Didascalia

Didascalia

martedì 1 aprile 2014

Superboy-Prime, ovvero "Mi manca la Silver Age" (Ti amo ma sei strano)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che vi giura che questo non è un pesce d'Aprile, ma vorrebbe tanto che lo fosse. Inizia ufficialmente oggi l'attessimo mese delle richieste, dove la scalett...e vi giuro che non riesco a scriverlo con una faccia seria, è in mano di voi lettori. Iniziamo subito con una richiesta del mio amico centounista e uno dei principali fautori di questo blog (è uno dei commessi della fumetteria dove mi servo) Andrea, che ci ha chiesto di parlare di Superboy Prime. Chi è questo misterioso personaggio? Come sempre scopriamolo dopo l'intervallo!
 Roditi il fegato Henry Cavill!

Creato da due dei più grandi autori di Superman di sempre (Elliott S! Maggin -l'uomo che si chiedeva se dovesse esserci un superman- ai testi e Curt "Ho disegnato superman per più tempo di chiunque" Swan alle matite) Superboy-Prime, o più semplicemente Prime nasce in un mondo dove i supereroi esistono solo nei fumetti noto, con una fantasia da dieci e lode, come Terra-Prime. Figlio adottivo di Jerry e Naomi Kent, il piccolo prenderà il nome di Clark, anche se il padre sarà in principio titubante a dare a suo figlio il nome di un personaggio a fumetti, essendo all'oscuro di quel tipo che ha chiesto un milione di "mi piace" per far chiamare suo figlio Megatron.
Quello che i Kent non sapevano, era che il giovane Clark non aveva in comune con il personaggio a fumetti solo il nome, ma anche l'origine. Per un bizzarro scherzo del destino, il Clark Kent di un mondo senza eroi era il Kal-El di quel mondo, lì spedito in fasce da un pianeta Krypton morente.
Il passaggio della cometa di Halley attiverà i poteri del giovane eroe, in tutto e per tutto simili a quelli del Superman della Silver Age del fumetto (quando l'azzurrone spostava i pianeti senza sforzo e spegneva i soli con gli sternuti). La sua carriera come eroe sarà però di breve durata, perchè dopo poco tempo, Terra-Prime entrerà nel vortice temporale della nota "Crisi sulle Terre infinite".
Unitosi ad un folto gruppo di eroi, Prime vedrà il suo mondo adottivo distrutto davanti ai suoi occhi, e deciderà di aiutare ad arginare la Crisi. L'idea alla base della creazione di un giovane Superman era quella di colmare il gap fra le generazioni, mostrando come il "vecchio" non fosse inutile, ma ormai forse un po' datato, preparando così il famoso rilancio di Superman ad opera di John Byrne, che ci avrebbe presentanto un uomo d'acciaio sempre fortissimo, ma non onnipotente.
Dopo aver sconfitto l'essere di antimateria noto come l'Anti-Monitor (MORTE AL MONITOR!), la crisi finirà, e tutte le varie linee temporali verranno fuse in un unica grande Terra, distruggendo così il multiverso Dc per ALMENO cinque anni. ALMENO.
Rimasto senza una casa, Prime si unirà ad altri tre paria cosmici (Alexander Luthor, copia del criminale Lex e la coppia Superman/Lois Lane della Golden Age) in una sorta di paradiso cosmico, e nel quale il nostro troverà infine la pace. ALMENO PER VENT'ANNI.
Ma il paradiso non è sempre come ce lo immaginiamo. Il luogo nel quale i tre erano finiti era in realtà una sorta di nesso dimensionale, costruito da pura realtà cristillizzata (a metà fra il metal e il ridicolo. Metallicolo), che Prime userà per osservare i bei tempi andati sulla sua Terra. Furioso per essere stato rimpiazzato nel tempo, il nostro inizierà a prendere a letteralmente a cazzotti la realtà, causando continui spostamenti ed errori nella storia, in un pratico modo per far dire agli scrittori "Non ho mica sbagliato io a scrivere, era un tizio che dava pugni ad un muro di vetro".
Utilizzando una malattia che avrebbe ucciso Lois Lane come carburante per far schierare Superman dalla sua parte, e l'odio per tutto ciò che è diverso di Prime, Alexander Luthor studierà un piano di fuga dalla dimensione paradiso, piano che aveva come scopo il ricreare il multiverso (che a quel tempo si faceva chiamare Ipertempo, che è molto molto metal) per far tornare tutto "come prima". Durante la fuga, Prime di scontrerà con Conner Kent, il nuovo Superboy, e gliele darà di santa ragione. Inoltre, il figlio della Krytpon-Prime si macchierà anche di alcuni omicidi, trucidando alcuni eroi intervenuti per aiutare Conner.
La sua furia sarà superata solo dai suoi piagnistei del tipo "Non volevo farlo! Siete stati voi a farmi diventare cattivi!". Wow. Un passivo aggressivo coi superpoteri. Io al massimo ho un blog, che ingiustizia!
In seguito, Superboy Prime verrà spedito da tre generazioni di Flash all'interno della Forza della Velocità, la misteriosa energia che dona ai velocisti i loro poteri, ma riuscirà ad uscirne (mantenendo però una fobia pura di Flash. Non stento a crederlo) e si costruirà un armatura usando la carcassa del vecchio nemico Anti-Monitor (MORTE AL MONITOR!) che gli permetteva di essere immune alle sue grandi debolezze, magia e Kryptonite.
Con questa nuova Armatura, Prime sfiderà di nuovo Conner, arrivando anche ad ucciderlo, gettando il mondo degli eroi in una spirale di lutti che miseriaccia.
Dopo che Luthor verrà sconfitto, Prime cercherà di distruggere il mondo scatenando un nuovo Big Bang, ma verrà fermato da una visione inusuale: Due Superman, quello della Golden Age e quello moderno, che getteranno il ragazzino arrogante dentro Rao, il solo rosso di Krypton, privandolo di tutti suoi poteri. Indifeso contro due campioni della giustizia, Prime verrà sconfitto e imprigionato dal corpo delle Lanterne Verdi, solo dopo essersi inciso sul petto una "S", volendo dimostrare al mondo che c'era posto solo per un VERO superman.
In seguito alla resurrezione dell'Anti Monitor (MORTE AL MONITOR!) e alla nascita del gruppo di pulotti spaziali malvagi noti come Sinestro Corps, Prime verrà liberato dal rinnegato Sinestro, e reclutato come araldo della paura nel cosmo. Così bardato, Prime si scontrerà con il campione della volontà noto come Ion, e verrà spedito all'interno del multiverso dagli alieni noti come i Guardiani dell'Universo.
Questo viaggio nel cosmo (e il fatto che per un po' la Dc perse i diritti per il nome "Superboy"), trasformeranno il nostro in un uomo fatto e finito, che deciderà di prendere il nome di Superman Prime, indossando un costume nero che, perdonatemi è fighissimo.
Scopo del giovane Prime era quello di ricreare di nuovo la sua Terra, missione per la quale recluterà numerosi maghi, fra cui il folletto Mr Mxyzptlk (prouncia Mixiesspitlik). Durante la sua crociata, Prime si scontrerà con un altro viaggiatore del multiverso, Monarch.
Seppur potenziato, Prime si troverà a combattere un nemico pari a lui, e , in uno scoppio di rabbia, il nostro strapperà l'armatura di contenimento dal suo rivale, creando un boom quantico che distruggerà un'intero universo. E sì, mentre sfidava Monarch, Prime gli ha urlato contro "Ti ucciderò! Ti ucciderrò a morte!". Adorabile.
L'esplosione non solo renderà Prime di nuovo adolescente, ma los pedirà nel lontano 31esimo secolo, dove il nostro scoprirà di essere stato solo una nota piè di pagina nella storia degli eroi.
Sconvolto e arrabbiato, Prime metterrà su un esercito di super-criminali, e si scontrerà non con una, non con due, ma con ben tre legioni dei super-eroi, il più grande gruppo di supertizi del futuro.
Ci verrà inoltre rivelato che, in un lontano futuro, la linea temporale senziente nota come Time Trapper (vecchissima nemica della Legione) prenderà possesso di Sueperboy, trasformandolo nel nuovo Trapper.
Ma neanche il dominio sul tempo basterà a rendere vittorioso Prime, che sarà sconfitto dalla sua stessa arroganza (e da un bazilione di tizi in costume)
La sua sconfitta darà però a Prime quello che aveva sempre desiderato: Toranre su Terra Prime, ma senza poteri. Peccato che sul suo mondo, tutti avranno letto le sue gesta da folle sui fumetti della Dc, e sia i suoi genitori sia la sua ragazza lo odieranno e lo temeranno. Superboy deciderà così di sfogare le sue frustrazioni nel modo più sano possibile: Scrivendo nei forum sui fumetti. Ma andiamo! Quando me li daranno a me i superpoteri?
Diventato un vero e proprio recluso la cui vita era dedicata a leggere fumetti e a lamentarsi, Prime scoprirà con tristezza di essere diventanto un personaggio creato apposta per far ridere il lettori, e, una volta scoperto che sarebbe stata pubblicata una miniserie che avrebbe narrato la sua morte, il nostro si lancerà ad un caccia forsennata all'ultimo numero del fumetto, per scoprire il futuro e cambiarlo.
Trovato il fumetto, come in Balle Spaziali, il prima diventerà poi, e l'adesso è adesso, e Prime vedrà il suo futuro svolgersi proprio mentre leggeva il fumetto. Trovatosi attaccato da un'orda di Lanterne Nere, il nostro reagirà, ritrovando i suoi poteri e volando alla Dc per uccidere tutti gli scenggiatori che l'avevano reso uno scherzo.
Dopo aver indossato un anello del potere nero (che dona la morte a chi lo indossa), Prime verrà però colto da un overdose di emozioni e riuscirà a sconfiggere le Lanterne nere, solo per ritrovarsi di nuovo solo nel suo seminterrato, e con una fidanzata che sfoggiava un nuovo gioiello. Un anello nero.
Sulla nostra Terra intanto, il criminale Headcase aprirà un portale per Terra Prime, richimando Superboy nel mondo che lo aveva sconfitto a più riprese.
Messo insieme un gruppo di giovani criminali (fra i quali figura Brainiac 8 degli Outsiders di Judd Winick. Così per dire) il nostro deciderà di sconfiggere per sempre Superboy e i suoi amici, i Giovani Titani.
Prime fallirà ancora una volta, e verrà sconfitto dalla mole di tutti i Giovani Titani, Superboy e Supergirl, finendo imprigionato nel muro della fonte, oltre il quale esiste la risposta alla vita, l'univero e tutto quanto (che è Jack Kirby).

Superboy Prime nasceva come modo per colmare un buco, ma si è poi evoluto in un qualcosa di bizzarro. Si potrebbe dire che il nostro è diventato la parodia del fan che si lamente ma poi compra lo stesso i fumetti. Si potrebbe dire che Prime è diventato la manifestazione fisica della nostalgia. Oppure, si potrebbe dire che si tratta di un personaggio passivo-aggressivo ricreato da uno scrittore passivo-aggressivo al quale non vanno bene le critiche del pubblico. Fatto sta che Prime prende a piene mani dal mondo reale, per creare un personaggio fatto apposta per essere antipatico e rognoso, e ci riesce benissimo, unendo sia l'esagerato da fumetto, sia quel giusto tocco di "realismo" che non guasta. Prime non è il miglior personaggio di sempre. Diamine, non il più grande personaggio in questo articolo. Però la sua costruzione è buona. Molto più buona di molte altre. Solida, ma fluida. E forse, tutte le volte che leggiamo di lui, e vediamo quanto sia irrazionale la sua furia perchè hanno "cambiato le cose", "tolto il pathos" oppure semplicemente "non sono più i miei fumetti", possiamo vedere noi stessi. Ed è spaventoso, proprio come un cattivo vero.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. La cosa più bella del mese delle richeste è inventare tormentoni che fano ridere solo me. MORTE AL MONITOR! Pronti a partire. Let's go!

16 commenti :

  1. Però Prime partiva come eroe! Possibile che, con tutto quello che gli è capitato, non abbia mai nemmeno pensato "Ok, ho fatto una serie di stronzate, proviamo a rimediare"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh no. Quanto una cosa diventa per te un ossessione perdi il contatto con il mondo esterno e con il tuo mondo interno, e quindi ti lasci andare alla deriva guidato solo dal tuo odio. Questa è la risposta "mondo reale". La risposta vera è "A che ci serve un altro Superman?"

      Elimina
    2. Bhe, Superman, per l'impostazione caratteriale donatagli dai Kent, sbaglia molto poco. E' un buon personaggio, ma sarebbe interessante poter vedere come un uomo dai poteri enormi e dal carattere incostante, consapevole di aver provocato disastri, possa cercare di porre rimedio, combattendo innanzitutto contro i suoi demoni. Potrebbero uscirne fuori delle storie di redenzione (non lineare, ovviamente) molto originali.

      Elimina
    3. Si ma non con Superman. Mi spiego. Io non sono per nulla un fan di "NON CAPISCI IL PERSONAGGIO" perchè, dai, sono tizi di carta. Se risuona bene con te lo capisci, se no allora no. Però Superman è più di un personaggio, è un icona. Superman cattivo, non è divertente. Non è neanche interessante perchè l'hanno fatto tutti. E quindi boh, se mi usi un "Superboy" che fa le cazzate e poi ripara, c'è già quello normale, se vuoi fare il Superman buono c'è già quello normale, e allora questo tizio, nato come battutina, rimane quello che è: una batuttina

      Elimina
  2. grazie giò grazie l ultima parte mi mancava :)
    evviva il nostor passivo-aggressivo preferito :)
    andre

    RispondiElimina
  3. La parte metafumettistica è incasinata e delirantissima XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incasinata forse, delirante...non credo sia la parola adatta ;)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Durante la Crisi, Flash usava i poteri del criminale psicopirata per manipolare i soldati dell'Anti-Monitor, i Thunderer, trasformando la loro devozione in puro odio per il loro oscuro signore. La faccia del tonante che si gira verso il suo padrone e pronuncia "Odio...si, io provo...Odio...MORTE AL MONITOR" seguito da un orda di guerrieri che urla la stessa frase è uno dei più bei momenti a fumetti di sempre. E' sempre stato un mio tormentone nella vita vera, era roa che lo fosse anche sul blog

      Elimina
  5. Cioè scusa, ma se Prime è "la parodia del fan che si lamenta ma poi compra lo stesso i fumetti" e il fatto che lui prendesse a pugni la realtà ha creato errori di continuity allora gli scrittori ci stanno dicendo in modo velato che la colpa di tutti quegli errori è soltanto dei fan che si lamentano e li costringono a fare un sacco di casini per accontentarli? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse! Io ve l'ho detto che era passivo aggressivo!

      Elimina
  6. È un pesce d'aprile... vero?

    (Lavos-D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disse quello che mi chiese di Sentry... ;) No volevo fare la bossa ("far finta" in slang genovese) e fingere di recensire Tex o altre cose che non mi piacciono ma mi sembrava banale...

      Elimina
    2. Ehi: non trattarlo così male! Sentry è nato come innovativo esperimento di marketinEHM, arguto omaggio ai fumetti degli anni '60!

      Invece, Superboy-Prime ha una storia talmente strampalata che, dalla seconda metà dell'articolo in poi, mi aspettavo a ogni capoverso uno: "Scherzone! Ci siete cascati: mi sto inventando tutto!" Ma, per citare la celebre catchphrase del supervillain Doc Giova: "fumetti, gente".
      Lavos-D

      Elimina
    3. Sentry è nato come una cosa scema ;) E comunque un po' tutti gli esempi della rubrica "Ti amo ma sei strano" sembrano favolette!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio