Didascalia

Didascalia

domenica 15 aprile 2012

Miracleman o Marvelman che dir si voglia (Awesome Concepts)

Benvenuti cari centounisti ad un nuovo appuntamento con comicsverse 101, il blog che non fa miracoli, ma ci prova (wow, che umiltà assurda che gira per questo per blog!). Alan Moore. Uno degli scrittori più influenti del panorama del fumetto moderno ha prodotto grandi classici nella narrativa dei nostri uomini in tuta. Watchmen, V per Vendetta, Supreme, Promethea, Tom Strong.... Ma una delle sue opere più riuscite, è un progetto di gioventù. E come tutte le grandi opere di Moore, si basa su un concetto semplicissimo. Tutto quello che conoscete su questo personaggio? Stronzate. Signori e Signore, Miracleman!

Luccicoso!


Negli anni 40 in Inghilterra arrivarono le avventure di Capitan Marvel,( no non questo) ma il giovane tredicenne Billy Batson, che si trasformava un uomo fatto e finito, dotato di Super poteri, urlando la parola magica Shazam. Il personaggio venne poi fatto chiudere dalla Dc Comics in una battaglia legale di cui parleremo in seguito. Fatto sta che il fuemtto non poteva essere pubblicato, e questo significava meno soldi per l'editore inglese. Si decise così di chiedere al cartoonist Mick Anglo di modificare il personaggio, creando un suo doppio, un goccio diverso, quanto basta per evitare le accuse di plagio. Conosciamo così Micky Moran, giovane reporter, che riceve da uno scienziato poteri basati sull'energia Atomica, semplicemente urlando la Parola Kimota (Atomic al contrario, ma con un K, Perchè è ESTREEMOOOOOOOO!). Il nome in principio era Marvelman, ma venne cambiato in Miracleman per altre dispute legali.

Giusto per essere sottili con i rimandi all'atomico.
 Micky incontra poi Dicky Dauntless, ragazzo postino, a cui cede una parte dei suoi superpoteri, rendendolo Young Miracleman
 Al duo si unirà il tredicenne Johnny Bates, che si trasformerà in Kid Miracleman. Entrambi i sidekick si trasformeranno usando la Parola Miracleman! (scomodissima per chiamare l'eroe titolare devo dirlo)

Le prime avventure di Miracleman erano molto ingenue. Difficilmente il nostro si trovava in difficoltà,  anche grazie ai suoi enormi poteri. Visitava però luoghi esotici e straordinari, vivendo avventure al limite dell'onirico.
L'unica vera minaccia per la famiglia dei miracoli, era Young Nastyman, criminale dotato di poteri simili ai loro. Un giovane completamente folle, che però venne sconfitto senza troppi problemi.


Altro grande nemico dei Miracles, era lo scienziato pazzo Emil Gargunza. Ed è qui che entra in gioco Alan Moore. Avventure al limite dell'onirico? Esatto. Tutte le avventure di Miracleman sono state un sogno. Progettato da Gargunza


Mickey Moran è un quarantenne fuori forma e afflitto da Emicranie. E' sposato, ma sente che nella sua vita manca qualcosa, che si è dimenticato qualcosa d'importante. Durante un attacco terroristico legge su uno specchio la parola Atomic, e ricorda la sua parola del potere, facendo rivivere Miracleman


Micky e sua moglie inizieranno così ad avere un rapporto travagliato. In principio, fra l'eroe e l'uomo non ci saranno molte differenze, Miracleman è solo più sveglio di Micky. Ma a poco, Micky comincerà a soffrire di depressione, credendo che sua moglie si sia innamorata del suo corpo quasi divino (datele torto) con la quale concepirà una figlia. Stanco, e frustrato, Micky ritroverà Johnny Bates, Kid miracleman, oggi industriale di successo. Putroppo, lo troverà anche impazzito.

Johnny è rimasto in forma eroica per venti lunghi anni, ed ha sviluppato superpoteri che Miracleman può solo immaginare. E' invincibile, ed è folle. Putroppo, durante il massacro, A Johnny esce di bocca la parola Miracleman. E si ritrasforma in un giovane tredicenne, intrappolato nella sua stessa mente con l'uom più pericoloso della terra.

Micky inizierà così a dare la caccia a Gargunza, che gli racconterà la sua nascita. Gargunza uccise il suo primo uomo e violentò la sua prima donna a 14 anni. Dotato di enorme intelligenza, divenne in principio scienziato del Terzo Reich. Inseguito, lavorerà per il governo britannico al progetto Zarathustra, un progetto per potenziare gli uomini usando una tecnologia aliena. I tre soggetti (Miracleman,Kid Miracleman e Young Miracleman) vennero tenuti in stasi per anni, e bombardati di avventure tratte dei fumetti, di cui Gargunza aveva riso, riso e riso. Stesso fato ebbe Young Nastyman, ma lui venne progettato per essere un criminale. Gargunza cercherà poi di uccidere Micky, lanciadogli contro la sua prima creazione, Miracledog, un enorme mostro potenziato dall'energia atomica.
Miracleman riuscirà a sconfiggere il mostro, e a ucciderà Gargunza tirandolo addosso al pianeta (esatto, avete letto bene). Nel frattempo, vedrà anche la nascita della figlia, e lascerà la moglie, decidendo orami di essere Miracleman a tempo pieno. Putroppo, Johnny Bates lascerà di nuovo libero il suo alter ego malvagio, e il male ritornerà a Londra


Conosceremo poi gli alieni la cui tecnologia permise la trasformazione di Micky, gli Warpsmith, alieni in grado di teleportarsi ovunque nell'universo, e Miraclewoman, ragazza esperimento di Gargunza, creata per soddisfare le sue fantasie sessuali.

Solo grazie a questi alleati Miracleman avrà una possibilità contro Bates, che nel frattempo avrà scatenato il male su Londra, uccidendo 40,000 persone. La lotta sarà durissima, e Kid miracleman sarà sconfitto grazie ad un Warpsmith, che trasporterà all0interno del corpo del ragazzo un enorme massa di detriti. Tornato in forma umana, questa volta Miracleman non avrà pietà del giovane Johnny, e lo ucciderà. Da quel momento in poi, l'umanità capirà che gli dei camminano sulla terra.

Il ciclo di Moore, termina, in completa decostruzione del mito dell eroe, con Miracleman e la sua nuova famiglia che portano il mondo sotto il loro controllo totalitario, creando una distopia.
Miracleman è un fumetto particolare. I disegni sono dettagliattisimi, citiamo ad esempio la sequenza del parto della figlia di Miracleman (dettagliatissima poichè disegnata seguendo foto di parti reali), o disturbanti come la carneficina di Kid Miracleman su Londra. Un fumetto amaro, senza lieto fine. Un fumetto realistico, pur raccontando storie con uomini che si tirano addosso palazzi. Un fumetto da leggere, e sui cui riflettere. Sapete che di solito sono contrario ai fumetti con troppa ansia e sofferenza, ma di solito perchè questi fuemtti non hanno quel tocco di poesia che rende una storia interessante, ma solo noiosa. Non sono i sentimenti, nè le tematiche a rendere Miracleman un fuemettone. E' la poesia, è la struggente nozione che dentro di noi si nascondono gli dei. Ma non siamo ancora pronti ad usarli.

E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Kimota. Pronti a partire, let's go

Nessun commento :

Posta un commento

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio