Didascalia

Didascalia

lunedì 1 luglio 2013

Rocket Raccoon (Ti amo ma sei strano)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che a causa dei suoi frequenti errori di battitura temeva questo post. Qualche giorno fa il centounista Nosferatu vinse un post a richiesta, e noi della redazione pensammo di fargli uno scherzone cambiando l'argomento da lui richiesto. Ma siccome siamo buoni, oggi parliamo dell'argomento vero, il procione più cattivo di tutta la galassia (che in alcune apparizioni parla con un accento inglese, invenzione recente e mai apparsa nei fumetti al momento della stesura di questo articolo): Rocket Raccoon!
Mi sorprende sempre come un cosino così piccolo possa usare un arma così grande. Poi penso agli artigli di Wolverine che sono lunghi tipo come tutto il suo corpo e mi calmo.

Il nostro procione con l'amore per la violenza indistinta nasce sulle pagine dell'antologico Marvel Preview 7 del 1976, sceneggiato da Bill Mantlo e disegnato da  Keith Giffen. Il duo si ispirerà alla canzone dei Beatles Rocky Raccon (per comodità siccome ci dimentichiamo sempre le due c in raccoon, noi lo chiameremo RR), e lo sviluppano graficamente come un misto fra un procione vero e un personaggio dei Looney Tunes. Il nostro fa parte di un grande esperimento messo in atto da una razza aliena, situata nel quadrante spaziale di Keystone, che dovrà adibire un intero pianeta a mò di manicomio. Il perchè mi sfugge, ma parliamo di un procione parlante con scarpe a razzo, non stiamo a farci troppe domande.I medici che dovranno curare così questi "Pazzerelloni" intergalattici saranno avanzatissimi robot costruiti dagli alieni, che dopo l'abbandono dei loro padroni inizieranno a sviluppare una rudimentale forma di libero arbitrio. Non volendo più sottostare agli umani, ma temendo per i "pazzerelloni", i robot modificheranno geneticamente gli animali usati nella cura per i pazienti dandogli la capacità di muoversi sulle zampe posteriori e una grande intelligenza. Il pianeta verrà così diviso in due parti, da un  lato, la sezione tecnologica costruita e gestita da robot, dall'altra quella abitata da animali e "pazzerelloni", che avranno iniziato una religione basata sull'adorare i misteriosi dei noti come "Strizzacervelli". Dopo qualche anno, sul pianeta arriverà il gigante verde noto come Hulk, che verrà visto però dalle alte sfere del governo come una grande minaccia all'equilibrio socio-economico del pianeta. Il mondo robot/animale vive infatti sulla manifattura di giocattoli, che i "pazzerelloni" usano per divertirsi. I giocattoli sono prodotti dagli animali, che usano il soldi guadagnati dalla loro vendita per ottenere dei potenziamenti cibernetici dai robot. Ora capite il titolo dell'articolo. Sarà proprio in questa occasione che Hulk incontrerà il nostro RR, alias lo sceriffo del pianeta. Dopo aver sventato una crisi, il golia di giada tornerà sulla Terra.
Rocekt Raccoon non ha poteri particolari, a parte quelli, beh dei procioni. Possiede sensi, velocità e agilità molto superiori ad un essere umano. Inoltre è esperto nell'uso di moltissime armi aliene e possiede una mente tattiche straordinaria (grazie ai potenziamenti subiti dai robot). Il "Rocket" del suo nome deriva da un paio di scarpe a razzo, che il nostro perderà in successive incarnazioni. Il nostro sparirà dalle scene, solo per tornare in una miniserie disegnata nientemeno che da Mike Mignola (futuro autore di Hellboy), che darà al nostro un nuovo design più cartoonesco.
Il nostro si ritroverà così in mezzo ad una guerra planetaria fra buffi animaletti legata ai giocattoli. Sono serissimo. Il serpente Lord Dwyvne vorrà infatti prendere il monopolio della produzione dei balocchi, e arriverà a rubare il testo sacro dei "pazzerelloni", la cosiddetta "Bibbia di Gideon" (così chiamata poichè ispirata ad una casa editrice americana chiamata Gideon, specializzata nel pubblicare appunto Bibbie che vengono di solito distribuite negli alberghi)
Grazie a numerosi alleati impellicciati, Rocket riuscirà a sconfiggere il rettile, e a tradurre la Bibbia di Gideon, arrivando così, insieme a i robot, a curare tutti i "pazzerelloni". Gli umanoidi saranno estrememante grati ai robot e agli animali, e gli chiederanno di restare al loro fianco sul pianeta, ma le due specie decideranno invece di viaggiare per lo spazio, cercando nuove avventure. Da quel momento in poi, RR viaggerà in lungo e in largo per lo spazio, collezionando sporadiche comparsate, arrivando anche ad incontrare un altra persona forzuta verde, She Hulk
Per motivi ancora ignoti, il procione a razzo verrà rapito dagli alieni Kree, e nelle loro prigioni farà conoscenza con il guerriero umana Peter Quill, alias Star-Lord. Assieme a questo nuovo personaggio, RR formerà un piccolo gruppo di eroi dedito a combattere alcune minacce galattiche, un gruppo noto come la "mezza sporca dozzina".
In seguito, questo team di commandos si unirà ad altri famosi eroi spaziali per formare la versione moderna del gruppo di eroi noto come "I Guardiani della Galassia" (la versione precedente la trovate qui). Assieme a questi personaggi, Rocket affronterà fanatici religiosi, viaggi nel tempo, manipolazioni mentali, compagni di squadra con le rotelle fuori posto, versioni malvagie di eroi famosi, guerre planetarie e l'incarnazione della morte. Ed è un procione. No davvero, è come se Topolino picchiasse il Teschio Rosso.
Durante il periodo con i Guardiani, Rocket svilupperà anche una rivalità con un altro simpatico animaletto, Cosmo, cane cosmonauta russo che a causa delle radiazioni avrà sviluppato enormi poteri mentali.
I guardiani della Galassia si scioglieranno dopo l'apparente morte di Star-Lord, e il nostro procione deciderà di tornare sul suo vecchio pianeta, solo per scoprire che tutti i suoi ricordi del posto erano stati modificati. In realtà i "pazzerelloni" non erano solo folli, erano folli CRIMINALI, e i robot e i buffi animaletti erano lì per calmare i detenuti più violenti, e Dvyvne non era un folle criminale, bensì il capo del dipartimento di psicologia. RR era stato manipolato dal criminale psichico noto come Star-thief, che aveva creato tutti i ricordi della "guerra dei giocattoli" solo per indebolire la sorveglianza e fuggire dal pianeta manicomio. Il suo piano fallirà, e Rocket Raccoon riuscirà a sconfiggerlo, intrappolandolo per sempre.

In seguito, Rocket Raccon dovrà affrontare il tiranno dimensionale (nonchè magnate televisivo) Mojo, che lo opzionerà per un reality mortale sulla sua vita. Il nostro tornerà a far parte dei Guardiani della Galassia dopo il ritorno alla vita di Star-Lord, e collaborerà assieme ai Vendicatori per recuperare un Cubo Cosmico.
Dopo questa avventura, i Guardiani della Galassia guadagneranno una nuova serie regolare ( e un nuovo membro, l'invincibile Iron Man) della quale farà ovviamente parte anche il nostro procione a razzo. Il gruppo spaziale è anche stato opzionato per un film con attori in carne e computer grafica. Vediamo come tratteranno l'idea di un orsetto lavatore che spara un bazooka.
Rocket Raccon è un idea folle, ma che funziona. Cavolo, pensiamo alle Tartarughe Ninja. Il personaggio è sicuramente cambiato dal suo esordio "parodia del genere degli animali buffi", passando al ruolo di personaggio che sembra sciocco ma poi tira calci in culo come pochi. L'idea della guerra dei giocattoli come un'illusione però? Una cavolata pazzesca. Sembra che nessuno pensi più che i fumetti debbano essere divertenti. Anche se sono interpretati da un procione con gli occhioni.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Vi ho detto che il miglior amico del procione è un albero gigante? Pronti a partire. Let's go!

6 commenti :

  1. Risposte
    1. Rispondo con un sardonico De Gustibus ;)

      Elimina
    2. Mi associo a Nosferatu, viva Raccoon!

      In realtà viva Guardians of the Galaxy di Abnett! Negli ultimi anni è stata una delle serie che più ho apprezzato... Non sono molto fiducioso sulla nuova gestione...nessuno ha ancora spiegato come Star Lord sia sopravvissuto e poi Ironman? Ironman???
      Vedremo...

      Elimina
    3. Per citare il vecchio Editor in chief "Ehi, è magia, non dobbiamo spiegarla!" ;) Vedremo egregio!

      Elimina
    4. mi associo a greylaw: ho appena finito di leggere il ciclo dei guardiani e ci trovo tutto quello che cerco in un fumetto.
      per quanto riguarda la magia: evitare di dare delle regole serve solo per semplificare il lavoro a scrittori incompetenti ed evitare di prendere delle posizioni, come dire che la continuity e un punto di vista.

      Elimina
    5. La mia era infatti una battuta sarcastica a riguardo di un epsresisone eccessivamente sprezzante. I Nuovi Guardiani della Galassia non mi hanno mai preso, Abnett non è tra i miei scrittori favoriti! Comunque prima poi parleremo anche di quello1

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio