Didascalia

Didascalia

lunedì 19 agosto 2013

Il Teschio Rosso, la morte scarlatta

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che usa la parola "scarlatto" più volte di Emma Orczy e di Nataniel Hawtorne messi insieme. Continuate a dirci che parliamo poco dei "cattivi" a fumetti, e continuiamo a dirvi "E' vero", e quindi per farci perdonare vi parliamo di uno dei cattivi più cattivi nel mondo dei fumetti! Dopotutto quanti hanno "membro d'elite del partito nazista" scritto sul biglietto da visita? Signore e Signori, il Teschio Rosso!
Mai, e dico mai dimenticare la crema solare a casa gente.

Come molti personaggi prima di lui, anche questo "cattivo" avrà diverse versioni nel corso degli anni.
Il Primo il teschio rosso venne creato da Jack Kirby e Joe Simon, già papà di Capitan America, e fu proprio il secondo a dare vita al design del personaggio, basandosi su un gelato sciolto (storia vera) e dandogli l' identità segreta di un sabotatore americano al soldo dei Nazi.
Sarà però lo scrittore France Herron a darci la versione del teschio a noi più conosciuta, quella di Johann Schimdt (sottile!), nativo di un piccolo villaggio in germania nei primi anni venti.
Dopo che la madre sarà morta di parto, e il padre tenterà di ucciderlo (arrivando poi al suicidio), il piccolo Johann fuggirà di casa per vivere in strada, dove passerà la maggior parte della sua adolescenza, sopravvivendo con piccoli furtarelli e lavori molto umili.
Unico suo sollievo, sarà una giovane donna ebrea, Esther, prima persona al mondo che gli darà un po' di compassione, che il nostro scambierà per amore. Cercando di violentare la giovane, il Teschio finirà per ucciderla, provando una strana gioia nell'atto, sfogo per tutta la rabbia che aveva accumulato nel corso degli anni.
In seguito, il nostro troverà lavoro in un piccolo albergo, dove farà una conoscenza che cambierà tutta la sua vita: Adolf Hitler in persona, che deciderà di prendere il ragazzo sotto la sua ala, per renderlo "Il simbolo vivente del male" (in alcune versione l'incontro non sarà casuale, ma premeditato)
Dopo aver addestrato Johann, Hitler gli donerà un maschera a forma di teschio (che funge anche da respiratore) e ne farà il suo braccio destro con il nome di Teschio Rosso.
Sebbene il nostro non fosse alla pari con il super-soldato americano, il simbolo vivente del male era comunque un atleta a livello olimpionico, abile lottatore nonchè tiratore scelto.
Ma la sue più grandi armi saranno sempre la sua intelligenza e la sua astuzia, dedite a distruggere ogni cosa si frapponesse fra lui e la conquista. Tanto per dire, dopo un po' anche Hitler era spaventato dalla sua creatura.
Nel corso della seconda guerra mondiale il teschio sarà a capo di numerose operazioni miltiari, collaborando con altri agenti dell'asse, come i Baroni Strucker e Zemo o il super agente Master Man, scontrandosi più volte con gli eroi alleati.
Dopo molte sfide, il teschio affronterà il Capitano a stelle e strisce in un bunker sotteraneo, dove una frana causerà l'apparente dipartita del malvagio criminale.
Il teschio lascerà però nel mondo due grandi eredità di morte. La prima, sarà una tossina detta proprio "la polvere della morte", studiata dal teschio e da lui usata più volte in battaglia, che stringe l'erpidermide di chi la inala, trasformando il volto della vittima in un grottesco teschio Rosso
La seconda saranno i "dormienti", potenti robot nascosti nelle profondità della terra, il cui unico scopo era conquistare il mondo e fare del Teschio rosso il fuhrer di un quarto Reich. Quello che il teschio non aveva messo in conto era la sopravvivenza di Capitan America, che riuscirà a fermare i robot e a salvare il mondo. Tenete a mente i dormienti però, torneranno.
Ma la minaccia più grande doveva ancora arrivare. Il teschio non era morto nel crollo del bunker, ma grazie ad una rara miscela di gas era riuscito a sopravvivere in animazione sospesa. Alleatosi con l'organizzazione nota come A.I.M., il criminale nazista tornerà nella vita del buon Capitano portando con se l'arma definitiva, il Cubo Cosmico, il cui potere è realizzare ogni desiderio del suo padrone. Messo contro un essere onnipotente, ma sempre folle, il Capitano riuscirà a sconfiggere tutti i pronostici e a vincere, togliendo al Teschio il potere infinito (tenete anche a mente il Teschio e il cubo. Davvero).
Sfuggente come un maiale vivo coperto di burro, il Teschio affronterà più volte il Capitano, usando vecchi alleati, controllo mentale, bombe nucleari miniaturizzate, cloni di Hitler, il cubo cosmico (facendo nascere Falcon), l'odio razziale e molto altro.
Scopriremo anche che il Teschio avrà avuto una figlia, e che grazie a speciali macchinari la bambina avrà raggiunto non solo l'età adulta, ma anche enormi poteri superumani. La giovane prenderà il nome di Madre Superiora e aiuterà il padre nelle sue imprese malefiche
E giusto per non far mancare nulla alla piccola psicopatica di papà, il teschio modificherà anche le compagne di gioco della figlia, trasformandole in esseri superumani note come "Le sorelle del peccato". Tutto questo per distruggere il capitano in un ultima, grande fiammata di gloria.
I gas che avevano mantenuto il teschio in vita avevano infatti esaurito il loro effetto, e il criminale nazista era ormai solo un povero vecchio. Ma continuava ad essere il simbolo di qualcosa di oscuro e crudele, un qualcosa che non poteva morire senza un'ultima grande battaglia contro il suo più grande nemico. Dopo aver invecchiato anche il corpo del Capitano, le due leggende della seconda guerra mondiale si daranno battaglia, ma il teschio morirà per lo sforzo, maledicendo il vecchio nemico per non aver sferrato il colpo finale.
Ma il Teschio non restò morto a lungo. Grazie allo scienziato nazista Arnim Zola, il nostro riuscirà a rivivere, in corpo clonato. Di chi era il clone? Ma di Capitan America che domande!
Dotato ora degli stessi poteri e abilità del suo più grande nemico, il Teschio abbandonerà gli ideali del nazismo (ma la cosa sarà un po' conttraddetta da storie successive. Il razzismo però rimarrà una sua caratteristica predominante) e abbraccerà il Capitalismo americano, diventando in breve capo di una commissione governativa il cui scopo era controllare i movimenti dei Superumani. Il teschio cambierà anche nome, facendosi chiamare John Smith, e userà i suoi nuovi poteri politici per compiere la sua più grande missione: distruggere Capitan America non solo a livello fisico, ma anche ideologico.
Usando le sue conoscenze, Smith riuscirà a togliere il manto a stelle e strisce da Steve Rogers, e darlo al bigotto John Walker, più facile da manipolare.
Il Teschio infatti organizzerà infatti l'omicidio dei genitori di Walker, spingendolo sull'orlo della pazzia, infangando così il nome del Capitano.
Inoltre, il nostro maestro del male otterrà il controllo di quasi tutti i sindacati criminali del mondo, unendoli tutti sotto la sua Egida. Il suo piano verrà però sventato da Capitan America (il cui più grande superpotere è non abbassare mai la testa di fronte ai bulli), che si troverà ad affrontare un suo doppio, armato però di spore della morte. Invece che colpire l'eroe, le spore colpiranno il Teschio, che si ritroverò così con un vero teschio rosso come volto (e non morirà grazie al siero del super-soldato).
Il simbolo del male si ritirerà gridando vendetta, mentre Steve Rogers tornerà ad essere il simbolo della libertà.
Tornato nel business dei supercriminali, il Teschio si ritroverà però in difficoltà a causa del suo passato da Nazi (fantastico come si possa uccidere la gente per divertimento e ancora odiare i Nazi), che lo vedrà scontrarsi con Kingpin per una questione di droga, e Magneto (che l'olocausto l'ha vissuto sulla sua pelle). Il teschio farà anche parte di un elusivo gruppo di signori del crimini atti a distruggere gli eroi per sempre usando una strategia nuova: invece che combattere sempre gli stessi eroi, i criminali avrebbero affrontato nemici mai visti, sfruttando così l'elemento sorpresa. Un 'idea così furba, che mi chiedo perchè non ci abbiano riprovato.
Il teschio in seguito combatterà l'eroe Tedesco Hauptmann Detuschland, e riuscirà a fuggire dal processo per crimini contro l'umanità, creando una squadra di super picchiatori neonazisti.
In un'occasione il Teschio sarà anche alleato del Capitano, quando il siero del super-soldato inizierà a fare le bizze, lasciando i due grandi nemici completamente paralizzati. Dopo aver rubato la cura, il teschio farà una trasfusione al nemico di sempre, salvandogli la vita.
Peccato che subito dopo, si tornerà agli affari: ritrovato il cubo cosmico il Teschio intrappolerà il Capitano in una dimensione alternativa e proverà a conquistare il mondo. Il suo piano fallirà, e il cervello nazista si ritroverà intrappolato nel cubo cosmico stesso.
E siccome parliamo di un osso duro (ho aspettato 12 paragrafi per scriverlo), Schimdt riuscirà a liberarsi dal cubo, arrivando però ad internalizzarne il potere, diventando così simile ad un Dio. Il teschio userà i suoi poteri cercando di provare che nell'umanità non c'è una briciola di bene, mettendo gli uomini in situazioni inimagginabili. Il Teschio verrà poi sconfitto dall'essere cosmico noto come Korvac, che voleva il potere del cubo per se.
Siccome piano che vince non si cambia, Schimdt proverà di nuovo la scalata al governo, prendendo il nome di Dell Rusk (anagrammi!), il nuovo segretario della difesa americana (però, che sistema politico!), svilupperà una nuova e potente tossina. Il suo piano verrà fermato da tutti i Vendicatori, e il teschio verrà fermato dalla Pantera Nera, che spezzerà la sua mascella a metà.
Dopo la sconfitta, Schimdt creerà un nuovo cubo cosmico (ancora?), ma verrà assassinato dal misterioso Soldato d'inverno, agli ordini del criminale russo Aleksander Lukin. Prima di morire, il Teschio riuscirà a trasferire la sua mente nel corpo di Lukin, lasciando i due nemici intrappolati nello stesso corpo. Usando il corpo di Lukin, Schimdt sarà in grado di muoversi sia nei bassifondi, sia alla luce del sole, muovendo le fila della vita del Capitano dall'ombra. Dopo la Guerra Civile fra supereroi, il Teschio pianificherà la morte di Capitan America, ipnotizzando la sua fidanzata, Sharon Carter, in modo da farle sparare al simbolo della libertà.
Nel frattempo, Lukin sarà riuscito a far eleggere un politico fantoccio, in modo da rendere l'America uno stato di polizia sotto il controllo del Teschio.
Il piano fallirà quando Sharon Carter, liberatasi dall'ipnosi ucciderà Lukin, costringendo la mente del teschio in un corpo robotico creato da Arnim Zola.
Nota a margine (ma non troppo). Ricordate la figlia del teschio rosso? Dopo la sconfitta per mano del Capitano, la nostra tornerà alla sua età originale, ma nel corso degli anni crescerà, e seguirà le orme paterne nel giro dei supercriminali. Preso il nome di Sin, la piccola signorina Schimdt metterà su un piccolo sindacato criminale, diventando il braccio destro del papà.
Verrà poi rivelato che il Teschio non aveva ucciso Cap, ma aveva messo il suo corpo in un punto non meglio precisato dello spazio/tempo. Grazie all'aiuto del Dottor Destino, il Teschio sarà in grado di recuperare il corpo del rivale, ed inserirvi la sua coscienza. Il Cap/Teschio si ritroverà però attaccato su due fronti: quello fisico, dove gli assalitori saranno tutti gli amici del vero Capitano, e quello mentale, dove il buon Steve Rogers lotterà per riavere il controllo del suo corpo.
Ancora una volta, il Teschio sarà sconfitto, e costretto a tornare nel suo corpo robotico, che verrà ingigantito da un fascio di particelle Pym (evviva!), e distrutto da una raffica di missili.
L'esplosione sfregerà Sin, che diventerà così il nuovo Teschio Rosso, che porterà morte e distruzione nel mondo, anche grazie a poteri divini ottenuti nel crossover Fear Itself, di cui parleremo un altra volta.
Di recente, un nuovo Teschio Rosso ha fatto la sua comparsa nel mondo. E no, non c'entrano il cubo cosmico o le coscienze salterine, questa volta si tratta di cloni. Giuro.
Un clone creato nel 1942, e quindi con la mente di un Teschio ancora giovane e moooooolto nazi, che ruberà il cervello del defunto Charles Xavier, il più potente telepate del mondo, per ottenere grandissimi poteri mentali, ma verrà sconfitto dai nuovi Incredbili Vendicatori.

Johann Schimdt è apparso in numerose incarnazioni all'infuori dei fumetti, la più recente nel film "Captain America, il primo vendicatore" dove sotto il Teschio di nasconde l'attore Hugo Weaving.
Il Teschio Rosso è qualcosa di magico se gestito bene. Perchè? Perchè si parla di assoluti. Il Teschio non ha qualità positive. Neanche una. Non è un nobile demone o un incompreso, e proprio un bastardo, bigotto e razzista (nonchè Nazi). E per questo riesce davvero a fare paura. Paura per quello che c'è nel cuore degli uomini, paura per quello che può fare qualcuno che cede alle lusinghe del male. Perchè il teschio non è fortissimo, non spara raggi dagli occhi, non si rigenera. Ma torna sempre. Sempre. Il mascherone è solo un avvertimento, il vero mostro è all'interno. Ed è questo che lo rende un grande personaggio,  un grande avversario Nero, in un mondo che è fatto di scale di grigi.
Inoltre, questa sua cattiveria, rende molto più soddisfacente vederlo andare a tappeto.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Cubo cosmico in mano. Pronti a partire. Let's go!

8 commenti :

  1. A parer mio, invece, il suo essere paradigmatico del male assoluto lo rende privo di fascino. Non c'è il cammino verso la caduta, lui è tutto una caduta! Comunque, nella storia in cui era Dell Rusk, prima dell'intervento di Falcon Pantera nera le stava buscando, per ben due volte. Non capisaco questa scelta degli sceneggiatori, forse volevano sottolineare che il Teschio aveva pur sempre in se il siero del super soldato, ma lo stesso Cap in passato le prese dal nonno di T'challa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parer mio in un mondo dove tutto dev'essere grigio per forza, un po' di bianco e nero non guasta! Pantera era anche indebolito dalla tossina del teschio in quel momento della storia,e quella dove Cap le prende dal nonno di T'challa è una storia che mi manda ai matti perchè distrugge quella di Priest molto più bella che aveva un bellissimo messaggio di fondo (lì Cap e la Pantera nera pareggiano, e si scambiano dei doni, lo scudo triangolare e l'erba segreta del wakanda che dona i poteri panterosi, dimostrando che m'importa una sega se sei bianco o nero, l'imnportante è giudicarti dalla tua personalità) con un ben più banale "il mio personaggio preferito è più forte del tuo"

      Elimina
    2. Per me, Pantera e Cap sono alla pari, e sono entrambi il massimo in quanto a capacità.
      Ma, tornando al Teschio Rosso, i momenti di "umanità" del personaggio ci sono, ma sono rarissimi, quasi una candela nella notte infinita. Uno di questi è il momento in cui rifiuta di uccidere la figlia appena nata perchè era nata donna, una cosa impressionante: sia l'atto dell'omicidio che quello del ripensamento. Inoltre, il suo malcelato rispetto per Capitan America: insieme all'odio, c'è anche una certa ammirazione per lui. In ogni caso, il Teschio Rosso è completamente accecato dal male, e non lo fa nascondere per nulla sotto una parvenza di "nobiltà" o "onore". Diciamo che è una malvagità facilmente riconoscibile.
      Grazie per il servizio! ^_^

      Elimina
    3. Beh, risparmia la figlia per farne un arma di morte, non so quanto sia umano ;) Grazie a te per il supporto!

      Elimina
    4. Sono dell'idea anchio che del nero ci serva. Adoro personaggi sfaccettati e profondi con molte chiavi di lettura ma dopo un po vuoi mettete la di vedere un megatron che picchia chi e' colpevole di essere piu' debole di lui( praticamente chiunque),o gli space marine che affrontano a viso aperto principi demoni per l'anima del genere umano? A volte gli assoluti servono a ricordarci da cosa sono composti i grigi.

      Elimina
    5. Oh mio dio, siamo d'accordo su qualcosa! Salvatevi gente! Prima le donne e i blogger con gli occhiali!

      Elimina
    6. Anche io ho sempre preferito la versione con il pareggio, anche se per giustificare la sconfitta di Cap si potrebbe dire che a quel tempo era ancora un novellin0. Il messaggio era però indubbiamente migliore. Quanto al Teschio, la figlia era stata risparmiata unicamente perchè voleva un erede. E verso Cao non prova ammirazione, ma semplicemente riconosce che il combatterlo da un senso alla sua vita.

      Elimina
    7. La spiegazione che posso dare io è che Hudlin è un po' bigotto ;) Ecco è questo che mi piace del blog, discussioni semplici ma accattivanti. Sono questi i momenti in cui sono felice di aver aperto il progetto 101. Sul rapporto Cap/teschio mi viene da dire che forse del rispetto può esserci, ma perchè il cattivo si vede come l'unico degno di uccidere l'eroe (un classico!)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio