Didascalia

Didascalia

domenica 13 gennaio 2013

Il Punitore Angelico (Mighty Nineties)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con comicsverse 101, il blog che a volte è meno masochista di quello che sembri. Tutti (o quasi) amano il Punitore. Uno dei personaggi più famosi della Marvel, e non per i suoi film di dubbio gusto, il Puni ha avuto almeno mezzo milione di titoli. Ma uno in particolare aveva un tono particolare...Forse sovrannaturale? Parliamo del momento in cui il Punitore era in missione per conto di Dio!

Però un bel crossover fra il Punitore e i Blues Brothers lo vedrei volentieri



 Ma prima un po' di storia. Il Puni appare per la prima volta su Amazing Spider-Man numero 129, testi di Gerry Conway e disegni di John Romita Sr nel 1974. Il nostro altri non è che Frank Castle (alla nascita Castiglione), veterano del Vietnam, che vede la sua famiglia morirgli davanti durante una sparatoria fra bande. Sconvolto, Frank userà le sue capacità di soldato per iniziare una violenta guerra al crimine. Pistole, coltelli, bombe, corde di violino, tutto diventa un arma nelle mani esperte di Frank, che si farà una reputazione nella comunità supereroistica per i suoi metodi violenti. Il nsotro ha però un rigido codice morale, e non uccide gli innocenti. 

 Nei primi anni 90, il nome da eroe di Frank era Prezzemolo. Con tre serie regolari al suo attivo e un milione di comparsate, nel decennio degli eroi tutti muscoli e pistole, Frank era il posterboy della Marvel. Almeno fino al 1995, quando la Punishermania finì, e Frank si ritrovò orfano di un fumetto, fino al 1998, quando Thomas E. Sniegoski e Christopher Golden (scrittori di horror e in seguito delle avventure a fumetti di Buffy l'ammazzavampiri) decideranno di portare il buon Frank in una nuova ed emozionante direzione. Uccidendolo.
 Frank infatti in un momento di depressione, il punitore si suiciderà, e nel vicolo teatro della sua morte, si inizierà a creare un tempio alla memoria del vigilante. Ma nelle strade, si aggira una misteriosa figura. Non sa perchè sia lì, ma si ricorda di una cosa. Vendetta.
 Il Puni è infatti tornato in vita, solo con un misterioso simbolo sulla fronte, sensi amplificati, fattore rigenerante e la capacità di estrarre armi dal suo giaccone. Armi che gli permettono di uccidere qualcosa che prima non vedeva. Demoni. Ok, e poi si sveglia sudato ed era un incubo vero?
 E invece, il buon Frank scopre che in realtà l'assassinio della sua famiglia era un rito satanico, per poter evocare un demonio con poteri vicini a quelli del Diavolo, Il demonio in questione si chiama Oliver, ed è stata la sua faccia da scheletro ad ispirare l'iconico logo a forma  di teschio del punitore. Occhei...ma se prima non vedeva i demoni, come poteva vederli questi?
 Il merito della "resurrezione" del puni è merito dell'angelo Grigori, angelo custode della famiglia Castle, che il giorno della morte di quest'ultimi era impegnato in altri affari mortali(leggi era andato a donne). Ok, seriamente? Ma dite davvero davvero?
 Credendo di poter espiare il suo peccato, Grigori deciderà che forse dare una seconda chance a Frank non è poi così una cattiva idea, e deciderà di aiutare il puni a combattere Oliver e le orde di demoni. Facendosi anche aiutare da un alleato inaspettato, Daimon Hellstrom, principe dell'inferno redento
 Dopo aver scoperto il covo di Oliver, Grigori si sacrificherà per chiudere il signore dei demoni in una dimensione magica alternativa, ottenendo il perdono di Frank, che continuerà a calcare la Terra nella forma di un Angelo vendicatore, proteggendo gli innocenti dai criminali e dai demoni, ottenendo anche una nuova e simpatica frase tipica. Pregate
 Dopo questa avventura, Frank si unirà ad un perplesso Wolverine per sventare la minaccia di una razza aliena.
 Ora, sinceramente non siamo grandi fan del Punitore. Ci piacciono gli eroi colorati, e l'eroe che non scende allo stesso livello del cattivo, anche a costo di perdere. E questa incarnazione del Puni a noi piace. Ma perchè non è il Punitore.E' un fumetto blando, chiassone e a tratti goliardico, con un atmosfera da action comedy, più simile a quella di un supereroe vero. L'ambientazione sovrannaturale fa perdere del tutto a Frank la sua carica di violenza e di visione del mondo in bianco e nero. Invece che essere un vigilante folle, diventa una copia sbiadita di Buffy l'ammazzavampiri. L'aspetto del cacciatore di Demoni può essere sì affascinante e coinvolgente, ma non con un personaggio che le sue fondamenta in un mondo reale, fatto di criminali veri e di uomini reali. E poi, diciamolo, Un rito satanico per resuscitare il diavolo? Ma fatemi il piacere. Al diavolo di vendono solo i matrimoni (sigh). La vita del Puni angelico sarà assai breve, nella miniserie successiva "Bentornato Frank" di Gath Ennis e Steve Dillon,lo scrittore britannico farà tornare il Punisher sulla Terra come punizione per non aver accettato il paradiso. Pensavano che per lui fosse l'inferno.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti! Fucili angelici impugnati. Pronti a partire. Let's go!

2 commenti :

  1. Ok... l'aspetto di Daimon Hellstrom qui farebbe competizione con David Bowie quando interpretava Jared il re dei goblin dal film Labyrinth (o almeno questo è quello che penso io).

    RispondiElimina

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio