle crisi sia quello che vibra il colpo finale E' normale che ogni eroe, grande o piccolo abbia il suo momento di gloria. Ed è ancora più normale, e poetico, che in una storia sulla speranza e sulla positività, ci sia il male più profondo che odia la cultura e tutto ciò che è bello.
Ho detto "Speranza" così tante volte da sembrare un bacio perugina, ma Crisi Finale, alla fine, è proprio questo. E non è forse l'essenza del supereroe? Quel semplice fatto che dentro di noi, sotto la camicia della quotidinità, c'è il costume colorato della personalità pronto ad uscire e a fare cose straordinarie?

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Per un po' non farò più quello che mi chiedete ecchecavolo. Siete cattivissimi. Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. ma se sono un nikilista l'antivita non mi da un bonus?

    RispondiElimina
  2. Davvero niente cachet? Comunque non hai urlato neanche una volta "MORTE AL MONITOR!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma lo faccio solo con l'Anti Monitor! Con quelli veri non c'è gusto! (MORTE AL MONITOR!)

      Elimina
  3. Complimenti davvero, non era facile spiegare una serie del genere, tra le più dense e complicate forse... Solo non mi torna una cosa, ma il corpo bruciato di Batman che recupera Superman?? Se è Bruce com'è possibile che poi lo si veda essere trasportato di epoca in epoca a partire dalla preistoria?
    Grazie e continua a scrivere su questo blog, che è davvero una bella scoperta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei corpi clonati da Symian e Mokkari! Grazie mille a te per il supporto!

      Elimina
    2. A fare il precisetti direi: "Eh ma come mai si sono anche scomodati di mettere al clone pure lo stesso costume :)?"

      Ma sapendo che nei fumetti si è visto molto di peggio (tipo la morte di zia May, che poi era uno scherzone di Osborn che ha assoldato un'attrice..), e che per dei colpi di scena o delle vignette che lascino il segno a volte si adottano soluzioni così così, ti ringrazio per la risposta e anch'io dico: "Fumetti" :)

      Elimina
    3. Beh il costume era lì perchè a livello morale sai che smacco.per tutti essere attaccati da un esercito di Batmen? :) Comunque "Fumetti" è una risposta che si sposa benissimo!

      Elimina
  4. L'equazione dell'antivita è fantastica, potrei decidere di farmela tatuare!! :) Mi chiedo però perchè si usi spesso la matematica per spiegare le cose brutte e cattive! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sarebbe un tatuaggio molto tamarro :P Secondo me perchè la matematica è, agli occhi del pubblico, semplice e complessa allo stesso livello. Tutti sappiamo le tabelline (più o meno) e fin lì la matematica ci sembra facile. Ma quando poi ci metti le lettere e aggiungi regole, mediamente si dice "non la capisco", quando poi in realtà è sempre un sistema di regole. Essendo quindi una cosa che tutti sanno a livello base, ma con la possibilità di diventare molto complessa si sposa bene col male, che tutti conoscono,ma può sempre peggiorare :P

      Elimina
    2. Mi piace come interpretazione! A volte la matematica genera quel misto di fascino/paura simile alla sensazione che provoca il male. All'inizio non sembra cattiva, ma può degenerare in fretta in qualcosa di peggio!
      Mi sento un po' un apprendista signore del male da adesso! ;)

      Elimina
    3. E' cosa comune su questo blog, non sai quante persone vedano i miei campi di studio come malefici! Il nosro è un blog conquistatore ;P

      Elimina
  5. Ho aspettato di finire di leggere l'intera serie per poter leggere il tuo post......e non mi e' piaciuta.
    O almeno, comincio a pensare che trovo Morrison un furbone: la storia parte bene (anche se mi crepa Orion a pagina 1), ipresenta tante cose interessanti, tantissima carne al fuoco, per poi terminare in un casino spazio-temporale in cui penso che neppure Morrison ci abbia capito qualcosa.

    Mi hanno sopratutto lasciato l'amaro Question e Nazi-Supergirl, utilizzate per uno sputo di pagine, o anche come certe faccende vengano sottintese come se fossero ovvie (es:Wonder Woman viene infettata,ma solo quando la vediamo in groppa al cane gigante sappiamo che e' totalemtne schiava,idem Alan Scott, che si era ritagliato un bel ruolo e puff! scompare...).

    E ora due domande:ma nel tie-in di Lanterna Verde, erano 20 pagine in cui i cavalieri di smeraldo correvano come ciucci contro quetsa barriera nello spazio?

    Ma Billy Batson della nostra realta' che fine ha fatto nelcross over?Si legge Freddie che sembra rimpiangerlo.....io l'ho lasciato ai tempi di 52 in cui era in preda ai continui cambi di paresonalita' dovute all'influenza degli spiriti guida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto, grazie per la tua analisi, presics a puntuale. Secondo me il casino non è ai livelli del peggior morrison. E' vero che questa stria è molto complessa e supermetanarrativa, e tutto viene un po' spiegato in fretta a furia con la frase "Superman ha chiesto il lieto fine". Question era lì come omaggio a Kirby, e Supergirl-Nazi serviva come mossa di trama per far muovere Nazi Superman in Beyond, ma ammetto che non si stata la cosa più piacevole della mini. Nei piani di morrison infatti aqndavano esplorati molti più universi (e il buon scozzese lo farà nella mini di prossima uscita "Multiversity). Ogni personaggio aveva un ruolino, ma poi il grosso lo doveva fare Superman, che c'era all'inizio del mondo e ci sarà anche alla fine, questo ovviamente a parer mio. Billy Baston Pre-new 52 ebbe per un po' ill potere del mago Shazam, per poi impazzire e diventare Malvagio in un ciclo di storie che di può definire con un sonoro "Bleah".

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio