Didascalia

Didascalia

martedì 25 febbraio 2014

X-23- Rinascere dalle ceneri (Passando da un medium all'altro)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che si ricorda la pecora dolly.
Torna, dopo quasi un annetto "Passando da un medium all'altro", la rubrica che vi parla di quei personaggi che sono riusciti a saltare da un medium esterno al fumetto (la radio, i romanzi, i film, i cartoni animati et cetera) al fumetto vero e proprio.
Oggi, parliamo di un clone di Wolverine. Ma venuto bene. Quanto bene? La risposta dopo l'intervallo! 
Comunque la risposta alla domanda è "Molto"


 Creata da Craig Kyle e Cristopher Yost nel 2002, X-23 fa la sua prima apparizione nel cartone animato X-men: Evolution, una sorta di universo alternativo al nostro che racconta però lo stesso le avventure di giovani mutanti calati in un mondo che li odia e li teme.
Seppur con tante le differenze dalla continuity originale, il cartone srà particolarmente apprezzato da pubblico e critica, e introdurrà anche il personaggio di cui parliamo oggi, come già scritto nel titolo, X-23.
La nostra è un clone genetico di Wolverine creato dall'Hydra per essere un assassina perfetta, ma riuscirà a ribellarsi ai suoi padroni e a fuggire dal loro giogo, solo per prendersi una vendetta contro suo "fratello" credendolo la causa di tutti i suoi problemi.
Dopo poco però, X-23 verrà a patti con la sua esistenza, e arriverà anche, in un futuro non troppo lontano, ad unirsi agli uomini X a cartoni animati.
 La nostra farà la sua prima apparizione a fumetti nel 2004, sulla serie NYX, più precisamente nele numero 3.
Anche in questa versione la nostra è un clone di Wolverine, creato da un ceppo di DNA danneggiato che non ha permesso ai suoi creatori di riprodurre il gene Y, dando vita così ad una "wolverina".
Il progetto sarà supervisionata dalla dottoressa Sarah Kinney, che fallirà per 22 volte il processo di clonazione, riuscendo infine a creare un campione genetico, dal quale verrà ingravidata a forza dai suoi loschi datori di lavoro.
Dopo nove mesi, Sarah darà alla luce una bambina, che chiamerà Laura, ma a cui verrà assegnato il nome di X-23.
Il progetto passerà poi in mano al crudele Zander Rice, che sottoporrà la bambina a numerose torture per attivare il suo gene mutante, e che riuscirà a creare un particolare odore che aveva il potere di trasformare X-23 in un'assassina senza controllo appena ne percepisse almeno un oncia.
La nostra crescerà così in isolamento, trattata più come un arma che come una persona.
 Dotata degli stessi poteri di wolverine, supersensi, fattore rigenerante, e artigli  retrattili rinforzati col metallo indistruttibile adamantio. A differenza del canadese però, X-23 possiede un set di due artigli sulle mani, e uno sul piede, che la nostra mantiene come arma segreta ( e che è una figata cosmica).
X-23 è inoltre addestrata in numerose forme di combattimento con e senza armi, e possiede una notevole intelligenza tattica e scolastica.
Dopo varie disavventure, X-23 riuscirà a riunirsi con sua madre, ma Rice rilascerà nell'atmosfera l'odore speciale, e la nostra ucciderà involtariamente la madre, che le rivelerà però di averle dato un nome: Laura, Laura Kinney. E non importa per cosa l'abbiano addestrerata, sua madre l'ha sempre amata, e continuerà a farlo. Sconvolta, Laura fuggirà nella notte
 Laura troverà rifugio a casa di una zia, ma il gruppo che l'aveva creata non aveva voglia di perdere la loro arma migliore, e le sguinzaglierà alle costole l'assisina nota come Kimura. Dopo essere riuscita a sconfiggerla, X-23 riuscirà a trovare Wolverine e a batterlo in combattimento usando un mix di tattiche e velocità, ma prima che la coppia potesse venire a patti con il loro rapporto, Laura sarà arrestata da Capitan America, per conto dell'agenzia spionistica nota come S.H.I.E.L.D. .
Credendo alla sua storia e alla sua innocenza, il Capitano userà il suo più grande superpotere (quello ci avere fiducia nella gente con un sogno) e libererà Laura, per far sì che la ragazza non dovesse diventare di nuovo un arma.
 Le cose non andranno però benissimo per la nostra, che si ritroverà sconvolta fisicamente e psicologicamente.
Raggiunta New York, Laura inizierà a lavorare al servizio di un pappone come prostituta specializzata in clienti sadomasoschisti. La sua psiche tormentata la renderà però completamente muta, e in lotta con se stessa, tanto che passerà il suo tempo a tagliarsi da sola con i suoi artigli.
Dopo aver incontrato altri giovani mutanti, e aver recuperato se stessa, Laura ucciderà il suo pappone, e si darà di nuovo alla fuga.
 Laura troverà poi lavoro come cameriera in un bar nel ghetto di "Mutant Town" (che come dice il nome, ha una popolazione composta quasi esclusivamente da mutanti). Proprio in questo periodo, la nostra inizierà ad indossare un costume già indossato da suo "fratello", modellato su quello dell'alieno Fang.
Il tutto era un piano ordito dalla coppia di mutanti ferali per far entrare Laura nello Xavier institute e proteggerla dai suoi inseguitori. La nostra si unirà quindi al gruppo mutante, assieme al quali combatterà varie minacce, come un gruppo di dinosauri con i superpoteri. Oddio finalmente qualcosa di allegro....
 Dopo aver ottenuto per poco tempo i poteri di Capitan Universo, Laura si ritroverà in mezzo alla follia di Scarlet Witch, che avrà tolto i poteri al 98% dei mutanti sulla Terra.
Rimasta fra i pochi personaggi interessanti mutanti con i poteri, la nostra si unirà ad un gruppo di giovani X-men noto come...I Nuovi X-men. Un dieci alla fantasia.
In principio, Laura farà molta fatica ad adattarsi alla vita di gruppo, ma dopo qualche tempo la nostra riuscirà a trovare un posto nel team, aiutandolo in molte missioni, come un viaggio all'inferno, un attacco robotico, l'arrivo e del messia, cioè in pratica le solite cose da mutanti.
 Laura inizierà anche una pseudorelazione con il telecineta Julian Keller. Da principio la nostra sarà particolarmente ferale e protettiva nei suoi confronti, ma arriverà a sciogliersi col tempo.
 Laura verrà poi arruolata senza consultarla in un nuovo gruppo di mutanti noto come X-force, il cui scopo era quello di uccidere proattivamente (NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!) i nemici della razza mutante. Wolverine proverà a dissuaderla, ma senza successo.
Laura si dimostrerà un'abile combattente, ma una pessima giocatrice di squadra, mettendo spesso in pericolo i suoi compagni, segno che la sua personalità di X-23 stava riemergendo.
In questo periodo, la nostra stringerà anche amicizia con l'agente segreto Morales, che l'aiuterà a prendersi la sua vendetta contro i suoi creatori.
Wolverine in seguito la espellerà dal team, adducendo come motivazione il fatto che Laura aveva passato tutta la vita a prendere ordini, e ora era il momento di trovare la sua strada.
 Per un po' Laura si unirà a gli X-men nella loro città-stato di Utopia, ma lascerà il gruppo quando sarà tormentata da visioni di un Wolverine Demoniaco che voleva fare di lei il suo braccio destro.
X-23 si lancerà così in un viaggio alla scoperta di se stessa, accompagnata dall X-men Gambit, assieme al quale vivrà diverse avventure in giro per il mondo.
Durante questo periodo, Laura diventerà di nuovo Capitan Universo, collaborerà con l'Uomo Ragno, diventerà amica di un altra protetta di Wolverine (Jubilee) e si scontrerà più volte con Daken, il figlio scemo di Wolverine.
 Per un breve periodo, la nostra sarà anche la Baby Sitter di Franklin e Valeria Richards (i quali ricordiamo hanno i superpoteri. Lei è la persona più intelligente sulla terra e ha quattro anni, lui ha il potere di un dio COSMICO. Spero la paghino bene).  In seguito però, Laura troncherà la sua pseudo-relazione con Julian Keller. Dopo aver assistito allo scisma degli X-men, X-23 deciderà di non voler stare nè col fascista con un occhio solo, nè con l'assassino che fa il preside e si recherà da un vero mentore.
 Citiamo anche per amor di completezza (e di google) che X-23 per un breve periodo si unirà a Venom, Hulk Rosso e Ghost rider in una versione che omaggia i famosi "Nuovi Fantastici quattro" (ne parliamo qui) e che urla "EHI! TE LI RICORDI GLI ANNI 90? IO SI'! ESTREMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!"
 Ma chi era il vero mentore cercato da Laura? HANK PYM BABY! La nostra deciderà infatti di unirsi all'Accademia Vendicatori, una sorta di scuola Xavier solo con più sorrisi. La nostra riuscirà a trovare anche qualche amico, ma non troverà il senso di casa da lei sempre cercato. E se neanche Hank Pym ti può aiutare a trovare la luce, allora non so cosa possa farlo.
 Di recente Laura è stata rapita (assieme ad altri eroi adolescenti) dal supercriminale Arcade, che ha deciso di dare il vita a quello che è stato definito da critici più grossi di me come "Hunger Games con i superpoteri". Riuscirà Laura a sopravvivere alla prova, ai drammi stupidi e alle sceneggiature brutte? Ehi, ha dei geni di Wolverine, ce l'ha nel DNA.
Laura sopravviverà sì alla sfida con Arcade, ma si ritroverà senza memoria. Verrà salvata dai Nuovissimi X-men (in pratica i cinque fondatori prelevati dal passato e portati nel nostro tempo) e si unirà al loro gruppo. Come ho preso la notizia? Beh, lo scrive Bendis, che come chi legge il blog da un po' sa che non mi piace per nulla. Però Laura ha finalmente un ruolo di primo piano. Spaccali tutti ragazza.
 In conclusione, X-23 è un bel personaggio? Dio mio sì! Laura riesce a rendere il concetto di Wolverine (eroe assassino) di nuovo interessante, senza troppi castelli in aria sul "Passato misterioso" e robe varie. Laura ha avuto una vita del cavolo. E adesso prova con tutta se stessa a trovare il suo posto nel mondo. Come tutti. Un classico eroe Marvel, ma finalmente incarnato in un eroina Marvel. Molti dicono che "le versioni femminili dell'eroe maschio" siano solo una trovata commerciale, una cosa che serve per dare "quote rosa". Beh, considerando che ci sono davvero poche serie con protagonisti femminili e tipo un milione con protagonisti maschili, direi che la presenza femminile è un must. Non vorrete farmi credere che volete ancora i fumetti con la moralità anni 50? No perchè a giudicare dallo stato di internet direi di sì. Inoltre di cosa abbiamo paura, che le signore abbiano un modello di riferimento forte, o che, orrore un bambino maschio ammiri Wonder Woman? E poi cosa vorrano fare queste donne, votare?
Laura non è un clone vero e proprio di Wolverine, quella è solo la parte di marketing. Laura è andata oltre l'ombra del canadese, lottando, soffrendo, arrendendosi e rialzandosi. E perdonatemi se non posso che trovarla fighissima.

 E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Artiglio da piede. Che figata! Pronti a partire. Let's go!

12 commenti :

  1. Fantastico post e fantastica X-23! Una delle mie X-Woman preferite insieme a tempesta Jean Grey Rouge e Kitty Pride! Mi viene da pensare quanto fosse bello usarla in Ultimate Marvel vs Capcom 3 ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Putroppo a livello videoludico sono uno scarsone! Sono bravo solo coi Pokemon e UMvC 3 me lo sono proprio perso! Comunque Laura è una bella testimonianza sul fatto che si possano fare anche dei bei personaggi "nuovi" :)

      Elimina
  2. @Gabriele Salamida: ..."Rouge" ... è un errore che appare fin troppo spesso, spero sia solo un refuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È colpa mia. A leggermi troppo si assorbe la mia ortografia :P

      Elimina
    2. ok ho notato l'errore! Grazie per avermelo fatto notare ;)

      Elimina
    3. Grazie a te :-)

      Elimina
  3. Prina che entri in un team, la sua storia vira un po troppo sul tragico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nevvero? Poi oh, tale "padre"....

      Elimina
    2. Quando un post sul padre?? :)

      Elimina
    3. MAI. In realtà non lo so. Spero al più tardi possibile :P

      Elimina
    4. Ora che aono anche supportato mi sento molto più forte :)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio