Didascalia

Didascalia

martedì 4 giugno 2013

Batman, la serie animata (Fumetti in Tv)

Benvenuti cari Centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, un blog che si fa pagare per guardare cartoni animati, ma lo farebbe pure gratis. Salutiamo oggi una nuova rubrica che entra di prepotenza nel sommario del blog anche grazie all'opinione di voi lettori: Fumetti in Tv. Con un titolo che è una citazione e non un gioco di parole che fa ridere solo chi scrive, parte il segmento del blog dove parliamo di tutte le comparsate dei nostri eroi preferiti sul piccolo e grande schermo. L'onore di varare questa nuova occasione per parlare di fumetti va ovviamente ad una delle serie più famose ed amate di tutti i tempi, Batman The Animated Series!
Io sono la vendetta, io sono la notte, io sono un franchise multimilionario!

Quinta serie in ordine cronolico a presentare il cavaliere oscuro sul piccolo schermo, Batman la serie animata (per gli amici Batman TAS) nasce nel 1993, cavalcando l'onda dei due film del crociato mantellato diretti da Tim Burton. Dai colossal, la serie ruba le atmosfere gotiche, nonchè quel senso di "mondo senza tempo" tipico del fumetto, arrivando a mischiare atmosfere moderne con dettagli presi da altri periodi storici (come i dirigibili della polizia oppure la moda di indossare il cappello in ogni circostanza). Direttore artistico della serie sarà un certo Bruce Timm, classe 1961, che per anni aveva provato ad entrare nel mondo dei fumetti ma si era poi arreso all'animazione. Nel corso degli anni, la mano di Timm darà origine all'universo Dc animato. L'ironia!
Basandosi sullo stile grafico di Timm, Batman TAS svilupperà una nuova tecnica di disegno e di animazione, sostituendo il classico stile "disegno con inchiostro scuro su fondo chiaro" con il nuovo "disegno con inchiostro chiaro su fondo scuro" dando origine ad un uovo stile noto come Dark Deco
 La serie modificherà leggermente il leggendario tema di Batman sviluppato da Danny Elfman per i film di Burtone, inserendolo in una delle sigle più pregnanti della storia. Seriamente, un qualcuno potrebbe non sapere nulla di Batman,e solo vedendo la sigla capirebbe che:
1) In questa città il crimine è molto avanti
2)La città ha un protettore a cui non piacciono le pistole e che ha una macchina fighissima
3) I Criminali hanno una paura FOLLE di questo personaggio
4) La paura nasce dal fatto che questo tizio è moooolto in gamba.
Tutto questo accompagnato da musica e un animazione fluida tipica dello stile americano (che risulta più omogeneo ma meno spettacolare  rispetto a quello degli Anime per intenderci. Per quanto il cartone fosse animato oltreoceano) in 55 secondi. Sfido chiunque a leggere le origini di Batman nello stesso tempo.
La serie verrà trasmessa sulla Fox, e si ritroverà a dover combattere le altre serie di supereroi dell'epoca (principalmente la serie dell 'Uomo Ragno nata nel 1994 e quella degli X-men del 92) ma riuscirà a tenere il passo, e non solo perchè il protagonista è, beh, Batman.
Il Team di Batman Tas riuscirà a convincere i vertici della Warner Bros a dare alla serie un tono più adulto e a bypassare alcuni punti fermi della censura dell'epoca (le armi da fuoco dovevano essere bandite e sostituite con laser fantascientifici e le animazioni delle lotte erano o oscurate oppure rallentate per non mostrare la violenza nella sua interezza) ricevendo così ottime risposte dalla critica e dai fan.
La serie partirà con l'episodio pilota "L'uomo pipistrello" (in originale "On Leather Wings"), dove sullo sfondo di Gotham si staglierà una figura simile ad un enorme chirottero, spaventando a morte degli ignari poliziotti. Il misterioso personaggio non sarà però il miliardario Bruce Wayne, bensì il criminale Man-Bat, grottesco "doppio malvagio" del genio,miliardario,playboy,filantropo, maestro di arti marziali,escapista,maestro del travestimento,poliglotta et cetera. Nel corso dei suoi 85 episodi faranno però numerose apparizioni numerosi nemici di Batman, con un occhio di riguardo anche al mondo dei fumetti, presentandoci omaggi e strizzatine d'occhio alle vecchie storie (uno degli scrittori di punta della serie sarà Paul Dini, famoso ai più per avere curato la scenggiatura dei videogiochi della serie Batman:Arkaham e per un qualcosa di cui parleremo sotto). Non soprendiamoci quindi se in un episodio vedremo il criminale Bane cercare di spezzare la schiena al difensore di Gotham
Parlando poi di un medium non solo visivo, ma anche auditivo non possiamo non spendere due parole sul cast stellare di doppiatori che hanno portato Batman Tas al suo status di "serie cult". A dare la voce a Batman nella versione originale ci sarà Kevin Conroy, primo nella storia a dare a Batman due voci diverse  a seconda della sua identità segreta e per molti unica vera voce di Batman, mentre nella versione nostrana il cavaliere oscuro sarà doppiato da Marco Balzarotti (negli anni il signor Balzarotti avrà doppiato Batman in talmente tante incarnazioni tanto da "essere" Batman più di Micheal Keaton, Val Kilmer, George Clooney e Christian Bale messi insieme). A dare la voce al maggiordomo Alfred avremo l'attore Efrem Zimbalist Junior (in italiano Franco Sangermano) mentre Robin sarà doppiato da Loren Lester (da noi il ragazzo meraviglia sarà Davide Garbolino, Ash Ketchum dei Pokémon). Batgirl avrà molte doppiatrici nel corso della serie (fra cui Tara Strong, che per chi segue l'animazione in lingua originale è tipo la voce di ogni personaggio animato) ma in Italia la ragazza pipistrello sarà doppiata da Debora Magnaghi. Ultimo, ma non per importanza, il Joker, principe pagliaccio del crimine sarà doppiato da Mark Hamill, che molti di voi conoscono come Luke Skywalker della Trilogia di Guerre Stellari, dando al personaggio un iconica risata malvagia e personalità da vendere (al contrario della sua incarnazione a fumetti, come scritto qui). In italiano, il nemico di Batman vestito di viola è interpretato da Riccardo Peroni (che se sto a dirvi tutto quello che ha fatto apro un altro blog. In più il signor Peroni è ligure come chi scrive e noi siamo contenti anche per queste scemate).
Oltre a prendere a piene mani dalla mitologia del cavaliere oscuro, la serie avrà il pregio di dare un forte spazio anche ai comprimari del pipistrello, sviluppando quindi l'amicizia Batman/Commissario Gordon, ma dando anche  una forte vitalità ed un pungente sarcasmo anche al maggiordomo Alfred(aspetto che il nostro si porterà dietro anche nei fumetti) e tratteggiando tutti i membri del commissariato di Gotham, come il poliziotto Harvey Bullock (sostituendo però il suo iconico sigaro con uno stuzzicadenti. Non che ci dispiaccia). La serie riuscirà anche a dare origine a tre film basati sulla sua nuova continuity: "Batman la Maschera del Fantasma" (che uscirà persino al cinema e in terra italica vedrà alcuni personaggi cambiare doppiatori), "Batman Sub-Zero" e "Batman il mistero della Batwoman" che verranno realizzati per il circuito home-video. Inoltre, nascerà anche un fumetto basato sulla serie basata sul fumetto (AAAAAAAAAH!) dal titolo Batman Adventures, che durerà per una decade.
Altro pregio della serie sarà quello di creare o reinventare i personaggi di contorno dell'uomo pipistrello, trasformando ad esempio il buffo criminale Re Orologio in un maestro di malvagità oppure creando la folle ladra dipendente dall'adrenalina Roxy Rocket. O come dimenticare la dolce Baby-doll, costretta ad avere per sempre le sembianze di una bambina? Ma lo so perchè siete qui. Volete sentire di quel personaggio femminile forte che nacque con la serie animata. Parliamo dell'agente di polizia Renee Montoya, che nel corso degli episodi passerà dall'essere una semplice recluta al grado di detective, raggiungendo enorme popolarità nella serie a fumetti Gotham Central, ed in seguito come la supereroina Question. Sorpresi vero? E poi sì, c'è anche l'assistente/fidanzata del Joker Harley Quinn, di cui parliamo qui (che è forse la più famosa creatura di Paul Dini)
Dopo una prima messa in onda, la serie di Batman, che trattava i bambini come esseri pensanti e non spugne, venne però giudicata un po' troppo forte per i giovani spettatori (no perchè chiunque sotto i 14 anni è un idiota vero?) e la serie verrà rinominata Le Avventure di Batman e Robin, con una presenza più costante del ragazzo meraviglia. Seppur l'azione fosse stata un po' edulcorata, la serie manterrà la sua qualità e freschezza.
Tre anni dopo la seconda stagione, la serie verrà rilanciata con il titolo "The New Batman Adventures" (da noi in "Batman Cavaliere della notte"). Il rilancio vedrà un nuovo stile grafico più stilizzato rispetto a quello dei primi episodi, ma una nuova fedeltà al medium fumetto (nelle prime serie Catwoman sfoggiava una chioma bionda ispirata a Michelle Pfeiffer e il pinguino era la versione deforme di Danny de Vito). Le motivazioni per questo cambiamento saranno date dal lancio della serie animata dedicata a Superman, che nasceva con uno stile grafico più "Amico dell'animazione", e i vertici della Warner Bros volevano che le serie dei loro due personaggi di punta potessero interagire senza problemi. Il cambio di look riceverà giudizi contrastanti, ma lo stile semplice di "The New..." verrà poi utilizzato anche per i successivi progetti animati Dc
La nuova serie vedrà una più grande partecipazione della "Bat-famiglia" nelle avventure dell'uomo pipistrello, che accoglierà un nuovo Robin e vedrà il suo primo compagno uscire dalla sua ombra per diventare un eroe nuovo con il nome di Nightwing. Citiamo anche una presenza maggiore di Batgirl (con il quale Bruce avrà anche una mezza relazione. Giuro) dando allo show una maggiore presenza femminile positiva. Come preannunciato dalla Warner, non mancheranno i crossover con Superman e il suo mondo, citiamo ad esempio l'episodio "Girl's night Out" che vede Batgirl e Supergirl combattere contro Harley Quinn, Poison Ivy e la criminale di Metropolis Livewire.
Questo senza dimenticare i toni più adulti che avevano reso la serie grande.  Grande esempio nell'episodio "Over the Edge" dove il criminale Spaventapasseri ucciderà Batgirl, scatenando l'ira di tutto il commissariato di Gotham (ricordiamo che la ragazza pipistrello è figlia del commissario Gordon) che arriverà anche ad assumere Bane per far fuori l'uomo pipistrello, che si ritroverà circondato da nemici e da vecchi amici che gli hanno ormai voltato le spalle. La storia avrà un finale a sorpresa (capibile dagli appassionati) ma l'esecuzione della trama è un qualcosa di spettacolare.
Ultimo tocco prima di passare all'utimo segmento di Fumetti in Tv, citiamo l'episodio "Beware the Grey Ghost" dove scopriamo che un giovane Bruce Wayne era fan di un vecchio film su un supereroe chiamato appunto Gray Ghost. Quando un criminale inizierà a terrorizzare al città basando i suoi piani su quelli di un nemico nato nel telefilm, Batman cercherà l'aiuto dell'attore che interpretava il suo eroe. L'attore in questione è doppiato da Adam West, il Batman degli anni 60. Quello che quando dava un pugno faceva "Pow" "Bam" e che girava con il Bat repellente per squali nella tasca. Questi sono segnali di stile cari centounisti.
Detto questo, passiamo ad un segmento che ci piace chiamare:
I Cinque migliori episodi di Batman:la serie animata (su 103)
Perchè solo 5 e non dieci? Perchè sì!

5-Two-Face/ Doppia personalità (parte 1 e 2)
Per il nemico di Batman fissato con il due, non poteva non essere presente un doppio episodio. Nel mondo animato Harvey Dent è già stato introdotto, ma è in questo episodio che fa la sua prima comparsa il secondo miglior nemico di Batman, dove vediamo la trasformazione da difensore della legge a criminale. In molte storie del passato si erano fatte allusioni alla possibile schizofrenia del Procuratore distrettuale di Gotham, ma è nella serie animata che queste voci si rivelano vere. Ecco, la grande forza di questo episodio (vincitore di un Emmy) è nel fatto che noi conosciamo Harvey Dent. Harvey Dent è uno dei buoni, un amico di Batman. Ma anche il più grande eroe di Gotham a volte fallisce, e un suo alleato, un suo amico, diventa una delle sue più letali nemesi. Non c'è un lieto fine, tutti perdono, Batman, Due-Facce e anche Gilda, la moglie di Harvey Dent. Una brutalità e un realismo brucianti e toccanti, fanno di Doppia personalità un episodio che merita di essere visto non una, ma due volte.

4-Legends of the Dark Knight/Leggende

Tre ragazzini, Matt, Nick e Carrie, leggono di un misterioso piromane che impazza per Gotham, e ognuno di loro pensa che Batman potrebbe fermarlo. Nick racconta dunque di come suo zio abbia visto Batman, e il cartone cambia stile e musiche, mostrandoci un Batman che sembra uscito dagli anni 50. Poi tocca a Carrie raccontare come lei veda Batman, e il cartone ci porta ad un adattamento di "Batman, il ritorno del cavaliere oscuro" con la battuta "E io sono il chirurgo" inclusa. Per Nick invece Batman non è umano. I tre ragazzi scoprono poi il piromane, e vengono salvati dal Cavaliere oscuro. La storia finisce con i ragazzi che continuano a vedere Batman con occhi diversi, un po' come i veri fan del pipistrello, per cui l'unica costante è una: Batman non è una persona, è un ideale, è giustizia. Nota di colore, i ragazzi incontrano anche un ragazzino di nome Joel che sostiene che la Batmobile cammini sui muri. Joel è un omaggio al regista Joel Shumacher, regista di Batman Forever e Batman e Robin. Un episodio così particolare, da essere leggendario.

3- The Man who killed Batman/L'uomo che uccise Batman
Sid the Squid è un ladro di poco conto che viene assunto da una banda solo per rallentare Batman, ma riesce in una collutazione ad far precipitare il cavaliere oscuro verso morte certa. Sidney viene quindi inseguito dal Joker, per avergli tolto l'occasione di uccidere il suo nemico di sempre. Dove essere sfuggito al clown criminale, Sidney si reca dal boss mafioso Rupert Thorne per farsi proteggere, e scopriamo che Batman aveva solo finto la sua morte per raggiungere il nascondiglio di Thorne, e aveva aiutato Sid contro il Joker. In prigione Sid diventerà famoso come l'uomo che ha quasi ucciso Batman, incastrato Thorne e fregato il Joker, diventando finalmente un pesce grosso. Un episodio che si basa sul creare un aura mitica intorno a Batman, mostrandoci come una figura vestita di nero sia così temuta dalla criminalità di Gotham che praticamente ogni piccolo criminale ha deciso che Batman è così potente, così ubiquo che sia IMPOSSIBILE DA UCCIDERE, dandoci quel senso di meraviglia e di stupore che solo un fumetto può dare. Basato su un idea fantastica (chi non vorrebbe sapere chi ha ucciso Batman e come ha fatto?) e con un protagonista sperduto in mondo più grande di lui, "L'uomo che uccise Batman" è un episodio bello da morire

2- Almost Got'im/L'ho quasi ucciso
Il Pinguino, Poison Ivy,Il Joker, Due Facce e Killer Croc si riuniscono per giocare a poker, e ognuno racconta di un avventura dove è arrivato vicino ad uccidere Batman. Forse uno degli episodi più amati della serie, "L'ho quasi ucciso" ci porta nel mondo dei cattivi di Batman, per molti vero punto di forza della serie del cavaliere oscuro. Ogni personaggio parla con una voce particolare, ha un piano tutto suo e una fortissima personalità che pervade tutto il suo racconto. Un mix di avventura e puro divertimento, che finisce con un colpo di scena scritto ed ideato in modo magistrale. Un episodio che ci porta attraverso lo specchio, dove è Batman il "cattivo". In questo caso "quasi" non va bene. Questo episodio va visto.

1-Heart of Ice/Cuore di Ghiaccio
La rinascita del personaggio di Mister Freeze, trasformato da semplice scienziato pazzo in un anima tormentata, il cui unico scopo è salvare la vita della moglie. Il fatto che siano riuscit a trasfomare un tipo in armatura da fesso in un essere freddo e calcolatore che nasconde il suo dolore in una maschera di ghiaccio dimostra la bravura degli scrittori. Mr Freeze nasconde sotto il suo gelo solo un cuore spezzato. Tutto questo, stravolgendo tutta la sua precedente incarnazione. Ehi, allora magari non è cattiva cambiare le cose ogni tanto no? Se alla fine di questo episodio non vi sarete commossi, avete davvero un cuore congelato

Batman Tas è un grandissima serie. Nel corso degli anni è riuscita a mantenere una qualità costante, ma non senza episodi con molto meno mordente (come dimenticare la volta che Catwoman diventa una donna gatto nel vero senso della parola? O di quella volta che Batman perde la memoria e deve tipo combattere in una miniera? O di quando un gruppo di ragazzini difende un Batman ferito in quella che sembra una ricostruzione di "Mamma ho perso l'areo?").  Il tono, la caratterizzazione dei personaggi ci porta nell'immenso mondo di Batman, che forse è un po' diverso rispetto a quello a fumetti, ma risulta estremamente coinvolgente ed appassionante, dando origine a momenti altissimi, senza mai dimenticare quel minimo di "scioccheria" che possiamo aspettarci dal fumetto. Batman TAS ci mostra un crociato mantellato cupo, oscuro ma anche vulnerabile e umano, cosa che molti scrittori (e fan) di solito dimenticano, e sopratutto in un pacchetto apprezzabile da tutte le età. Un prodotto per bambini intelligente, rispettando il suo target come uno spettatore consapevole, e 22 minuti di puro divertimento e azione per gli adulti. E' facile dire che questa serie sia una pietra miliare dell'animazione fumettistica, in fondo, tutte le esperienze successive derivano da qui.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Battelevisione accesa. Pronti a partire. Let's go!

14 commenti :

  1. questa è la serie con cui sono cresciuto, e al sabato mattina ogni episodio mi terrorizzava a morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dirai, si spiegano tante cose! ;) Comunque hai ragione, le atmosfere di alcuni episodi sono tutt'altro che leggere!

      Elimina
  2. grazie mille sempre istruttivo, ti ho condiviso con intimi amici nerd che apprezzeranno

    RispondiElimina
  3. Beh che dire... grazie mille per questa nuova rubrica a dir poco fantastica! Iniziata con una serie più che grandiosa! E aspetto con ansia che arrivi la mia preferita! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti! Vedremo di coprire il maggior numero di serie animate e di arrivare alla tua misteriosa preferita al più presto!

      Elimina
  4. ricordo con molto affetto l'episodio in cui Bruce Wayne si ritrova in un mondo in cui lui non e'mai stato Batman,scoprendo che era in realta' SPOILER un sogno creato da non mi ricordo chi SPOILER

    e lui grazie a degli indizi ( la parte in cui scopre di trovarsi in casa dei libri impossibili da leggere e' geniale) riesce a capire cosa sta accadendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nemico di cui parli era il cappellaio matto :)

      Elimina
  5. Corre, Corre è batman. BATMANNN!!! Bellerrima lo sapevate che il doppiatore di BATMAN in questa serie è anche il doppiatore di Batman e Lex (il capo dei buoni e dei cattivi) in DC UNIVERSE ONLINE? Che figo iniziare il gioco e sentire la familiare voce di Batman che ti da istruzioni e sapere Subito "CHI" ti sta parlando anche prima di vederlo, è come tornare bambini !! Impagabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Signor Balzarotti ha doppiato davvero un sacco di cose, ma per tutti noi è proprio solo Batman :)

      Elimina
  6. Ho comperato un DVD con "Il meglio di Batman" dove c'è una selezione dei 13 episodi migliori della serie (secondo loro): tra questi, c'era "Cuore di ghiaccio", molto bello, e "Legends of Dark Knights", veramente particolare. Ma anche gli altri erano belli, con una Catwoman che è una perfetta Fujiko Mine, un Nightwing veramente dark e una Batwoman davvero ben realizzata (c'era anche l'episodio della quasi morte di Batwoman, tra l'altro). Mi aveva anche colpito la presenza di personaggi oscuri come Bane, Killer Croc, Ra's Al Ghul...per non parlare di Joker e Harley Quinn!
    Davvero una serie ben fatta, spero di poter ritrovare le altre storie!
    Grazie per la carrellata! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il supporto! Comunque Cuore di ghiaccio è un capolavoro ;)

      Elimina
  7. Questa serie è un capolavoro. Probabilmente la miglior serie animata della storia, per quanto riguarda i supereroi americani. Aveva quel tocco noir che faceva di ogni puntata un piccolo film anni trenta. Meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono proprio d'accordo sul "ogni episodio un film anni 30", ma sicuramente era un gioiellino

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio