Didascalia

Didascalia

domenica 10 marzo 2013

Red Sonja,la diavolessa con la spada

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con Comicsverse 101, il blog a cui piace fare il diavolo a quattro. Facciamo una piccola virata dal genere supereroistico per lanciarci nella cosidetta "Sword & Sorcery" assieme ad un'eroina che sì, indosserà forse un costume non troppo politicaly correct, ma cavoli se dà calci in culo e tira giù i nomi! Red Sonja (dove la J si legge I)

Gli scrittori giustificano il bikini con "L'uomo si distrae vedendo la carne". Vero, però è da zoccoletta lo stesso!

Red Sonja nasce come comprimario nella serie di Conan il Barbaro (ne parleremo), e come il suo corrispettivo maschile, è ispirata ad un personaggio dello scrittore Robert E. Howard (nel libro originale Sonja era un eroina armata di pistole che viveva nel rinascimento). La nostra rossa fu creata dunque per la serie Marvel di Conan il Barbaro, dallo scrittore Roy Thomas e disegnata dal leggendario Barry Windsor-Smith, e nella sua prima apparizione indossava un costume molto più castigato senza poppe al vento. Che sciagura nevvero?
Le avventure di Sonja sono ambientate in un tempo lontano, dopo che la leggendaria Atlantide si era inabissata, ma ancora lontana da quella che noi chiamiamo storia, chiamata l'era Hyboriana. Un tempo dove la spada era insegnante, giudice e carnefice. Un tempo di magia e di leggende, e di tante altre cose che scriverei ma suonerei come la sigla di Xena principessa guerriera. Sonja viveva nelle steppe dell Hyrkania con la sua famiglia. Nel giorno del suo 17esimo compleanno però, un gruppo di barbari non solo ucciderà tutta la sua famiglia, ma arriverà anche a stuprarla. Ferita e disperata, Sonja verrà soccorsa dalla Dea rossa Scatach, che curerà le ferite della ragazza  le donerà poteri sovrannaturali grazie alla sua benedizione.
Grazie alla Dea, Sonja ottiene così grandissime abilità fisiche e ginniche, e una formidabile maestria nel combattimento a mani nude e all'arma bianca. Inoltre possiede una resistenza quasi sovrumana al dolore  e alle condizioni ambientali avverse.
Oltre ai doni divini, Sonja ha alle spalle anche un rigido addestramento giornaliero. Questa combinazione letale fa della nostra eroina un derviscio rotante in battaglia, una vera forza della natura. Purtroppo la nostra perde tutti i suoi poteri se giace con un uomo che non l'ha sconfitta in combattimento( neppure il potente Conan è riuscito nell'impresa). E se vi suona un pelo sessista è perchè lo è. Sonja resta però una delle migliori combattenti della storia, e la sua fama per tutto il mondo è leggendaria. Pochi resistono alla sfida di misurarsi in combattimento con la diavolessa, ma tutti fanno una brutta fine.
Le avventure di Sonja hanno il grosso vantaggio di essere ambientate in un mondo antico e lussureggiante, e questo permette alla nostra di interagire con numerosi elementi del classico fumetto d'avventura: terre inesplorate, tribù malvagie, bestie leggendarie. Un mondo simile al nostro, legato alle nostre stesse leggi scientifiche, ma infuso di magia e mistero.
E seppur sia un mondo nel nostro passato, il mondo di Sonja non è preistorico, ma mantiene alcune convenzioni del Fantasy classico, come Taverne, cavalieri erranti, regni e ducati. E ogni tanto anche qualche ciclope, centauro o un orso polare gigante. Così, tanto per gradire.
Citiamo inoltre che in molte avventure la nostra diavolessa avrà a che fare anche con visitatori di altri mondi e piani temporali. COsa c'è di meglio di vedere il cervello di un alieno trapassato da una spada?
Sonja non ha una vera e propria galleria di nemici, ma si è spesso scontrata con signori della guerra e altri famosi personaggi dell'era Hyboriana. Citiamo ad esempio lo stregone Thulsa Doom, legato al totem del serpente, e apparentemente immortale
Oppure Kulan Gath, negromante che ha legato la sua forza vitale ad un amuleto, ottenendo dunque l'immortalità (noto un certo pattern). Vero signore della magia dell'epoca, Kulan è temuto da tutti, e ha passato la sua eterna esistenza a cercare di conquistare il mondo grazie a numerosi artefatti magici da lui trovati in giro per il mondo e a incantesimi arcani ormai dimenticati. Verrà sconfitto da Conan e Sonja che gli strapperanno via rispettivamente la testa e il cuore.
Quando Sonja non passa il suo tempo a raddrizzare i torti, a punire i malvagi e aiutare i giusti, si guadagna da vivere facendo la cacciatrice di taglie.  Anche se il personaggio nacque come controparte femminile di Conan il Barbaro, gli scrittori che hanno preso in mano la diavolessa con la spada hanno cercato di darle più personalità, rendendolo qualcosa di più che una rossa in bikini (sebbene questa parte del personaggio garantisca ancora una buona parte del suo appeal) ma un personaggio a tutto tondo, sensibile ai crimini compiuti verso le donne, e fiera della sua femminilità. Tutto il discorso del "sesso sì ma solo con chi mi sconfigge" non le impedisce di perdere per un attimo la sua forza di guerriera e mostrare amore o interesse per qualcuno, anzi.La vera forza di Sonja non sta nel suo dono divino, ma nella sua innata e indomita forza di volontà. E poi, beh le botte sono sempre una buona cosa.
Come scritto in precedenza, grande forza nelle storie di Sonja sono gli ambienti sempre diversi e variabili. Di solito chi scrive non è attratto dal genere fantasy, ma non si può non dire che il mondo Hyboriano non sia costruito con certosina precisione, e sebbene le storie di Sonja siano abbastanza leggibili a se stanti, la grandezza e i dettagli dell'ambiente riescono a creare un senso di completezza e di un "qualcosa di più grande esiste là fuori"
Il tempo nelle vicende di Sonja è a dir poco elastico. Siccome la vita di Sonja è finita sa secoli, gli scritttori possono spaziare raccontandoci storie da ogni periodo della vita della diavolessa, ad esempio possiamo leggere del periodo in cui la nostra diventa regina di un piccolo regno e in seguito imperatrice.
Oppure di un altra Red Sonja, reincarnazione dell'originale che ancora non possiede tutta la furia dell'antenata e deve ancora abituarsi al suo ruolo di campionessa della Dea. Lo spirito di Sonja è sostanzialmente indomabile, e sopravvive a tutto, dando alle donne una possibilità: sta a loro scegliere di usare i doni di Sonja per diventare eroine o flagelli per l'umanità.
Durante il periodo in cui Sonja era un personaggio Marvel, la nostra ha incontrato alcuni personaggi della casa delle idee fra cui Wolverine (che la sconfiggerà, arrivando a farla innamorare dell'irsuto canadese) e l'uomo ragno, prendendo possesso del corpo della moglie convivente dell'Uomo Ragno (ti odio fortissimo Joe Quesada) per sconfiggere un rinato Kulan Gath. La popolarità del Team up Ragno/Sonja sarà tale che il duo si incontrerà anche in seguito, sotto l'egida di due case editrici differenti.
Sonja sarà anche protagonista di un film omonimo (in Italia noto però come Yado) del 1985 interpretata da Brigitte Nielsen. Nel film la nostra va alla ricerca di una pietra dai poteri misteriosi che però può essere maneggiata solo dalle donne. Sebbene il film potesse vantare nel cast anche il buon Arnold Schwarzenegger (che interpreta il guerriero Yado, da qui il nome nostrano) il film sarà un flop. E un film con Arnold negli anni 80 che fallisce è una cosa che va contro ogni legge della fisica!
La serie regolare di Red Sonja sa però per subire un cambio di Team Creativo. Verrò infatti scritta non solo da una donna, ma da una donna con i capelli rossi! Parliamo ovviamente di Gail Simone, autrice superstar che ci ha già portato capolavori come Secret Six e Birds o Prey. Noi della redazione stiamo già sellando i cavalli e affilando le spade.

E anche per oggi è tutto. Stay Tuned per nuovi aggiornamenti. Volete davvero che dica Bikini metallico indossato? Pronti a partire. Let's go!

2 commenti :

  1. Oltre all'ambietazione fantasy classica ricordoche vi e' un numero interessante di alieni e anche qualche viaggiatore del tempo, oltre tutti quei grandi antichi

    RispondiElimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio