Didascalia

Didascalia

lunedì 27 febbraio 2012

Nomad, l'uomo senza patria (ma con troppi capelli) (Mighty Nineties)

Benvenuti centounisti a comicsverse 101, il blog che si è preso una pausa per cercarsi un lavoro vero(incrociamo le dita). Torna l'appuntamento con Mighty ninties, la rubrica che vi porta il peggio dei fumetti creati negli anni 90 (a volte anche qualcosa di carino s'intende). Oggi, l'onore tocca a Renegade! Volevo dire Nomad, ex spalla di Capitan America, e ora vigilante capellone
Ma la somiglianza con Renegade è fenomenale bisogna ammetterlo.
 Il nostro, nasce in realtà negli anni 50. Durante quel periodo, l'eroe noto come Capitan America era dato per morto. Un professore di liceo, innamorato del personaggio e dei suoi ideali, decide di ricreare la leggenda, e si cuce così un costume, e inventa una formula del super soldato del tutto uguale a quella che rese il gracile Steve Rogers l'eroe a stelle e strisce. Prende poi come discepolo un giovane studente di nome Jack Monroe, che diventerà il suo fidato assistente....Bucky!

 I due impersoneranno gli eroi per qualche tempo, ma il siero nelle loro vene manca di un ingrediente fondamentale, i misteriosi raggi vita, in grado di stabilizzare la composizione chimica del preparato. I due infatti cominciano a vedere nemici ovunque, e condizionati dal Maccartismo, questo vuol dire che il nemico sono i comunisti.
Il duo verrà poi messo in animazione sospesa dal governo perchè troppo pericolosi.

Il criminale Dottor Faustus troverà i due eroi, e usando il controllo mentale li scatenerà su Capitan America e Falcon, il partner dell'epoca del Capitano. I due uomini fuori del tempo partiranno quindi per strade separate, Capitan America diventerà il Gran Direttore, criminale che segue l'ideologia nazista, mentre Jack Monroe, uomo senza patria si unirà prima all'organizzazione spionistica S.H.I.E.L.D. dove otterrà l'identità di Nomad (identità usata dallo stesso Capitan America in un momento di crisi di fede verso gli ideali dell'America), e in seguito con lo stesso nome diventerà partner del Capitano originale.
Gli anni 70 hanno chiamato, rivogliono la loro scollatura a V.
Ma la partnership non durerà molto, infatti Nomad inizierà prima ad agire in solitario, e in seguito ad un litigio con Cap deciderà di lasciare lo spandex per diventare un vigilante urbano, portando la guerra a realtà in cui Capitan America non può arrivare.
E giusto per dimostrare che è un duro dal cuore tenero, rapirà una bambina da una madre tossicodipendente, per portarla al sicuro. Cioè assieme a lui durante la sua crociata contro il crimine. La bambina prenderà il nome di Bucky.
Portare via una bambina da una famiglia disagiata per portarla in messo ad delle sparatorie....Il siero del supersoldato non aumenta l'intelligenza vero?
Nomad lascia quindi i metodi da supereroe convenzionale, e inizia a comportarsi più come un classico antieroe anni 90, spaccando teste, lamentandosi della società e ogni tanto uccidendo i criminali.
Questo sempre combattendo il siero nelle sue vene. L'effetto del preparato infatti lo lascia ogni tanto con frequenti crisi e traumi mentali, e lo porterà anche a sviluppare una forma di cancro. Non c'è da meravigliarsi che non ci stia tanto con la testa.
Smettila di picchiarti!Smettila di picchiarti.
 Durante il suo revival anni 90, Nomad terrà fede al suo nome, intraprendendo un viaggio intorno ai quattro angoli dell'america, affrontando argomenti come la tossicodipendenza, L'aids e i crimini razziali.
Durante questo viaggio, Nomad e Bucky diventeranno alleati di una rete di persone chiamati gli "undergrounders", con sedi in tutta l'america. Il gruppo, formato da disagiati, ha come obbiettivo quello di aiutarsi tutti a vicenda, cosa che aiuta Jack, soprattutto quando deve ricevere cure mediche o trovare un babysitter fidato per bucky. E' in questo periodo che Jack cambia, e diventa più rilassato e meno autodistruttivo.
Non cambia invece il suo amore per le armi impossibili.
Nomad ha una marcia in più contro il crimine, possiede le qualità fisiche al picco della capacità umana, ed è un abile acrobata e combattente, essendo stato addestrato da Capitan America in persona.
E anche un abile tiratore con armi da fuoco e con degli speciali dischi stordenti. Ma non disdegna anche le armi bianche,

Durante il suo periodo On the road, nomad incontrerà diversi eroi e criminali dell'universo Marvel, Ad esempio Devil e il punitore, che rappresenteranno due diverse visioni di giustizia, (Devil quella da eroe classico, e il punitore quella da antieroe) tra le quali Nomad si porrà in mezzo.


Dopo aver affrontato dozzine di criminali, tra cui la madre di Bucky a cui era stato fatto il lavaggio del cervello, Nomad verrà creduto morto. In realtà era stato rapito dal governo americano per diventare un loro agente, il Flagello dei supercriminali. Usando un armatura basata sulla tecnologia di Hank Pym, Giant Man, il flagello ha a sua disposizione un intero arsenale in pochissimo spazio, arsenale composto da armi di criminali defunti.
Ed ha il costume più bello del mondo.
Dopo essersi liberato dall'ennesimo lavaggio del cervello, Jack Monroe, Ex Flagello, Ex Nomad, Ex Bucky verrà fatto fuori, con somma ironia cosmica, proprio dal primo Bucky, sotto controllo del criminale Teschio Rosso.
Credo che il controllo mentale sia un requisito fondamentale se si vuol trovare lavoro come Bucky.
Questo era Jack Monroe, un tipico Revival anni 90. Abbiamo visto di peggio (devo ricordarvi fate? Brrr) ma sicuramente non aggiunge la sufficienza. Vince però il premio miglior taglio di capelli anni 90. Anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Harley Davidson pronta a partire. Let's go

Nessun commento :

Posta un commento

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio