Didascalia

Didascalia

martedì 14 maggio 2013

Il Mandarino-Dieci anelli per domarli

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog che ogni volta che entra in una gioielleria fa una figura del cavolo. Storia vera.  Continuiamo il trend del mese delle richieste, cavalcando l'onda del recente film su Iron Man, parlando di uno dei suoi nemici più letali, il Mandarino!
E sì, le battute sui pompelmi sono D-I-V-E-R-T-E-N-T-E-S-S-I-M-E. Quindi non facciamole grazie

Non si conosce il vero nome di questo criminale, ma sappiamo che fece la sua prima apparizione su Tales of Suspense 50 del 1964, testi di Stan Lee e disegni di Don Heck. Nato da un ricco possediente terriero cinese (e discendente di Gengis Khan. Bella forza, lo è tipo un quarto del mondo) e da una nobildonna inglese, l'uomo che diventerà il Mandarino ebbe un educazione molto rigida, Dopo la morte dei suoi genitori, il futuro mandarino studierà sotto la tutela della zia materna per diventare un uomo di grande intelligenza ed esperto combattente a mani nude.
Ma la sua educazione sarà a caro prezzo, nel vero senso della parola. Rimasto senza un soldo, il Mandarino verrà esiliato dal paese e inizierà a vagabondare per il mondo. Di recente, ci è stato rivelato che questa origine era solo un arazzo di bugie, e che in realtà il Mandarino era figlio di una matrona di bordello. Fatto sta che la vita del mandarino sembrava essere a pezzi. Questo, fino a quando non troverà un'astronave aliena, contenete dieci artefatti molto particolari.

L'astronave veniva dal pianeta Maklu-IV, la cui specie dominante è formata da dragoni giganti mutaforma, che nel corso degli anni sono passati per la Terra, dando origine a tutti i draghi delle leggende. Il mandarino studierà per anni la tecnologia Makluana, fino a diventarne un esperto, ma quello che lo affascinerà di più saranno proprio i dieci artefatti che fungevano da "benzina" per la navicella. Dieci oggetti circolari, ognuno dotato di poteri straordinari. Il nostro ruberà gli artefatti, e distruggerà la nave makluana, cosa che gli porterà nel corso degli anni varie ripercussioni, come l'incontro con un altro membro della razza aliena, il drago Fing Fan Foom ( vecchio personaggio Marvel, nel periodo in cui la casa editrice scriveva storie di mostri)
Usando gli artefatti a mò di anelli, il mandarino scoprirà di aver ricevuto un'arsenale di superpoteri, uno diverso per ogni anello. Seppure di base i poteri del mandarino siano stati modificati nel corso degli anni, il set più frequente comprende
Mignoli: Raggio congelante/Raggio di luce nera
Anulari: Raggio disintegratore/Raggio che controlla le mente/genera illusioni
Medi:Raggio elettrico/Controllo dei venti
Indici:Raggio di fuoco/Controllo dell'energia
Pollici:Raggio di luce bianca/Controllo della materia
Il mandarino ha un rapporto quasi simbiotico con i suoi anelli. Possono essere indossati solo da lui, e se separati dalle sue mani sono in grado di teleportarsi di nuovo al loro posto.
Il mandarino è inoltre un abile stratega e scienziato (possiede infatti numerose apparecchiature avanzatissime, basate sulla tecnologia Makluana, come un campo di forza e un teletrasportatore), addestrato in numerose forme di arti marziali. In principio, concentrando il suo "chi", era in grado di ottenere una forza sovrumana, e quindi di spaccare l'armatura di Iron Man a mani nude. In seguito questa sua forza andrà via via scemando, e il mandarino potenzierà i suoi colpi usando il potere degli anelli.
Presa l'identità mascherata del Mandarino, il nostro si darà al divertimento più in voga nel circolo dei malvagi: il controllo del pianeta. Inizierà sabotando un progetto di Tony Stark, alias Iron Man, e beh...il resto è storia.
La strada del Mandarino si incrocerà più volte con quella dell'eroe in armatura, e i due si scontreranno in mille modi diversi, con satelliti mortali, pedine inconsapevoli e anche con robot giganti. Inoltre, il nostro minaccerà anche grandi eroi della Terra, come i Vendicatori e Hulk, e fornirà al criminale Spadaccino una spada potenziata con numerosi gadget.
In seguito il mandarino perderà gli anelli a causa della stirpe degli Inumani, ma li recupererà in poco tempo grazie ad una misteriosa banda di controlla Makluana. Peccato che la banda arriverà anche a scambiare il suo corpo con quello del criminale noto come l'unicorno. E di per se non sarebbe così sconvolgente, se non fosse che l'unicorno stava morendo di una malattia degenerativa (ragazzi, le soap opera allacciano al massimo le scarpe ai fumetti). Il mandarino chiederà aiuto ad un altro criminale cinese, l'Artiglio Dorato. Il nostro riuscirà a trasferire la sua mente negli anelli, e ad usare il corpo di uno dei servitori dell'Artiglio come nuovo recipiente per la sua anima. Dopo aver dunque cambiato corpo, il mandarino si scontrerà di nuovo con Iron Man, durante il periodo in cui nell'armatura giallorossa c'era il pilota James Rhodes
Il mandarino prenderà dunque il controllo di una multinazionale con sede ad Hong Kong, prendendo il nome di Zhang Tong, e arriverà a sfidare Stark anche sul piano aziendale. Il mandarino condizionerà anche la ninja mutante psylocke per essere la sua guardia del corpo, indosserà un'armatura bruttissima e si scontrerà con in Vendicatori nel periodo in cui i criminali avevano deciso di non combattere sempre contro lo stesso eroe, ma di mescolare un po' le carte.
Ma quelli che erano i migliori alleati del mandarino, diventeranno presto suoi mortali nemici. Uno degli anelli infatti era riuscito a controllare il mandarino, rendendolo all'oscuro del piano dello stregone Chen Hsu, che lavorava per i makluani. Dopo aver risvegliato non uno, ma otto dragoni, che rivolevano indietro gli anelli, Chen Hsu guiderà l'attacco contro il criminale cinese. Il nostro userà gli anelli uniti all'armatura del suo nemico giurato per vaporizzare i draghi, ma pagherà un caro prezzo:le sue mani verrano infatti distrutte dall'enorme scoppio d'energia.
Dopo qualche tempo, gli arti ricresceranno, sotto forma di mostruosi artigli verdastri.
Approfittando di una misteriosa fonte d'energia nota come il cuore di Tenebra, il Mandarino costringerà Iron Man e i suoi alleati a combattere in un mondo feudale dove la tecnologia non può operare (approfittando di uno in quei momenti in cui Tony Stark era uno stronzo con i suoi amici, cioè ogni giovedì. Però indossava l'armatura modulare. Non credete alle malelingue gente, l'armatura modulare è LA PIU' BELLA DI TUTTE). Il criminale riuscirà anche a scoprire l'identità di Iron Man (questo prima che fosse di pubblico dominio ovviamente) ma verrà sconfitto e per un breve periodo il suo corpo verrà trasformato in quello dell'inserviente delle industrie Stark di Honk Kong.
Dopo Onslaught, il mandarino morirà durante uno scontro con il suo nemico di sempre, e il suo posto verrà preso dal figlio Temugin. Venuto in contatto con le mani mozzate del padre munite di anelli, il giovane prenderà sulle sue spalle il ruolo di nuovo Mandarino. Temugin è inoltre un esperto di arti marziali come il Mandarino prima maniera, e sarà quindi un avversario potente anche disarmato. In seguito, il figlio d'arte entrerà a far parte del più grande supergruppo di tutti i tempi e oltre, gli Agenti dell Atlas
Ci verrà poi rivelato che il Mandarino non era morto, ma aveva vissuto per anni in una cella senza cibo ne acqua (ne mani se è per questo). Usando la sua maestria nelle arti marziali, il Mandarino fuggirà dalla prigione, si farà costruire delle mani robotiche e si impianterà gli anelli nella spina dorsale. Preso il nome di Tem Borjigin, il mandarino si infiltrerà nel governo statunitense per costruire un plotone potenziato di soldati dal virus Extremis, che dona forza sovrumana e capacità rigeneranti. Il mandarino verrà sconfitto, ma solo dopo essersi iniettato il virus
Il piano successivo del mandarino sarà più a lungo termine. Usando la figlia, Sasha Hammer, il nostro metterà sul mercato degli stati uniti nuove armatura per la difesa dello stato, in modo da distruggere il monopolio di Stark. In più. il Mandarino avrà ottenuto una certa dose di controllo sulla mente dell'uomo di ferro, nel quale avrà piantato diverse suggestioni ipnotiche. Dopo averlo rapito, il criminale userà Stark per costruire dieci robot giganti, che sarebbero diventati recipienti per i suoi anelli. Infatti, gli anelli erano vessillo per dieci anime di altrettanti alieni. Il mandarino è schiavo di queste creature, e pianificava di riportali in vita con stile.
Il piano fallirà, e il criminale verrà ucciso da un altro nemico (ora alleato) di Tony Stark, il giovane Ezekiel Stane, con molta tristezza da parte di Stark.
Il mandarino è anche apparso nel terzo film della saga di Iron Man, interpretato da Sir Ben Kingsley. La direzione presa dal film è molto diversa da quella di carta, ed è risultata molto controversa fra gli appassionati. A noi? A noi è piaciuta.
Il Mandarino soffre di un grave problema. Fa parte della galleria di nemici di un eroe che non è definito da nemici esterni, ma da quelli interni. Ora, non che di Batman ci interessino solo i cattivi, ma è interessante vedere uno specchio dell'eroe nei suoi cattivi. Iron Man è un eroe che ha dovuto affrontare alcolismo, crisi di coscienza, perdita di movimento, la sue stesse idee rivoltarsi contro di lui e molto altro. Il suo fascino sta nell'essere indistruttibile (anzi, invincibile) vestito come un aragosta, e forte come un mollusco senza. I suoi allegri supercriminali sono al massimo un simpatico contorno. Lo stesso vale per il mandarino. Nato come un classico stereotipo razziale, nel corso degli anni si è cercato di creare una mitologia dietro l'uomo con dieci anelli, ma senza troppo successo. Seppur di base l'idea del personaggio sia divertente e anche interessante, il vero mandarino non è uno di quei cattivi che lascia il segno. Sarà pure il più grande nemico di Iron Man, ma è come essere il miglior nemico della Pimpa.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Una volta ho aspettato venti minuti in gioielleria con una testa di cavallo di peluche in mano. VI avevo detto che era una storia vera. Pronti a partire. Let's go!

2 commenti :

  1. a me la saga di stark direttore dello shield è piuaciuta parecchio anche grazie a un villain carismatico come il mandarino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità, non dico che sia la peggio cosa fatta alla Marvel, ma per me carismatico continua ad essere qualcos'altro :)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio