Didascalia

Didascalia

giovedì 27 marzo 2014

Cassandra Sandsmark, meno fangirl, più Wondergirl

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che copia le battute dai cartoni più famosi di lui.
Wonder Woman è innegabilemente la supereroina più famosa di tutti i tempi, e nel corso degli anni ha avuto alcune assistenti che in poco tempo sono riuscite ad uscire dall'ombra dell'amazzone diventando personaggi indipendenti. Oggi parliamo proprio di una ragazza meravigliosa, Wonder Girl!
E prima che me lo diciate "Lasso" e "Lazo" sono entrambi corretti


 Apparsa per la prima volta su Wonder Woman 105 del 1996, con testi e disegni di John Byrne, la nostra eroina è Cassandra "Cassie" Sandsmark, figlia di Helena Sandsmark, curatrice del museo di Gateway e seria archeologa.
Madre single, Helena ebbe Cassie da un uomo misterioso incontrato durante una spedizione archeologica in Grecia. L'uomo in questione era Zeus, signore delle dei Greci, e per dirlo in termini simpatici uno che che con le signore se l'era sempre spassata.
Dopo qualche anno la famiglia Sandsmark verrà in contatto con Wonder Woman, del quale diventerà molto amica.
Quando Wonder Woman verrà attaccata da un clone del mostruoso Doomsday, Cassie deciderà di prendere le cose in mano ed aiutare la principessa amazzone. Usando i sandali alati del dio Ermes per simulare il volo, e il guanto del Titano Altante per motiplicare la sua forza, la nostra si metterà un costume di fortuna, una parrucca nera e si darà il nome di Wonder Girl.
 La parrucca era un omaggio alla prima Wonder Girl ovvero la sorella di Wonder Woman, Donna Troy, di cui Cassie era sempre stata Fan.
Dopo qualche missione nel quale Cassie iniziava a rendersi conto che gli artefatti mistici sono utili ma non bastavano per tenere il passo con i nemici della principessa Amazzone, e chiederà un favore a Zeus. Il padre (a sua insaputa) attiverà così i poteri semidivini della figlia nella forma di una versione ridotta di quelli della sua mentore, e donerà ad Helena il potere di disattivarli con un semplice tocco (cosa che la nostra, pur essendo spaventata dei pericoli che corre la figlia in missione, non userà quasi mai, fidandosi al massimo della sua bambina).
La stessa Donna Troy donerà a Cassie il suo costume originale, che la nostra deciderà però di non indossare per paura di usurpare il ruolo della sua ex-omonima.
 Grazie ad una cotta per il giovane eroe Superboy, Wonder Girl si unirà a quello che è il più grande supergruppo di adolescenti di tutti i tempi, Young Justice, nel quale porterà una richiesta presenza femminile, e stringerà una grande amicizia con l'eroina Cissie King-Jones, meglio nota come...Miss Freccetta. Ve lo giuro. In questo periodo, Cassie maturerà molto come eroina e come persona, riuscendo ad uscire dalla sua fase di "bambina" per diventare un adolescente con la testa sulle spalle. Più o meno.
 Nel frattempo Cassie verrà addestrata nell'arte del combattimento dall'Amazzone Artemis, che, nonostante il suo brutto carattere ai affezionerà alla ragazza.
Quando il dio oscuro Oblivion distruggerà parte di Gateway City, Cassie si lancerà ad aiutare i suoi concittadini, ma senza mettersi il costume, rivelando così la sua identità segreta. E grazie a dio, l'idea della parrucca era stupidissima. Le parrucche le usano LORO.
 La sua nuova confidenza farà di Wonder Girl una ragazza molto razionale e in gamba, tanto da diventare in poco tempo il volto e il leader di Young Justice, gestendo il team in alcuni dei suoi momenti più difficili. Inoltre, la sua cotta per Superboy verrà ricambiata, e i sue inizieranno una relazione. Stateci attenti che tornerà in seguito. Nel frattempo, potete osservare un'adolscente prendere a cazzotti una dea della distruzione. Prego.
 Quando una versione futura del criminale Brainiac tornerà indietro nel tempo per distruggere Superman, Cassie dovrà osservare una delle sue più grandi paure: La morte di Donna Troy.
Questo evento sarà la causa scatenante dello scioglimento di Young Justice, e per qualche tempo Cassandra si ritroverà senza una vera identità, fino a che non verrà reclutata nel gruppo giovanile dei Giovani Titani. Il suo entrare nel gruppo le porterà sì un nuovo scopo nella vita e un modo per superare il dolore, ma a quanto apre anche una totale amnesia perchè da ragazza giudiziosa la nostra diventerà un adolescente rabbiosa. Ah, i giovani d'oggi...
Durante una missione inoltre, la nostra accetterà di diventare la campionessa del Dio della guerra Ares, uno dei nemici più Letali di Wonder Woman, ottenendo in cambio un lazo in grado di trasformare la sua rabbia in fulmini. Perdono il fatto che non c'entri nulla con Cassie solo perchè è metal come poche cose.
 Cassie inoltre inizierà una relazione con Superboy...di nuovo. Cioè, seriamente si erano dimenticati che già l'avevano? Ah, Dc, dove la C non sta per coerenza.
 In breve tempo Cassie prenderà le redini anche del nuovo Gruppo, divetando comandante in seconda del team, assieme al quale combatterà demoni vampiri, mercenari da fanfiction, uno degli eroi più fighi del cosmo che ha il potere di resuscitare qualsiasi figura storica, cloni, robot, l'essere disegnati da Rob Liefeld ma scritti da Gail Simone e la più grande minaccia di tutte: un team-up con gli outsiders di Judd Winick. Tremo al solo scriverlo.
 Ma il mondo inizierà a crollare addosso a Cassie quando Superboy morirà per salvare il mondo, lasciando la giovane devastata.
Rabbiosa (più rabbiosa) e disillusa, Cassie cambierà costume adottando una versione "da strada" della sua uniforme, mimando quella del suo defunto fidanzato. Dopo un anno passato a piangere, la ragazza meraviglia deciderà di tornare dai Titani.
 Questo momento di confusione la porterà non solo ad allontanarsi da Wonder Woman, che la nostra vedeva ormai come una persona distante piuttosto che un mentore, ma anche a baciare Tim Drake alias Robin, il miglior amico di Superboy, anch'egli sconvolto dalla perdita dell'amico.
La coppia proverà a vivere la relazione per un po', ma la cosa finirà in breve tempo, logorando i rapporti fra i due. Nel frattempo i titani combatteranno varie minacce, le amazzoni attaccheranno l'America con armi caricate ad api e dio come adoro i fumetti di supereroi (la storia in se faceva pena,ma non si dice mai di no a delle api assassine)
 Cassie inoltre diventerà molto amica di Supergirl, con il quale condivideva l'affetto per Superboy.
Wonder Girl inoltre deciderà di riparare ai danni causati dall'attacco Amazzone, si unirà al fratellastro Ercole per una missione sull'Olimpo, al termine della quale si riconcilierà con Wonder Woman. Cassie si sconterà anche con il semidio Lysicus, che le toglierà il titolo di campionessa di Ares, senza però conseguenze sui suoi poteri.
 In seguito, Superboy verrà resuscitato dall'eroe Brainiac 5, e si unirà di nuovo ai Titani guidati da Cassie. Il team avrà numerosi alti e bassi, in parole più semplici più bassi che alti, e la coppia non riuscirà più ad ingranare come prima perchè Wonder Girl viveva con la paura costante di poter perdere Superboy di nuovo.
 Cassandra ha fatto la transizione nel nuovo Universo Dc, ed è di nuovo un membro dei Giovani Titani. In questa versione però, la nostra non ha poteri innati, ma si appoggia a due braccialetti mistici che le danno la possibilità di generare un armatura mistica legata al demone Trigon. Inoltre, in questa nuova realtà, la nostra non è più figlia di Zeus, ma di un suo figlio, noto come Lennox, facendo così di lei la nipote di Wonder Woman. Come questo fatto verrà esplorato è ancora tutto da vedere.
Parliamoci chiaro. L'idea di una Wonder Girl è ottima. Le versioni "giovanili" di un eroe più famoso, per quanto possano sembrare fuori moda, sono spesso idee buone per creare nuovi personaggi che riescano ad avere una vita editoriale lunga più lunga di boh, sei numeri. Sebbene in principio Wonder Girl avesse anche un'ottima caratterizzazione, la cosa andrà un po' persa nel corso degli anni. E par carità, è vero che stiamo leggendo soap operas e non letterattura d'alto bordo, ma trasformare una ragazza giudiziosa ma un po' impulsiva in una tipa la cui cratterizzazione è "ho un fidanzato e sono triste" non mi sembra positivissimo. La Wonder girl più recente prende di nuovo a piene mani dalla caratterizzazione più recente presentandoci un'eroina "troppo giusta", e un po' ribelle che....no ragazzi non ci riesco, è scritta da Scott Lodbell, questo vuol dire che non la toccherei neanche con un bastone. Le potenzialità per avere un personaggio di serie A e riconoscibile ci sono tutte. Tutte. Sarebbe bello non sprecarle. Ops.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Sta per inziare. Tremo al solo pensiero. Pronti a partire. Let's go!

8 commenti :

  1. Comunque io a continuo a dire che gli Outsiders di Judd Winick erano una gran serie....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità. Ad ognuno il suo. Per me sono un po' meglio di tante cose. Come schiacciarsi le dita sotto il ferro da stiro ad esempio :P

      Elimina
  2. completamente contestuale: cap e winter soldier... commenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi piacie il medium cinema :P No boh, l'ho visto con una mia amica. Carino.Il Winter soldier ci sarà tre secondi però carino!

      Elimina
    2. Alla faccia dei tre secondi... sicuro non guardassi di più la tua amica? XD

      Elimina
    3. Si era addormentata ;) Io l'ho visto più un film SHIELD vs HYDRA, il soldato d'inverno su due ore ci sarà mezz'ora. Tutto qua ;)

      Elimina
  3. La frase di apertura è tratta dalla serie Young Justice vero ?

    RispondiElimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio