Didascalia

Didascalia

lunedì 6 maggio 2013

Le Sirene di Gotham (Forgotten Run)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, un blog che ha una certa conoscenza dei canti ipnotici. Oggi il mese delle richieste, quel momento dell'anno dove la scaletta del blog è nelle mani di chi legge ci porta in un territorio seminesplorato. Di solito la rubrica Forgotten Run (peraltro rubrica di per sè sporadica, ma chi sta a contare) si occupa di un ciclo di storie legate a serie regolari piuttosto lunghe. Oggi, la centounista Adele ci fa parlare di tutta una serie regolare. Facciamo un salto nel sottobosco di una città simbolo dello stile gotico assieme a tre delle più famose Femme Fatales dei fumetti, Le Sirene di Gotham!
Special guest, il più grande nemico di Batman. E no, non è il pagliaccio vestito da scemo

La serie ha come protagoniste i tre personaggi femminili più famosi di Gotham (escludendo Batgirl) ovverosia Catwoman, Poison Ivy e Harley Quinn. Le storie vennero affidate a Paul Dini, esperto Bat-sceneggiatore già al lavoro per la leggendaria serie animata del cavaliere oscuro (e creatore di Harley Quinn) mentre i disegni furono di Guilliem March.
La nostra storia si apre dopo un periodo molto burrascoso nella vita di Gotham: Batman era deceduto da poco, e il posto di Bruce Wayne era stato preso dal criminale Hush (un medico che per poco è stato scagnozzo dell'Enigmista. E sì, è il modo migliore per descriverlo) che grazie alla chirurgia plastica aveva assunto le fattezze di Bruce Wayne, e aveva pensato bene di rubare il cuore di Catwoman. In senso letterale. E poi la gente dice che Batman è un personaggio "realistico". Ancora debole per l'operazione Catwoman si ritrova perciò non solo all'inizio di una nuova avventura, ma anche alla mercè di un nuovo criminale di serie B noto come Boneblaster
La nostra gattara del cuore verrà però salvata da Poison Ivy, che la condurrà nel suo nuovo covo: la casa di Edward Nigma, l'Enigmista, che Pamela tiene sotto controllo con i suoi poteri. Insieme al duo in verde, nella casa abita anche Harley Quinn, e Catwoman decide di cogliere la palla al balzo e chiedere alle due criminali di unirsi a lei e lavorare in gruppo, per proteggersi le spalle l'una con l'altra. Dopotutto Ivy è ricercata, Catwoman è malata, e Harley rischia di tornare col suo fidanzato psicopatico ogni volta che vede un uomo col naso rosso.
Le due donne accetteranno, ma solo dopo aver drogato Catwoman con l'intento di farle rivelare l'identità segreta dell'uomo pipistrello. Nel frattempo, l'Enigmista si sarà liberato dell'incantesimo di Poison Ivy e si lancerà in un'altra sfida investigativa (all'epoca aveva deciso di rigare dritto) assieme al nuovo Batman. Nel frattempo, Harley Quinn verrà sedotta da Hush, sotto le false spoglie di Bruce Wayne.
Questo manderà ai matti l'ex di Harley, il principe pagliaccio del crimine, meglio noto come il Joker, che si lancerà all'inseguimento dell'ex psichiatra per farla fuori. Dopo aver saltato di gioia per il ritorno del suo "budino", Harley noterà che il Joker sarà misteriosamente ritornato ad usare buffi metodi per compiere i suoi crimini, rispetto alla sua più moderna follia omicida. 
Il pagliaccio si rivelerà un impostore. Sotto la maschera del Joker c'era il vecchio assistente del clown psicopatico, il nano Gaggy, che voleva fare fuori Harley Quinn per aver preso il suo posto nel cuore del suo vecchio capo,e, a dir suo, aveva contribuito a rendere il Joker un folle psicopatico. Le nostre eroina riusciranno a sconfiggere Gaggy, che riuscirà però a sopravvivere giurando vendetta.
Dopo aver passato il natale in modi diversi, le nostre ragazze useranno la fortuna di Hush (rubatagli da Catwoman come vendetta per la storia del cuore) per costruirsi una villa dotata di tutti comfort. Nel frattempo Poison Ivy resterà quasi uccisa da un suo ammiratore, mentre un misterioso killer si è scatenato su Gotham. Il modus operandi di questo nuovo avversario ricalca proprio quello delle Sirene di Gotham, e le ragazze chiederanno aiuto all'Enigmista per rivelare l'identità del misterioso nemico.
Il killer si rivelerà il Dottor Esopo, che usa animali ammaestrati per compiere i suoi crimini, e che voleva prendere possesso del covo delle nostre protagoniste. Il Dottore verrà così sconfitto e spedito dietro le sbarre, ma non prima di aver convinto l'Enigmista a ritornare sulla via del male.
Dopo questa storia animalesca, Paul Dini lascerà la serie, che ne perderà sia dal lato della storia, che diventerà più raffazzonata e forse più concentrata su una protagonista alla volta piuttosto che al gruppo nel suo insieme, sia dal lato della caratterizzazione che diventerà relativamente più pigra e semplice. Assiteremo dunque alla lotta di Catwoman contro sua sorella (mentalmente instabile e posseduta da una misteriosa entità) che prenderà il nome di Sorella Zero, e farà della distruzione di Catwoman, da lei vista come un demone gatto,lo scopo della sua vita
Nel frattempo, Poison Ivy avrà trovato un lavoro presso l'installazione scientifica nota come Laboratori S.T.A.R. , cercando di non essere definita solo dal suo essere una criminale. Dopo aver usato i suoi poteri per influenzare lo staff, la nostra verrà in contatto con un alieno pianta, del quale si innamorerà. L'alieno dunque metterà in moto un piano per distruggere il mondo attraverso un'insieme di spore velenose, ma verrà poi ucciso da Ivy che capirà di essere stata usata.
Dopo questa avventura, i sogni di Catwoman saranno invasi da incubi dove il suo amore per Bruce Wayne portava alla sua morte. In realtà la nostra era manipolata dalla misteriosa Lega degli assassini, società segreta dedita....beh all'omicidio mi sembra palese. Usando i poteri psichici del loro membro noto solo come Senpai, la lega voleva usare i ricordi di Catwoman per poter conoscere l'identità segreta dell'uomo pipistrello. Per farsi aiutare, la Sirene chiederanno consiglio anche alla maga Zatanna
Il piano si rivelerà poi uno stratagemma di Talia Al Ghul, figlia del leader della Lega, e innamorata di Batman, che voleva usare i poteri mistici di Senpai per cancellare il ricordo dell'amore del cavaliere oscuro dalla mente di Catwoman. Quindi hai trasformato una serie con personaggi femminili forti, in una scusa per inserire lo stereotipo della fidanzata gelosa. Chapeau
Le ragazze si ritroveranno quindi deluse dalle loro scelte sentimentali, e Harley deciderà quindi di risolvere i suoi problemi di dipendenza dal Joker nel modo più veloce possibile:uccidendo il suo "budino". Metterà KO le sue alleate e si lancerà all'assalto del manicomio Arkham
Ora, che il manicomio più famoso del cosmo Dc abbia le porte girevoli e la sicurezza di una scatola di cartone sotto la pioggia è fatto risaputo. Tutti i criminali rinchiusi nel manicomio sono usciti nei modi più vari, dal fantasioso al banale. In uno sprazzo di ottima creatività, Harley entra nel manicomio unendo questi due aspetti.
Usando la sua conoscenza dello staff (la nostra aveva lavorato lì, lo ricordiamo per i distratti), Harleen riuscirà a scavalcare una guardia grazie ad un ricordo della sua infanzia, una scienziata col ricordo di un suo amore, scatenare una rivolta facendo rivivere ad un criminale il suo più grande fallimento e a ottenere una pistola dal guardiano Aaron Cash dimostrandogli che il Joker aveva ucciso suo figlio.  Questo è un bellissimo momento per Harley, e dimostra noi lettori un fatto che spesso dimentichiamo: c'è un cervello dietro quei salti e il costume rossonero. E un cervello diabolico e finissimo.
Peccato che quel cervello sia anche bacato, perchè appena la nostra riesce a raggiungere la cella del joker, e puntargli la pistola alla tempia, subito riscocca la scintilla nei confronti del magrolino vestito di viola, e la coppia si scatena all'interno del manicomio
La rivolta verrà però sedata da Catwoman e da Batman, e la psichiatra pazzerella si ritroverà di nuovo dentro Arkham, ma vestita con una bella camicia di forza.
Poison Ivy, che se ne era chiamata fuori, deciderà di uccidere Ivy per il suo tradimento, e farà irruzione nella sua cella, ma all'ultimo momento cambierà idea (fra le due c'è sempre stato un rapporto di amicizia/amore). Le due decideranno allora di unirsi per distruggere Catwoman, da loro vista come vera artefice delle loro sventure
Dopo una battaglia nel centro di Gotham, Catwoman rivelerà che la loro unione non era avvenuta per caso. La gatta aveva usato le sua conoscenza di Batman per tenere d'occhio le due criminali, ed evitare che venissero di nuovo imprigionate ad Arkham. Selina aveva sito del buono nella due, e voleva aiutare. Ivy e Harley lasceranno quindi andare Catwoman, che resterà indietro per evitare che Batman possa mettere le mani sulle sue compagne, dividendo così il gruppo, con ogni membro che deciderà di andare per la sua strada.
Le Sirene di Gotham partiva da un concetto che aveva tutti i numeri per sfondare: una serie con protagoniste tre personaggi femminili d'impatto, con una storia alle spalle, focalizzata sulle loro tre personalità differenti. La Dc ci aveva già provato con le Birds of Prey, e il concetto aveva funzionato a mille. Putroppo le sirene subiranno molti e repentini cambi di scrittori, non tutti in grado di gestire un fumetto di gruppo (che agli occhi di chi scrive è il tipo di fumetto di supereroi più difficile in assoluto) con tre protagoniste dal carattere molto forte. La serie verrà poi cancellata dopo 26 numeri per far spazio al reboot dei nuovi 52. In questi numeri abbiamo avuto momenti relativamente ben costruiti, ma per la maggioranza la serie sembra un occasione sprecata (se qualcuno mi spiega il senso di Sorella Zero gliene sarei grato). Per come è la situazione delle tre protagoniste dei nuovi 52 (La gatta ha una sua serie, Poison Ivy è di nuovo cattiva e Harley è nella Squadra Suicida, che è tipo un fatto peggio della morte o della saga del clone) chi scrive non sa se ci potrà essere un revamp del concetto delle Sirene di Gotham, ma mai dire mai!

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Gaggy. Non me lo sarei mai aspettato. Pronti a partire. Let's go!

4 commenti :

  1. ciao
    seguo il blog da un po' di tempo, ma non ho mai commentato
    ho letto che nei Nuovi 52 "Poison Ivy è di nuovo cattiva"... ma non era redenta e nelle Birds of Prey???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, prima di tutto grazie per il supporto! Secondo, sì beh, redenta è una parola un po' grossa! Comunqe sì, è nelle nuove Birds of prey, ma le sue motivazioni non sono proprio ottimali...

      Elimina
  2. Non so, mi sembra la versione supereroistica di donne frustrate e insoddisfatte, in lotta contro il mondo e anche tra di loro. Pazienza, forse in futuro si farà di meglio.
    Grazie della presentazione! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frustrate e insoddisfatte forse, ma sicuramente molto più tridemensionali di molti altri personaggi femminili di oggi. Dopotutto, abbiamo tutti anche delle sfaccetture negative no? ;)

      Elimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio