Didascalia

Didascalia

martedì 3 dicembre 2013

Segreti dal fumettoverso-parte 5

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che chiede e poi vi dà quello che volete. Avete chiesto a gran voce un ritorno della rubrica che fa venire l'invidia a James Bond, la rubrica più misteriosa della rete, e noi ve la diamo cribbio! Nella sua quinta edizioni presentiamo quindi un po' di fatti bizzarri, risposte a domande mai poste e qualche segreto sull'universo dei fumetti. Seguiteci dopo l'intervallo!
Anche se il segreto è solo uno: Che cosa dice la volpe?


Qual'era il futuro del 2099?

Nei primi anni 90, la Marvel Comics darà il via ad un esperimento particolare: deciderà di provare lanciarsi nel genere cyberpunk molto di moda all'epoca, con una linea a fumetti ambientata nel futuro del 2099. In questa epoca distopica fatta di multinazionali, polizie private, inquinamento e, con mia somma tristezza, pochissimi jetpack, arriveranno così dozzine di eroi colorati e non, ispirati alle grandi leggende del passato. Per saperne di più, vi rimandiamo qui (e ve lo consigliamo. Sarà la prima e unica volta che la Marvel lancerà una linea di titoli "alternativi" di qualità). In principio, il 2099 supererà le più rosee aspettative, e la casa delle idee deciderà dunque di espandere questo suo universo all'inverosimile. Dopo aver preso a bordo l'inglese Warren Ellis, la Marvel proporrà ad altri due scrittori britannici di portare il loro talento (nel caso di uno almeno) all'universo del futuro: Grant Morrison e Mark Millar (sbadiglio). La coppia deciderà quindi di lanciare Capitan America 2099: un soldato affetto da disturbo post traumatico da stress, con una vita distrutta e nulla in cui credere che trovava lo scudo dell'eroe originale e decide di diventare un simbolo per tutti e Iron Man 2099: un tetraplegico con un armatura onnipotente, il cui nemico giurato era un discendente di Tony Stark. L'idea sarebbe stata quella di riuscire a creare un evento che avrebbe riunito tutti gli eroi del futuro sotto un unica bandiera per affrontare una minaccia che un eroe non avrebbe mai potuto affrontare da solo: Galactus, il divoratore di mondi. Il puro potere della creatura cosmica, creata in un momento più spensierato del fumetto, avrebbe dovuto collidere con la dura e gretta realtà dell'universo 2099, spingendo così gli eroi ad unirsi sotto una nuova bandiera, quella dei Vendicatori, gli eroi più potenti della Terra. E fin qui tutto normale no? Un paio di idee molto buone per due personaggi, un bel contrasto fra due modi di fare fumetto giusto? Signori, Signore, il meglio deve ancora venire. L'idea era che Galactus sarebbe riuscito a sconfiggere tutti i Vendicatori, lasciando uno sconvolto Capitan America a lottare contro un mostro cosmico alto 60 metri? Beh, vedete, in questo futuro possibile, c'è un ponte. Un ponte che passa fra due enormi pilastri rossi e blu. Pochi, pochissimi sanno che qui pilastri sono gambe. Gambe di un uomo alto 60 metri. Un uomo quasi comatoso, con un cuore così grande che batte una sola volta all'anno. Un uomo intrappolato in una forma non sua da secoli. Ma quando un vecchio soldato, che non credeva più in nulla, finalmente ritrova la speranza, la speranza che si trova in due sole parole, l'eroe s risveglia dal suo letargo. Le parole? VENDICATORI UNITI! L'eroe? Henry Pym, Giant Man, che, tornato alla vita, sconfigge Galactus e salva il mondo. E no, vi giusto che non me lo sto inventando. Un punto per Giant-man. L'idea verrà però scartata dopo il licenziamento dell'editor Joey Cavalieri, che aveva supervisionato il progetto 2099 dall'inizio, dandoci così non un epico finale, ma una delle peggio cose viste in un fumetto. Eh no, non sto piangendo. Occhei, sì.


Com'è la morte nell'universo DC?

Nei fumetti, la morte è un concetto particolare. Più una porta girevole, una sala d'attesa infinita che cara signora tutta questa gente e solo due sportelli aperti piuttosto che una tetra fine, la morte ha avuto molte facce nei fumetti Dc. Lo scrittore Greg Weisman proverà così a dare una certa distinzione fra tutte le cupe mietitrici viste nei comics e ci rivelerà così che "Il nero corridore" (ne parliamo qui) è la morte improvvisa. Death di Sandman (ne parliamo qui) è la morte dolce, quella di chi è in pace, mentre il dio spaziale Nekron è la morte fine a se stessa, che tutto divora
L'idea, seppur carina, non sarà però accettata dalla Dc, e neanche dal creatore di Death, Neil Gaiman, che considereva la sua creatura l'idea stessa della morte, senza fronzoli di sorta. Potremmo però vedere così uno dei pochi cammei di un personaggio di un fumetto della linea "Vertigo" (linea per fumetti "adulti") nel cosmo a fumetti tradizionale.

Gesù era amico di Ghost Rider?

Ghost rider è uno dei personaggi più metal della Marvel. Motociclista spericolato, venderà la sua anima al diavolo per salvare la vita del suo mentore, trovandosi però legato ad un demone atto a vendicare i torti, il nostro scoprirà così di aver vinto una vita un po'...diversa. Quando il demone prende possesso del suo corpo infatti, la testa di Ghost Rider diventa un teschio in fiamme, che cavalca appunto una motocicletta fatta di fuoco infernale.
Le prime apparizioni del nostro saranno sempre molto legate al sovrannaturale "malvagio", fatto di diavoli e demoni, che in quel periodo tiravano molto. L'idea era infatti che Satana in persona volesse Ghost Rider al suo servizio, e che il nostro fosse protetto dalla sua influenza solo dalla purezza della sua fidanzata, Roxanne. Quando quest'ultima lascerà Ghost, il motociclista demoniaco si ritroverà senza protezione, solo per trovarla in...Gesù Cristo, sotto forma di un hippie che aiuterà Ghost in un paio di occasioni.FUMETTI! La cosa verrà poi cancellata, raccontandoci che l'hippie misterioso era in realtà un trucco di Satana, ma poco importa.

 Chi vincerebbe fra il cristianesimo e le divinità greche?

E giusto che siamo in tema di blasfemie varie (e qui il Signore mi fulminerà), vi siete mai chiesti chi vincerebbe fra Gesù e il pantheon degli dei Greci? Se la risposta è sì, posso solo dirvi: EHI ROB LIEFELD! PERCHE' LEGGI IL MIO BLOG? L'idea di base di questo epico combattimento raccontato nella miniserie (mai conclusa) "Godyssey" racconta di come alcuni dei dei maggiori pantheon si riuniscano per combattere una legione di vecchi dei decaduti. E ad un certo punto, e vi giuro che non vi sto prendendo in giro, i Greci vanno a vedere la crocifissione. E Gesù si strappa con forza dalla croce e inizia a menare a destra e manca i suoi nemici manco fosse Bruce Lee, sconfiggendo anche Ercole. Ora, da cattolico posso dire che il solo fatto che Gesù scenda dalla croce rovini un pelino l'idea del messaggio di amore e di sacrificio, ma chi sono io per contraddire Rob Liefeld?

Esistono i Vendicatori nell'universo Dc?

Abbiamo già parlato sul blog dello Squadrone Supremo, eroi Marvel che omaggiano la Lega della Giustizia, il più grande gruppo dell'universo Dc. Non tutti però sanno che nello stesso momento in cui veniva lanciato lo Squadrone, anche la Lega aveva il suo bel daffare con i cloni. Nel numero 75 di Justice League Of America infatti, i nostri eroi si ritroveranno a lottare contro delle versioni malvagie di loro stessi. E il che non sarebbe nulla di nuovo, ma questi membri della lega "in negativo" parlarenno in modo molto...bizzarro. Superman-malvagio sosterrà di essere potente come zeus o come THOR, Hawkman-malvagio sosterrà di essere un UOMO DI FERRO, Batman-malvagio userà uno scudo tondo come arma e così via. In pratica lo scrittore Danny O'Neil avrà inserito il suo simpatico omaggio ai più grandi eroi di un altra Terra.

Perchè Wolverine è australiano?

Wolverine, uno dei personaggi più amati dai fan (ha dei coltelli che gli escono dalle mani, è difficile da battere) ha avuto numerose incarnazioni extrafumettistiche, finendo poi per essere interpretato sul grande schermo dell'Australiano Hugh Jackman. Il che non farebbe ridere, se non fosse per questo piccolo fatto. Vedete, Wolverine è Canadese, e, come noi in Italia abbiamo diversi accenti, così hanno anche i paesi anglofoni, e il nostro eroe in giallo sfoggia proprio una tipica cadenza da foglia d'acero. Peccato che nelle sue prime apparizioni in cartone animato, nessuno lo abbia mai detto al doppiatore, che deciderà di far parlare Wolverine con un accento Australiano appunto. Che è un po' come vedere una commedia di Govi in Portoghese. O un Diego Abantuono che parla un perfetto cinese mandarino.

Chi è Nevada?

Steve Gerber è uno degli scrittori preferiti della redazione. Autori di capolavori anni 70 come Omega lo sconosciuto e Howard il papero, Gerber era uno scrittore fortemente esistenzialista, in grado di condire ogni suo fumetto con una delicata verve satirica, uno humor cinico e asciutto e molta introspezione non solo legata ai suoi personaggi, ma anche alla sua stessa esistenza. In un famoso numero di Howard il Papero, Gerber scriverà infatti una sorta di diario, dove racconta le sue esperienze come scrittore Free-lance, e inseriesce una scena di lotta fra una ballerina e uno struzzo. Perchè nei fumetti di supereroi qualcuno si deve picchiare sempre. Qualche pagina dopo, Gerber scriverà una lettera a se stesso dove, come presa in giro dei fan ossessivi, scriverà di voler vedere una serie regolare della ballerina e dello struzzo
Saltiamo al 1992, e Steve Gerber lancia una nuova serie a fumetti: una giovane ballerina padrona di uno struzzo, si trova a combattere un gangster che possiede una lampada a mo di testa. Il nome della ballerina è Nevada. Non si può dire che Gerber non ascolti i suoi lettori.


Cos'altro ha scritto Jerry Siegel?

Jerry Siegel è papà di alcuni dei più grandi personaggi a fumetti come lo Spettro, il detective Slam Bradley e un tipo che forse non tutti conoscono di nome Superman. Dopo aver venduto i diritti del personaggio alla Dc (per 130 dollari), Siegel continuerà a scrivere della sua creatura, ma verso gli anni 70, il nostro si ritroverà senza lavoro. Verrà così contattato da un piccolo paese, chiamato Italia, per sceneggiare un fumettino chiamato "Topolino". Siegel scriverà così un buon numero di storie, alternandosi fra topi e paperi. Pensate che roba lavorare ad un giornale, e sapere che nella stanza a fianco alla tua c'è il tipo che ha creato Superman.

Che legame c'è fra l'Uomo Ragno e i Transformers?

I transformers! Figli della moda degli anni 80 di unire due concetti a caso (gatti è spazio, falchi e metallo, conoscenza e laser eccetera), e giocattoli superbellissimi,  questi ibridi macchina/robot hanno avuto nel corso degli anni numerose apparizioni in molti media. La Marvel Comics riuscirà negli anni 80 ad accapparrarsi i diritti per una versione a fumetti di questi guerrieri di metallo, dei quali lancerà una fortunata serie che andrà avanti per qualche tempo. E giusto perchè il marketing è il sale della vita, ad un certo punto i Transformers, robot altri quattro metri, incontreranno l'Uomo Ragno. A caso credo. Nelle successive ristampe, non più sotto l'egida della Marvel, il costume del ragno verrà ricolorato completamente di nero per eliminare ogni possbile traccia di denuncia.

Cosa riceve Darkseid a Natale?

Darkseid, il potente Dio del male, il signore del pianeta in fiamme Apokolips, il lato oscuro che è in ognuno di noi è uno dei peggiori nemici del cosmo Dc. Ma c'è un eroe che Darkseid non è mai riuscito a piegare. Babbo Natale. Ogni anno infatti il simpatico vecchietto viaggia fino al pianeta del malvagio, superando mortali trappole, per portare a Darkseid un pezzo di carbone. Alla faccia tua signore del male!


Chi, o cosa è BoodWulf?

Ah, gli anni 90. Per chi non lo sapesse, in quel periodo storico che diede i natali ad un certo blogger di una raffinata bellezza, il mondo del fumetto credeva di dover essere "adulto", nel senso di violento, scurrile e cupo. Immaginate eroi un tempo positivi ridotti a macchiette lamentose, costumi semplici trasformati in abomini complessi, con tasche a caso e armi lunghe come il tunnel sotto la manica, immaginate testate date a cloni dell'uomo ragno e wolverine e decine e decine di copertine variant. Non penso facciate troppa fatica, è molto simile al mercato di oggi. In quel periodo però, alcuni scrittori intelligenti, decideranno di fare una leggera parodia di questo Trend anni 90, creando alcuni buffi personaggi come il cacciatore di taglie Lobo, puro, incontaminato Zeitgeist parodistico del periodo. Visto il successo, Rob Liefeld, autore del 90% dei personaggi parodiati, deciderà di lanciare una sua parodia di Lobo, un cacciatore di taglie noto come BloodWulf. Cioè una parodia di una parodia. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!


George R.R. Martin legge i fumetti?

Il pluripremiato autore della serie "Game of Thrones" Geoge R.R. Martin è uno degli scrittori più quotati del momento. Con al suo attivo un'ottima tecnica di storytelling, è l'arma del puro e semplice realismo (in guerra si muore ragazzi), il buon George è sicuramente uno dei beniamini della cultura di noi sfigati (a me non piace, ma perchè ho dei problemi col fantasy). Non tutti sanno però che George ci è molto più vicino di quello che pensiamo. Il nostro è infatti un avido lettore di fumetti, ed è un fan di vecchia data, avendo anche al suo attivo centinaia di lettere spedite a questa o quella casa editrice. Ecco perchè adesso nei fumetti muoiono tutti!

Chi è il misterioso amore di Wonder Woman?

Negli anni 70, il personaggio di Wonder Woman tornava alle sue origini supereroistiche, dopo un lungo periodo passato a combattere il male usando il kung fu. La Dc decise però che per dare un po' più di pepe alla sua serie, la nostra Amazzone avrebbe dovuto avere un interesse amoroso in un membro della comunità supereroistica. Idea con soluzione non facile perchè la maggior parte dei suoi colleghi era già fidanzata o celibe per vocazione. Tutti tranne uno, Hal Jordan, Lanterna Verde (zzzzzzzzzEh...? Cosa? Mi devo essere appisolato sulla tastiera). Per un paio di numeri la Dc proverà a far decollare questa relazione, ma la cosa cadrà poi nel dimenticatoio. Per fortuna che non hanno provato a metterla con un personaggio a caso tipo Superman, un'uomo totalmente incompatibile con la personalità di Wonder Woman, che sarebbe messo lì solo per una fantasia di potere maschile! Meno male che non succederà mai. Vero? VERO?

Perchè questa copertina fu considerata shockante?

Negli anni 80, si deciderà di cambiare un po' la formazione dei Vendicatori, gli eroi più potenti della Terra. E quando la Marvel pubblicherà la copertina di Avengers 221, la folla andrà in delirio. Vedete, in quel periodo il cosmo marvel era unito, ma diviso da barriere invisibili. Ogni personaggio era legato ad una certa "famiglia", con la quale poteva interagire senza problemi, ma difficilmente entrava troppo nel merito delle "famiglie" esterne, con cui entrava in contatto principalmente per piccole comparsate. La copertina in questione mostrava però personaggi da numerosissime famiglie, e anche qualche eroe che secondo alcuni non sarebbe MAI STATO UN VENDICATORE! Ad oggi, dicembre 2013, solo tre personaggi in questa copertina non sono Vendicatori. E uno perchè era un personaggio su licenza.

Batman, chi?

Nel 1945, Batman farà la sua prima apparizione italiana, in albi tradotti editi dalla Edizioni Milano. Albi non proprio di grande qualità, poichè pubblicati in piccolo formato, e con i disegni ricalcati sugli originali (non di Bob Kane come indicato da alcuni, Bob Kane già ricalcava di suo). Interessante sarà però una scelta grafica: Batman avrà il costume colorato di rosso e prenderà il nome di "Ala D'acciaio". In seguito, la casa editrice pubblicherà le strip di Batman in un formato più consono, portando sugli schermi anche Robin, che sfoggerà un costume blu e il nome di "Aquilotto", mentre Batman prenderà il più poetico nome di "Fantasma". Ora, c'è da dire una cosa. Batman, un tipo spettrale con le corna vestito di rosso? Molto più spaventoso.


E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Chissà perchè questo feticismo anni 40 per la parola "acciaio". Pronti a partire. Let's go!

26 commenti :

  1. Io c'è l'ho alcune storie scritte da Siegle per TOpolino !! Che dire, molto belle e parecchio bioslacche. Con enfasi su parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo con piacere i suoi paperi! Un po melanconici ma bellissimi!

      Elimina
  2. Poi, ma Hal Jordan non stava con Carol Ferris ?E perchè il Joker non pallido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, Hal Jordan faceva un po' di tira e molla fra fidanzate, e in quel periodo era single. La sua relazione con Carol è diventata iconica solo in seguito. Il joker venne ricolorato, come i costumi di Batman e Robin! (Comunque King, bacchettate sulle dita perchè non ti sei iscritto al blog :P)

      Elimina
  3. Come, "chi sei tu per contraddire Rob Liefeld?"
    Non sei Rob Liefeld! Il che ti rende più che qualificato per contraddirlo
    (Lavos-D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà pur così, ma da quando Mr Liefeld mi ha rifiutato una sceneggiatura ho un rapporto molto bizzarro con la sua figura :P

      Elimina
  4. 2099 poteva avere una conclusione epikerrima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra l'altro..jesù contro ercole: aldilà del edea scema e del messaggio travisato come già scritto, il lato oggettivo in me lo trova trash senza essere divertente e allo stesso tempo il lato veramente nerd trova che sia fuori personaggio(un pacifista misericonrdioso è un pò diverso da un violento che scaglia la prima croce) dovrebbe avere un set di poteri estremamente diverso dal god fu!
      Avevo anche un paio di commenti più colti e aulici ma il mio cervello ha bandito l'intelligenza sull'argomento...

      Elimina
    2. Mi fa sorridere "Set di poteri", perchè fa molto sfigato, ma teologicamente Gesù non combatterebbe. Punto. Non ha senso, la sua missione è un altra. E' un po' un voler giocare al cattivo gusto come già hai scritto tu. Non mi addentro molto nella teologia perchè a) non è diverente e b) e' Rob Liefeld. Cioè. Dai.

      Elimina
    3. Poi, si sa come doom avrebbe interagito coi rinati vendicatori?

      Elimina
    4. No! Si sa so qiesta idea generale, i due scozzesi avevano portato solo questo alla Marvel!

      Elimina
  5. Ma Giova, come diavolo e' che va a finire sto maledetto 2099?
    Giuro che e' da anni che provo a capirlo,ma nisba.L'ultima cosa che ricordo, prima che pure la Marvel italia/Panini decidesse di nascondere pian piano questo universo alternativo, era tipo un'inondazione mondiale con gli FQ contro Namor e Spidey contro Goblin.

    Comunque mi hai tolto uno dei sassolini nelle scarpe che portavo da anni.Infatti mi ero sempre chiesto del perche' la Casa delle idee non avesse mai tentato di presentare i vendicatori nel futuro ipotetico.Alla fine mi ero convinto che la Marvel avesse voluto dare un 'impronta piu' "dark".Mi spiego meglio:tutti i personaggi presentati erano antieroi o comunque personaggi piu' "sporchi" dei loro predecessori(pure l'UR si e' concesso un omicidio, anche se non diretto,l'avvoltoio 2099 poteva essere salvato), tenendo conto che nei 90 la moda fosse rendere tutto il piu' violento possibile, una figura come quella dei Vendicatori nel 2099,avrebbe forse cozzato con la realta' fredda e crudele presentata in questo mondo.

    E la cosa di Giant-man batte Galactus e' un' idea davvero orrenda.E lo dico da fan del Calabrone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ordunque, due cose prima di rispondere al tuo quesito. Uno, grazie per aver iniziato ad usare "Giova". Mi dà una bella idea di comunità :) Seconda cosa, il calabrone? Rita DeMara piace anche a me ma lei non avrebbe mai potuto battere Galactus! Hank Pym invece...Scherzi a parte, dopo l'abbandono di Joey Cavalieri (e di tutti i grandi scrittori come Peter David e Warren Ellis), l'universo 2099 unirà tutti i suoi eroi in una sola testata :2099, World of Tomorrow (inedita in italia) che raccontava di come, in seguito ad un inondazione su scala mondiale, tutti gli eroi della Terra si rifugiassero nella Terra selvaggia, dove dovranno in seguito affrontare anche un'invasione su larga scala degli alieni Phalanx (che avevano causato il disastro, fondendo i poli). Gli alieni verrano poi sconfitti da Destino, che però perderà la vita. In seguito, il mondo si riprenderà dal disastro, solo per finire nel mezzo di una catastrofe cosmica: un buco nello spazio/tempo (nella serie 2099: Manifest Destiny). A fermare questa ultima minaccia ci sarà il Capitan America Originale, ripescato dal mare, che, grazie al martello di Thor metterà fine alla minaccia, solo per cadere nel buco stesso. Il martello passerà così a ll'uomo ragno 2099 che aiuterà l'umanità ad evolversi, solo per ridare poi il martello ad un ritrovato Cap. Un finale che dire raffazonato è fargli un complimento

      Elimina
    2. Terribile,infatti.Ripescare per l'ennesima volta Cap dai mari e' una cosa davvero triste.....Grazie per la risposta.

      Elimina
    3. finisce con destino che conquista la casa bianca, oppure che diventa un cyber-dio poco dopo e ghost che dopo aver distrutto l'OCP/D-monix parteper la terrra maledetta a dispensare legge a colore che legge non hanno.

      Elimina
    4. @Shoryuken: E ci mancherebbe! Siam qua poer questo

      @Nosfy: Destino muore. E poi Ghost nons e lo fila più nessuno. Mi spiace tanto deluderti. Anche perchè Destino 2099 è molto bello. E Ghost 2099 è moooooolto Metal

      Elimina
    5. intendo che era quando le linee principali che chiudone finisce il 99.
      ghost non era uno dei maggiori ma era un ottimo fumetto cyberpunk e una di quelle che ho preferito, e spider non ho ancora finito di leggerlo, le altre non erano all'altezza, basta pensare a hulk(!).
      una volta scappati gli sceneggiatori la testata è finita.

      Elimina
    6. Questa è certamente un opionione comune, ma la domanda era legata al finale "ufficiale", inedito in Italia. E' vero, non tutte le serie erano belle allo stesso modo. Poi ognuno la pensa come crede, Hulk non era bellissima, ma era molto carina l'idea di base. Come concetto il 2099 intero era una figata astrale. Poi oh, X-nation era orrido come poche cose, così come Ravage. Però è impossibile che tutto un universo narrativo sia bello, o che risuoni bene con ognuno di noi. Una volta che David e Ellis se ne sono andati il 2099 è sceso di qualità certo, ma le idee c'erano ancora. Fq 2099 era simpatico,poi che la cosa sia morta, e che si strasciata è oggettivo.

      Elimina
    7. l'idea di hulk non era male, e a me piaceva come avevano presentalo L.A. solo che l'anno sbattuto dentro a forza e hai 140 klh in una zona limite 60 per il resto non si discute.

      Elimina
    8. Ma, alla fin fine, Destino era l'originale? Altrimenti, chi era? e come era finito nel 2099?

      Elimina
    9. Non si è mai saputo del tutto. La teoria più fondata è che fosse il vero destino, ringiovanito grazie ad un'amante genetista e privato di un po' di ricordi per giocare. Infatti ad un certo punto si scontrerà con un altro destino, sorta di doppleganger con i suoi ricordi. FUMETTI! E non ho capito la metafora dei kilometri....

      Elimina
    10. p era il figlio un potente generale del'99 a cui destino e la sua amantehanno shekerato i ricordi e sparato nel flusso temporale per per ammazzare la noia o Margareta Von Gantestaltz dopo aver conquistato il mondo con Doom sempre per noia gli shekera i ricordi kol suddrtto foglio dopodichè li spara entrambi nel flusso temporale.

      Elimina
    11. Se mi vuoi rubare il mestiere almeno trovati dei tormentoni buffi! :P

      Elimina
    12. scusa ma non avevo visto la tua risposta, e per iu kilometri intendevo che lo anno fatto troppo velocemente e ne è risultato un paciugo.
      e poi ho un tormentone: lo squalo non conta?!?!

      Elimina
    13. Ora me è tutto più chiaro, grazie. E si era detto buffi,non a caso!

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio