Didascalia

Didascalia

martedì 17 dicembre 2013

Magneto, il signore del magnetismo (Piace a tutti tranne a me)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che si chiede, "Magneti? Come funzionano?". Torna la rubrica col più alto tasso di ira verso un personaggio immaginario del blog. Questa volta, sotto i riflettori la più grande minaccia mutante del cosmo marvel. Il terrorista in rosso noto come Magneto! Per saperne di più, seguiteci dopo l'intervallo!
Però il suo costume è bellissmo.

Apparso per la prima volta su X-men 1 del 1963, il nostro supercriminale riceverà nel corso degli anni numerose origini. Quella più recente (e sopravvalutata) ci parla di un bambino ebreo noto come Max Eisenhardt, nato in Germania negli anni 30. Come è comprensibile, tale situazione porterà non pochi problemi al giovane Max, che vedrà tutta la sua famiglia morire nei campi di sterminio Nazisti, arrivando anche ad essere imprigionato ad Auschwitz. Il nostro diventerà così un Sonderkommando (ebrei che dovevano aiutare le SS a portare i prigionieri nelle camere a gas, ma se mi perdonate preferisco non entrare troppo nel dettaglio). ma incontrerà anche l'amore della sua vita, una donna di nome Magda.
Max e il suo nuovo amore riusciranno poi a fuggire dal campo, e il nostro cambierà nome in Erik "Magnus" Lensherr, fingendo di essere di etnia romena. La coppia avrà insieme una bambina di nome Enya, che putroppo morirà in un incendio causato dai compaesani della coppia dopo aver visto una prima manifestazione dei poteri mutati di Erik. Sconvolta, Magda lascerà il marito, lasciandolo all'oscuro di essere di nuovo incinta.

Magda darà così alla luce due gemelli, Pietro e Wanda, entrambi mutanti. Il primo otterrà il potere di muoversi a velocità supersonica e prenderà il nom de guerre di Quicksilver, la seconda sarà beh, praticamente onnipotente e prenderà il nome di Scarlet Witch (ne parliamo bene qui). Dopo l'abbandono di Magda, Erik viaggerà per il mondo, arrivado poi a trasferirsi in Israele. In uno dei suoi viaggi, il nostro darà poi alla luce un altra coppia di bambine, Zala e Lorna Dane, la prima dotata di superforza, la seconda di poteri magnetici (personaggio per cui da ragazzino avevo una certa cotta. Anche per la sua apparizione disegnata dal centounista Jim Steranko)
Ma di preciso, che poteri ha Magnus? Beh, diciamo che il nostro è probabilmente uno dei mutanti più potenti mai esistiti, grazie al suo completo controllo su una delle quattro forze fondamentali della fisica: l'elettromagnetismo. Grazie al suo dominio sulle correnti magnetiche Magnus è in grado di volare, astrarre o repellere enormi quantità di metallo, creare campi di forza e lampi di pura forza magnetica, rimodellare a livello molecolare il metallo, generare impulsi elettromagnetici, diventare invisibile e aumentare le sue capacità fisiche.
Inoltre, il nostro ha un'intelletto geniale, che lo rende uno dei più grandi scienziati sulla terra, è un abilissimo stratega e combattente a mani nude e inoltre risulta quasi invulnerabile agli attacchi psichici (grazie alla composizione chimica del suo cervello e al suo elmetto da lui stesso costruito).
Sarà proprio in Israele che Magnus incontrerà un altro mutante: Charles Xavier, l'uomo che portava con se un sogno di convivenza pacifica fra umani e mutanti. Da principio, Charles e Erik riusciranno a mettere da parte le loro differenza (Erik pensa infatti che i mutanti siano il naturale passo avanti nell'evoluzione umana, e che quindi siano innatamente superiori agli umani) e a collaborare. Quando la coppia si ritroverà a dover affrontare l'ex nazista noto come Wolfang von Strucker, che nascondeva un enorme carico di oro nazista, Magnuns romperà la sua amicizia con Xavier, rubando l'oro ed usandolo per i suoi progetti. Deciderà anche di usare un nuovo nome, un qualcosa che portasse paura nel cuore dell'uomo sapiens, e deciderà di optare per Magneto: il signore del magnetismo. E questo devo concederglielo, è tamarro da morire. E quindi stupendo.
Indossato un costume colorato, il nostro deciderà poi di attaccare la base americana di Cape Citadel, per poter usare le sue armi nucleari per minacciare di morte gli stati uniti. Pifferi.
I suoi intenti malvagi verrano però fermati dal gruppo paramilitare di adolescenti più famoso del mondo: gli X-men, ovverosia gli studenti del suo vecchio amico Charles. Sconfitto da dei sedicenni (e dall'Angelo prima che avesse le ali di metallo fighe), il signore del magnetismo si ritirerà per meditare vendetta.
Il nostro recluterà così un piccolo gruppo di mutanti, che prenderà il nome di "Confraternita dei mutanti malvagi". Un po' più ovvio no? Nel gruppo militeranno l'agilissimo Toad, l'illusionista Mastermind, Scarlet e Quicksilver, che saranno però all'oscuro del loro legame di parentela con Magneto.
Inoltre Magneto costruirà una base segreta di tutto rispetto, un enorme base spaziale chiamata Asteroide M.
Gli uomini X riusciranno però non solo a sconfiggere la Confraternita a più riprese, ma anche a distruggere l'asteroide M. Il signore del magnetismo proverà cosi numerosi piani malefici per sottomettere la razza umana, come conquistare la piccola nazione di San Marco, creare una razza di mutanti in una terra perduta situata al centro del polo nord e collaborare con l'alieno noto come Lo Straniero. Quest'ultima mossa non sarà però una delle migliori di Erik, che si ritroverà rapito dal gigantesco alieno. Dopo essere riuscito a liberarsi, il nostro tornerà ad affrontare gli eroi della Terra.
Dopo aver provato ad usare i genitori dell'Angelo per creare una nuova razza di mutanti, Magneto userà proprio le energie del giovane mutante per aumentare a dismisura i  suoi poteri, e poter così controllare le menti dei suoi nemici grazie al ferro nel loro sangue. FUMETTI!
Erik userà i suoi poteri per sottomettere X-men e Vendicatori, uscendone però lo stesso sconfitto, ed imprigionato in una bolla di pura energia.
Nota a margine, la prima persona su cui Magneto testerà i suoi poteri? Scarlet, che il terrorista farà danzare di fronte a lui come un inquietante burattino. E dire che è sua figlia. Ho bisogno di un adulto.
Liberatosi dalla bolla, e ancora ebbro di potere, il folle Magneto studierà il modo per creare un nuovo tipo di supermutante, dando origine ad Alpha, lo step successivo dell'homo superior, che il nostro userà per minacciare il mondo e conquistarlo. La cosa non durerà a lungo perchè Mangeto verrà fermato dai Difensori, e dallo stesso Alpha, che, evolutosi abbastanza per capire di essere a servizio di un folle, farà regredire Magneto e i suoi nuovi seguaci fino a farli diventare lattanti.
Il magnete moccioso verrà quindi preso in custodia dalla dottoressa Moira Mactaggert, vecchia amica di Xavier, ma la sua condizione pannolinata non durerà a lungo: il nostro verrà infatti riportato all'età adulta (sebbene più giovane) dallo Shi'ar noto come Erik il rosso.
Il suo ringiovanimento avrà però aumentato a dismisura i poteri di Magneto, che si ritroverà a sconfiggere gli X-men con facilità.
Il nostro procederà poi a ricostruire l'asteroide M, a viaggiare per il mondo aiutando i mutanti e anche a combattere contro altri supercriminali. Questo fino a quando lo scrittore Chris Claremont penserà: "Sapete chi ci starebbe bene con gli X-men? Un terrorista!". Sicuramente aiuterà molto l'immagine del gruppo. 
Durante uno scontro con gli X-men dunque, il nostro si ritroverà a combattere la giovane mutante nota come Sprite, e, scoperta la sua età, il signore del magnetismo (che ricordo voleva far saltare per aria gli stati uniti) deciderà di cambiare bandiera, pensando che la sua crociata di morte lo faceva sembrare un nazi. Però. Un po' lento ma ci arriva.
Cercando di passare definitivamente dalla parte degli Angeli, Magneto scoprirà la sua parentela con Scarlet e Quicksilver, e cercherà di ricucire i rapporti con la sua famiglia, approfittando della nascita della sua prima nipotina. La riunione di famiglia non andrà però troppo a buon fine.
Dopo essersi sottoposto ad un processo vero e proprio, Magneto prenderà le redini della scuola Xavier, dopo che il suo fondatore era stato ferito in combattimento, diventando così il mentore di una nuova generazione di mutanti. In questa sua nuova veste il nostro dovrà lottare non solo contro i nemici, ma anche con i suoi nuovi studenti e con tutta la comunità supereroistica per mantenere il loro rispetto. Durante questo periodo della sua vita, Magneto diventerà anche il Re bianco del prestigioso club mutante noto come il Club Infernale e cambierà costume. E siccome i costumi dei buoni sono sempre meno fichi di quelli dei cattivi, il suo nuovo costume farà proprio schifo.
Ma il ruolo da eroe non andava a genio con Magneto. Dopo aver iniziato un breve flirt con la giovane mutante Rogue, il nostro si ritroverà a dover combattere sua figlia Zala Dane, che voleva rubargli i poteri. Trovandosi di fronte ad una decisione difficile, Magneto mostrerà i suoi veri colori, e ucciderà la donna ritornando sulla via del male. Forse Claremont aveva ritrovato un attimo di lucidità.
Magneto inizierà così a reclutare dozzine di mutanti ( dopo aver torturato Moira MActaggert, la stessa donna che lo aveva accudito. Quando si dice mordere la mano che ti ha nutrito...) che avevano il suo stesso sogno di dominio sulla razza umana, formando così un gruppo noto come "Gli Accoliti". Presa la loro base sull'Asteroide M, ribatezzato Avalon, questi allegri simpaticoni pianificheranno diversi piani di conquista. Nota di colore, per un breve periodo al gruppo si unirà anche l'X-men Colosso.
Gli uomini X decideranno di fermare il loro X-camerata solo quando Magneto lancerà un impulso magnetico che ucciderà migliaia di persone sulla Terra. Quando il signore del magnetismo userà i suoi poteri per togliere il metallo dalle ossa di Prezzemolo Wolverine, il prof Xavier dovrà rassegnarsi e spegnere la mente del suo vecchio amico, lasciandolo comatoso. Il perchè Wolverine, maestro combattente sia sia avvicinato a Magneto? Un potere più forte di lui lo ha costretto. La fisica? No, il marketing
Quando il figlio di Xavier, Legione (dotato di enormi poteri mentali) deciderà di entrare nel business di famiglia, le cose si faranno un po' grigie per Magneto. Vedete, Legione aveva deciso di tornare indietro nel tempo per uccidere il signore del Magnetismo per rendere la vita del padre più facile. Peccato che finirà per uccidere proprio il peggior nemico di Cesare Ragazzi, ritrovandosi cancellato dall'esitenza. In un mondo senza Xavier, il nuovo paladino del sogno mutante sarà così Magneto.
In questo mondo, il mutante noto come Apocalisse riuscirà a conquistare ogni angolo della Terra, e Magneto e i suoi X-men faranno parte della resistenza, cercando di far tornare le cose al loro posto. Per correttezza, vi mostro come andò lo scontro fra Magneto e Apocalisse, che per la cronaca ha dei circuiti di metallo all'interno del suo corpo. Scacco matto.
Dopo che il mondo sarà tornato alla normalità, Avalon precipiterà sulla terra, e Magneto morirà apaprentemente. Ma nel mondo apparir un giovanotto dai lunghi capelli bianchi e  con enormi poteri magnetici (ma molto meno controllo rispetto a Magneto). Essendo rimasto senza memoria, il nostro prenderà il nome di Joseph, e si unirà agli X-men. Se joseph fosse effettivamente Mangneto ringiovanito per motivi misteriosi o un qualcosa di nuovo sarà una sottotrama che andrà per le lunghe nel mondo mutante.
Sappiate solo che il momento più alto della carriera di Joseph sarà combattere contro Gambit per l'amore di Rogue. Non mi guardate così, doveva succedere.
Ma! Invece che darci un nuovo personaggio mediocre, ma con buone potenzialità, ci verrà rivelato che Joseph non era altro che un clone, e verrà distrutto dall'orginale. Sigh, ci mancheranno i tuoi capelloni Magneto Jr.
In seguito alla sua battaglia con Joseph, Magneto prenderà il controllo dell'isola di Genosha, facendone un luogo sicuro per tutti i mutanti.
Durante il suo periodo come capo di stato, il nostro stringerà alleanze, lotterà contro i Vendicatori, stringerà i rapporti con la figlia Polaris, e crocifiggerà Xavier, finendo poi per affrontare un gruppo di X-men che definire "disadattati" sarebbe l'eufemismo del secolo, solo per finire gambizzato da Wolverine, e d inseguito apparentemente ucciso da un robot gigante.
Quello che però gli X-men non sapevano, era che Magneto aveva messo in atto il suo più grande piano di sempre. Dopo aver finto la sua morte, il nostro si infiltrerà nella scuola Xavier sotto le mentite spoglie del mutante curatore Xorn. Grazie al suo carisma e alla droga mutante nota come Kick, Magneto riuscirà ad ingannare gli X-men, a conquistare per breve tempo New York, uccidere Jean Grey, solo per venire poi apparentemente decapitato da Wolverine.
E qui le cose si fanno un pelo controverse. Vedete, nell'idea dello scrittore Grant Morrison, il pazzo terrorista era proprio Magneto. Agli occhi di Chris Claremont, leggendario scrittore X, da poco ritornato ai lidi mutanti, il suo personaggio preferito non poteva essere così cattivo. Chris deciderà così di rivelarci che in realtà Xorn aveva finto di essere Magneto che fingeva di essere Xorn, mentre il vero Magneto si faceva gli affari suoi.
Ad supportare questa teoria sarà il recente delirio di onnipotenza di Scarlet, che, ormai impazzita, si sconterà con i Vendicatori solo per essere sconfitta e salvata dal padre, che sfoggiava il suo classico costume rosso/viola.
Perdonatemi un momento di spiegone (che potete tranquillamente saltare. Sono sei righe), ma se Magneto fosse stato Xorn, la storia di Morrison non avrebbe avuto nessun senso. In più, Scarlet ha dimostrato il potere di creare persone dal nulla, e anche di riportare in vita i morti. Questo, unito al suo subonscio desiderio di avere un vero padre, ci porta al fatto che sia stata Scarlet a creare un nuovo Magneto che potesse salvarla, giustificando il fatto che al nostro fosse ricresciuta la testa.
Quando gli eroi della Terra si riuniranno per decidere il fato di Scarlet, la nostra userà i suoi poteri per creare un mondo dove tutti i suoi amici e parenti hanno i loro desideri più profondi realizzati. Ed essendo il desiderio di suo padre quello di essere il leader di un mondo mutante, la famiglia Magnus diventerà così la famiglia reale di un mondo alternativo, che verrà però poi distrutto dagli eroi Marvel, in quello che sarebbe stato solo l'inzio della fine.
Scarlet userà infatti i suoi poteri per togliere i poteri alla maggior parte della razza mutante. Fra i colpiti figura anche Magneto, che sarà costretto a chiedere aiuto al genetista noto come l'Alto Evoluzionario per ritrovare il suo dono.
Una volta recuperati i poteri, Magnus si unirà agli X-men, che in quel periodo avevano fondato una città-stato sulle rovine del vecchio Asteroide M, una città chiamata Utopia. Volendo partecipare al salvataggio della razza mutante, il signore del magnetismo deciderà così di diventare il maschio beta del leader mutante Ciclope.In questo periodo, il nostro riprenderà anche la sua relazione con Rogue.
Ma anche una bel po' di buone azioni non ti possono nascondere dal tuo passato. Joseph infatti tornerà dalla tomba assieme ad una versione clonata della vecchia confraternita dei mutanti, e si lancerà all'attacco del suo originale.
Magneto resterà però con gli uomini X, aiutandoli in numerose missioni, come il loro scontro con i Vendicatori. In quel periodo infatti gli eroi più potenti della Terra volevano prendere in custodia Hope, una giovane mutante considerata una sorta di messia per gli homo superior, mentre gli X-men volevano preservare la sicurezza della giovane. Solo che invece che mostrarci un gruppo di uomini che proteggono un loro simile, gli X-men faranno la figura dei fanatici, mente i Vendicatori che volevano salvare il mondo, saranno più che altro fascisti colorati.
Magneto, che ha molta esperienza nel combattere i supereroi resterà dalla parte dei mutanti, anche quando l'essere cosmico noto come Fenice prenderà possesso dei alcuni suoi compagni.
La guerra mutanti/umani finirà quando il leader Ciclope diventerà il criminale Fenice Nera, e ucciderà Xavier. Gli eroi uniranno quindi le forze per consegnare l'ex alleato alla giustizia, ma il nostro verrà poi liberato da Magneto e da alcuni suoi fedeli. Era giunta l'ora di un nuovo sogno mutante.
Ritrovatosi con i poteri molto diminuiti, Magneto diventerà una colonna portante del nuovo team mutante, che deciderà di prender un approccio più simile alla guerriglia. Decidendo che il modo migliore per salvare la razza mutante è quello di concentrare l'attenzione su un piccolo gruppo di Homo superior, i nuovi X-men saranno però una forza molto diversa da prima.Il gruppo infatti non farà la cosa giusta, ma quello che è necessario. Forse però non sarà così diverso. Dopotutto il mondo ancora li odia e li teme. Magneto per l'occasione sfoggerà però un bellissimo costume bianco.
Il personaggio di Magneto è apparso però anche sul grande schermo nei numerosi film sugli X-men. La sua versione giovane è interpretata da Micheal Fassbender, mentre quella adulta da Sir Ian Mckellan. Se vi chiedete perchè non metta sempre le foto degli attori, la risposta è che spero sempre di beccare gente a caso da google.

E ora, il momento che tutti voi stavate aspettando. Perchè Magneto piace a tutti tranne a te? Beh, vedete, non sono sicurissimo che Magneto piaccia a tutti. Ma di una cosa sono sicuro: per tutti Magneto non è un cattivo, ma è un incompreso. Perdonatemi, ma questa è una scemata.
Magnus è certamente un uomo con un passato doloroso e tormentato, che giustifica perfettamente le sue azioni, e il suo odio verso gli umani. Giustifica anche la sua ipocrisia nel trattamento di una razza inferiore, il dolore da lui provato è troppo, troppo forte per essere dimenticato. Dopotutto Magneto non ha nessuno che gli voglia bene nel mondo, è normale diventare un po' pazzerelli. Questo senza dimenticare la sua sete di potere, che nel corso degli anni lo ha portato ad uccidere migliaia di persone muovendo un solo muscolo, quasi fosse un capriccio. Magneto, nel parere di chi scrive non è per nulla un "nobile demone", ma un demone è basta. Per anni Magneto ha provato a sterminare la razza umana, e questo fa di lui un aspirante genocida, diciamo non la persona che inviterei a cena. C'è un lato nobile in Magneto, c'è del rispetto in quello che fa? Forse, ma in tutti i folli c'è un briciolo di lucidità. Fino a che lunghezze siamo disposti ad arrivare per dimenticarci che questo tipo voleva lanciare testate nucleari sulla testa di persone innocenti?  Per tirare le somme, Magneto non è un brutto personaggio, ma c'è una costante tendenza a tirarlo troppo verso una morale grigia, quando per sua stessa ammissione, per lui il fine giustifica i mezzi a tutti i costi. Magneto non esita a distruggere amici e alleati, per fare quello che sa fare meglio: portare la paura nel cuore degli umani. Non importa quanto provi a superimporre alle sue idee il sogno di Xavier, è come mischiare Acqua e olio. Alla fine, Magneto è il posterboy di chi non capisce l'accettazione, ma solo l'assimilazione. E questo sì che fa veramente paura.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti.Non ho nessuna battuta positiva con cui finire l'articolo. E neanche una negativa. Pronti a partire. Let's go!

28 commenti :

  1. Bhe, se parli del Magneto cattivo da operetta pre rivelazione dei passati trascorsi con Xavier, sono d'accordo. Ma da lì in poi, il discorso cambia. Magneto ha ucciso, certo, ma in che circostanze? Ha distrutto un sommergibile, dopo che questo, non provocato, gli aveva lanciato contro un siluro nucleare, ed anche il tribunale che lo processava ha ritenuto questo un legittimo atto di guerra. Ad un certo punto se ne andato sull'asteroide M, dicendo "Ok, me ne vado. Se qualche mutante vuol venire, ok, ma io stò qui, non rompo le scatole a nessuno e spero che nessuno le rompa a me." reazioni? Un tentativo di assassinio, di cui ha fatto le spese una giovane mutante. Da lì l'impulso elettromagnetico, a mo di avvertimento, che spegnendo per qualche minuto le apparecchiature ha provocato indirettamente molte morti. Non voglio giustificarlo, stò semplicemente contestualizzando. E' per questo che Xorn (suggestionato da Sublime, tanto per mettere altra carne al fuoco) non poteva essere il vero Magneto:il suo comportamento è semplicemente eccessivo per Magnus. Quindi, un santo ed un martire? Sicuramente no. Un uomo deciso, all'occorrenza controverso e spietato, tormentato dal suo passato? Probabilmente. Un pazzo assassino senza alcun scrupolo morale? No, questo non è Magneto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevano appena sterminato genosha, 16 miglioni di morti in un'ora. Al suo posto avrei sterminato migliardi di persone per ripicca.

      Elimina
    2. @Scott: Che Magneto abbia un lato umano è un dato di fatto. Che contestualizzare significhi condividere no. Magneto non vuole che nessuno gli rompe le scatole, vuole creare un avamposto per la conquista, mi sembra un pelino atto di guerra. Se sei un genio capisci le giuste reazioni alle cose, cavolo se sei umano capisci che un impulso elttromagnetico causerebbe migliaia di morti, dopo che il governo aveva solo creato una griglia per tenere lontano la sua minaccia di terrorista. Senza dimenticare il fatto che torturò Moria Mctaggert, che si era presa cura di lui. Per quando riguarda l'affare Xorn, in quel momento il signore del magnetismo era fatto di Kick, droga che altera le percezioni, quindi si può capire il suo modo di fare esagerato. Non ho mai detto che non avesse scrupoli morali, ogni tanto li ha. Ma pazzo assassino sì. Certo non ai livelli di altri grandi cattivi, ma non è certo una brava persona.

      @Scott: Genosha l'aveva sterminata un mutante però, non gli umani!

      Elimina
    3. Dettagi... un motivo vale l'altro per sterminare i miseri umani.

      Elimina
    4. Ah beh, se va bene a te! Basta non icontrarci mai di persona :P

      Elimina
    5. Mi capita di essere nato homo sapiens e non criceto, sìì

      Elimina
    6. ''Argh!!!''. Fulmini gozeriani!
      Cmq, cassandra tecnicamente non era una mutante ma altra roba, e Magneto cio' lo ignorava fino almeno a piano gia avviato.

      Elimina
    7. Il Mummdrai è una cosa sola da mutanti. E il suo piano non era per ripicca a Genosha, ma solo dominare! (Complice l'essere posseduto da Sublime). Poi il discorso è sempre quello, vendetta o no, è terrorismo. Si tratta comunque di un ciclo di Morrison, dove le normali sfumature sono inverite, decostruite e poi rocostruite

      Elimina
    8. Io non metto in dubbio che sia un terrorista anche se piu motivato della media difatti detesto come ricorderai le umanizzazioni. Si puo intendere come nobile.demone alla pari di hannibal lecter, intelligente, di cultura, corteese oltre misura ma con cui devi ponderare attentamente gli inviti a cena; ed anche lui dopo il successo umanizzato in un antieroe(con un passato nella seconda guerra mondiale!). E si dimentica di come questi personaggi siano affascinanti per essere villain e non antieroi.

      Elimina
    9. Purtroppo il termine "nobile demone" adesso viene usatobper definire quei cattivi "buoni mancati", quelli cattivi "ma sotto sotto simpatici". Ecco, per me Mgneto non sarà proprio IL cattivo, ma neanche il compagnuccio di merende...

      Elimina
    10. ... ho come una sensazione di dejà vu ^_^

      Comunque (non certo per imporre la mia opinione) mi sento di ripetere:
      La reputazione e la percezione che abbiamo di Magneto (imho) "soffre" del suo essere un "cattivo" a priori; e i cattivi, negli universi di fantasia, perdono sempre. E compiono solo nefandezze (o quasi), mentre gli eroi compiono solo azioni nobili (o quasi). E gli scrittori ce le raccontano.
      Quindi, sì, Magneto (quello dei fumetti) è cattivo.

      Diverso sarebbe il discorso se cercassimo di collocarlo nel mondo reale: qui nessuno è "del tutto" buono o cattivo. E qui NESSUNO si autodefinisce "cattivo" (chi mai chiamerebbe il suo gruppo "Confraternita dei Mutanti MALVAGI"? Qui, al massimo, vedremmo (anzi vediamo ogni giorno) un "Fronte di Liberazione dei Mutanti".
      Qui gli scrittori ci raccontano le azioni compiute da ciascuno, però DOPO che la lotta si è conclusa, e la raccontano con il beneplacito (e l'accordo) del vincitore: ed ecco che (esattamente il contrario di quello che accade nei fumetti) le qualifiche di Buono e Cattivo vengono assegnate DOPO la conclusione della "guerra". Ragione per cui, il "buono" (cioè il vincitore) risulta aver compiuto solo le azioni eroiche, perchè gli scrittori ci raccontano solo quelle, e viceversa per il "cattivo" (lo sconfitto).
      Così, i vincitori diventano Padri della Patria, Eroi senza macchia e senza paura e Nobili Paladini, e gli sconfitti diventano Boia, Assassini e Terroristi.

      Talvolta (ma solo talvolta) nei fumetti abbiamo visto qualche applicazione di questa modalità, ed ecco che, ad esempio, in House of M Magneto era l'amato messia, padre e salvatore dei mutanti.

      Elimina
    11. Si',ma si sta comunque parlando del Magneto del fumetto.

      Poco importa se ha degli intenti nobili sotto le sue azioni:resta comunque un genocida fatto e compiuto,non tanto diverso dai suoi odiati nazisti.

      Se dovessimo valutare un personaggio da comics nel mondo reale, pure uno come Batman non sarebbe altro che un rampollo dell'alta societa' che sfoga i suoi traumi infantili sopra i criminali.

      O viceversa,nel caso in cui la Germania avesse vinto, ci troveremmo con dei film,libri o fumetti che ritraggono il Teschio Rosso come un eroe.

      Ps:ma Sprite quanti anni aveva ai tempi?No,perche' immagino non piu' di 16....giusto per capire perche' una ragazzina vestita da uno stilista daltonico faccia pena al signore del amgnetismo,mentre un ragazzo fatto di neve e un adolescente con i piedi e le mani giaganti, no

      Elimina
    12. @Giuda, sonbo sì d'accordo, ma è anche vero che chi vince domina, e in seguito, possiamo giudicare più a mente fredda le azioni dei nostri personaggi storici. Gengis Kahn ha vinto. Ma era un mezzo mostro. Napoleone ha vinto. Ma non era buono. Tutto sta poi alla morale. E' ovvio che nei fumetti di carta le cose siano esagerate al massimo, portate a nuovi limiti di follia, ma questo è proprio legato al loro mondo fittizio. E' ovvio che parliamo di personaggi a fumetti. Sul lato reale della vita, anche se un condottiero salvasse migliaia di vite facendo un genocidio, a me, Giovanni, sembrerebbe sempre un genocida, e quindi una persona, secondo i miei valori e la mia morale, cattiva.

      @Shoryuken: 13! Ma erano anche scrittori (ed un Mangeto, leggermente ringiovanito) diversi!

      Elimina
  2. Un altro argomento interessante è la sete di potere di Magneto, e quindi la sua dipendenza dal Kick durante la saga morrisoniana (altro motivo per il quale poteva aver perso la brocca, non dimentichiamo come si fidava di Fabian Cortez soltanto perchè questi lo poteva rinvigorire). E rimane il fatto che il suo "addio" sia in X-Men 1-3 Claremont/Lee sia in New X-Men (campi magnetici ambientali) Morrison/Jimenez, abbia prodotto alcune delle migliori storie degli X-Men. Che, col suo passaggio tra gli alleati e le ultime vicissitudini di Apocalisse e Sinistro, mancano un po'di nemici di spessore, quando non combattano tra loro almeno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sete di potere di Magneto è stata infatti citata più volte nell'articolo carissimo Anonimo, e ti ringrazio per la tua opinione. In questo momento editoriale l'idea di base dei mutanti non è più di lottare contro un nemico, ma più una sfida ideologica (spesso gestita a caso). Di base non è un male, è un passo avanti rispetto ad ina normale dicotomia bene/male, vedremo gli sviluppi!

      Elimina
  3. Il fatto che lui è Xavier fossero amici in passato però è una retcon, io ho le prime storie di Lee-Kirby e si fa intendere che i due non si siano mai incontrati in passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma ormai la cosa è assodata nell'universo tradizionale, quindi ho lasciato le cose perchè fossero il più chiare possibile!

      Elimina
  4. Sono convinto che dare una connotazione nobile ad un cattivo carismatico sia una scusa per darci la possibilità di parteggiare per il "male" poiché ha un motivo a volte pure legittimo.
    Magneto è un buon cattivo. Ma secondo me la sua nobiltà è solo una splendida esecuzione di un complesso di superiorità dato dal fatto che è potente. Le motivazioni sono buone, ma spesso inutili. Tutti uccidono per un perché. Anche lui. Ma anche gli altri "eroi". Quindi, alla fine, sempre killer rimani.

    P.S. Hannibal Lecter prima che gli dessero un motivo per cui è diventato ciò che è era splendido. Poi è diventato qualunque, caro il mio Nosferatu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abbastqanza d'accordo con il tuo ragionamento. Aggiungo che, a parer mio, un cattivo "solo" cattivo è ormai passato di moda, e, in alcuni casi è interessante infilarsi nella testa del malvagil,e, con un po' di paura, scoprire che c'è un nostro riflesso. Ma comprendere qualcuno non vuol dire certo condividerlo, sarai bello quanto vuoi ma se uccidi mia mamma non ti faccio certo le coccole

      Elimina
  5. Ai tempi di Vendicatori Divisi, ebbi l'impressione che Bendis suggerisse che il finto Magneto/Xorn fosse un costrutto creato da Wanda, magari allo scopo di infangare la sua memoria, visto che era finito sulle magliette a mò di Che Guevara. Tutto sommato, sarebbe stato coerente con il fatto che, sempre secondo Bendis, per ANNI Wanda ha inconsciamente alterato più o meno significativamente la realtà.
    Peccato che in seguito invece abbia suggerito tutt'altro, ovverosia che Xorn fosse un essere energetico in simbiosi con Magnus...
    Le due cose in realtà non si contraddirebbero, ma il casotto si complica con il fratello di Xorn creato da un Chuck Austen che in quel periodo scriveva con i piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non stimo Chuck Austen in generale, ma è vero che con gli X-men ha fatto davvero tutto il suo peggio. La gestione del discorso "Wanda in Vendicatori Divisi" è sempre stata fonte di gratacapi, complice anche la partenza di morrison per lidi Dcosi, e anche il fatto che non so quanto gli autori si parlassero all'epoca. Aggiungiamoci che Bendis aveva un po' diritto di veto su molte cose e così si origina il casino. Secondo me comunque Xorn I era Magneto davvero, se no la storia non avrebbe senso!

      Elimina
  6. Magneto non è un "cattivo e basta", come Stalin o Hitler, è un uomo che crede nei suoi ideali e trova un modo, forse sbagliato per realizzarli, non è con guerre e terrore ma con diplomazia, assassini mirati e accordi segreti che si costruisce il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo di essere d'accordo a prescindere con "gli assassini mirati". Mi spiace, ma io la penso così.

      Elimina
  7. È una discussione interessante.
    Mi sento di condividere le ragioni ora dell'uno, ora dell'altro.
    E comunque, l'ho scelto come mio personaggio da interpretare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la tua opinone. Ti chiederei però se in futuro prima di condividere link a foto (peraltro interessanti) o a siti esterni (in generale) ti chiederei di farmelo sapere un po' prima. Non sono contro la crosspromozione o altro, ma sai com'è, Internet è un posto grande e non si sa mai

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio