Didascalia

Didascalia

martedì 10 gennaio 2012

DarkHawk. (Mighty Nineties)

Benvenuti cari centounisti a comicsverse 101, un blog innamorato degli anni 90. Un epoca dove Ghost rider e il punitore combattevano in popolarità con l'Uomo Ragno e Wolverine. Un epoca dove Dinosauri con occhi ipnotici "uccidevano" mutanti. Un epoca dove l'undicesimo capitolo della saga Knightfall lasciava a bocca aperta, e interdetti. Era l'epoca degli eroi scuri. E la Marvel cavalcò l'onda. Ma a volte, ci prendeva in giro. Con l'aspetto da cattivo ma col cuore da eroe presentiamo.. DarkHawk!
Chissà che fascino avevano i falchi negli anni 90....


 Darkhawk appare per la prima volta sul Darkhawk 1 del 1991, scritto da Danny Fingeroth e  disegnato Minke Manley ( quest'ultimo creatore del personaggio assieme a Tom DeFalco). Il nostro è in realtà Chris Powell, figlio diciasettene di un poliziotto, che, andando ad un luna park con i fratelli più piccoli, trova il padre a prendere mazzette dal boss della mafia locale. Beccato dagli scagnozzi del boss, il giovane cerca un arma per difendere i fratelli, ma trova solo uno strano amuleto. Chris non sa che la sua vita sta per cambiare, toccando l'amuleto, il nostro si trasforma in Darkhawk!
Iconico, non vi pare?
 Dopo aver sconfitto gli scagnozzi del boss, il padre di Chris scompare, lasciando la sua famiglia in pericolo. Il giovane Powell deve così barcamenarsi fra la sua vita di normale Teenager e il suo ruolo da supereroe, virando un po' dal tipico eroe anni 90, avendo più un comportamento da eroe "classico" seppur con qualche scatto di violenza gratuita(dopotutto ha solo 17 anni). Chris cerca così di risolvere il mistero della scomparsa del padre, e ha dalla sua un arsenale di poteri niente male. Semplicemente toccando l'amuleto il ragazzo può cambiare forma da umana, a potenziata
 Ha un certo grado di superforza
 la capacità di secernere un arpione retrattile, oltre a dei piccoli robottini che fungono da droni guidati a distanza
 la capacità di generare raggi d'energia
 Artigli retrattili "a là Wolverine" (che volete che vi dica gente, andavano di moda!)
 la capacità di generare campi di forza, tanto forti da resistere ad un bazooka
Gli anni 90. quando ogni teppista di strada aveva un bazooka sottomano! Manco li vendessero in saldo
 Ma soprattutto, le distintive ali. Che no, non gli permettono di volare. Ma di planare. E la cosa era fica all'epoca.
(in futuro poi volerà, ma diciamo pane al pane, anche superman ha iniziato a volare dopo un po')
 in principio, venne creduto che l'amuleto desse a chris il potere si scambiare la sua mente con quella di un corpo androide potenziato, creato da un boss mafioso alieno. L'amuleto verrà spedito sulla terra dal suo costruttore per tenerlo al sicuro. Di questo a Chris importa poco, per lui l'amuleto è solo "un asso nella manica contro i criminali". Darhawk inizia così una crociata di giustizia assieme a molti altri eroi e antieroi, quali il punitore
E se negli anni 90 non incontravi il punitore non eri nessuno!
Combatterà contro Venom, l'arcinemico dell'Uomo Ragno, e arriverà ad avere una certa rivalità col simbionte, sconfiggendolo però facilmente
 Oltre ad avere i classici problemi da adolescente, tra i quali dire ai suoi genitori di essere un supereroe. Mica pizza e fichi! Infatti a discapito del suo aspetto da antieroe, Chris era un tipico ragazzo Marvel, che cercava di fare la cosa giusta, seguendo le orme del padre poliziotto, anche se ogni tanto dubitava della sua scelta (come tutti del resto)
Certo, non dirglielo per proteggerli meglio! Ma i supereroi li leggono i fumetti?
Inizierà anche un rapporto di amicizia con l'uomo ragno, che con Chris avrà un rapporto quasi da fratello maggiore, essendo stato il primo supereroe adolescente (più o meno), anche perchè il primo supercriminale affrontato dal nostro falco sarà un criminale facente parte della galleria dei nemici di Peter Parker, il sinistro Hobgoblin! Quando ancora era un cattivo a noleggio.

Anche per il suo look "spaventoso"! Provateci voi a vestirvi di arancione. Bleah

Anche a Chris non piace molto Hobgoblin
 DarkHawk risolverà poi il mistero della sparizione del padre, ma quest'ultimo morirà per salvargli la vita, il ragazzo deciderà così di diventare un eroe urbano a New York (come se non ce ne fossero abbastanza). Diventerà però anche un ottimo giocatore di squadra, incontrando prima Capitan America e DareDevil
 Ed entrando nella prima formazione dei difensori segreti, un team messo su dal mago supremo della Terra, il Dottor Strange, in quel momento privo di molti poteri, per eseguire varie missioni, reclutava eroi sempre diversi a seconda della missione.
Il tipo coi capelli lunghi e gli occhiali da solo non è Renegade, è Nomad! Ma erano anni dove i personaggi si facevano con lo stampino.
 Oltre ad essere membro del team di eroi adolescenti, i New Warriors
 E grazie ad una raccomandazione della seconda donna ragno, essere entrato nei grossi calibri: La branca della costa Ovest dei Vendicatori. Che si scioglierà dopo poco, ma Darkhawk manterrà lo stato di riservista.
 L'amuleto comincerà però a fare le bizze. Prima costruità una seconda armatura, più potente dell'originale
 Ma separerà l'androide da Chris creando così due diversi Darkhawk, uno il giovane senza  poteri Chris Powell, e l'altro, il robot con tutti i suoi ricordi. I due verrano poi riuniti in unico essere, rendendo la trasformazione molto più semplice. La serie regolare di DarkHawk finirà col numero 50, e finiti i suoi giorni da protagonista, il nostro eroe farà perlopiù delle comparsate in giro.
Strano che non abbia funzionato.
 Sparisce anche la galleria dei nemici personali di Darhawk,tra cui figuravano Savage steel, un poliziotto corrotto in armatura
 Lodestone, una donna con poteri magnetici difficili da controlllare (l'elmo infatti la proteggeva e l'aiutava a focalizzare i suoi poteri)
 E il riluttante criminale noto come Portal, in realtà un nativo americano col potere del teletrasporto, che iniziò a rubare armi dai vari mondi nei quali si teletrasportava, e ottenne anche un armatura da Darkhawk.

Diventerà poi un agente governativo. Insomma resterà un criminale
 E con nemici così, come poteva finire per il nostro Chris Powell? si unì ad un gruppo di auto-aiuto per supereroi adolescenti. In principo noto come Excelsior, cambiò poi il nome in Loners, ed abbe alti e bassi come gruppo

Tornando però alla prima versione del suo costume.

 Recentemente, è stato scoperto che in realtà l'amuleto di Darkhawk stava lentamente controllando la mente di Chris, dandogli falsi ricordi e aumentando a dismisura la sua rabbia. L'amuleto infatti non è l'invenzione di un alieno per un boss mafioso, ma lo strumento di una razza aliena antichissima nota come la fratellanza Raptor, e infatti Chris non è l'unico a possedere un'armatura Darkhawk. L'amuleto lo controllerà mentalmente, e lo trasformerà nel membro della fratellanza noto come Razor, e farà squadra con un altro membro di nome Talon

Riuscendo a vincere il controllo mentale dell'amuleto, e a sconfiggere Talon, partecipando a diverse missioni spaziali con il vecchio compagno di squadra dei New Warriors, Nova. avrà imparato a controllare di più l'armatura Darkhawk, arrivando a creare diverse versioni della stessa
Questa è la versioni "Emòsoncavoliamari"
E' passato da eroe di quartiere a fuorilegge cosmico. Ha vissuto esperienze traumatiche. Ma è sopravissuto. Nato come eroe anni 90, Darkhawk è uno dei pochi supereroi che è riuscito a crescere, senza però perdere troppo del suo carattere anni 90. E anche se la prima serie era acerba, il personaggio è riuscito a tirare avanti.
 E anche per oggi è tutto. Stay tuned per nuovi aggiornamenti. Amuleto carico e pronto a partire. Let's go

Nessun commento :

Posta un commento

I commenti sono sicuramente benvenuti, ma non sono graditi gli spoiler (a meno non siano già negli articoli) o la maleducazione. Cerchiamo di essere degli appassionati di fumetti civili ok? Il commento "anonimo" è probabile finisca nello Spam. Se riuscite ad evitarlo, meglio