Didascalia

Didascalia

martedì 5 novembre 2013

Capitan Atom (Fresh From the Past)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che sa che gli occhiali non servono a nulla,ma che ne possiede una discreta collezione.  Nel dare un nome ad un supereroe di solito si usano certe caratteristiche standard. Aggiungere una bella iperbole come Super,Mega,Fanta, Oransoda et cetera, il sempre prestigioso titolo di "dottore" e il militaresco "Capitano". Oggi, facciamo la conoscenza proprio di uno di questi eroi, che unisce il suo rango nell'esercito ad un potere...esplosivo. Scopriamo di più su Capitan Atom dopo l'intervallo!
 Con quella bella pelle cromata vien da chiedersi se si faccia curare in ospedale o dal carrozziere

Nato dalla penna di Joe Gill e la matita di Steve Dikto (Famoso per un personaggino chiamato Spider-man l'Uomo Ragno) per la casa editrice Charlton nel 1960, il nostro capitano Atomico altri non è che Allen Adam, tecnico di laboratorio che rimane intrappolato in un razzo sperimentale. E giusto per aggiungere il danno alla beffa, durante la prigionia il corpo di Allen verrà atomizzato, ma avrà ottenuto enormi superpoteri legati all'energia nucleare, poteri che userà per riocstruire il suo corpo e tornare sano e salvo sulla Terra. Oltre a questa manipolazione della materia Adam potrà volare, lanciare raggi d'energia, avrà la superforza e l'invulnerabilità ma sarà costretto a dover utilizzare una tuta rosso/gialla per schermare la gente dal suo potere radioattivo. Questa versione del nostro eroe sarà fonte d'ispirazione per il Dottor Manhtthan, uno dei protagonisti del fumetto che ha cambiato tutto, Watchmen.
In seguito, la tuta verrà sostituita da una forma argentata sopra il quale il buon capitano indosserà un nuovo costume. Le prime avventure di Allen era classiche storie anticomuniste, infarcite della filosofia oggetivistica tanto cara a Steve Dikto, ma il nostro eroe combatteva anche supercriminali come il Dr Spectro, maestro della luce, e anche qualche alieno.
Le avventure di Allen si fermeranno però dopo un ottantina di numeri, causa il fallimento della sua casa editrice. La piccola casa editrice AC Comics proverà a far tornare in vita il Capitano e altri eroi Charlton come Blue Beetle e Question, unendo questi campioni del bene in un super gruppo noto come "Le sentinelle della giustizia". L'esperimento non andrà a buon fine, e grazie alla crisi sulle terre infinite, il buon Capitano entrerà a far parte della grande famiglia Dc Comics.
Capitan Atom otterrà così una seconda giovinezza grazia allo scrittore veterano Cary Bates, e la matricola Greg Weisman, che i centounisti della mia età conoscono come il creatore dei Gargoyles.
In questa nuova versione, il nostro capitano si chiama Nathaniel Cristhoper Adam, e questa volta è un vero militare, con il buffo tic di raccontare barzellette nei momenti di stress. Durante una missione in Vietnam, il nostro verrà accusato per un crimine da lui non commesso, e nel 1968 deciderà di partecipare ad una rischiosa missione chiamata "Progetto Capitan Atom", per ottenere un perdono presidenziale. L'esperimento consisteva nel testare la resistenza di una capsula di un misterioso metallo alieno chiamato Dilustel (all'interno del quale stava Natahniel) mentre sotto ci facevano esplodere una bomba atomica. FUMETTI!
Nathaniel verrà apparentmente disintegrato, ma 18 anni dopo il nostro tornerà sulla terra, dotato di straodinari poteri, ma avendo perso quasi vent'anni della sua esistenza. Adesso, se avete fortuna, e riuscite a contattarlo, forse potrete ingaggiare, Capitan Atom.
Scopriremo così che il Dilustel assorbe ogni forma di energia, ma se ne assorbe troppa esegue un salto temporale più o meno lungo.Ritrovatosi uomo fuori dal tempo, e coi superpoteri, Nathaniel dovrà affrontare diversi cambiamenti. Prima di tutto, sua moglie è morta, e ha sposato il generale Wade Eiling, che è quindi diventato padre per i suoi figli che lo credono morto da 18 anni. Secondo, Wade Eiling è un fetente manipolatore nonchè colui che accusò ingiustamente Adam (a sua insaputa)
Inoltre il nostro di dovrà adattare ai suoi enormi poteri, che sono più o meno gli stessi della versione Charlton, al quale però dobbiamo aggiungere la capacità limitata di viaggiare nel tempo, una maggiore manipolazione dell'energia, una forza seconda solo a Superman,la capacità di trasformare la materia stessa in energia e la completa invulnerabilità dovuta al metallo alieno, ormai fuso con la sua pelle (copertura che però si può attivare a comando)
Nathaniel verrà aiutato a controllare i suoi poteri dal Dottor Megal, scopritore del Dilustel e dell'unico modo per lavorarlo, la misteriosa Ionizzazione X, che rende qualsiasi materiale in grado di tagliare qualsiasi cosa. Uomo burbero ma geniale, Megala è costretto a vivere in una bizzarra sedia a rotelle a causa di grossi problemi di salute.
Usando il ricatto, Eiling costringerà dunque Nathaniel a diventare un supereroe al servizio del governo degli stati uniti. Il nostro riceverà dunque una nuova identità, quella di Cameron Scott. E con una delle mosse più belle che io abbia visto in un fumetto, il governo sosterrà di aver goduto dei servigi di Adam per anni, solo che il nostro aveva operato in segreto. Decidendo dunque di rivelare le sue origini segrete, il governo pubblicherà un libro sul capitano, dove verrà spiegata la sua provenienza: il nostro è un tecnico di laboratorio che rimane intrappolato in un razzo sperimentale. E giusto per aggiungere il danno alla beffa, durante la prigionia il corpo di Allen verrà atomizzato, ma avrà ottenuto enormi superpoteri legati all'energia nucleare, unendo così in maniera perfetta le sue radici Silver Age.
Nathaniel parteciperà così a numerose missioni governative e personali, ottenendo un lavoro come commesso in un negozio stile anni 60, riconciliandosi con la figlia, e conoscendo una terrorista canadese chiamata Bette San souci, ma per gli amici Plastique, metaumana col potere di scatenare esplosioni a comando. Fra la coppia, in principio rivale, nascerà poi un tenero sentimento. Quindi è vero che gli opposti si attraggono!
Il Capitano troverà poi una vera e propria nemesi nel "collega" noto come Maggiore Forza, altra cavia del progetto "Capitan Atom", che otterrà invece poteri sulla materia più che sull'energia e con una forza fisica superiore a quella del nostro Capitano. Matto come un cavallo, il Maggiore Forza non è però un fisico nucleare, e la sua poca astuzia sarà spesso causa delle sue ripetute sconfitte.
In alcuni casi però, grazie alle macchinazioni di Eiling, la coppia dell'atomo combatterà fianco a fianco in qualche missione.

Nel frattempo, la fama del Capitano raggiungerà anche la famosa lega della giustizia che, impressionata dai suoi risultati, lo inviterà ad unirsi ai più grandi eroi della Terra. Adam sarà in principio riluttante, in gran parte perchè non pensava fosse etico unirsi a grandi eroi che lo stimavano tendogli segreta la sua vera origine, ma vincerà poi le sue paranoie e si unierà ai più grandie roi della Terra, diventando in seguito anche comandante di tutti i supereroi terrestri durante un invasione aliena su larga scala.
La morte del Dottor Megala sarà la goccia che farà traboccare il vaso dei segreti del Capitano, che deciderà dunque di rivelare la sua vera identità, venendo così abbandonato dal governo e epr un certo periodo temuto dai suoi amici. Ma dopo aver sventato un complotto internazionale, aver perso per un po' i poteri e aver creato una bizzarra rivalità con il giovane eroe Firestorm (chiamato anche "l'uomo nucleare") il nostro ritroverà la fiducia dei suoi collaboratori, diventando leader della branca Europea della Lega.
La serie del Capitano verrà interrotta poi col numero 57 per motivi editoriali. L'idea era rendere il nostro eroe atomico un supercriminale potentissimo noto come Monarch, ma i piani della Dc verrano rivelati (in un momento storico in cui ancora lo spoiler non era sport nazionale) e la casa editrice sarà costretta a fare dietrofront, dando l'identità criminale all'eroe Hawk.
Il Capitano avrà però una sorte altrettanto sfortunata, poichè finirà a guidare un gruppo della lega della giustizia "proattivo" noto come EXTREME JUSTICE, che non solo era disegnato da una capra ubriaca, ma è anche una delle peggio cose che io abbia mai visto in un fumetto. Ammetto che questa frase sia inflazionata sua questo blog, ma fidatevi, nessuno di voi vuole vedere un Booster gold arrabbiato e depresso. E poi non racconta più neanche le barzellette.
Durante questo periodo della sua vita che vorrei davvero dimenticare, il Capitano sposerà Plastique, ma scoprirà una bizzarra verità; il nostro non è il vero Nathaniel Adam, ma un clone creato dall'energia atomica. Il vero Adam è in realtà una sua versione più forte che indossa l'armatura di Monarch. Per coerenza credo.
Questa sottotrama sarà dimenticata più in fretta di quanto voi possiate dire "Ehi, che ne dici di un excursus sulle sottotrame?" e EXTREME JUSTICE verrà sciolta. Il capitano si unirà quindi al supergruppo noto come L.A.W. , formato solo da vecchi eroi Charlton, ma anche questo esperimento avrà poco successo.
In seguito, il nostro parteciperà ad una reunion della vecchia lega della giustizia.
Durante la presidenza di Lex Luthor, il Capitano metterà su un team di eroi per arrestare i nemici pubblici Superman e Batman, ma fallirà e capirà di essere stato manipolato. Per fare ammenda per i suoi errori, il nostro deciderà di pilotare un razzo ispirato ai due grandi eroi per salvare il mondo dalla collisione con un asteriode di Kryptonite.
L'impatto col meteorite porterà però all'apparente morte del capitano.
L'impatto avr trasportato il nostro in una relatà alternativa, il  mondo della casa editrce Wildstorm.  Questo mondo era passato attraverso molti cambiamenti, ma nessuno era ancora pronto per l'Apocalisse. Nessuno degli "eroi" del supergruppo Autorithy (supergruppo che controlla il mondo) era pronto ad incontrare un eroe nel senso classico del termine. Un eroe col potere di distruggere l'universo. L'eroe in questione era proprio Capitan Atom, che era venuto in contatto con un energia potentissima, e si ritroverà così a dover combattere dozzine di eroi a lui sconosciuti per tornare a casa scoprendo però di essere arrivato in quel mondo strano per un motivo: doveva distruggerlo. Il potere di Capitan Atom sarà troppo per dozzine di eroi e tutti i membri di Autorithy, che verrano disintegrati uno ad uno, fino a quando l'eroina Void riuscirà mandare il nostro di nuovo nel suo mondo, resettando l'universo Wildstorm.
Il ritorno non sarà però facilissimo per Nathaniel, che si ritroverà con numerose crepe nell'armatura, e verrà utilizzato come fonte d'energia da un gruppo di criminali. Dopo essere stato salvato da Lanterna Verde, il nostro si ritroverà a dover indossare di nuovo l'armatura di Monarch (ohè, son zucconi alla Dc) per contenere le sue perdite radioattive. Inoltre, avrà un filino perso la bussola, e inizierà a viaggiare per il multiverso per arruolare un suo esercito personale di metaumani, facendoli combattere in un arena multidimensionale. La cosa peggiore? L'idea è ottima, ma l'esecuzione...Beh diciamo che mi è venuta la tentazione di iniziare a bere per dimenticare di averla in libreria.
Durante questa sua conquista del multiverso, Il Capitano si scontrerà con diversi Metaumani, fra i quali citiamo Superman-Prime, versione alternativa del nostro azzurrone di quartiere, il cui scopo principale era di riportare il mondo com'era prima, perchè era meglio. Non serve uno scienziato per vedere come Superman-Prime sia una parodia di tutti i Fanboy del mondo. Non sarà il più grande personaggio del mondo ma 1) è il preferito del mio amico Andrea, 2) mentre combatte con Monarch ci lascia l'immortale frase "TI UCCIDERO'! TI UCCIDERO' A MORTE!"
Il capitano pederà poi l'armatura e verrà ipnotizzato dal governo per essere un arma nella guerra contro la rinata razza dei Kryptoniani. Dopo aver recuperato la memoria, Nathaniel deciderà di fare ammenda per i suoi crimini come Monarch, e ritornerà ad essere un eroe.
Il nostro parteciperà poi ad una nuova incarnazione della Lega della Giustizia atta a catturare l'ex alleato Maxwell Lord. Questo prima che il suo universo venisse distrutto e ricostruito.
Nei nuovi 52 Nathaniel è un sempre un militare, ma questa volta si offre volontario per l'esperimento che gli donerà i poteri. Il nuovo esperimento consiste nel pilotare un vascello sperimentale in grado di viaggiare fra le dimensione, ma con un bizzaro senso di Deja vu, il nostro verrà atomizzato, e otterrà enormi poteri che gli permetteranno di ricostruirsi. In questa nuova versione però, il nostro possiede poteri quasi divini, e deve quindi abituarsi a non essere più legato alle normali leggi umane, pur possendendo un cuore come tutti gli altri, e dovendo temere ogni giorno che il suo cervello perda stabilità molecolare.
Capitan Atom era uno dei miei personaggi preferiti. La suo versione anni 80, con l'origine di copertura, l'essere un uomo fuori dal tempo, un cast di comprimari fittissimo, un set di poteri variegato, che lo rende potente ma interessante mi ha sempre affascinato, e la sua serie originale è una delle mie preferite in assoluto.. Putroppo il nostro ha perso molto nei sequel. Non solo la Dc ha questa ossessione nel renderlo un supercriminale (cosa che mi andrebbe bene, se solo durasse per più di dieci secondi) ma ormai ha deciso che il buon Nathaniel debba essere una copia sputata del Dottor Manhatthan, personaggio a lui ispirato . E qui qualcosa di male c'è, perchè se voglio leggere un personaggio sviluppato da Alan Moore, leggo Alan Moore non un a mediocre imitazione. Il potenziale c'è tutto: un origine tragica, poteri fantasiosi, e una bellissima personalità, con tic, emozioni e la capacità di evolvere. Se scritto bene, il signor Adam può colpire il mercato come una bomba. Ovviamente Atomica.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Non avessi deciso di non usare soprannomi, potrei prendere il nome di Moanrch da oggi in poi. Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. Qui ammetto la mia ignoranza: che intendi per "filosofia oggettivistica tanto cara a Steve Ditko?" (che, per inciso, conosco solo come primo disegnatore dell'uomoragno)
    (Lavos-D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In poche righe,la filosofia dell'oggetivismo è una branca della filosofia ideata da Ayn Rand, scrittrice americana di origini russe, e da lei promulgata sotto forma di romanzi. Di base, la sua è una filosofia che rigetta le altri filosofie (pur basandosi molto su alcune di esse, in principale su Aristotele) basata molto sull'individuo e sul suo valore intrinseco personale. Un individuo va giudicato solo su quello che fa per se stesso, e deve scegliere i suoi valori e le sue priorità solo attraverso la ragione. Il sacrificio (sia per gli altri che da gli altri) non è contemplato. Insomma, è un po' il mito del self made man portato agli estremi, ma diciamo che è un pelo tendente ad un assolutismo utopico, che arriva a creare persone monodimensionali (opinione mia)

      Elimina
    2. Danke schon con un po' di ritardo !

      Elimina
    3. Figurati! Siamo qua per questo (più o meno :P)

      Elimina
  2. Ricordo che, nella storia in cui si conosce l'origine di Capitan Atom, compariva anche l'Orologio tanto caro a Moore ...
    Ovviamente, Moore è un grande (anzi, un immenso) ma la sua grandezza sta ANCHE nel saper riscoprire e reinterpretare.

    Anche la filosofia randiana è molto interessante, e meriterebbe un post tutto suo ...
    Per Lavos: se ti interessa, cerca notizia su Ayn Rand, Ditko era un suo seguace. Mi fermo qui, non vorrei essere troppo invadente, ma come ho detto sopra, sarebbe molto interessante parlarne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, ho sempre visto la grandezza di Moore nella capacità di prendere quelle cose che già sai, e con una prosa sorprendente e mutevole, capovolgere tutte le tue convinzioni. Personalmente non sono una grande fan della filosofia Randiana, seguo molto la politica dei filosofi analitici che la lasciano un po' stare. Inoltre, vedrei un pelo fuori posto un post sulla filosofia Randiana nel blog, un po' perchè non so quanto possa colpire il classico lettore di fumetti, e in più dubito delle mie capacità di discorrere di epistemologia in termini comprensibili.

      Elimina
    2. Hai ragione, mi sono espresso (decisamente) male: non intendevo un "post" in questo blog (anche se ho scritto più o meno così), volevo dire che (in generale) sarebbe interessante parlarne. Al massimo (sempre se -e ne dubito- interessasse a qualcuno, qui si potrebbe forse parlare dei fumetti "randiani" di Ditko, da Creeper a Mr.A, e -perchè no- anche del suo ciclo dell'Uomo Ragno e della figura del primo Goblin ...

      Elimina
    3. Beh, io prendo come un complimento il fatto che tu mi ritenganin grado di scrivere anche di filosofia. Su Goblin non ho molto da dire, ma sicuramente su MR A ( il più rayndiano di tutti) qualcosetta si potrebbe sicuramente raccontare! Anche se, come già detto, tale filosofia non rientra nelle mie corde!

      Elimina
    4. Io ricordo le polemiche che Ditko ebbe con Stan Lee quando voleva far agire l'Uomo Ragno secondo i suoi principi. Ora, sintetizzando molto, a parte l'osservanza delle leggi un oggettivista ha doveri solo verso se stesso e come principale obiettivo la felicità personale. Effettivamente Peter Parker, che sacrifica la propria felicità a causa del senso di colpa per la morte dello zio,non poteva rientrare in quei parametri neanche a cannonate.

      Elimina
    5. Mettiamo anche in conto che lavorare con Stan Lee non era proprio semplicissimo, avendo lui l'ultima parola su tutto. Famoso è l'esempio di un Peter Parker con atteggiamenti ambivalenti verso una manifestazione studentesca: Scritto da Lee Peter Parker voleva unirsi (non perchè Lee ci credesse davvero nelle manifestazioni, cioè magari lo faceva ma voleva che il suo personaggio fosse accattivante per la maggioranza) mentre nelle intenzioni di Dikto il nostro odiava " quegli hippy". Questo non toglie che l'uomo ragno sia nato da una fuzione di un oggettivismo duro, e un liberalismo da salotto. Ma ci hanno dato il più grande personaggio a fumetti del secolo quindi a me sta bene.

      Elimina
    6. Aggiungerei che si dice (ma purtroppo "si dice" solamente, nessuno lo ha mai confermato) che Ditko volesse fare di Goblin NON un supercriminale, ma un "eroe" di stampo oggettivistico ... e la cosa si fa interessante, no?
      Saltando di palo in franca (ma non troppo) a me pare che un eroe randiano alla Marvel ci sia ... ed è Hulk. Hulk, che vuole solo "essere lasciato in pace", e non va a cercare "criminali da punire" (se non quelle volte che glielo fa fare Banner, quando ha lui il controllo).

      Elimina
    7. Figurati che io avevo letto da qualche parte una smentita di tale leggenda, e che Dikto volesse fare di Goblin proprio un criminale. Forse non sapremo mai la verità, anche perchè fra le personalità invischiate nella vicenda non corre buon sangue. Hulk non lo vedo molto Rayndiano, ma più Freudiano. Dopotutto Hulk non è assolutamente razionale, ne fa della ragione la sua scelta di vita. A Hulk non credo interessi avere successo col lavoro indifesso, ma esprimere al contrario tutta la repressione di Banner! Opinione mia sia chiaro

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio